Pelle rossa o rossore

INDICE

La pelle rossa (o rossore) può essere imbarazzante, ma ci sono diversi modi per combatterla.
Uno dei migliori è recarsi da un dermatologo che può aiutare a determinare la causa dell’arrossamento della pelle.

 


Cause di pelle rossa o rossore

Per iniziare, considerare le cause più comuni:

1. Cambiamenti climatici. L’arrossamento della pelle si può verificare sia d’inverno sia d’estate.
In inverno le cause del rossore sono:

  • Il freddo,
  • Gli sbalzi di temperatura (freddo-caldo).

Quando la temperatura esterna cala e il riscaldamento negli ambienti chiusi è molto forte, si può avvertire un alterazione della cute dovuta alla scarsa umidità.
Durante l’inverno, le persone con la pelle secca  soffrono maggiormente perché è più irritabile.

In estate, la pelle può arrossarsi per diversi motivi tra cui:

2. Allergie. Diverse sostanze contenute nei profumi, conservanti, ecc., possono causare reazioni allergiche della pelle.
Le allergie alimentari si possono manifestare come:

Quando si sospetta un’allergia, bisogna visitare il dermatologo per il patch test, così si determinano gli ingredienti e le sostanza irritanti che bisogna evitare.

3. Rosacea. i sintomi dell’acne rosacea sono:

  • Macchie rosse sul viso,
  • Bruciore,
  • Vasi sanguigni del viso prominenti,
  • Formazione di pustole, in particolare sul naso,
  • L’ingrossamento delle ghiandole sebacee (che appaiono come protuberanze giallastre).

Altre cause meno frequenti:

  1. Gravidanza, di solito, una donna incinta ha la pelle più secca e tendente al rosso a causa dello squilibrio ormonale;
  2. Micosi, colpisce in particolare la pelle tra le dita dei piedi e la zona intima, può provocare anche:
  3. Melanoma, il tumore della pelle può causare il rossore della cute intorno al neo;
  4. Rasatura e ceretta, la depilazione e la ceretta irritano la pelle e possono causare pelle rossa e piccoli brufoli. Questa eruzione cutanea è temporanea e in 24 ore dovrebbe passare;
  5. Punture di insetto, in particolare le zanzare, vespe e api possono causare la pelle rossa e gonfia.
  6. Radioterapia, la pelle si può arrossare nell’area colpita.
  7. Vampate di calore, una reazione che colpisce molte donne in menopausa.

 


Cosa fare per il rossore?

1. Rafforzare la barriera cutanea.
Se si verificano frequenti arrossamenti ed irritazioni, si può lottare contro l’infiammazione rafforzando le difese naturali della pelle.
Applicare ingredienti topici come:

  • Ceramidi,
  • Colesterolo,
  • Glicerina,
  • Acido stearico,
  • Acido Ialuronico.

2. Scegliere con cura i prodotti per la pelle.
Tra gli integratori e i farmaci per la cute rossa ci sono:
· Niacinamide
· Licochalcone A
· Sulfur
· Sulfacetamide
· Acido salicilico

Ma quando si tratta di rossore, bisogna evitare i prodotti fastidiosi:

· Perossido di Benzoile – è una sostanza efficace contro l’acne, ma ma può causare effetti secondari come:

  • Arrossamento cutaneo,
  • Bruciore,
  • Prurito.

· Alfaidrossiacidi (AHA), come acido lattico e acido glicolico, possono essere troppo aggressivi per la pelle arrossata e molto sensibile.
· Prodotti alla menta – l’olio alla menta piperita, olio di cannella e mentolo sono cause frequenti di rossore e irritazione per le pelli sensibili.
· La vitamina C in forma topica può causare l’arrossamento. Consumare questo ottimo antiossidante solo per via orale.
· Creme con idrocortisone o altri steroidi: questi prodotti possono avere causare effetti collaterali come la dermatite allergica da contatto che provoca:

  • Eruzioni cutanea,
  • Prutito,
  • Bruciore.

. Evitare prodotti abrasivi: i prodotti esfolianti ruvidi per la pulizia della pelle sono troppo aggressivi per la pelle sensibile e peggiorano il ciclo di infiammazione.

Notare che in caso di rosacea è importante evitare tutti i fattori che peggiorano il rossore tra cui:

  • Fumo,
  • Caffeina,
  • Cibi molto caldi o piccanti.

3. Scegliere le cure professionali: i trattamenti di bellezza della pelle possono irritare ulteriormente la pelle sensibile, in particolare per chi soffre di rosacea, per esempio:

  • La pulizia del viso,
  • La microdermoabrasione,
  • La cera calda,
  • Sauna,
  • Bagno turco.

