Peli incarniti

INDICE

I peli incarniti compaiono quando i follicoli piliferi sono ostruiti da cellule morte di pelle.
Questo costringe i peli all’interno a crescere lateralmente, questo si verifica più facilmente se i peli sono ricci, spessi o appena rasati.

A volte, il pelo esce dalla pelle, ma si piega e rientra in un punto differente (a lato).
Talvolta, la pelle morta può intasare un follicolo pilifero.
Ciò costringe il pelo all’interno a crescere lateralmente sotto la pelle, invece che verso l’alto e verso l’esterno.
I peli incarniti non costituiscono un problema grave, ma possono essere sgradevoli e fastidiosi.


 

Che aspetto ha un pelo incarnito?

Un pelo incarnito irrita la pelle e causa l’apparizione di una piccola bollicina rossa che assomiglia ad un brufolo.
A volte, invece, può formare una bolla dolorosa che assomiglia ad una vescica.
I peli incarniti si possono formare ovunque, ma negli uomini spesso compaiono dopo la rasatura, come un gruppo di bollicine su mento, guance o collo.
Nelle donne, i peli incarniti si presentano spesso sulle gambe, nella zona pubica o sotto le ascelle. È possibile vedere questi brufolini anche intorno ai glutei.


 

Cause dei peli incarniti

I peli incarniti si sviluppano soprattutto nelle zone che si radono: la zona della barba e i testicoli per gli uomini; gambe, addome, ascelle e zona pubica per le donne, raramente si formano sul seno, ombelico o sulle braccia.
Dopo la rasatura, i peli che ricrescono hanno un estremità più tagliente e riescono facilmente a rientrare nella pelle.
La ceretta è più adatta perché previene i peli incarniti, mentre la rasatura con il Silk Epil provoca più facilmente questo problema.
Quando si osservano possono sembrare brufoli, ma a volte si può intravedere il pelo nascosto sotto la pelle.
Le bollicine possono essere piene di pus.


 

Sintomi dei peli incarniti

Nei maschi, i peli incarniti compaiono più spesso nella zona della barba, compresi il mento e le guance e, soprattutto, il collo. Possono comparire sul cuoio capelluto nei maschi che si radono i capelli.
Nelle femmine, le zone più frequenti in cui si formano sono le ascelle, la zona pubica, le cosce e le gambe. Tra i sintomi troviamo:


 

Complicazioni dei peli incarniti

I peli incarniti cronici possono provocare:

E se ci sono molte bollicine piene di pus?
I follicoli piliferi dei peli incarniti si possono infettare, infiammare e riempire di pus, causando la follicolite (anche se il pus non denota necessariamente un’infezione).
I casi lievi di follicolite spesso si risolvono senza una cura.
Può essere necessario evitare la rasatura per alcuni giorni e aspettare che migliori.
In alternativa, si può tamponare un antisettico delicato come il tea tree oil sulla zona interessata.

Cisti da peli incarniti
Cisti pilonidale,gluteo,sacroLa ciste da pelo incarnito è conosciuta in termini medici come cisti pilonidale e può essere molto fastidiosa.
Si vede una piccola ciste solitaria che contiene fluido, ma non è necessariamente infetta. Sembra una piccola macchia o un puntino rosso sotto pelle. A volte, si può scorgere la punta del pelo sotto la pelle.
In altri casi, l’area può essere infetta e piena di pus. Tale condizione è conosciuta come ascesso pilonidale. Nelle situazioni più gravi, l’infezione si può diffondere creando più di un ascesso. Questo può causare anche un foro nella pelle.


 

Diagnosi dei peli incarniti

Il medico a cui rivolgersi è il dermatologo.
Ci sono molte malattie della pelle che possono essere facilmente scambiate per peli incarniti, tra cui:

  • Cheratosi pilare: una malattia frequente e innocua, dove la pelle diventa ruvida e irregolare, come coperta da pelle d’oca permanente
  • Acne
  • Una ciste o un ascesso
  • Eczema
  • Impetigine, un’infezione della pelle altamente contagiosa che colpisce soprattutto i bambini
  • Infiammazione (sudamina)
  • Psoriasi pustolosa
  • Mollusco contagioso, un’infezione virale altamente contagiosa che colpisce la pelle.


