Cancro alle ovaie

INDICE


Il cancro alle ovaie è una malattia delle cellule che diventano anormali e si moltiplicano in maniera incontrollata.

Un tumore maligno è un nodulo o la crescita di tessuto costituito da cellule tumorali che continuano a moltiplicarsi.
I tumori maligni invadono i tessuti vicini e gli organi, possono causare gravi danni.

Anatomia di utero e ovaie,tube di falloppio,intestinoNegli ultimi anni sono aumentati molto i casi di tumore e cancro nella popolazione, questo perché lo stile di vita e l’ambiente favoriscono la formazione di neoplasie.

Cos’è che favorisce la formazione del cancro alle ovaie?

  • Lo stile di vita sedentario e il lavoro in ufficio aumentano lo stress,
  • La dieta da fast-food con fritti, carne e dolci confezionati,
  • I farmaci, soprattutto l’abuso di farmaci che è molto frequente,
  • L’inquinamento dell’aria e dell’acqua.

Che cosa sono le ovaie?

Le ovaie sono parte del sistema riproduttivo di una donna. Si trovano nella pelvi. Ogni ovaia ha circa le dimensioni di una mandorla.
Le ovaie producono gli ormoni femminili – estrogeni e progesterone. Inoltre liberano le uova. Un uovo si sposta da un ovario alla tuba di Falloppio nell’utero.
Quando una donna entra in menopausa, le sue ovaie smettono di rilasciare le uova e rendono molto più bassi livelli di ormoni.

Che cos’è il cancro ovarico?

Il cancro inizia nelle cellule, i mattoni che compongono i tessuti. I tessuti costituiscono gli organi del corpo.
Normalmente, le cellule crescono e si dividono perché il corpo ne ha bisogno.
Quando le cellule invecchiano, muoiono e nuove cellule prendono il loro posto.

A volte, qualcosa va storto durante questo processo. Nuove cellule si formano quando l’organismo non ha bisogno di loro, mentre le vecchie cellule non muoiono.
Queste cellule extra possono formare del tessuto chiamato neoplasia o tumore.

Cancro ovarico
Il cancro ovarico può invadere o diffondersi ad altri organi:
Invasione: Un tumore ovarico maligno può crescere e invadere gli organi vicino alle ovaie, come le tube di Falloppio e l’utero.
Spargimento: Le cellule tumorali si possono spargere dal principale tumore ovarico. Lo spargimento nell’addome può portare a nuovi tumori che si formano sulla superficie dei tessuti e degli organi vicini.
Diffusione: Le cellule tumorali si possono diffondere attraverso il sistema linfatico ai linfonodi del bacino, addome e petto. Le cellule tumorali si possono anche diffondere attraverso il flusso sanguigno ad organi come il fegato e polmoni.
Quando il cancro si diffonde dalla sede originaria a un’altra parte del corpo, il nuovo tumore ha lo stesso tipo di cellule anomale e lo stesso nome del tumore originale. Ad esempio, se il cancro ovarico si diffonde al fegato, le cellule tumorali nel fegato, in realtà, sono cellule tumorali ovariche. Per questo motivo, esso viene considerato come cancro ovarico, non come cancro epatico.

Tre principali tipi di tumori ovarici (tumori)

Il cancro ovarico epiteliale è di gran lunga la forma più comune di cancro ovarico. Le cellule germinali e i tumori stromali ovarici sono molto meno comuni. Il cancro ovarico può anche derivare da un cancro che si è diffuso da qualche altra parte del corpo:

  • Cancro ovarico epiteliale (tumori ovarici epiteliali) – derivato da cellule sulla superficie dell’ovaio. Si verifica principalmente negli adulti.
  • Cancro delle cellule germinali dell’ovaio (tumori ovarici delle cellule germinali) – derivato dalle cellule che producono le uova all’interno dell’ovaio. Questo raro tipo di cancro colpisce più di frequente i bambini e gli adolescenti.
  • Il cancro ovarico stromale e dei cordoni sessuali – si sviluppa all’interno delle cellule che tengono insieme le ovaie.


Fattori di rischio per il carcinoma ovarico
Non sappiamo esattamente che cosa provoca il cancro ovarico epiteliale. Tuttavia alcuni fattori possono aumentare il rischio.

 

Fattori di rischio del cancro alle ovaie

Gravidanza
Le donne che non hanno avuto figli hanno più probabilità di sviluppare il cancro ovarico rispetto alle donne che li hanno avuti, anche se la differenza è molto piccola.

