Tumore alla gola

Il tumore alla gola comprende le neoplasie che si sviluppano nella faringe, nella laringe o nelle tonsille.
I sintomi del cancro alla gola variano in base alla localizzazione del tumore.

La gola è un tubo muscolare che inizia dietro al naso e termina nel collo.
Tumore alla gola,anatomia,faringe,laringeLa laringe si trova appena sotto la gola, qui si può sviluppare un tumore alla gola.
La laringe è costituita da cartilagine e contiene le corde vocali che vibrano per produrre il suono quando si parla.
Il tumore alla gola può colpire anche il pezzo di cartilagine (epiglottide) che si trova sopra alla trachea.
Un’altra forma di cancro alla gola è il tumore alle tonsille sulla parte posteriore della gola.

 

Le cause dei tumori alla gola

L’abuso di alcolici e di tabacco (compreso il tabacco che non si fuma, a volte chiamato “tabacco da masticare” o “tabacco da fiuto”) sono i due fattori di rischio più importanti per i tumori della testa e del collo, soprattutto per i tumori della cavità orale, orofaringe, ipofaringe e laringe.
Almeno il 75% dei tumori della testa e del collo sono causati dal consumo di tabacco e di alcool.
Le persone che fumano o bevono hanno un maggior rischio di sviluppo dei tumori rispetto alle persone che bevono solamente.
Il consumo di tabacco e di alcolici non è un fattore di rischio per i tumori delle ghiandole salivari.

L’infezione virale da Papilloma virus umano (HPV) può causare il cancro, soprattutto alcuni sottotipi del virus, per esempio l’HPV-16.
Il Papillomavirus è un fattore di rischio per alcuni tipi di tumori della testa e del collo, in particolare i tumori orofaringei che coinvolgono le tonsille o la base della lingua.
Negli Stati Uniti, sta aumentando l’incidenza dei tumori orofaringei causati dall’infezione da HPV, mentre quelli legati ad altre cause sono in calo.
In caso di rapporti sessuali orali con una persona infetta da Papillomavirus, si corre il rischio di sviluppare il tumore alla gola.

Altri fattori di rischio per i tumori della testa e del collo sono i seguenti:

  • Paan (betel quid) è un piatto asiatico che può contenere tabacco;
  • Consumo di mate, una bevanda simile al tè abitualmente consumata dai sud americani;
  • Mangiare cibi salati;
  • Salute orale. Una scarsa igiene orale e la mancanza dei denti possono essere fattori di basso rischio per i tumori della cavità orale;
  • Esposizione professionale. L’esposizione professionale alle polveri del legno è un fattore di rischio per il cancro rinofaringeo. L’esposizione all’amianto e alle fibre sintetiche possono provocare il cancro della laringe, ma l’aumento del rischio rimane controverso;
  • Esposizione alle radiazioni;
  • Infezione del virus Epstein-Barr;
  • Ascendenza. L’ascendenza asiatica, in particolare l’ascendenza cinese, è un fattore di rischio per il cancro alla faringe, soprattutto la rinofaringe.

Questi fattori di rischio non riguardano i bambini che praticamente non sono colpiti da questa grave malattia.
Generalmente il tumore alla gola colpisce le persone che hanno un età superiore ai 40 anni.

 

Primi sintomi di cancro alla gola

Contrariamente a molti altri tumori, di solito i sintomi del tumore benigno o maligno in gola sono evidenti in una fase precoce.
In particolare, quando il cancro si trova nelle corde vocali della glottide (cancro alla laringe), i sintomi del cancro della gola sono contrassegnati da una raucedine persistente.
La raucedine è un segnale di avvertimento precoce e proviene direttamente dalle corde vocali.

Le placche bianche o rosse in bocca possono essere il segno di un tumore alla bocca, ma se è localizzato alla faringe o alla laringe non si manifesta in questo modo.

Che cosa si sente con il cancro alla gola?
Spesso, i pazienti sentono mal di gola o hanno la sensazione di un corpo estraneo nella gola.
La sensazione del groppo in gola è un sintomo molto frequente: si stima che compaia in più della metà delle persone almeno una volta nella vita.
I disturbi psicologici e neurologici sono responsabili della maggior parte dei casi.
“Bolo isterico” è il termine usato per questo tipo di sintomo, caratterizzato dalla sola sensazione del nodo in gola e non da un vero grumo o tumore.
Tuttavia, il cancro alla gola e il tumore laringo-faringeo possono causare anche una sensazione di groppo in gola; inoltre, questo è un vero e proprio nodulo.
Questi dolori alla gola sono sintomi frequenti del cancro alla gola, ma si avvertono più frequentemente nelle altre malattie benigne.
Il catarro non è un sintomo di tumore alla laringe o alla faringe.

