Tumore al pancreas

INDICE

Il tumore al pancreas è causato dalla crescita incontrollata delle cellule pancreatiche.
Il pancreas produce l’ormone insulina che controlla la glicemia.
Quest’organo secerne anche alcuni enzimi che svolgono un ruolo importante nella digestione del cibo nel tratto gastrointestinale.

Se la massa si forma nei canali che trasportano i succhi pancreatici, si chiama tumore del pancreas esocrino o adenocarcinoma.
Quando la neoplasia si sviluppa nelle cellule che producono l’insulina, è detto tumore endocrino o carcinoma del pancreas a cellule insulari.
Questo tipo particolare si diffonde attraverso il sistema linfatico ad altre parti del corpo come fegato, polmoni, ossa, ecc e rappresenta la quinta causa di morte per tumore.

Pancreas,testa,coda,vena cava,fegato,duodeno
Raramente il tumore si forma nei bambini o nei giovani.
L’incidenza in Europa è di circa 10 casi su 100.000 abitanti.


 

Classificazione del tumore al pancreas

Tumore non-endocrino
Questi tumori rappresentano oltre il 75% di tutti i tumori del pancreas.
L’adenocarcinoma si forma nelle cellule ghiandolari.
Questi tumori possono diventare abbastanza grandi da invadere i nervi che causano mal di schiena oppure le arterie (mesenterica, epatica comune, splenica) e le vene (vena porta).
Si diffonde frequentemente (metastatizza) al fegato o ai linfonodi.
Se questo accade, il tumore può essere considerato non operabile.

Tumore endocrino
Questo tumore è molto meno frequente del tumore non-endocrino.

I tumori endocrini possono produrre ormoni attivi e quindi causano sintomi molto gravi.
Ci sono diversi tipi:
1. Insulinoma producono grandi quantità di insulina che può provocare l’ipoglicemia (poco zucchero nel sangue).
2. Glucagonoma producono glucagone che può causare un eruzione cutanea.

 

Tumore benigno e precanceroso nel pancreas

Non tutte le masse del pancreas corrispondono a un cancro.
Un tumore è semplicemente benigno (non canceroso), mentre un altro potrebbe diventare un cancro nel tempo se non è curato (precanceroso).

  • Neoplasia cistica sierosa (SCNs) è un tumore che forma delle cisti piene di liquido acquoso. Questa cisti di solito è benigna e non serve un trattamento.
  • Neoplasia cistica mucinosa (MCNs) è un tumore composto da una cisti piena di una sostanza gelatinosa chiamata mucina. Questa cisti è benigna, ma può diventare un cancro con il tempo.
  • Neoplasia mucinoso papillare intraduttale (IPMNs) è un tumore benigno che cresce nei dotti pancreatici e può diventare un cancro con il tempo.


 

Cause del tumore al pancreas

Non si conosce la causa esatta del cancro pancreatico, ma sono stati identificati diversi fattori di rischio che predispongono le persone ad ammalarsi. Tra i fattori di rischio ci sono:
1. Genetica;
2. Età (colpisce soprattutto gli anziani);
3. Ulcere;
4. Obesità;
5. Fumo;
6. Pancreatite.


 

Sintomi del tumore al pancreas

I sintomi variano in base alla regione colpita della ghiandola: la testa, il corpo o la coda.
La diagnosi precoce di questi sintomi è difficile poiché compaiono solo nello stadio avanzato della malattia.
Quindi, a volte questo cancro si definisce malattia silenziosa.
Alcuni sintomi sono piuttosto vaghi e frequenti come il mal di stomaco e la perdita di peso.
Negli uomini e nelle donne i sintomi principali del tumore al pancreas sono elencati di seguito.
Ogni volta che si manifesta uno di questi sintomi, si dovrebbe andare dal medico immediatamente ed effettuare dei controlli per il tumore al pancreas.
L’ittero è uno dei segni e sintomi principali, in cui il bianco dell’occhio (sclera) e la pelle del paziente diventano gialli.
Questo potrebbe essere un sintomo del tumore che colpisce la testa del pancreas (circa l’80% dei tumori si verifica nella testa del pancreas).
Tra gli altri sintomi c’è la cattiva digestione e la diarrea.
Quando il tumore si diffonde, ostruisce completamente o parzialmente il dotto biliare. Questo rallenta il movimento della bile e provoca la bilirubina alta nel sangue, con conseguente ingiallimento degli occhi e della pelle.
Un altro segno è il forte mal di pancia nella parte superiore dello stomaco, che lentamente s’irradia verso la schiena. Questo accade quando il tumore preme contro i nervi. Il dolore aumenta principalmente 3-4 ore dopo il pasto o a volte quando la persona è sdraiata.

