Punti neri o comedoni

INDICE

I punti neri (o comedoni aperti) sono simili a piccoli brufoli o eruzioni cutanee che compaiono sulla pelle a causa dell’ostruzione dei follicoli dei peli.

Queste lesioni cutanee sono chiamate “punti neri” perché la superficie si presenta scura o nera.

I comedoni aperti sono un tipo di acne che si forma sul viso, soprattutto su:

  • Naso,
  • Orecchie
  • Mento,
  • Fronte.

I comedoni possono comparire anche su:

  • Schiena,
  • Petto,
  • Gambe,
  • Inguine,
  • Collo,
  • Braccia,
  • Spalle.

I punti neri che si trovano sulla schiena possono essere molto grandi.

In genere, i comedoni sono causati dalla sovrapproduzione di sebo che si verifica al raggiungimento della pubertà.
I picchi nella produzione di ormoni possono provocare livelli elevati di diidrotestosterone (DHT), cioè un ormone che innesca l’iperattività delle ghiandole sebacee, con conseguente ostruzione dei pori.

 

Cause dei punti neri

Igiene della pelle e punti neri, un mito.
Molte persone credono che se la pelle non è perfettamente pulita possono apparire i punti neri.
I lavaggi più frequenti non fanno molta differenza per l’acne e potrebbero peggiorare i sintomi sulla pelle se si utilizzano detergenti non adatti.
In alcuni casi, i punti neri possono emergere in caso di uso eccessivo di:

  • Saponi aggressivi
  • Creme idratanti,
  • Schermi solari,
  • Trucco o fondotinta.

Questi prodotti irritano la pelle e causano rossore e gonfiore.

Alimentazione
Secondo i medici, il cibo non provoca l’acne.
Alcuni studi hanno cercato un collegamento tra alcuni latticini e acne, ma non ci sono prove scientifiche.

Tuttavia, in base alla teoria della dieta del gruppo sanguigno, tra le cause ci sono:

  • Latte e latticini,
  • Dolci,
  • Cereali con il glutine.

Stress
Lo stress non influisce direttamente sulla formazione dei punti neri.
Tuttavia, lo stress e l’ansia possono indurre le persone a grattare i punti neri e l’acne, così si può irritare la pelle.

 

Sintomi dei punti neri sul viso e sulla schiena

I punti neri sono facili da individuare sulla pelle a causa del colore scuro.
Sono leggermente in rilievo, ma non provocano dolore perché non sono infiammati come i brufoli.

 

È giusto schiacciare i punti neri?

Si, lo schiacciamento è l’unico modo per togliere immediatamente i punti neri e quando quel poro si riempie di nuovo sarà più morbido e più facile da trattare.
Tuttavia, non bisogna schiacciare ogni comedone che si vede.
Alcuni sono troppo piccoli e parzialmente coperti, quindi lo schiacciamento può danneggiare la cute circostante.
Iniziare solo sui pori più aperti e più scuri.

 

Come si eliminano i punti neri?

  • Detergere la pelle con un detergente delicato.
  • Il vapore aiuta ad aprire i pori e ad ammorbidire il tappo.
  • Si può fare una doccia bollente o è possibile mettere un panno caldo sulla zona per pochi minuti.
  • Con i due indici, spingere delicatamente verso l’interno e stringere avvicinando le dita.
  • Se un comedone è pronto ad uscire, succede abbastanza facilmente.
  • A volte si può spremere rapidamente e poi pulire con un fazzoletto.
  • Ricorda: se non esce facilmente, lasciar perdere.
    Se si insiste troppo è possibile causare dei danni alla pelle.
  • Dopo aver schiacciato il punto nero pulire la zona con acqua e sapone.

 


Come schiacciare i punti neri sul naso

Il naso merita una sezione a parte perché può essere una zona difficile. In caso di problemi con i punti neri sul naso bisogna:

1. Utilizzare il pollice di una mano come sostegno sul lato opposto del naso;
2. Posizionare il dito indice della stessa mano su un lato del punto nero;
3. Utilizzare l’altro dito per schiacciare spingendo verso il basso contro il pollice.

Spesso un estrattore di punti neri è lo strumento più facile per toglierli dal naso.

 

Terapia per i punti neri

Medicine da banco
Molti farmaci per l’acne sono disponibili in farmacia senza prescrizione medica. Questi farmaci sono disponibili sotto forma di crema, gel e cerotto da applicare direttamente sulla pelle.
Queste medicine uccidono i batteri, asciugano l’olio in eccesso e costringono la pelle a eliminare le cellule morte.

I farmaci contengono ingredienti come

Cerotti anti-punti neri
I cerotti più utilizzati sono quelli della Nivea (Clear-Up Strip Zona T) e della Essence (Purifying Face Strips).

