Macchie sul glande

INDICE

Alcune macchie sul glande sono causate da gravi malattie, ma la maggior parte delle macchie sul pene sono assolutamente innocue.

Le principali preoccupazioni sono una malattia sessualmente trasmessa o un tumore.
Raramente le macchie sul glande sono un segno di infezione sessuale e non sono quasi mai un segno di cancro.

Molti pensano che alcune malattie come la mononucleosi e l’AIDS possono causare la comparsa di macchioline o chiazze rosse sul glande, ma è un falso mito.


 

Tipi di macchie sul glande

Le macchie sul glande possono essere suddivise in gruppi in base al loro aspetto.

Piaghe: si tratta di piccole lesioni cutanee non frequenti. Spesso si forma una crosta oppure si riempie di pus.

Papule: sono noduli piccoli (meno di 1cm di diametro) in rilievo sulla superficie della pelle.

Placche: sono formazioni sporgenti, piatte e maggiori di 1cm di diametro.

Ulcere
Singola ulcera del pene: spesso hanno una causa grave e bisogna consultare un medico prima possibile.


 

Possibili cause delle macchie sul glande

  • Sifilide primaria: una singola ulcera indolore e tonda sul glande o sullo scroto è caratteristico della sifilide.
    La sifilide è causata dalle spirochete, cioè batteri a spirale chiamati Treponema pallidum.
    È una malattia sessualmente trasmissibile.
  • L’ulcera venerea (o cancroide), il granuloma inguinale e il linfogranuloma venereo sono malattie tropicali che causano un’ulcera singola, indolore che emana cattivo odore.
  • Tumore al pene: può apparire come un’ulcera genitale indolore e irregolare. Di solito si presenta negli uomini sopra i 50 anni.
    Il trattamento e la diagnosi precoce è essenziale e può essere salva-vita.

Le ulcere multiple al pene sono più frequenti e possono avere una causa meno grave.
Tuttavia, bisogna recarsi subito dal medico.
Possono essere divisi in due gruppi:
1. Acute – presenti per meno di due settimane,
2. Croniche – presenti per più di due settimane.


 

Ulcere multiple sul pene acute che causano macchie sul glande

Herpes genitale: questa è la causa più frequente di ulcera genitale.
È causata dall’Herpes virus tipo II e raramente dal tipo I (il virus che provoca l’herpes orale o labiale).
L’herpes genitale è caratterizzato da attacchi ricorrenti di vescicole genitali, cioè piccole vescicole che rapidamente scoppiano e formano delle piccole ulcere dolorose.
È altamente infettiva e solitamente è trasmessa sessualmente, raramente si verifica dopo un rapporto orale.
Il primo episodio è provocato da una malattia che può essere abbastanza grave.
Gli episodi acuti possono essere trattati efficacemente con farmaci antivirali come l’aciclovir.
Lo stress e le altre malattie possono causare le recidive.

Sifilide secondaria
Il secondo stadio della sifilide causa le ulcere multiple, irregolari, poco profonde, indolori, grigie e simili alla scia di una lumaca sul pene.
Di solito si verifica insieme ad una malattia simil-influenzale e un’eruzione cutanea con macchie rosse sul corpo.
È una malattia Venerea infettiva.

Ulcere aftose: queste lesioni sono piccole, poco profonde e dolorose, di solito colpiscono la bocca, ma possono interessare anche il pene.
In genere, sono grigie al centro, mentre il bordo è rosso brillante.
Essi si verificano in gruppo e passano senza una terapia.
Le afte non sono infettive e la causa è sconosciuta.


 

Ulcere multiple sul pene croniche che causano macchie sul glande

Pemfigo: questa lesione di solito colpisce altre parti del corpo come la bocca, ma si può verificare anche sul glande.
Si tratta di vescicole con pareti sottili che si rompono e formano un ulcera.
Il pemfigo di solito è doloroso e può causare prurito.

