Mollusco contagioso

INDICE

Il mollusco contagioso (MC) è un’infezione virale che provoca la formazione di papule (protuberanze solide) sulla pelle e raramente sulle mucose.

 

Cause del mollusco contagioso

Il mollusco contagioso è causato da un virus membro della famiglia dei Poxvirus.

Ci sono 4 tipi di virus detti MCV, dal MCV-1 al MCV-4.
Il MCV-1 colpisce soprattutto i bambini, ed è quello più comune in Europa.
Il MCV-2 è quello che colpisce gli adulti, ma è il più raro.

Mollusco contagioso

La trasmissione si può verificare in diversi modi.
Questa infezione è frequente nei bambini, soprattutto se soffrono di dermatite atopica.
Raramente colpisce le mucose come:

  • La bocca,
  • La lingua,
  • La zona genitale o pubica.

Contagio del mollusco contagioso

La trasmissione avviene con il:

  • Contatto diretto tra la pelle/mucose di due persone,
  • Contatto con oggetti infetti.

Questa malattia si può diffondere attraverso il contatto con gli oggetti contaminati, per esempio:

  • Giocattoli,
  • Vestiti.

La diffusione è stata documentata:

  • Attraverso la condivisione di asciugamani e spugne da bagno,
  • Lottando.

Negli adulti, il virus si diffonde anche attraverso i rapporti sessuali.
A differenza delle bolle dell’herpes queste lesioni sono indolori.
Le persone con un sistema immunitario indebolito (a causa di malattie come l’AIDS) possono avere una rapida diffusione del virus.
Frequentare palestre e piscine pubbliche è un fattore di rischio per la trasmissione del mollusco.

Auto-contagio
La diffusione delle lesioni si può verificare per autoinoculazione:

  • Da un’escoriazione si trasmette alle zone della pelle sana,
  • Con la rasatura e la depilazione.

 

Segni e sintomi del mollusco contagioso

Gli unici segni del mollusco contagioso sono delle papule color pelle, bianche o rosate che compaiono sulla cute.
Raramente si forma un alone rosso intorno al bordo esterno.
Il diametro di queste lesioni cutanee è generalmente di 3-5mm, ma possono arrivare fino a 3cm.
Le escrescenze hanno un aspetto lucido o “perlaceo”.

mollusco-contagioso
Mollusco contagioso

Una piccola fossetta si sviluppa al centro di ogni mollusco (è detta ombelicatura).
Il MC può comparire come:

  • Una papula singola,
  • In gruppo (è frequente, spesso si formano circa 20 lesioni vicine),
  • In fila.

La maggior parte delle persone sviluppano tra 1 e 20 molluschi.
Si possono trovare quasi ovunque sulla pelle.
Nei bambini si vedono più spesso:

  • Sul petto,
  • Sulla pancia,
  • Nelle braccia (comprese le ascelle),
  • Sulle gambe,
  • Sul volto.

Negli adulti sono più frequenti:

  • All’inguine,
  • Nella zona genitale,
  • Sull’ano (zona anale),
  • Raramente si verificano intorno agli occhi o intorno alla bocca.

Si può vedere ovunque sul corpo, tranne sul palmo della mano e sotto la pianta del piede.
I genitali sono la zona più colpita nelle donne in gravidanza.
Le protuberanze possono essere così numerose da coprire:

  • Cosce,
  • Zona genitale e addominale.

Solitamente sono indolori, ma tra i sintomi ci possono essere:

Quando si graffiano le papule, si può provocare una lesione, si può provare dolore e si potrebbe peggiorare l’infezione .

Il mollusco è grave e pericoloso?

Questa malattia non è grave e pericolosa, ma può essere fastidiosa.

Come riconoscere il mollusco contagioso?

Le macchie possono essere facilmente riconosciute da un medico quindi non occorre fare esami. Le protuberanze non si dovrebbero confondere con le verruche perché queste:

  • Hanno una superficie ruvida (ipercheratosi),
  • Non presentano il nucleo centrale.