Fattori ormonali
Se il menarca (la prima mestruazione) arriva presto o se si ha una menopausa tardiva il rischio di cancro ovarico aumenta leggermente.

La terapia ormonale sostitutiva può aumentare lievemente il rischio.
Quando si interrompe la terapia ormonale sostitutiva, il rischio di cancro ovarico gradualmente torna allo stesso livello delle donne che non l’hanno fatto.

Infertilità
Alcune ricerche hanno dimostrato che la sterilità potrebbe aumentare lievemente il rischio di sviluppare il cancro ovarico.

Fattori di salute
L’endometriosi è una patologia in cui il rivestimento dell’utero cresce all’esterno dell’utero, chi ha questa malattia ha un maggior rischio di cancro ovarico.

Fumo
Un’analisi che combina i risultati di diversi studi individuali ha mostrato un raddoppio del rischio di cancro ovarico per i tumori ovarici mucinosi nei fumatori.
Ma il rischio è tornato normale qualche tempo dopo aver smesso di fumare.
Non c’è nessun cambiamento del rischio di tumori sierosi o endometroidi ma gli attuali fumatori hanno un ridotto rischio di tumori ovarici a cellule chiare.

Peso corporeo e dieta
Essere in sovrappeso può aumentare il rischio di sviluppare il cancro ovarico.
Una dieta ad alto contenuto di grassi animali e povera di verdura e frutta fresca può aumentare il rischio di cancro ovarico.

Essere infertili o aver fatto il trattamento per la  fertilità
Alcuni studi precedenti hanno mostrato un collegamento tra l’assunzione di farmaci per la fertilità e un aumentato rischio di cancro ovarico.
Tuttavia, le ricerche più recenti non supportano questa teoria.
È più probabile che l’infertilità aumenta il rischio di cancro ovarico, ma non è la conseguenza del trattamento della fertilità.
La ricerca scientifica sta cercando di chiarire questo dubbio.

L’utilizzo di un dispositivo contraccettivo intra uterino: lo IUD
Uno studio di ricerca ha dimostrato che le donne che utilizzano questo tipo di spirale anticoncezionale hanno un maggior rischio di cancro ovarico, ma il rischio è ancora piccolo, quindi servono ulteriori studi.

Fattori genetici per il cancro alle ovaie

Cancro alle ovaie
Cancro alle ovaie

Circa il 5-10% dei tumori ovarici sono causati da un gene difettoso ereditato in famiglia.
Le donne con il cancro al seno hanno un maggior rischio di cancro ovarico.
Questo si verifica perché il seno e il cancro ovarico possono essere causati dagli stessi geni difettosi.

Fattori di protezione contro il carcinoma ovarico
Il rischio di cancro ovarico può diminuire con:

  • La pillola contraccettiva
  • Facendo dei figli
  • L’allattamento al seno
  • Un intervento di isterectomia o la legatura delle tube
  • Gli estrogeni vegetali detti anche fito estrogeni si trovano in alcuni alimenti: soia, legumi (fagioli, lenticchie e piselli), diverse piante, tè, caffè e cereali. Alcuni studi hanno dimostrato che i fito estrogeni possono ridurre il rischio di cancro ovarico.

Quali sono i sintomi del cancro ovarico?

In molti casi, i sintomi non si sviluppano per molto tempo dopo la nascita del cancro.
I sintomi si possono notare solo quando il tumore canceroso è diventato abbastanza grande.
Quando il tumore cresce, i primi sintomi sono uno o più dei seguenti:

  • Dolore costante alle ovaie o una sensazione di pressione nel basso addome (zona pelvica).
  • Gonfiore addominale che non va via. Ci può essere anche un effettivo aumento delle dimensioni dell’addome.
  • Difficoltà a mangiare e sensazione di sazietà che inizia rapidamente.

Altri sintomi che si possono sviluppare sono:

  • Perdita di appetito,
  • Perdita di peso inspiegabile,
  • Dolore nel basso addome durante i rapporti sessuali.
  • Urinazione frequente (dato che la vescica è irritata dal tumore vicino).
  • Disturbi intestinali come stipsi o diarrea.
  • Un marcato rigonfiamento dell’addome. Questo è causato dall’ascite, cioè una raccolta di liquido nell’addome.

