Tinea corporis o Tigna

INDICE


La Tinea corporis (o tinea glabrosa, o tigna) è un’infezione superficiale causata da alcuni funghi detti dermatofiti.

Questa micosi è caratterizzata da lesioni cutanee rotonde di colore rosa-rosso sulla pelle.
Le zone colpite possono essere su tutta la cute tranne:

  • Il cuoio capelluto,
  • Inguine,
  • Palmi delle mani,
  • Pianta dei piedi.

Nello specifico, la tinea corporis indica le infezioni che interessano:

  • Il tronco,
  • Le gambe,
  • Le braccia.

La dermatofitosi può avere diverse caratteristiche cliniche in base al sito anatomico e ai microrganismi coinvolti.

Clinicamente, le malattie della famiglia della tigna comprendono:

  • Tinea capitis  (tigna del cuoio capelluto),
  • Tigna favosa (favus causati dall’infezione da Trichophyton schoenleinii),
  • Tinea corporis (tigna della cute glabra),
  • Tinea imbricata (tigna derivanti dall’infezione da Trichophyton concentricum),
  • Tinea cruris – inguinalis (tigna dell’inguine),
  • Tinea unguium o onicomicosi (tigna dell’unghia),
  • Tinea pedis (tricofitosi dei piedi o piede d’atleta),
  • Tinea barbae (tigna della barba),
  • Tinea manuum -manus (tigna della mano).

Ci sono diverse specie di dermatofiti nel mondo che possono causare la tinea corporis.
L’infezione spesso proviene dai piedi (tinea pedis) o dalle unghie (tinea unguium). Microsporum canis origina da gatti e cani.

 

Come si manifesta la tinea corporis?

La tinea corporis può essere:

  • Acuta (insorgenza improvvisa e diffusione rapida),
  • Cronica (estensione lenta di un’eruzione cutanea mite e leggermente infiammata).

Di solito colpisce le aree esposte ma si può diffondere anche da altri siti infetti.

La Tinea corporis acuta si presenta con macchie:

  • Rosse,
  • Infiammate,
  • Pruriginose.

Inoltre può provocare la formazione di pustole.

La macchia rossa ha i bordi squamosi ed è di forma rotonda oppure ovale.
Spesso la pelle è sana all’interno della placca.
A volte si forma un anello nuovo all’interno di un anello più vecchio.

Spesso la causa è l’infezione di un fungo degli animali (zoofilo) come il Microsporum canis.

La Tinea corporis cronica tende a colpire le pieghe del corpo (diffusione della tinea cruris).
Se la malattia si diffonde è più difficile da trattare e le recidive sono più probabili.
Probabilmente, questo è dovuto:

  • Alla diminuzione della resistenza naturale della pelle ai funghi.
  • Alla presenza del fungo nell’ambiente domestico.

 

Segni e sintomi della tinea

I sintomi, la storia clinica e i viaggi internazionali recenti sono indizi rilevanti per capire se una persona ha la tinea corporis.
I pazienti infetti possono avere sintomi variabili:

  • Alcuni possono essere asintomatici.
  • Una macchia anulare che causa prurito è caratteristica di un’infezione sintomatica;
  • I pazienti occasionalmente possono avvertire una sensazione di bruciore sulla pelle;
  • Tra i sintomi c’è anche la perdita di capelli;
  • Le persone immunocompromesse possono sviluppare più facilmente infezioni della pelle come la tigna.

Alcune varianti cliniche sono descritte con sintomi diversi.
1. Granuloma di Majocchi, tipicamente causato da T. rubrum, è un’infezione fungina nei follicoli piliferi e nel derma circostante, che si verifica insieme a una reazione granulomatosa.
i piliferi e nel derma circostante, che si verifica insieme a una reazione granulomatosa.
Questa malattia è caratterizzata da:

  • Una placca dai bordi irregolari,
  • Pelle arrossata,
  • Papule e pustole.