Il dolore addominale è tipico del cancro alla coda o al corpo del pancreas.
L’inappetenza è un altro sintomo del tumore al pancreas, anche se è frequente in altre malattie e infezioni. Di solito indica che ci potrebbe essere un problema allo stomaco, quindi è meglio parlare con il medico.
Quando il carcinoma pancreatico colpisce la testa della ghiandola, si può verificare una grave perdita di peso involontaria. Insieme al dolore addominale, questo è uno dei primi sintomi nelle donne e negli uomini.
Un altro sintomo è il cambiamento di colore delle feci e delle urine.
Quando il tumore ostruisce il dotto biliare, le feci diventano più chiare, principalmente di colore argilla.
Le feci emanano anche un odore strano e forte.
Il grasso in eccesso è rilasciato insieme alle feci.
Questa malattia si chiama steatorrea.
Invece l’urina diventa molto più scura.

Il paziente può sviluppare improvvisamente il diabete.
Questo si verifica poiché il pancreas perde la capacità di produrre l’insulina.
Raramente si può verificare anche un aumento dei valori di lipasi nel sangue.
Si può sentire prurito sulla pelle, anche se questo è un sintomo raro. Quando si verifica insieme al dolore allo stomaco e all’ittero, bisogna parlare immediatamente con il medico.
Altri sintomi frequenti:


 

Tumore al pancreas,stadio,IVStadio IV del carcinoma pancreatico

È la forma tumorale più letale. Il tumore al pancreas ha una prognosi sfavorevole ed è la quarta causa di morte più frequente.
Il tasso di sopravvivenza a un anno è del 25% e soltanto del 6% a 5 anni in caso di metastasi.
Invece il tasso di sopravvivenza a 5 anni del cancro localizzato è pari al 20% circa.
Il tumore al quarto stadio non è più localizzato e si è diffuso a stomaco, milza e intestino.
Si possono formare delle metastasi anche ad organi distanti come i polmoni, fegato, linfonodi, ossa e cervello.
Il carcinoma pancreatico di fase IV si suddivide in 2 gruppi:

Stadio IVA: è confinato localmente agli organi adiacenti e ai vasi sanguigni. Questo provoca difficoltà ad asportare chirurgicamente il tumore. Si chiama anche stadio localizzato o localmente avanzato.
Stadio IVB: il tumore si diffonde agli organi distanti.
Questo è noto come stadio metastatico.


 

Opzioni di trattamento del tumore al pancreas allo stadio IV

I metodi di trattamento sono simili ad altri tipi di cancro. In base alla stadiazione e alla localizzazione tumorale, il medico può consigliare delle adeguate procedure chirurgiche per la terapia. Tuttavia, raramente il carcinoma pancreatico allo stadio finale è operabile. Piuttosto, si effettuano la chemioterapia e le iniezioni endovenose per alleviare il dolore e allungare il periodo di sopravvivenza dei pazienti.
I pazienti possono subire degli interventi chirurgici palliativi e il medico cerca d’alleviare i sintomi dell’ittero, dolore, nausea e vomito causati dall’ostruzione dei dotti biliari.

La chirurgia palliativa comprende:

  • Bypass biliare: se il tumore ostruisce il dotto biliare e si accumula la bile nella cistifellea, il medico incide la colecisti o il dotto biliare e li collega all’intestino tenue. Questo genera un nuovo percorso per il flusso dei succhi biliari intorno alla zona bloccata.
  • Posizionamento endoscopico dello stent: attraverso il catetere s’inserisce lo stent per drenare la bile fuori dal corpo oppure nell’intestino tenue.
  • Bypass gastrico: se il tumore blocca il flusso del cibo a livello gastrico, il medico collega lo stomaco direttamente all’intestino tenue per consentire al paziente di mangiare normalmente.


 

Diagnosi del tumore al pancreasTumore al pancreas

Il medico deve visitare il paziente e controllare l’addome, in caso di dubbi prescrive gli esami strumentali.
Il primo esame proposto è l’ecografia che mostra un immagine compatibile con un tumore o un ostruzione nel pancreas.
L’ecografia endoscopica si effettua con un endoscopio che si inserisce dalla gola fino all’intestino. Qui la sonda riesce a vedere meglio l’interno dell’addome.
La TAC è un esame accurato per vedere le dimensioni del tumore e l’interferenza con le strutture vicine.
Il medico prescrive la colangiografia in caso di ittero per valutare se c’è un ostruzione delle vie biliari.