Determinate procedure dermatologiche possono essere molto efficaci nel trattamento della pelle rossa cronica.
I trattamenti vascolari (scleroterapia) possono eliminare il problema dei capillari rotti rapidamente.

 


Rimedi casalinghi per la pelle rossa o rossore

La pelle rossa o le macchie rosse sulla pelle si possono verificare anche a causa dell’infiammazione dovuta alla pelle troppo secca, irritata da un allergene o con l’acne.

È possibile trattare la pelle rossa con:

  • Miele
  • Cetriolo
  • Bustine di tè o di camomilla (fermentati)
  • Aloe vera

Cetriolo
Le fette di cetriolo devono essere applicate direttamente su eventuali macchie rosse per:

  • Raffreddare,
  • Lenire,
  • Ridurre il rossore.

Si può fare anche una semplice maschera frullando un cetriolo e una tazza di farina d’avena.

Aloe vera
Un altro rimedio naturale per la pelle rossa è una maschera di Aloe vera.
Mescolare dello yogurt con il gel dell’aloe per il viso per creare una pasta densa.
Applicare la miscela alla pelle per 20 minuti, poi risciacquare con acqua tiepida.

Miele
Il miele ha proprietà antinfiammatorie naturali, si può provare ad applicare una maschera di miele sulla pelle.
Innanzitutto sciacquare la pelle con acqua tiepida, poi applicare il miele sulla cute arrossata e lasciarlo riposare per circa 10 minuti prima di toglierlo.
Se la pelle è rossa perché è estremamente secca, provare a fare una maschera con la polpa di avocado per idratare.
Non si può utilizzare il miele se la pelle rossa è causata da una scottatura o un ustione.

Farina d’avena
La farina d’avena è un altro antinfiammatorio naturale.
Un bagno di farina d’avena non è solo idratante per la pelle secca, ma può anche ridurre l’infiammazione che provoca la pelle rossa.

 

 

Rimedi naturali per le scottature

Aloe vera e aceto
Se la pelle è rossa per colpa di una scottatura, può essere utile una miscela con gel di aloe vera, aceto bianco e aceto di mele.
Tra gli altri rimedi della nonna ci sono le seguenti opzioni naturali per lenire la pelle bruciata:

  • Patata (cruda a fette)
  • Olio di lavanda
  • Thè freddo (camomilla è particolarmente calmante)
  • Fette di cetriolo.

Olio di cocco
Un ottimo prodotto è l’olio di cocco che può ridurre la pelle rossa causata dall’esposizione al sole con le sue proprietà antiossidanti e antibatteriche.
L’olio di cocco vergine è la migliore sostanza per le scottature.
Sebbene l’esatto meccanismo di azione è sconosciuto, è stato utilizzato spesso nella medicina ayurvedica.

Si pensa che l’olio di cocco sia assorbito dal tessuto connettivo delle cellule cutanee e protegge dagli effetti dannosi dei raggi ultravioletti.
Tuttavia, non può essere usato come sostituto per la protezione solare.

 

Pelle rossa nel neonato

La pelle di un neonato è soggetta alle eruzioni cutanee di ogni tipo. Fortunatamente, la maggior parte delle irritazioni della pelle sono innocue e passano da sole.

Eruzioni cutanee frequenti nei neonati

Acne neonatale
I brufoli rosa “o acne neonatale” sono causati dall’esposizione agli ormoni materni quando il neonato era nell’utero.
Non serve una terapia perché passano con il tempo.
L’acne neonatale può durare per settimane o addirittura mesi sulla pelle del bambino.

L’eritema tossico nel neonato è un’altra eruzione frequente nel neonato.
Le chiazze rosse e leggermente sollevate con bordi mal definiti possono avere un piccolo punto bianco o giallo al centro.
La causa è sconosciuta, ma non è una malattia.
L’eritema tossico si risolve senza una terapia dopo alcuni giorni o settimane.

Dermatite seborroica o crosta lattea
La pelle secca e desquamata sulla testa si può vedere in quasi tutti i bambini sani.
La pelle sottostante è perfettamente:

  • Normale,
  • Morbida,
  • Umida.

Si manifesta verso la seconda settimana di vita e in genere passa dopo i tre mesi.

Milia
I puntini bianchi ai lati del naso e sul viso (milia) sono causati da ghiandole sebacee bloccate.
Quando le ghiandole sebacee del bambino si allargano e si aprono in pochi giorni o settimane, i puntini bianchi scompaiono.

Angioma neonatale
L’angioma del neonato (chiamato anche “morso di cicogna” sulla nuca o nel contorno occhi) è un semplice ispessimento dei vasi sanguigni che passa da solo dopo poche settimane o mesi.