Il granuloma di Majocchi si verifica spesso nelle gambe.
I fattori di rischio sono:

  • Rasatura,
  • Uso di cortisonici topici,
  • Immunodepressione.

2. La tinea corporis gladiatorum è un’infezione del dermatofita trasmesso per contatto pelle a pelle, molto comune tra i lottatori.

3. La tinea imbricata è una forma di tinea corporis che si trova principalmente nel sud-est asiatico, America centrale e Sud America. È causata dal Trichophyton concentricum.
Il segno più evidente è la formazione di lesioni cutanee rotonde e in rilievo.

4. La tinea incognito è una variante della tinea corporis che si manifesta in modo diverso a causa del trattamento con cortisonici (farmaci a base di cortisone).
La tigna incognito a differenza della tigna corporis si manifesta con:

  • Margini poco in rilievo,
  • Pustole,
  • Maggiore estensione,
  • Maggiore irritazione.

5. La Tinea nigra è una dermatomicosi superficiale rara causata dal fungo Phaeoannellomyces werneckii e si presenta con delle macule iperpigmentate, solitamente si verifica sui palmi delle mani

6. La pitiriasi amiantacea è una malattia in cui c’è una desquamazione eccessiva dello scalpo. Le squame spesse di colore argenteo o giallastro circondano i follicoli dei capelli e possono unire i ciuffi di capelli. Le squame possono assomigliare all’amianto, da qui il termine amiantacea.

7. La tinea faciei è una malattia che provoca delle macchie sul viso, ciglia e sopracciglia.

 

Segni della tigna corporis

La tinea corporis si può manifestare in modi diversi.
In genere, la lesione inizia come una placca eritematosa e squamosa che può peggiorare e crescere rapidamente.
A seguito della risoluzione centrale, la lesione può assumere una forma anulare.
Come risultato dell’infiammazione, sul bordo della lesione si possono sviluppare delle:

  • Squame,
  • Croste,
  • Papule,
  • Vescicole e bolle.

Raramente, la tinea corporis può provocare delle macule purpuriche (simili a quelle causate dalla porpora).
Attualmente (2017) sono stati riportati solo 3 casi di tinea corporis purpurica derivanti dall’auto-inoculazione del Trichophyton violaceum.

Le infezioni dovute a dermatofiti zoofili o geofili possono produrre una risposta infiammatoria più intensa rispetto a quella causata dai microbi antropofilici.

 

Cause della tinea

I funghi sono germi che possono vivere per esempio sul tessuto morto di:

  • Capelli,
  • Unghie,
  • Strati della pelle esterna.

La tinea corporis

  • È causata da funghi simili alla muffa chiamati dermatofiti.
  • È frequente nei bambini, ma si può verificare nelle persone di tutte le età.

La tinea corporis può essere causata dal contatto con:

  • Oggetti inanimati contaminati:
    1. Abbigliamento,
    2. Pettini,
    3. Superfici della piscina,
    4. Pavimenti e pareti della doccia.
  • Animali domestici, i gatti sono vettori frequenti,
  • Esseri umani infetti.

La causa può essere l’esposizione:

  • Professionale (ad esempio in una fattoria, zoo, laboratorio veterinario, ecc),
  • Ambientale (ad esempio, giardinaggio, contatto con animali),
  • Ricreativa (ad esempio, sport di contatto, contatto con attrezzature e strutture sportive).

I funghi stanno bene in zone calde e umide.
Un’infezione da tinea è più probabile se:

  • La pelle rimane bagnata per molto tempo (per esempio in caso di sudorazione),
  • La pelle è sottile e ci sono lesioni cutanee per i graffi delle unghie,
  • L’ambiente è caldo e umido,
  • Rimanere a stretto contatto con altre persone (ad esempio durante alcuni sport come il wrestling).

La tinea corporis si può diffondere facilmente.
La tigna si può diffondere anche dagli animali domestici, i gatti sono vettori frequenti.