 

10 rimedi naturali per i peli incarniti

Direzione della rasatura
Bisogna radersi nella direzione di crescita del pelo. I peli della barba crescono verso il basso sulle guance, verso l’esterno sul mento, verso il basso sotto la mandibola e verso l’alto lungo la parte bassa del collo, sotto il pomo d’Adamo.

Non rasarsi per uno o due giorni
Se le lame del rasoio sono infette, saranno più dannose per la pelle. Si può lenire l’infiammazione evitando di rasarsi per alcuni giorni e risciacquando le zone colpite con un sapone antibatterico.

Rasarsi più spesso
Rasarsi più frequentemente, ma con un tocco più leggero, può aiutare a prevenire la comparsa di peli incarniti. Questo vale soprattutto per i ragazzi ai quali la barba è appena spuntata.

Rimuovere i peli incarniti nelle gambe
Prima di radersi, munirsi di uno spillo o di pinzette e sollevare con attenzione eventuali peli incarniti. Non andare in profondità o insistere nell’estrarli.
Si potrebbe danneggiare ulteriormente la pelle e aumentare il rischio di infezione.
Tra i rimedi della nonna c’è la rimozione con un ago sterile e l’alcool o disinfettante.
Prima si scalda la zona con l’acqua calda, poi con le dita si schiaccia il “brufolo” e con l’ago si cerca di estrarre il pelo incarnito senza causare delle ferite.

Prepararsi alla rasatura
Per diminuire il trauma da rasatura, preparare la barba e la pelle prima di utilizzare il rasoio. Ammorbidire la pelle con acqua tiepida o un asciugamano umido e bagnarla sotto la doccia o con acqua del rubinetto. Mai applicare la schiuma o il sapone sulla pelle asciutta.

Evitare i rasoi elettrici
I rasoi elettrici a volte indirizzano i peli in diverse direzioni (verso l’alto e verso il basso, avanti e indietro), questo non aiuta, soprattutto quando la persona si rade nel verso di crescita del pelo.

Indirizzare i baffi
Radersi nel verso di crescita del pelo (seguendo le indicazioni fornite nel primo rimedio) ogni giorno senza premere troppo sulla pelle, così in poche settimane i baffi crescono più dritti.

Cambiare lametta
L’uso di rasoi a doppia o tripla lama è dannoso per la pelle.
Per un’azione più delicata è meglio usare un rasoio usa e getta a lama singola o un rasoio tradizionale che permette di regolare la vicinanza alla pelle.

Cambiare il colletto
Evitare di indossare camicie con colletto rigido o alto che strofina contro la pelle del collo.
Il collo è il luogo in cui i peli incarniti si formano più spesso e la zona dove più è più facile provocare una ferita con il rasoio.
Questo tipo di indumenti aggravano spesso i problemi.


 

Rimedi casalinghi per i peli incarniti

Per i peli incarniti che non si riescono ad eliminare con i metodi già descritti, si possono provare alcuni rimedi casalinghi per sbarazzarsene.

Esfoliare
L’esfoliazione è estremamente importante per prevenire ed eliminare i peli incarniti.
È bene utilizzare un esfoliante a base di sale o i sali di Epsom.
Si può ottenere un buon esfoliante con una miscela di cristalli di zucchero e succo di lime.
Applicare questo composto sulla pelle con movimenti circolari per prevenire ed eliminare i peli incarniti.
Esfoliare prima della ceretta o della rasatura può prevenire questo disturbo.

Pietra pomice
Sfregare una pietra pomice sull’area dove si trovano i peli incarniti può aiutare a eliminare le cellule morte della pelle e ridurre il rossore, il gonfiore e il dolore.

Maschera viso a base di zucchero
Si può preparare una maschera viso a base di zucchero mescolando: una tazza di zucchero a velo, ½ limone, 1 ½ cucchiaino di amido di mais, 2 cucchiaini di aceto di mele e 85 grammi di miele. Si dovrà poi applicare la maschera sul viso e lasciarla riposare per mezz’ora prima di risciacquare con acqua tiepida. Questo rimedio è efficace per prevenire la comparsa di peli incarniti sul viso.