Tutti i sintomi scritti sopra possono essere causati da diverse altre malattie.
Inoltre, quando iniziano i sintomi sono spesso vaghi per un po’, come un leggero fastidio nella parte inferiore dell’addome. Questi sintomi possono essere considerati come la causa di altre malattie. Le possibilità di cancro ovarico non possono essere considerate per qualche tempo fino a quando i sintomi peggiorano.
In particolare, una malattia che viene spesso scambiata per il carcinoma ovarico è la sindrome dell’intestino irritabile. Ma, non è raro che la sindrome dell’intestino irritabile si sviluppi nelle donne sopra i 50 anni di età. In genere inizia in età più giovanile, ma può persistere in tarda età.
Così, chi non ha avuto i sintomi della sindrome dell’intestino irritabile in passato, ma lo sviluppa dopo i 50 anni, il cancro ovarico dovrebbe essere escluso dai test prima di fare una diagnosi di malattia intestinale.
Se il cancro si diffonde ad altre parti del corpo, si possono sviluppare diversi altri sintomi.

 

Come si fa la diagnosi del cancro ovarico?

Se un sintomo suggerisce il cancro ovarico, il medico deve scoprire se è causato dal cancro o da qualche altra causa.
Il medico può chiedere notizie sulla storia medica personale e familiare.

Si può fare uno o più dei seguenti test.

Esame fisico
Il medico controlla i segni della malattia, poi procede con la palpazione dell’addome per controllare i tumori o un accumulo anormale di liquido (ascite).
Un campione di fluido può essere prelevato per cercare le cellule tumorali ovariche.

Esame pelvico
Il medico palpa le ovaie e gli organi vicini per capire se ci sono dei grumi o altre alterazioni nella forma o dimensione.
Un Pap test fa parte di un normale esame pelvico, ma non è utilizzato per raccogliere le cellule ovariche.
Il Pap test rileva il cancro cervicale. Il Pap test non è utilizzato per diagnosticare il cancro ovarico.

Pap test,collo dell'utero

 

Esami del sangue
il medico può ordinare gli esami del sangue. Il laboratorio deve verificare il livello di diverse proteine, tra cui il CA-125. Il CA-125 è un marker tumorale, vale a dire una sostanza che in caso di neoplasia aumenta notevolmente la sua concentrazione nel sangue e nell’urina.

Il CA-125 si trova sulla superficie delle cellule con carcinoma ovarico e su alcuni tessuti normali.
Un alto livello di CA-125 può essere un segno di cancro o di altre malattie.
La prova del CA-125 non è utilizzata solo per diagnosticare il cancro ovarico. Questo test è approvato dalla Food and Drug Administration per il controllo della risposta di una donna al trattamento del cancro ovarico e per rilevare il suo ritorno dopo il trattamento.

Ecografia
Il dispositivo ad ultrasuoni utilizza le onde sonore con una frequenza che la gente non può sentire.

Il dispositivo invia le onde sonore agli organi all’interno del bacino. Le onde rimbalzano sugli organi. Un computer crea un’immagine dell’eco delle onde sonore.
Per una migliore visualizzazione delle ovaie, il dispositivo può essere inserito nella vagina (ecografia transvaginale).

Biopsia
La biopsia è la rimozione di tessuto o di liquido per cercare le cellule tumorali.
Sulla base dei risultati delle analisi del sangue e dell’ecografia, il medico può suggerire l’operazione chirurgica (una laparotomia) per rimuovere i tessuti e i fluidi dal bacino e dall’addome.
La chirurgia di solito è necessaria per diagnosticare il cancro ovarico.

Anche se la maggior parte delle donne effettuano una laparotomia per la diagnosi, alcune donne effettuano una procedura nota come laparoscopia.
Il medico inserisce un tubo sottile con una telecamera (laparoscopio) attraverso una piccola incisione nell’addome. La laparoscopia può essere utilizzata per rimuovere una cisti benigna piccola o un cancro ovarico precoce.
Può anche essere usato per sapere se il cancro si è diffuso.

Il medico patologo utilizza un microscopio per ricercare le cellule tumorali nel tessuto o nel fluido. Se si trovano le cellule del carcinoma ovarico, il patologo descrive il grado delle cellule. Le classi 1, 2 e 3 descrivono l’anomalia delle cellule tumorali.
Le cellule tumorali di grado 1 non hanno probabilità di crescere e diffondersi come le cellule di grado 3.