 

Sintomi del cancro alla gola in fase avanzata

Negli ultimi stadi della malattia, i pazienti hanno difficoltà a deglutire e di solito un frequente desiderio di togliersi la gola.
La raucedine, la difficoltà a deglutire o entrambe contemporaneamente, che durano più di quattro settimane con o senza la terapia, dovrebbero essere ritenute sospette come sintomi del cancro alla gola e devono essere sempre valutate da uno medico otorinolaringoiatra.
Quando si sviluppano i sintomi del cancro alla gola, il tumore causa un dolore forte alla gola soprattutto durante la deglutizione.
Il dolore si può irradiare a volte anche all’orecchio e alla testa.
Un grave mal di gola può essere un ostacolo quando si mangia e si deglutisce.
La tosse può essere un sintomo frequente del cancro alla gola: a causa di un corpo estraneo o di una stimolazione del cancro alla gola, solitamente i pazienti hanno una tosse secca e irritante.
Se il cancro alla gola diventa ulcerato e sanguinante, si può tossire del sangue o un espettorato purulento con odore puzzolente.
La tosse forzata per schiarire la gola e la sensazione di un corpo estraneo possono essere un sintomo del tumore alla gola.
Un cancro alla gola più grande può portare a uno stridore laringeo, cioè un suono acuto che esce quando si parla.
Questo è dovuto all’ostruzione della laringe o delle vie respiratorie a causa del cancro alla gola.
In fase tardiva, il tumore della gola può causare difficoltà di respirazione o persino soffocamento.

Sintomi del cancro gola al quarto stadio
Nella quarta fase si manifestano i sintomi del cancro in gola come stanchezza, debolezza, febbre, linfonodi ingrossati e rapida perdita di peso.
Questi sintomi compaiono anche in fase terminale degli altri tipi di cancro.

 

Diagnosi di tumore alla gola

I test utilizzati per la stadiazione dipendono dal tipo di tumore e possono essere:
Esami fisici
Gli esami fisici sono effettuati per raccogliere le informazioni sul cancro.
Il medico esamina il corpo guardando, sentendo e ascoltando la gola per sapere se c’è qualcosa di insolito.
L’esame fisico può mostrare la posizione e la dimensione del tumore oltre alla diffusione del cancro ai linfonodi e/o altri organi.

Esami strumentali per immagini
Gli esami strumentali mostrano immagini delle aree esaminate all’interno del corpo. Questi studi sono strumenti importanti nella fase di identificazione della malattia.
Le procedure come la radiografia, la tomografia assiale computerizzata (TAC), la risonanza magnetica nucleare (RMN) e la tomografia a emissione di positroni (PET) possono mostrare la localizzazione del cancro, le dimensioni del tumore e se il cancro si è diffuso.
Ecografia
Il paziente che sente dolore o un gonfiore al collo va dal medico chiedendo la prescrizione per un’ecografia.
Questo esame può notare i linfonodi ingrossati ed è molto usato per valutare la tiroide, ma si usa meno per la gola.
L’ecografia della faringe può aiutare a rilevare una massa, ma se è positiva si dovrà approfondire con altri esami.

Analisi di laboratorio
Tra gli esami di laboratorio ci sono le analisi del sangue, dell’urina, degli altri fluidi e dei tessuti prelevati dal corpo.
Ad esempio, gli esami per verificare la funzionalità del fegato e per ricercare i marcatori del tumore (sostanze che si trovano in concentrazione maggiore se il cancro è presente) possono dare molte informazioni sul tumore.

Esami del sangue
Gli esami del sangue possono diagnosticare i tumori della cavità orale o dell’orofaringe. Tuttavia, il medico può prescrivere gli esami del sangue di routine per aiutare a determinare lo stato di salute generale, soprattutto prima della terapia, come l’intervento chirurgico. Questi test possono aiutare a diagnosticare la malnutrizione, la bassa conta dei globuli rossi (anemia), le malattie del fegato e le malattie renali.
Alcuni anni prima della comparsa dei primi sintomi della malattia, un esame del sangue può rilevare gli anticorpi del virus del papilloma umano (HPV) che possono causare un tumore alla gola.

Studi di patologia
Le ricerche sulla patologia danno informazioni sulla dimensione e sulla crescita del tumore in altri tessuti e organi, sul tipo di cellule tumorali, sul grado del tumore (la somiglianza delle cellule tumorali alle cellule del tessuto normale).
Si può eseguire una biopsia (l’asportazione di cellule o di tessuti per l’esame al microscopio) per avere le informazioni necessarie sulla patologia del tumore.
Gli esami di citologia (studio della cellula) descrivono anche i risultati ottenuti dall’analisi delle cellule nei liquidi corporei.