Gel all’Aloe Vera
Si può prevenire o addirittura curare i peli incarniti applicando una quantità abbondante di gel di aloe vera due volte al giorno sulla zona interessata senza sciacquarlo via.


 

Peli incarnitiCome togliere i peli incarniti nell’inguine

Quando si tratta di peli incarniti nella zona pubica, le opzioni sono limitate.
Questa zona è estremamente sensibile e le azioni non delicate potrebbero aggravare i problemi. Per questo è importante non usare la pinzetta per estrarre i peli incarniti.

  • L’igiene personale è fondamentale
    Utilizzare un detergente antibatterico è un buon metodo per ridurre le infezioni. Dopo aver lavato la zona, bisogna asciugare con un asciugamano pulito e mantenere sempre la zona pubica pulita, lavandola regolarmente.
  • Applicare impacchi caldi
    Utilizzare impacchi caldi e umidi è un modo semplice ma efficace per ridurre l’infiammazione e ammorbidire la zona dove i peli incarniti sono comparsi.
  • Indossare biancheria e indumenti comodi
    Indossare indumenti e biancheria intima stretti, favorisce la comparsa di peli incarniti nella zona pubica. La situazione può peggiorare con l’abbigliamento sintetico che non assorbe l’umidità in modo efficace. Quando la pelle rimane a contatto con il sudore, le probabilità che i peli incarniti e infiammati si infettino sono molto elevate.
  • Utilizzare uno scrub per il corpo
    Un altro modo per eliminare i peli incarniti nella zona pubica è rimuovere le cellule di pelle morta che coprono i follicoli piliferi. La pelle morta favorisce l’intasamento dei pori della pelle e del follicolo pilifero, nel tempo può causare la comparsa di brufoli.
  • Usare una crema
    Se non si ottengano risultati soddisfacenti dopo aver provato i metodi scritti sopra, in farmacia si trovano dei farmaci da banco per la rimozione di peli incarniti nella zona pubica.
    Le creme contengono acido salicilico, acido glicolico e urea, aiutano la pulizia dei pori e la cura dei peli incarniti.
    In caso di infezione si può mettere una crema con la gentamicina (gentalyn).

 

Altri approcci terapeutici

La rimozione permanente dei peli pubici incarniti si può effettuare con la depilazione laser (anche a luce pulsata) e l’elettrolisi.

Trattamento per i peli incarniti nel naso
Un cotton fioc può aiutare a togliere questi peli incarniti. È necessario disinfettare la zona interessata con acqua ossigenata e in seguito con un batuffolo di cotone, applicare una crema antibatterica o una crema antisettica sulla parte interna delle narici. La crema antisettica riduce il gonfiore e il dolore.

Cosa fare per i peli pubici incarniti
Non rasarsi per alcuni giorni
La prima cosa da fare è smettere di radere la zona inguinale.

  • Cominciare ad esfoliare
    Esfoliare delicatamente la zona pubica utilizzando una spugna o un prodotto appositamente progettato per esfoliare quest’area.
  • Ammorbidire la pelle
    Il calore di una sauna o di un bagno in acqua calda aiuta ad aprire i pori.
    Questo rimedio è fondamentale soprattutto quando si devono togliere i peli incarniti nelle zone intime (vulva o ano).
  • Avere un buon paio di pinzette
    Ci si può aiutare anche con un paio di pinzette appuntite. È importante che le pinzette abbiano una buona presa così i peli incarniti possono essere sollevati senza difficoltà, quindi senza fare male.
  • Utilizzare delle creme
    Tante persone hanno benefici spalmando delle creme prodotte appositamente per curare i peli pubici incarniti.
    Tra i prodotti naturali, si può spalmare l’olio di mandorle.


 

Quanto tempo durano i peli incarniti? La prognosi

Generalmente i peli incarniti guariscono da soli, ma in certi casi possono causare un infezione o la formazione di cicatrici.