 

Tinea corporis,tigna,macchia,rossa,anulareDiagnosi della tigna

  • Se il medico sospetta la tigna, esamina la pelle e può fare alcuni esami per escludere altre malattie della pelle non causate da funghi.
  • Solitamente un esame della pelle è sufficiente per la diagnosi.
  • Il medico può grattare la pelle nella zona colpita e analizzare delle squame al microscopio per cercare i funghi.
  • Un campione può essere inviato a un laboratorio per la conferma. In laboratorio si può eseguire un test delle culture per vedere se il fungo cresce.

 

Diagnosi differenziale

Malattie non-fungine simili alla tinea corporis:

 

Terapia per la tinea e rimedi casalinghi

Il medico raccomanda al paziente di:

  • Mantenere la pelle pulita e asciutta.
  • Utilizzare delle creme che trattano le infezioni da fungo. Ad esempio una crema contenente
    • miconazolo,
    • clotrimazolo (Canesten)
    • ketoconazolo.

Alcune di queste creme si possono acquistare senza prescrizione oppure il medico può fare una prescrizione.

Per utilizzare questo farmaco
1. Lavare e asciugare la zona.
2. Applicare la pomata, cominciando appena fuori dall’area dell’eruzione cutanea e avanzando verso il centro. Assicurarsi di lavare e asciugare le mani in seguito.
3. Utilizzare la crema due volte al giorno per 7-10 giorni.
4. Bendare la zona colpita dalla tigna.

Raramente, potrebbe essere necessaria una medicina che si prende per bocca se l’infezione è molto grave.
Un bambino con la tricofitosi può tornare a scuola dopo aver iniziato il trattamento.

 

Rimedi naturali per la tinea corporis o Tigna

Per la tigna dei piedi si possono usare diversi rimedi naturali, tra cui:

1. Olio Tea tree

  • Applicare poche gocce di tea tree oil sulle lesioni con un cotton-fioc,
  • Ripetere due volte al giorno.

2. Gel di aloe vera

  • Applicare il gel di aloe sulla pelle per ridurre il prurito,
  • Ripetere più volte al giorno.

3. Aglio

  • Tagliare in due uno spicchio di aglio,
  • Strofinare una metà sulla pelle,
  • Ripetere tre volte al giorno.

 

Tinea corporis o Tigna
Tinea corporis o Tigna

Altri tipi di Tinea

Tinea versicolor
Il fungo  Malassezia (conosciuto anche come Pityrosporum ovale) è un tipo di lievito che si trova sulla superficie della pelle.
Normalmente non provoca problemi di salute.
Tuttavia, a volte questo lievito:

  • Comincia a crescere in modo incontrollato,
  • Interessa la pigmentazione (colore naturale) della pelle.

Quando questo accade, si possono sviluppare delle macchie di pelle più chiara o più scura.
Questa malattia è detta tinea versicolor o pitiriasi versicolor.

Segni e sintomi della Tinea Versicolor
L’effetto sbiancante del lievito provoca la formazione di zone della pelle con un colore diverso (depigmentazione).
Queste possono essere macchie o puntini singoli.
Le macchie che possono essere:

Possono essere più chiare o più scure rispetto alla pelle normale.
Le macchie non si abbronzano come il resto della pelle.
Le macchie si possono verificare dovunque sul corpo ma sono più frequenti su:

  • Collo,
  • Petto,
  • Schiena,
  • Braccia.

Tinea unguium e onicomicosi
La Tinea unguium è spesso dovuta al fungo Trichophyton rubrum.
Questa non dev’essere confusa con altre cause di onicomicosi, per esempio:
1. Specie di Candida albicans, che spesso causano Paronichia (infiammazione della parte prossimale dell’unghia).
2. Muffe, tra cui:

  • Scopulariopsis brevicaulis,
  • Fusarium spp.,
  • Aspergillus spp.,
  • Alternaria.