Per la diagnosi si può asportare il materiale dal nucleo centrale e lo si analizza al microscopio. Occasionalmente una lesione solitaria può avere un aspetto atipico, può essere necessaria una biopsia per l’esame istologico.
Si rimuove l’intera pustola per esaminare tutto il materiale al microscopio.

Nella diagnosi differenziale bisogna escludere:
1. Condilomi
2. Verruca (causata dal papilloma virus)
3. Lichen planus
4. Xantoma
5. Angiocheratoma
6. Follicolite
7. Orticaria Papulosa
8. Vescicole da Herpes zoster

 

 

Come si cura il mollusco contagioso?

I dermatologi raccomandano spesso un trattamento per il mollusco contagioso. La cura aiuta a prevenire le seguenti complicanze:

  1. Diffusione ad altre parti del corpo.
  2. Diffusione ad altre persone.
  3. Crescita fuori controllo in persone con un sistema immunitario indebolito.

Il trattamento può essere sconsigliato ai bambini perché si possono avere effetti collaterali indesiderati. Le escrescenze spesso guariscono anche senza trattamento.

La maggior parte degli adulti si dovrebbero sottoporre a cure mediche. Le persone con un sistema immunitario indebolito si dovrebbero sempre trattare, altrimenti le protuberanze non spariranno.

Ci sono molte opzioni di trattamento. Il dermatologo prescrive il ciclo di cure in base a diversi fattori:

  • Età,
  • Condizione di salute,
  • Collocazione delle macchie,
  • Altre considerazioni.

I trattamenti che un dermatologo può eseguire in ambulatorio per curare il mollusco contagioso comprendono:

  • Criochirurgia: il medico congela le protuberanze con azoto liquido.
  • Raschiamento o curettage: il dermatologo utilizza un piccolo strumento chiamato curette (a forma di cucchiaio) per asportare le lesioni cutanee. Si applica un anestetico locale e dopo un ora si rimuovono (grattando) le papule senza dolore..
  • Laser pulsato. Il trattamento con laser pulsato è una soluzione nuova per il trattamento del mollusco contagioso. Esso utilizza un potente fascio di luce per distruggere le cellule che compongono ogni lesione. Come effetto collaterale, il fascio luminoso lascia un livido che dovrebbe guarire entro una settimane o due. La maggior parte delle persone guariscono in una o due sessioni di laser pulsato.

 

Quale pomata usare per il mollusco contagioso?

Terapia topica (applicata direttamente alla pelle): il dermatologo può spalmare diversi acidi e soluzioni per curare le papule. Queste sostanze funzionano distruggendo gli strati superiori della pelle.
L’acido tricloroacetico è usato spesso per trattare le persone con un sistema immunitario debole.

Quando un paziente ha molte protrusioni o grandi escrescenze, il dermatologo può ripetere la procedura ogni 3-6 settimane finché ci sono delle papule.
Queste procedure causano qualche disagio e possono lasciare macchie sulla pelle.

Altri medicinali prescritti dal dermatologo per uso domestico sono:

  • Acido salicilico in gel
    L’acido salicilico si applica sulle lesioni 1-2 volte a settimana per 4 settimane. Il principale effetto indesiderato è il dolore.
  • Farmaci immunomodulatori: L’imiquimod (Aldara). Questa crema aiuta il sistema immunitario a combattere il virus. La medicina è efficace, si può usare anche per trattare le verruche croniche e alcune forme di carcinomi cutanei. La crema a base di imiquimod si applica la sera e si lascia agire durante la notte.
    La mattina si risciacqua.
    Il trattamento si ripete per 2 o 3 giorni a settimana per circa 2 settimane.
    Tra gli effetti collaterali di questa terapia ci sono: l’eritema, il prurito e lievi ustioni.
  • I Farmaci Retinoidi applicati sulla cute. I pazienti usano questa medicina per le protuberanze seguendo le indicazioni del medico.
    Tra gli effetti collaterali del trattamento con i retinoidi c’è la dermatite.
  • Farmaci antivirali (Cidofovir crema). Si applica la crema su ogni papula, 1 volta al giorno per cinque giorni. Il trattamento può essere ripetuto fino a 8 settimane.
    I principali effetti collaterali sono: l’eritema, il dolore e il prurito.