 

Terapia per il cancro alla gola

Tumore alla laringe,stadio,massaLa terapia dipende dalla dimensione, dal tipo, dalla posizione del cancro e se è diffuso, si può effettuare:

  1. Intervento chirurgico. Il tumore è asportato chirurgicamente. Si può effettuare la rimozione parziale o totale del tessuto, del muscolo della tiroide, dell’intera laringe (laringectomia) o della lingua (glossectomia) a seconda della posizione e della dimensione del tumore.
    Può essere necessario asportare anche le ghiandole linfatiche vicine se il cancro si è diffuso al loro interno.
  2. La terapia per un tumore alla gola non operabile prevede la chemioterapia ed eventualmente la radioterapia.
  3. Radioterapia. Si inviano dei piccoli fasci di radiazioni che mirano precisamente e distruggono le cellule tumorali.
  4. Chemioterapia. Si utilizzano dei farmaci per uccidere le cellule tumorali, spesso in combinazione con la radioterapia.
    La chemioterapia può essere utile nel controllo dei tumori che si sono diffusi (metastasi) perché i farmaci arrivano in tutto il corpo.
  5. Le metastasi del tumore alla gola di solito si trovano nei linfonodi.
  6. Trattamenti multi-modalità o adiuvanti, come l’intervento chirurgico seguito da radioterapia o chemio-radioterapia, soprattutto nel caso dei tumori di grandi dimensioni.
  7. Alimentazione. La dieta per il tumore è consigliata sempre ai pazienti, ma bisogna parlare con il medico (dietologo) se si soffre di altre malattie che pongono dei vincoli all’alimentazione.
  8. Monitoraggio a lungo termine. Questo prevede degli esami e delle radiografie ripetuti regolarmente per accertarsi che il tumore non sia ricomparso.
  9. Riabilitazione. Questo può richiedere l’aiuto di un dietista, un logopedista e un fisioterapista.
    Dopo la tracheotomia per l’operazione, il paziente deve fare molti esercizi di fonazione e movimenti per recuperare la miglior voce possibile e per riuscire ad alimentarsi correttamente.
    Gli assistenti sociali, i consulenti e gli psicologi clinici possono aiutare i pazienti ad accettare i cambiamenti post-operatori riguardo la situazione finanziaria, la vita sociale e professionale e l’aspetto fisco.

 

Qual’è la sopravvivenza? (Prognosi)

I tumori alla gola possono essere curati nel 90% dei pazienti se sono diagnosticati precocemente.
Se il cancro si è diffuso ai tessuti circostanti o ai linfonodi nel collo, il 50-60% dei pazienti può essere curato.
Se il cancro si è diffuso (metastatizzato) alle parti del corpo al di fuori della testa e del collo non è curabile.
La terapia aiuta a prolungare e a migliorare la qualità della vita.
Dopo la terapia, i pazienti hanno generalmente bisogno di terapie per recuperare la capacità di parlare e di deglutire.
Una piccola percentuale di pazienti (circa il 5%) non sarà in grado di deglutire e dovrà essere alimentata con un sondino.

Prognosi del cancro alla gola e aspettative di vita in base allo stadio
Per il cancro della laringe, il tasso di sopravvivenza a cinque anni del cancro alla gola allo stadio 1 è di circa 80-95%.
Se si effettua solo la radioterapia per il cancro alla gola al primo stadio, la sopravvivenza è dell’80-90%.
La sopravvivenza sale al 90-95% dopo un intervento chirurgico per il tumore in gola al primo stadio.
Il tasso di sopravvivenza a cinque anni per il cancro alla gola al secondo stadio è del 65-85% se trattato solo con la radioterapia.

La mortalità per il tumore alla gola aumenta negli stadi superiori.

Terzo stadio
Il 50% dei tumori della gola sono diagnosticati in fasi avanzate.
Durante questa fase, spesso i pazienti hanno i linfonodi ingrossati nel collo e altrove.
Le terapie per il cancro alla gola si basano sulla radioterapia pre-operatoria e successivamente sulla resezione chirurgica radicale. Pertanto, i pazienti con un cancro avanzato alla gola hanno un tasso di sopravvivenza di 5 anni molto più basso, circa il 50-60%.

Quarto stadio
I pazienti devono effettuare delle terapie complete: una combinazione di radioterapia pre-operatoria, operazione chirurgica come metodo principale di terapia e chemioterapia postoperatoria.
Il tasso di sopravvivenza a 5 anni dei pazienti con un tumore alla gola allo stadio 4 è del 30% circa.