Stomatite aftosa ed erpetica

INDICE


La stomatite è l’infiammazione della mucosa della bocca, può interessare:

  • Guance,
  • Gengive,
  • Lingua,
  • Labbra,
  • palato.


Tipi di stomatite

La stomatite micotica (chiamata anche candidosi orale) è un’infezione da candida nella bocca e in gola.

Nei neonati è molto comune e negli adulti si può verificare soprattutto dopo un ciclo di antibiotici.
Le persone con un sistema immunitario debole sono più predisposti alla stomatite.

La stomatite da nicotina è causata dal fumo di sigaretta, sigaro e pipa. Può essere identificata dalla presenza di protuberanze rosse sul palato.

La stomatite Erpetica o  gengivostomatite è causata da un’infezione virale della bocca ed è caratterizzata dalla presenza di vescicole che successivamente diventano ulcere su:

  • Lingua,
  • Gengive,
  • Labbra.

La stomatite da herpes è una malattia che di solito colpisce i bambini tra i sei mesi e i 5 anni.
È un’infezione del virus Herpes Simplex 1 (HSV 1), lo stesso virus che provoca l’herpes labiale nella superficie esterna delle labbra negli adulti.
Il virus HSV 2 causa l’herpes genitale ed è imparentato con il virus HSV 1, ma non è lo stesso.

La stomatite aftosa (detta anche afta) provoca la formazione di piccole ulcere:

  • Dentro le labbra,
  • Sulla lingua,
  • Sulle guance.

La gravidanza è un fattore di rischio di questo disturbo.

La stomatite aftosa ricorrente è una malattia senza una causa conosciuta che può causare almeno un’ulcera dolorosa e superficiale sulle mucose.

La stomatite ulcerosa cronica è una malattia caratterizzata da:

La stomatite uremica è una complicazione rara dell’uremia che si può verificare a causa dell’insufficienza renale avanzata.
La stomatite uremica è una manifestazione orale dell’uremia e provoca:

  • Eritemi di diversa gravità,
  • Essudato (accumulo di liquido infiammatorio),
  • Ulcere,
  • Riduzione della salivazione,
  • Sanguinamento,
  • Alito cattivo (odore di ammoniaca),
  • Una sensazione di bruciore.

La stomatite angolare è un’infiammazione della superficie delle labbra che provoca gonfiore, tagli, desquamazione, piaghe e ulcere ai due lati della bocca.

La stomatite grangrenosa è provocata dalla malnutrizione o da malattie particolarmente debilitanti (ad esempio la malaria). Le conseguenze sono l’ulcerazione dei tessuti della bocca fino a esporre le parti interne della bocca come i denti.

 

Quali sono le cause della stomatite?

Elenco delle possibili cause della stomatite:

Infezione batterica

Infezione fungina

  • Infezione da Candida albicans (candidosi orale, mughetto);
  • Raramente: Blastomicosi, criptococcosi, zygomycosis.

Infezione virale

Malattie sistemiche

Farmaci  e sostanze chimiche

  • Stomatite da nicotina,
  • Chemioterapia,
  • Radioterapia,
  • Eruzione lichenoide.

Irritazione fisica

  • Bruciature,
  • Stomatite da protesi (per esempio causate da apparecchi ortodontici, eccessivo movimento della dentiera, protesi inadatte o con bordi taglienti).

 

Contagio della stomatite

In base alla causa, la stomatite può essere contagiosa oppure no.
La stomatite da Herpes è considerata contagiosa.
I bambini possono essere esposti attraverso:

  • Baci,
  • Condivisione di cibo,
  • Giocando a stretto contatto con altri bambini infetti.

L’incubazione della stomatite erpetica ha una durata compresa tra 2 e 12 giorni.
Il bambino è contagioso da circa 2 giorni prima che si sviluppano le vescicole fino a quando sono presenti.
La stomatite aftosa non è contagiosa.

 

 

Sintomi della stomatite

  • Vesciche in bocca, spesso sulla lingua o sulle guance;
  • Il bambino piange e mangia meno anche se ha fame;
  • Difficoltà a deglutire (disfagia);
  • Bava alla bocca;
  • Febbre alta (fino a 40°) si può verificare 1-2 giorni prima dell’apparizione delle vesciche e delle ulcere;
  • Irritabilità;
  • Dolore in bocca, anche durante la masticazione, quando si parla o si muovono le labbra;
  • Gengive gonfie che sanguinano;
  • Ulcere in bocca, spesso sulla lingua o sulle guance, di solito si formano dopo lo scoppio delle vesciche.

