Puntura della zanzara

Le zanzare sono degli insetti che si nutrono di sangue.

INDICE


Quando una zanzara punge una persona malata si può infettare.
Se dopo pungono degli altri individui possono trasmettere l’infezione.

Per questo motivo rappresentano un fattore di rischio per il contagio delle malattie nelle aree del mondo dove sono maggiormente diffusi alcuni virus e parassiti.

 

Perché le punture di zanzara prudono?

I morsi di zanzara possono esasperare la gente per una ragione semplice: causano prurito.
Quando una zanzara punge, penetra nella pelle e attrae il sangue con la bocca (o tromba) seghettata e appuntita.
Inoltre, la zanzara inietta la sua saliva che contiene un anticoagulante. Questa sostanza impedisce la coagulazione del sangue intorno alla proboscide perché questo fenomeno potrebbe intrappolare l’insetto.
Solo le zanzare femmina pungono perché necessitano di sostanze nutritive contenute nel sangue umano per produrre le uova.
Il sistema immunitario riconosce le proteine nella saliva della zanzara come sostanze estranee e scatena un attacco. Secondo Jonathan Day, professore di entomologia medica presso l’Università della Florida a Vero Beach, la reazione immunitaria consiste anche nel rilascio di istamina.
La reazione dell’istamina provoca il prurito, succede la stessa cosa quando il polline entra negli occhi e sentiamo il bisogno di grattarci.
L’istamina provoca anche che la dilatazione dei vasi sanguigni, le conseguenza sono:

  • Il gonfiore,
  • Il pomfo intorno al morso.

Non tutti reagiscono alle zanzare con un’eruzione cutanea pruriginosa.
Alcuni adulti:

  • Non hanno una reazione,
  • Possono non notare nemmeno la puntura.

Il professo Day aggiunge: con il tempo, molte persone sviluppano una tolleranza alle punture di zanzara.
La maggior parte degli adulti:

  • Si abituano alle zanzare,
  • Reagiscono in maniera più lieve rispetto a quano erano bambini.

Tuttavia, se viaggiano e incontrano nuove specie di zanzara, la puntura può provocare la stessa reazione che si verificava quando erano bambini.

 

Tipi di zanzara


Le zanzare più diffuse sono:

 

Zanzara Culex o zanzara comune

  • Di colore bruno-chiaro,
  • è lunga 5-7 mm,
  • Presente in estate,
  • Punge soprattutto all’alba, al tramonto e la notte;
  • Si trova spesso nelle acque stagnati o in zone umide ombreggiate (sotto gli alberi).

Queste zanzare possono trasmettere il virus del Nilo occidentale o febbre West Nile, nelle aree dove è diffusa la malattia.

 

Zanzara Anofele

La zanzara Anofele o zanzara della malaria si riconosce da:

  • Il colore bruno scuro,
  • Ha le ali macchiate di bianco e nero,
  • Vive nelle zone paludose;
  • Presente in estate,
  • Punge soprattutto al tramonto e durante la notte;
  • Diffusa soprattutto in: Africa, America Latina, Asia meridionale;

Questa zanzare è il principale vettore della malaria

 

Zanzara tigre (Aedes albopictus)

La zanzara tigre appartiene a questa famiglia e si può riconoscere da:

  • Il colore nero con macchie e strisce bianche sul corpo e sulle zampe;
  • Le dimensioni vanno dai 4 ai 10mm;
  • È presente dalla primavera fino agli inizi dell’inverno e possono deporre delle uova che sopravvivono anche in inverno nei freddi climi temperati.

La zanzara tigre si riproduce nei ristagni di acqua, anche minori es. i sottovasi delle piante.
È diffusa soprattutto in Africa, America Latina, Asia meridionale ma è presente anche in Europa.

La zanzara tigre punge nelle ore fresche del giorno:

  • Al mattino presto,
  • Al tramonto.

Secondo la “European Environmental Agency”, la zanzara tigre è un vettore per 20 malattie, tra cui:

Anche se i ricercatori non sanno quante malattie possono essere trasmesse dalla zanzara infetta, è trato dimostrato che può trasmettere due malattie:

  • Dengue,
  • Chikungunya.

 

Sintomi delle punture di zanzara

puntura-zanzara-bozzoDi solito,  le punture delle zanzare comuni nere non provocano dolore, ma solo prurito.
La puntura provoca una reazione cutanea con delle bolle o delle eruzioni cutanee che causano:

  • Rossore
  • Prurito intorno all’area della puntura.