Malattia di Behçet: un disturbo infiammatorio che interessa la cute, articolazioni, nervi, occhi e altri organi del corpo.
Tra i sintomi ci sono ulcere grandi, profonde e dolorose sul glande e sullo scroto, ci sono sempre anche le ulcere nella bocca.
È una malattia potenzialmente grave, ma non è contagiosa.

La sindrome di Reiter è una malattia infiammatoria che si manifesta con artrite generalizzata.
Circa un quarto degli uomini colpiti hanno placche ulcerate e piccole intorno al glande e al prepuzio.

La sindrome di Reiter può colpire anche i muscoli, gli occhi e unghie.
È causata da una risposta immunitaria anomala ad un’infezione intestinale o genitale.
Può avere delle recidive per un periodo prolungato, ma si può trattare.
La sindrome di Reiter non è contagiosa, ma i germi che la causano si possono trasmettere sessualmente, per esempio in caso di clamidia o salmonella

Papule sul glande
Le papule sono piccoli brufoli di colore rosa che solitamente non hanno una causa grave, ma alcune sono infettive.
Soprattutto per le persone oltre i 50 anni, è importante consultare un medico prima possibile per le papule del pene.

Il mollusco contagioso è una malattia virale frequente, benigna e infettiva che colpisce la pelle e le mucose.
È una malattia frequente nei bambini ed è trasmessa attraverso il contatto con la pelle di una persona infetta.
Negli adulti, il mollusco contagioso può essere trasmesso sessualmente e colpisce i genitali.
Si presentano come delle papule multiple, piccole e a forma di cupola, spesso con una depressione centrale.
Schiacciando le papule esce un liquido simile alla cagliata del latte.
Esso può scomparire senza trattamento, altrimenti si può effettuare il congelamento o la cauterizzazione.

Follicoli piliferi e ghiandole sebacee che emettono il sudore.
Queste papule sono estremamente frequenti e sono formazioni normali della pelle.
Di solito si trovano sul pene, specialmente sulla superficie inferiore (di sotto).
Le papule possono essere visibili come piccoli noduli o possono essere sentite solo come piccole bozze sotto la pelle.

Papule perlacee del pene: le papule multiple sono piccole (circa 1-3mm) e si trovano sulla corona del glande.
Si sviluppano in genere negli uomini di età compresa tra 20 e 40 anni, circa il 10 per cento degli uomini è interessato.
Possono essere scambiate per delle verruche, non sono infettive e non serve una terapia.

I grani di Fordyce sono papule piccole (1-5mm) e luminose, rosse o viola che possono comparire sul glande o delle papule cutanee sullo scroto e solitamente colpiscono i giovani.
Questi si possono verificare come una lesione solitaria, ma spesso compaiono a gruppi tra i 50 e i 100.
Sono indolori e non pruriginosi, ma possono causare imbarazzo a causa del loro aspetto.
I grani di Fordyce sono delle dilatazioni dei vasi sanguigni, rivestiti da pelle ispessita.
Possono sanguinare se si feriscono o durante un rapporto sessuale.
Non sono infettive e la causa è sconosciuta.
L’unica terapia conosciuta è l’elettrocauterizzazione con un dispositivo che emana una piccola corrente elettrica.

Psoriasi: Di solito colpisce altre parti del corpo, specialmente le ginocchia, gomiti e cuoio capelluto, ma a volte appare sul pene, sulla superficie del glande o nel prepuzio.
La psoriasi consiste in papule rosse ispessite o placche con un bordo ben definito.
Di solito ha una superficie squamosa.
Raramente provoca irritazione.
Ci sono diversi trattamenti efficaci per la psoriasi, come creme a base di cortisonici e clobesol unguento.

Verruche: diversi tipi di verruca possono comparire sul pene.
La verruca genitale è causata dal virus del papilloma umano (HPV) ed è contagiosa.
Possono essere singole o multiple, di colore rosa o marrone, con una superficie umida.
L’infezione da HPV è associata allo sviluppo del cancro del collo dell’utero e dell’ano.
Le verruche possono essere trattate in vari modi, dal congelamento con un tampone di azoto liquido fino alla rimozione chirurgica.