Si può presentare sotto forma di modelli diversi:
1. Onicomicosi laterale. Una striscia opaca bianca o gialla appare su un lato dell’unghia.
2. Ipercheratosi subungueale. La crescita eccessiva di cellule si verifica sotto l’unghia. La conseguenza è il sollevamento dell’unghia.
3. Onicolisi distale. L’estremità dell’unghia si solleva. Il bordo libero spesso si sgretola.
4. Onicomicosi superficiale bianca.
Sulla parte superiore dell’unghia si formano delle macchie bianche infossate.
5. Onicomicosi prossimale. Si sviluppano delle macchie gialle nella lunula (base dell’unghia).
6. Completa distruzione dell’unghia.

 

Tinea capitis

Dermatofitosi
Dermatofitosi

La Tinea capitis è causata da funghi della specie Trichophyton (tinea tricofitica) e Microsporum (tinea microsporica). Tinea capitis è l’infezione pediatrica da dermatofita più frequente in tutto il mondo.

La tinea capitis è una malattia causata da un’infezione fungina superficiale della pelle:

  • Del cuoio capelluto,
  • Delle sopracciglia,
  • Delle ciglia.

Le parti più colpite sono i follicoli piliferi.

La tinea capitis causa:

  • Chiazze rotonde senza capelli sulla testa,
  • Desquamazione secca,
  • Capelli che si spezzano quando sono corti,
  • Alopecia.

La malattia è considerata una forma di micosi superficiale o dermatofitosi.
Si utilizzano diversi sinonimi, tra cui la tigna dello scalpo.

La tinea capitis si vede raramente negli adulti.
Tinea capitis da M. canis  è dovuta al contatto con un cane o gatto.
Altri funghi zoofili talvolta causano la tinea capitis tra cui:

1. Trichophyton tonsurans
2. Microsporum andouinii
3. Microsporum canis.

Quest’infezione si tramette da una persona ad un’altra.
Spesso non provoca nessun sintomo e si trova negli adulti.

 

Che cosa è la Tinea cruris?

La tinea cruris è un’infezione micotica dell’inguine.
La pelle è ospite di numerosi tipi di funghi chiamati dermatofiti.
Di solito, le persone non sanno di avere questi funghi.
Se le condizioni sono giuste (calore e umidità), i funghi si moltiplicano rapidamente.
A questo punto si manifesterà la tinea cruris.

  • Intenso prurito,
  • Bruciore nell’inguine.

Questa malattia è più frequente negli uomini e nei ragazzi adolescenti.

La tinea cruris è indicata anche come tigna dell’inguine, ma non colpisce lo scroto.
In genere la tinea cruris non è considerata grave.
Con una cura precoce si minimizzano i sintomi e si evita la diffusione dell’infezione.


Alimentazione e dieta contro la tinea

Una sana alimentazione è un metodo efficace per combattere i funghi perché evita l’accumulo di tossine che sono il nutrimento di questi microrganismi.
Chi soffre di questa malattia sa che spesso i farmaci non funzionano e l’infezione rimane per tanti anni.
Il motivo è che il corpo può essere un terreno ricco di nutrimento per i funghi.

CI sono 3 tipi diversi di fungo:

  • Parassiti,
  • Saprofiti,
  • Simbionti.

I primi 2 tipi si nutrono di organismi morti o malati, mentre i simbionti vivono in simbiosi con l’organismo ospite, quindi si aiutano a vicenda.

Il fungo si può accumulare in una persona che mangia:

  • Prodotti trasformati e conservati (dolci, salumi, ecc.),
  • Alimenti fritti,
  • Cibo del fast food,
  • Cibi e bevande fermentate (per esempio la birra),
  • Latte e latticini
  • Alcolici, caffè e altre bevande stimolanti.

Le combinazioni alimentari sono fondamentali, spesso le persone mangiano degli alimenti molto diversi nello stesso pasto, in particolare carboidrati e proteine (riso e fagioli, pane con la carne, ecc.).
Questo provoca un rallentamento della digestione, quindi:

  • Putrefazione intestinale,
  • Fermentazione nell’apparato digerente.

La conseguenza è un accumulo di tossine che entra nella circolazione sanguigna e nutre i funghi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

AlphaOmega Captcha Classica  –  Enter Security Code