 

Come si fa la diagnosi della stomatite aftosa?

Di solito, la stomatite aftosa si diagnostica in base alla storia clinica e all’esame fisico.
Per la diagnosi è sufficiente la valutazione del medico.
Di solito è presente una sola ulcera.
Per confermare i sospetti di stomatite ed escludere altre cause di ulcera, il medico può prescrivere i seguenti esami:

  1. Analisi del sangue 1. per sapere i valori di:  zinco, ferritina, sideremia, acido folico, vitamina B12.
  2. Biopsia dell’ulcera, si asporta un piccolo pezzo di tessuto e si esamina al microscopio.

 

Qual è la terapia per la stomatite?

Gli obiettivi della cura per le ulcere aftose ricorrenti o recidivanti sono:

  • Alleviare i sintomi,
  • Ridurre i tempi di guarigione,
  • Effettuare la profilassi contro gli episodi futuri.

La stomatite di solito va via senza una cura.
Il medico può prescrivere dei farmaci da mettere sulle piaghe.
Alcuni episodi possono essere prevenuti evitando i fattori scatenanti, per esempio alcuni alimenti come: noci e ananas.

La cura per l’ulcera aftosa recidivante dev’essere specifica in base alla gravità della malattia.
I pazienti spesso riferiscono un forte dolore anche se l’esame clinico rivela una piccola ulcera minore di 1-2 mm di diametro.
Inoltre, la frequenza e l’intensità dei sintomi dovrebbe indirizzare verso la terapia più adatta.

Medicine per la stomatite

Tra i farmaci più prescritti ci sono:

  • Antinfiammatori non steroidei (per esempio la Benzidamina) oppure i cortisonici e i farmaci immunomodulatori (ad esempio la ciclosporina) nella prima fase. Gli antinfiammatori sono disponibili in forma di:
    • colluttori,
    • creme,
    • paste,
    • oli,
    • spray (Tantum Verde)
    • gel topico.

In caso di infezione virale il medico prescrive una medicina per combattere il virus (antivirale). L’Aciclovir è il farmaco usato più frequentemente.

  • I colluttori riducono la carica batterica, quindi in caso di infezione da batteri:
    • Diminuiscono l’infiammazione
    • Accorciano i tempi di guarigione.

Tra questi si trova la clorexidina gluconat.
La lidocaina o benzocaina topiche sono anestetici che servono per ridurre il dolore.

  • Un gel concentrato e bioaderente (GELCLAIR®) è una sostanza che crea un rivestimento protettivo per ridurre il dolore.
  • Il paziente può aver bisogno di un farmaco per trattare il dolore e la febbre. Utilizzare il paracetamolo (come l’Efferalgan o la tachipirina).

 

Terapia per la stomatite da herpes

Nella stomatite da herpes che colpisce un bambino, la parte più importante del trattamento è svolta dai genitori che devono far bere il bambino come al solito.
I liquidi leggeri sono più facili da bere, come:

  • L’acqua,
  • Il succo di mela.

Succhiare un ghiacciolo o un sorbetto può alleviare il dolore.
In caso di stomatite grave, il medico può iniettare dei liquidi per endovena per prevenire la disidratazione.
Il medico può prescrivere il paracetamolo se la febbre va oltre i 38,5° C.
I farmaci che addormentano la bocca, come la lidocaina o gli anestetici topici durano solo per un breve periodo, inoltre il bambino può mordere o danneggiare le ulcere perché non ha la sensibilità.

Gli antibiotici non servono per la stomatite da herpes o da candida. Tuttavia, se il paziente è particolarmente grave, il medico può prescrivere un farmaco antivirale come l’aciclovir nei primi giorni. Questa medicina può aiutare a guarire più velocemente.

 

Terapia per la stomatite aftosa

Stomatite aftosa ed erpetica
Stomatite aftosa ed erpetica

Di solito non è necessaria una cura farmacologica per la stomatite aftosa, tranne nei seguenti casi:

  1. Hanno dimensioni maggiori di un centimetro;
  2. Durano più di due settimane. In questo caso può essere indicato un trattamento e una valutazione medica.

La medicina prescritta di solito è la tetraciclina orale o topica (antibiotico).

Tuttavia, la tetraciclina non si prescrive durante lo sviluppo dei denti permanenti perché si legano in modo irreversibile alla dentina e causano un’alterazione del colore che tende al grigio, giallo o marrone.