Placche sul glande
Le placche sul pene non sono causate da una malattia grave, ma alcune sono infettive.
Raramente, l‘eritroplasia di Queyrat, il lichen sclerosus e la balanite xerotica obliterante (BXO) possono provocare il cancro al pene.

Balanite e postite: la balanite è una malattia infiammatoria del glande.
La postite è una malattia infiammatoria del prepuzio.
I sintomi sono irritazione locale, bruciore e un’eruzione cutanea rossa.
A volte la pelle sembra essere scrostata e scottata.
La causa è un’infezione batterica o fungina come la candida.
Questa malattia può essere causata dal contatto sessuale o dall’eccessivo utilizzo di farmaci antibiotici.
La cura della balanite prevede l’applicazione di creme antimicrobiche.

La balanite o il gonfiore del glande sono difficili da ignorare se sono un sintomo di infezione da lievito (per esempio la candida albicans).
Tra i sintomi ci sono: prurito insopportabile, sensazione di bruciore sul glande, dolore soprattutto dopo l’eiaculazione, macchioline rosse, rossore, sostanze bianca sul glande e sul prepuzio, perdite o secrezioni dal prepuzio e vesciche.


 

Terapia per l’infezione da lievito
I medici generalmente prescrivono determinati medicinali contenenti anfotericina B (Fungizone ®), fluconazolo, ketoconazolo, ecc che favoriscono il recupero del paziente.
Tra i rimedi naturali c’è lo yogurt che ripristina la flora intestinale “buona”, oltre all’aglio e all’olio di oliva.

Eritroplasia di Queyrat: questa rara malattia appare come una chiazza rossa brillante delimitata da una superficie vellutata.
Solitamente è indolore e non causa prurito.
È una manifestazione iniziale del cancro al pene e ha bisogno di una diagnosi e una terapia tempestiva.

La balanite plasmacellulare di Zoon appare come una placca rossa brillante e lucida sulla superficie del prepuzio e del glande. Solitamente è indolore, ma può causare prurito.
La causa è sconosciuta.
Può rispondere alla crema a base di cortisone, ma recidiva frequentemente.
La circoncisione è curativa, ma non essenziale.
La balanite plasmacellulare di Zoon non è contagiosa.

Lichen sclerosus e balanite xerotica obliterante: il lichen sclerosus provoca la formazione di placche bianche sul glande, sul prepuzio o sullo scroto. Solitamente sono asintomatiche (non provocano sintomi).
Il lichen sclerosus può colpire tutta la zona genitale o pubica.
La balanite xerotica obliterante è una grave forma di lichen sclerosus che interessa il prepuzio degli uomini non circoncisi.
Il bordo del prepuzio sembra una cicatrice bianca.
Questo può influenzare il passaggio dell’urina o i rapporti sessuali. Entrambe le malattie non sono contagiose.

L’eczema di solito colpisce altre parti del corpo, ma raramente può apparire sul pene. In tali casi, può essere una reazione della pelle ad una sostanza irritante.
Il profilattico può provocare una reazione allergica che può interessare la punta del glande.
È detta anche dermatite atopica.
Se le macchie sul glande compaiono quando l’uomo si lava può essere una reazione allergica ad una sostanza contenuta nei prodotti per la pulizia.
L’eczema appare come delle placche rosse e chiare diffuse con un margine mal definito e con la superficie squamata.
Di solito provoca un irritazione abbastanza grave.
Ci sono diverse terapie efficaci disponibili, per esempio le creme a base di cortisone.
Non è contagiosa.

Le macchie rosse e il bruciore sul glande possono essere causati anche da una prostatite batterica.
In questo caso i sintomi si avvertono soprattutto dopo i rapporti sessuali.