 

Terapia del tumore al pancreas

La terapia dipende dalla localizzazione e dallo stadio del tumore. Si stabiliscono le opzioni di trattamento in base all’età della persona interessata, stato di salute e preferenze personali.
Le opzioni comprendono l’operazione chirurgica, la chemioterapia e la radioterapia.
Si consiglia l’intervento chirurgico per rimuovere una parte del pancreas o l’intero organo.
Questo si esegue per asportare i tumori nella testa pancreatica (pancreatoduodenectomia), nella coda e nel corpo (pancreatectomia distale). Tuttavia se il tumore si diffonde ad altri organi, ai vasi sanguigni o ai linfonodi, l’operazione chirurgica non rappresenta la scelta giusta.
In questo caso si può optare per la chemioterapia o la radioterapia.
Smettere di fumare, mantenere un peso corporeo sano, l’esercizio fisico regolare e seguire una dieta sana sono alcuni modi per prevenire questa malattia.


 

Dieta e alimentazione per il tumore al pancreas

L’unico rimedio naturale possibile è seguire le linee guida della dieta per il tumore, è fondamentale evitare i cibi che rendono acido il sangue e permettono la crescita e diffusione del cancro.
La dieta vegana è la più indicata perché comprende frutta, verdura, legumi, noci, semi, e altri prodotti vegetali naturali.
Si consiglia di evitare le proteine animali e tutti i prodotti trasformati dall’uomo (per esempio i dolci confezionati) perché sono dannosi per il corpo.

Terapie alternative
Tra le cure alternative c’era il metodo di Bella che consiste nella somministrazione di:

  • Somatostatina,
  • Melatonina,
  • Bromocriptina,
  • Ciclofosfamide o idrossiurea,
  • Vitamine,
  • Ormoni.

Questo trattamento non ha avuto dei buoni risultati e quindi non è sostenuto dal ministero della salute.


 

Qual è l’aspettativa di vita? La prognosi del paziente con tumore al pancreas

massa tumore,addome,pancreasStadiazione e statistiche sulla sopravvivenza in caso di tumore al pancreas

 

 

  • Stadio 1: durante la prima fase si forma un tumore molto piccolo, che occupa solo un’area limitata del pancreas.
    È possibile rimuovere chirurgicamente il tumore; quindi questa fase ha un alto tasso di sopravvivenza.
    C’è una buona probabilità di sopravvivere almeno cinque anni, ma è possibile una recidiva.
    Il tasso di sopravvivenza aumenta in modo significativo se il paziente si sottopone all’intervento chirurgico in questa fase, altrimenti il decorso è un peggioramento progressivo.
    Dopo l’operazione, quasi il 20% delle persone sopravvive fino a cinque anni (invece del 10%).
  • Stadio 2: durante questa fase la neoplasia pancreatica è operabile perché la massa tumorale in crescita è ancora confinata al pancreas.
    Le cellule cancerose si possono diffondere ai linfonodi circostanti.
    L’asportazione del tumore e dei linfonodi è ancora un’opzione disponibile. In questa fase è stato osservato che solo il 20% delle persone con diagnosi di cancro pancreatico sopravvive più di un anno.
    Secondo gli studi disponibili dell’American Cancer Society, meno del 5% delle persone con diagnosi di tumore al pancreas vive per cinque anni.
  • Stadio 3: durante la terza fase, la malattia si diffonde ai linfonodi circostanti e ai vasi sanguigni.
    Questo si definisce tumore localmente avanzato che si può ancora asportare insieme ai linfonodi circostanti, ma non può essere completamente rimosso dal corpo.
  • Stadio 4: la fase 4 è quella terminale si raggiunge rapidamente.
    Il cancro si diffonde in tutto il corpo e nelle ossa attraverso il flusso sanguigno.
    L’ultimo stadio tumorale è inoperabile e il medico cerca di ridurre al minimo il dolore.
    La mortalità in caso di tumore al pancreas al quarto stadio è molto alta.
    La speranza di vita dalla diagnosi è di circa 3-6 mesi, ma la sopravvivenza può essere solo un paio di giorni.

In generale il tasso di sopravvivenza del tumore al pancreas è molto basso, solo un anno in media. Siccome non è possibile rilevare il cancro nella fase precoce, cresce velocemente e si diffonde in tutto il corpo.
Questi tassi di sopravvivenza si basano sui grandi gruppi di persone e non possono essere utilizzati per prevedere cosa accade a un paziente particolare.