 

Pelle rossa o rossore
Pelle rossa o rossore

Pelle rossa dopo una crosta

  • La pelle è una parte elastica del corpo. Un taglio della pelle inizia a guarire immediatamente formando un coagulo di sangue per evitare di perdere una quantità eccessiva di sangue.
  • Un coagulo di sangue si forma quando le piastrine del sangue rilasciano alcune proteine.
    Queste proteine formano una “rete” che intrappola le cellule del sangue all’interno.
    Durante questa fase, i vasi sanguigni si sono ristretti per ridurre il flusso sanguigno e per facilitare la coagulazione.

Poche ore dopo
Entro poche ore dopo la ferita iniziale, le cellule della pelle iniziano a dividersi e a riempire il vuoto lasciato dal taglio, formando una crosta.
Nei tagli più profondi, si possono mettere i punti per aiutare questo processo, tenendo la pelle unita durante il processo di coagulazione.

Poche settimane più tardi
Dopo una o due settimane, la crosta cade rivelando la nuova pelle fresca. La pelle sotto la crosta è rossa e forma un avvallamento nella pelle.
La pelle si riforma presto perché si rigenerano le fibre di collagene.
Il tempo necessario per guarire completamente dopo la caduta della crosta è variabile da persona a persona.
I fattori che influiscono sulla durata della pelle arrossata sono:

  1. La quantità di piastrine nel corpo;
  2. L’assunzione di medicine come il coumadin che è un anitcoagulante del sangue;
  3. Chi soffre di certe malattie come il diabete;
  4. Il punto in cui avviene, in certi punti meno vascolarizzati ci vuole più tempo, per esempio all’esterno del gluteo (dove si sente l’osso)  o davanti alla tibia.

Generalmente in 2/3 settimane si guarisce completamente, ma è possibile che la pelle rossa dopo la caduta della crosta scompaia del tutto dopo oltre 1 anno.

 

Perché la pelle dei tatuaggi non torna come prima?

I tattoo professionali sono creati forando la pelle per iniettare le gocce d’inchiostro nel derma.
L’epidermide cambia costantemente con la rigenerazione delle cellule.
Dato che l’inchiostro entra nel derma e non solo nell’epidermide, il disegno creato dall’inchiostro è permanente e mantiene la sua forma.

 

Pelle rossa e secca

La pelle rossa e secca si vede frequentemente sul viso dove la pelle è più sottile ed è esposta al sole e alle sostanze irritanti, in particolare:

  • Intorno al naso,
  • Sul mento,
  • Sugli zigomi.

La cute secca del viso diventa più facilmente screpolata, ruvida e desquamata.

Cause della pelle del viso secca
Tra le cause che provocano la riduzione degli oli naturali della cute ci sono:

  • L’uso eccessivo di acqua e sapone,
  • Temperature fredde,
  • L’esposizione a sostanze chimiche aggressive,
  • Diverse malattie dermatologiche, come l’eczema e la dermatite da contatto,
  • Lavarsi il viso eccessivamente rimuove gli oli naturali dalla pelle, rendendola secca e rugosa.

Rimedi per la pelle secca e rossa
Il modo migliore per trattare la pelle secca è quello di identificare la causa.

  • L’uso di acqua troppo calda per la doccia secca la cute, quindi è meglio evitare un eccesso di docce ed utilizzare acqua tiepida per lavarsi.
  • Applicare una crema idratante cremosa per combattere la pelle secca e squamosa.
    Le creme idratanti che contengono ingredienti come le ceramidi, il burro di karitè, jojoba e niacinamide sono la soluzione migliore.

Dieta e alimentazione per il rossore

In base all’igienismo (uno stile di vita sano e naturale), il rossore è causata dall’accumulo di tossine nel sangue.
Il corpo può espellere il materiale di scarto della digestione attraverso:

  • Urine,
  • Feci (la diarrea permette di portare velocemente il materiale di scarto all’esterno),
  • Vie respiratorie (con la tosse e il muco o catarro),
  • Bocca (con il vomito),
  • Pelle (con la formazione di brufoli, psoriasi, ecc.).

Alcune persone possono accumulare le tossine a livello della pelle, la conseguenza può essere il rossore.
Per prevenire questi segni cutanei gli igienisti consigliano di mangiare cibi di origine vegetale e possibilmente crudi:

  • Frutta succosa e con guscio,
  • Verdura,
  • I cereali devono essere germogliati perché la germinazione permette di eliminare i fitati (anti-nutrienti),
  • I legumi devono stare in ammollo un giorno intero,
  • Patate bollite.
    Articoli utili correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

AlphaOmega Captcha Classica  –  Enter Security Code