  • Prima di applicare i cerotti bisogna bagnare (inumidire) la pelle,
  • Applicare il cerotto sulla zona e lasciare in posa
  • Quando il cerotto inizia ad asciugarsi (dopo dieci minuti) bisogna togliere il cerotto molto lentamente e i punti neri dovrebbero sparire.
  • Se si tira troppo forte non si rimuovono i punti neri.

Evitare di spalmare della colla sulla pelle che può causare irritazione, per esempio il vinavil.

Farmaci con prescrizione
Se le medicine da banco non migliorano l’acne, il medico può suggerire dei farmaci con prescrizione più forti.
Ci sono dei farmaci che contengono vitamina A, come:

  • Tretinoina,
  • Tazarotene (Zorac ®),
  • Adapalene (Differin ®)

Questi farmaci prevengono la formazione dei punti neri e favoriscono l’esfoliazione della pelle.
Questi farmaci sono applicati direttamente alla pelle.
Il medico può anche prescrivere un altro tipo di farmaco topico che contiene perossido di benzoile e gli antibiotici.
Questo tipo di farmaco può essere particolarmente utile in caso di brufoli o acne cistica oltre ai punti neri.

Evitare alcuni prodotti
Ci sono certi prodotti per la pelle che possono ostruire i follicoli piliferi e favorire la formazione dei punti neri (prodotti comedogeni), per esempio:

  • Burro cacao
  • Vaselina
  • Paraffina
  • Mineral oil
  • Lanolina
  • Cere.

È sufficiente non spalmare questi prodotti per risolvere il problema.

 

Rimozione manuale dei punti neri

Per la rimozione manuale dei punti neri, il professionista a cui rivolgersi è il dermatologo o l’estetista.

1. Dermatologo
I dermatologi sono medici specializzati nella cura della pelle, usano uno speciale strumento chiamato estrattore per togliere i punti neri.
L’estrattore è un anello rotondo.
Dopo una piccola apertura fatta nel punto nero, il medico applica la pressione con l’estrattore per rimuovere il materiale interno.

2. Estetista
Anche l’estetista realizza la pulizia del viso e spremitura dei punti neri.

  • In genere, si applica del vapore sul viso o una maschera calda per circa quindici minuti prima di schiacciare manualmente i punti neri.
  • Il tipo di trattamento e la frequenza dipendono dal tipo di pelle.
    Di solito, su pelli miste il trattamento si ripete tre volte all’anno.
    Per una pelle particolarmente grassa può essere necessario ripetere la pulizia ogni due mesi.
    La pulizia del viso su pelli sensibili potrebbe invece peggiorare la situazione.
  • Per prolungare l’effetto della pulizia e prevenire le formazione di nuovi punti neri, l’estetista consiglia cure e trattamenti da fare a casa con prodotti specifici a seconda del tipo di pelle.

Microdermoabrasione
Durante la microdermoabrasione, i medici usano uno strumento speciale che contiene una superficie ruvida per levigare gli strati superiori della pelle.
La levigatura della pelle rimuove le sostanze che causano i punti neri.

Punti neri o comedoni
Punti neri o comedoni

Peeling chimico
I peeling chimici rimuovono i comedoni e le cellule morte della pelle che provocano i punti neri.
Durante il trattamento, si applica una soluzione chimica forte sulla pelleche può essere a base di:

  • Acido salicilico,
  • Acido glicolico.

Con il trattamento, gli strati superficiali della pelle si staccano portando in superficie una pelle più liscia.
Il peeling delicato è disponibile senza prescrizione, mentre quelli più forti sono eseguiti dai dermatologi.

Laser e luce pulsata
La terapia laser e la luce pulsata utilizzano piccoli fasci di luce per ridurre la produzione di sebo e uccidere i batteri.
Entrambe le terapie raggiungono gli strati profondi della pelle per curare l’acne e i punti neri senza danneggiare gli strati cutanei superiori.

 

7 rimedi naturali per i comedoni

1) Zolfo
Un’eccessiva secrezione di sebo, i pori ostruiti e la crescita dei batteri provocano l’acne.
Lo zolfo combatte le ultime due cause con le sue proprietà:

  • Antibatteriche,
  • Cheratolitiche (ostacola la formazione di aderenze sulla pelle).

La proprietà cheratolitica permette di esfoliare lo strato superficiale della pelle quindi evita che le cellule morte intasino i pori causando disturbi come:

Così, favorisce la crescita di nuove cellule cutanee.