Un lavaggio dolce alla bocca con acqua salata o colluttori da banco può aiutare.
I farmaci da banco topici da applicare all’area ulcerata possono ridurre il disagio e lenire la zona.
Per prevenire le infezioni batteriche nei bambini, i genitori dovrebbero incoraggiare il bimbo a lavare i denti con lo spazzolino e il filo interdentale tutti i giorni.

 

Rimedi casalinghi per la stomatite aftosa ed erpetica e prevenzione

  • Per tutti i tipi di stomatite, la pulizia locale e una buona igiene orale è fondamentale.
    Lavarsi le mani e quelle del bambino prima di mangiare.
    Dare al bambino liquidi freddi per alleviare il dolore in bocca.
    Si possono utilizzare anche le scaglie di ghiaccio. Se il bambino ha le bolle sulle labbra o sulla lingua, si consiglia di utilizzare una cannuccia.
  • Sciacquare la bocca del bambino con acqua tiepida dopo aver mangiato.
  • Il medico può raccomandare dei risciacqui o gargarismi con l’acqua salata o il bicarbonato.
  • Bisogna utilizzare uno spazzolino a setole morbide, i denti e le gengive devono essere spazzolate con cura.
  • Applicare alcune gocce di tea tree oil con un cotton fioc sull’afta, due volte al giorno.

 

 

Tra i rimedi fitoterapici ci sono:

  • La malva, in base alla dieta del gruppo sanguigno è adatta a tutti e agisce su stomaco, intestino, bocca e gola. Tenere in ammollo un pugno di fiori e foglie di malva per tutta la notte. Scaldare a fuoco lento senza bollire, filtrare e bere.
  • La propoli è un antibiotico naturale e ha proprietà cicatrizzanti. Si consiglia di assumere 20 gocce di tintura madre per tre volte al giorno.

 

Cosa mangiare? Dieta e alimentazione per la stomatite

  • Non bere i succhi di agrumi (come aranciata e limonata) o le bevande gassate (soda). Questi possono peggiorare il dolore in bocca.
  • Il bambino ha meno difficoltà a mangiare dei cibi morbidi.
    Alcuni alimenti adatti in caso di stomatite sono:

    • Yogurt,
    • Il purè di patate,
    • Gelato alla frutta senza glutine e latte,
    • La salsa di mele e le pappe
  • Evitare cibi piccanti, duri e salati.
    Evitate alimenti appuntiti come arachidi, tacos e patatine fritte.

In base alla dieta del gruppo sanguigno, la stomatite e l’herpes labiale possono essere causati da:

  • Carne di maiale o salumi.
  • Latte e latticini, per esempio yogurt, formaggi e cioccolato al latte.
  • Un eccesso di frutta con guscio e semi.

La medicina naturale di Lezaeta e l’igiene naturale consigliano una dieta a base di cibi vegetali, di cui almeno il 50% crudi.
La stomatite potrebbe essere una valvola di sfogo, cioè il modo in cui il corpo si libera delle tossine.
Può capitare anche:

  • Durante il digiuno,
  • In caso di dimagrimento,
  • Quando si cambia alimentazione e si iniziano a mangiare cibi crudi e naturali.

L’organismo usa dei meccanismi di difesa naturali ed efficaci per disintossicarsi.
In base a questa teoria, non bisogna agire contro il corpo, quindi bisogna lasciare che passi da solo, senza farmaci o creme.

 

Dopo quanto tempo si guarisce dalla stomatite?

La prognosi per la risoluzione della stomatite si basa sulla causa del disturbo.
Molte ulcere della bocca sono benigne e si risolvono senza una terapia specifica.
Nel caso di stomatite da herpes, il recupero completo è previsto entro dieci giorni senza terapie.
L’aciclovir può accelerare il recupero.
Nella maggior parte dei casi la durata della stomatite aftosa è breve, le acutizzazioni sono rare e durano solo pochi giorni.

 


Possibili complicanze della stomatite

La cheratocongiuntivite erpetica è un’infezione secondaria nell’occhio che si può sviluppare a causa della stomatite erpetica.
Questa malattia è considerata un’emergenza sanitaria perché può causare la cecità.
Il paziente, specialmente se bambino può diventare disidratato se si rifiuta di mangiare e bere per non sentire il dolore in bocca.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

AlphaOmega Captcha Classica  –  Enter Security Code