Durante il trattamento del mollusco contagioso è normale la comparsa di nuove papule quando le “vecchie” sbiadiscono.

Si possono scoppiare o bucare le eruzioni cutanee da mollusco contagioso?
Una papula da mollusco contagioso non dev’essere scoppiata o bucata perché contiene dei virus.
Bucare una papula può facilitare la diffusione della malattia.

 

Rimedi casalinghi per il mollusco contagioso

Il mirto australiano al limone
Questo è un buon rimedio da erboristeria contro il mollusco contagioso. Lo si può usare miscelandolo con l’olio d’oliva e applicandolo sulla cute una volta al giorno.

L’olio di tea tree
L’olio tea tree è uno dei rimedi domestici più usati e disponibili per combattere il mollusco contagioso.
Questo prodotto ha delle proprietà utili come quella antibatterica e antisettica.
Queste ultime sono molto importanti per curare il mollusco.
L’unguento è un potente astringente (riduce le secrezioni), quindi è
utile per ridurre la crescita delle lesioni.
Si può:

  • Usare l’olio direttamente sulla zona infetta,
  • Versare nell’acqua durante il bagno.

Aceto di mele
L’aceto di sidro di mele è molto conosciuto perché combatte naturalmente i batteri. Questo liquido si adopera anche per curare il mollusco contagioso.

  • Si intinge un batuffolo di cotone nell’aceto di mele,
  • Si applica direttamente sopra la protuberanza.
  • Infine si fascia.

Questa manovra è utile al bambino ed è suggerita prima di coricarsi.

Aglio

  • Si utilizza pasta a base di aglio sulla zona infetta,
  • Si pone una benda di copertura,
  • Si rimuove la fasciatura prima di fare la doccia,
  • Poi si lava accuratamente.

Si possono prendere anche delle capsule di aglio.

Vitamine
Tra le terapie naturali ci sono diverse combinazioni di vitamine, è un buon rimedio “della nonna”.
Si può usare una crema a base di vitamina A e si applica una o due volte al giorno.
La vitamina A ed E può essere utile in questa situazione.

Tintura di iodio
Si può spalmare 2 volte al giorno la tintura di iodio per favorire il distacco della lesione.

 

Complicazioni del mollusco contagioso

Benché siano circostanze rare, le infezioni batteriche complicano il mollusco contagioso. Per diminuire il rischio di infezione batterica o la diffusione del mollusco contagioso non si deve schiacciare o irritare le papule.
Non c’è bisogno di applicare creme o lozioni particolari, è sufficiente seguire le abituali pratiche igieniche.

Cosa accade se non si tratta il mollusco contagioso?
Il mollusco contagioso è un’infezione della pelle delicata e autolimitante.
Senza trattamento può persistere per diversi mesi, ma alla fine si risolve.
La gravità e la durata del trattamento sono soggettive.

Quanto dura? La Prognosi del paziente con mollusco contagioso

Le lesioni provocate dal mollusco contagioso possono persistere da alcuni mesi a pochi anni. Queste ferite guariscono da sole senza lasciare cicatrici a meno che non si graffia eccessivamente la zona colpita.
La scomparsa completa di tutte le lesioni si verifica entro 6-18 mesi.
Il disturbo può persistere in persone immunodepresse.
Sono possibili le recidive del mollusco.

 

Prevenzione del mollusco contagioso

Le persone con mollusco contagioso dovrebbero evitare i rapporti sessuali per non trasmettere la malattia al partner.
Il preservativo non è sufficiente per evitare il contagio perché lascia scoperte alcune parti del corpo che potrebbero essere infette.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

AlphaOmega Captcha Classica  –  Enter Security Code