Lo zolfo è un trattamento efficace per:

Attenzione! Si raccomanda soprattutto di effettuare un trattamento localizzato così non provoca la pelle secca.
É meglio evitare lo zolfo su pelli miste, può irritare le zone che non sono grasse.
Lo zolfo agisce in superficie, quindi non è efficace per le infezioni profonde.
Come applicare lo zolfo?
Ci sono diversi prodotti a base di zolfo:

  • Detergenti,
  • Creme,
  • Saponi,
  • Maschere.

2. Fare un impacco di miele
Il miele dovrebbe essere molto appiccicoso per essere un aiuto contro i punti neri.

  • È sufficiente versare una piccola quantità di miele sulle dita e accarezzare le zone sul viso in cui ci sono i punti neri.
  • Applicare poi una garza pulita.
  • Il miele si incolla al materiale di scarto contenuto nei pori.
    Quando il miele si rimuove dal viso, vuota i pori dai residui solidi.
    Il miele è un delicato antibatterico e antiossidante,
  • Lasciare agire il miele almeno 3 minuti e poi rimuovere la garza.
  • Sciacquare il viso con l’acqua.

3. Usare gli albumi per togliere la sporcizia
Questo è uno dei miei rimedi preferiti per eliminare i punti neri.

  • Prima bisogna pulire il viso, poi si deve spargere l’albume dell’uovo con le dita o un pennello.
  • Iniziare spalmando uno strato sottile e lasciarlo asciugare per un minuto.
  • Poi stendere un secondo strato sopra e lasciare così finché si asciuga completamente.
  • Aspettare per 15 minuti così la maschera diventa secca.
    Si sente il viso che tira, è una cosa positiva.
  • Successivamente, con una salvietta calda e umida, rimuovere delicatamente l’albume dalla faccia.

4. Utilizzare una maschera di argilla per assorbire il sebo
Tutto ciò che serve è acqua e argilla (ed eventualmente l’aceto di mele o il tea tree oil).
Che tipo di argilla si usa? Ci sono diversi tipi a prezzi bassi:

  • Bentonite (argilla verde), applicare solo sul punto nero e non sulla pelle sana perché secca la cute,
  • Caolino (argilla bianca),
  • Terra da follone (argilla smectica).

I principi fondamentali sono:

  • Aggiungere 1 cucchiaio di argilla ad 1 cucchiaio di aceto di mele o acqua
  • Mescolare fino ad ottenere una pasta senza grumi.
  • Pulire il viso e poi spalmare sulle zone in cui ci sono i punti neri.
  • Asciugare per 15-20 minuti.
  • Pulire delicatamente la maschera con una salvietta calda e umida.

5. Acqua e bicarbonato
Si può fare anche una maschera con acqua e bicarbonato per esfoliare la pelle.

  • Aggiungere 4 cucchiai di bicarbonato a mezza tazza di acqua.
  • La quantità di acqua e bicarbonato dev’essere la stessa.
  • Mescolare fino a formare una pasta da applicare sul viso.
  • Lasciare sulla faccia per 15 minuti e infine sciacquare.

 

6. Per i punti neri recidivi, spazzolino pulito e limone
Usare uno spazzolino dedicato solo per la pulizia dei comedoni. Non usare mai lo spazzolino da denti.
Dopo il trattamento, inzuppare lo spazzolino in un bicchiere di acqua ossigenata per mantenerlo pulito.
Come si fa la pulizia:

  • Versare una piccola quantità di succo di limone sullo spazzolino insieme a una o due gocce di olio per la pelle grassa come jojoba o cocco.
  • Grattare molto delicatamente le aree con i punti neri utilizzando lo spazzolino.
  • Successivamente sciacquare con l’acqua e riapplicare con olio e limone.
  • Effettuare dei movimenti circolari.
  • Non si può ripetere più di una volta a settimana.
  • Non grattare intorno agli occhi o sulle ferite aperte.

7. Come eliminare i punti neri con il dentifricio
Si possono ridurre le dimensioni dei comedoni con il dentifricio perché ha le seguenti proprietà:

  • Antibatterico,
  • Detergente,
  • Capace di assorbire il sebo.

Istruzioni:

  • Pulire la pelle con un detergente delicato per il viso,
  • Applicare una “goccia” di dentifricio direttamente sul punto nero cercando di evitare la pelle circostante.
    Utilizzare un tovagliolo per un’applicazione più accurata.
  • Aspettare che il dentifricio diventi secco, poi massaggiare delicatamente.
  • La prima volta che si effettua questo trattamento bisogna rimuovere la pasta con acqua tiepida dopo 20-30 minuti al massimo, dato che si potrebbe irritare la pelle.
    Se questo rimedio non ha provocato rossore, si può lasciare la pasta sulla pelle per un paio d’ore o anche tutta la notte (se la pelle non è delicata).
    Articoli utili correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

AlphaOmega Captcha Classica  –  Enter Security Code