 

Sintomi della puntura di zanzara tigre
In base ad uno studio scientifico in Spagna (1):

  • Il sintomo più frequente è un piccolo gonfiore (78%),
  • La parte del corpo più colpita sono le gambe (93%),
  • I bambini hanno un maggior numero di punture,
  • Le lesioni simili a vesciche sono più frequenti nelle donne,
  • Il prurito è molto intenso (65%), in particolare nelle donne (71%) e nei bambini (76%).

 

Sintomi della Chikungunya

Il paziente può sviluppare sintomi a livello cutaneo e delle mucose:

Inoltre, la Chikungunya provoca dei sintomi articolari, tra cui gonfiore e artrite a livello di:

Può essere colpita l’articolazione di un solo lato del corpo.
La Chikungunya causa frequentemente anche la tenosinovite acuta.
Raramente si forma la cisti di Baker.

Sintomi della febbre Dengue
Secondo la CDC (Centers for Disease Control and Prevention) americana, tra i sintomi ci sono la febbre alta e almeno due tra i seguenti:

Generalmente, il paziente migliora in 10-12 giorni, ma in certi casi può peggiorare e si può verificare una complicazione: la dengue grave.

 

Dopo quanto tempo spariscono i sintomi?

Se la persona non si gratta, la bolla si riduce entro 15 minuti dalla puntura, ma per scomparire completamente può essere necessario un giorno o due.

 

Cosa mettere? Rimedi naturali per le punture di zanzara  


Cipolla tritata o aglio
La cipolla e l’aglio aiutano a ridurre il gonfiore e il prurito causato dalle punture di zanzara.
Inoltre, il loro forte odore respinge insetti e zanzare.

  1. Strofinare la cipolla tritata o l’aglio direttamente sulla zona interessata.
  2. Aspettare 5 minuti,
  3. Lavare la pelle.

Alcool
L’alcool è un antibatterico che può essere utilizzato per alleviare l’irritazione causata da punture di zanzara e ridurre la possibilità di sviluppare un’infezione.

  • Versare una piccola quantità di alcool su un batuffolo di cotone,
  • Strofinare sulla pelle interessata.

Inizialmente potrebbe pungere un po’, ma dopo poco tempo riduce il prurito e il gonfiore.
Se in casa manca l’alcool si può usare l’aceto.

Dentifricio
Il dentifricio può ridurre molto il prurito causato dalle punture di zanzara.
Basta mettere un po’ di dentifricio sull’area interessata.

Per ottenere risultati più veloci e migliori, utilizzare il dentifricio con degli ingredienti antinfiammatori, come:

Non utilizzare il gel dentifricio.

Ghiaccio
La temperatura fredda provoca vasocostrizione e quindi limita l’arrivo di sostanze infiammatorie a livello della pelle morsa.
Inoltre dà sollievo immediato.

È importante applicare il ghiaccio correttamente, il freddo eccessivo causa l’effetto contrario.

  • Avvolvere alcuni cubetti di ghiaccio in un asciugamano,
  • Appoggiare sulla zona interessata,
  • Aspettare circa 10 a 15 minuti.

Se il ghiaccio non è disponibile, tenere la zona interessata:

  • In una bacinella di acqua fresca (per esempio i piedi o le mani),
  • Sotto un getto d’acqua fresca.

Limone
Il limone ha proprietà anti-infiammatorie e anestetiche naturali, quindi può essere molto utile nel trattamento delle punture di zanzara.

  • Tagliare un limone in due parti,
  • Strofinare una metà contro la pelle che prude per avere un rapido sollievo.
  • Applicare il succo di limone sulle punture per ridurre la probabilità di sviluppare un’infezione.

 

Prevenzione per le punture di zanzara e altri insetti


Ci sono tanti prodotti per la prevenzione delle punture di insetti, per esempio i repellenti per insetti sotto forma di pomata o crema come l’Off oppure gli insetticidi.
In base alla mia esperienza nei paesi tropicali, è possibile proteggersi dalle zanzare senza l’uso di prodotti chimici che possono essere nocivi anche per l’uomo.

Si può preparare un repellente naturale composto da:

  1. Citronella,
  2. Tea tree oil,
  3. Aloe vera.

Questi oli possono essere applicati direttamente sulla pelle.
Tuttavia, alcune persone sono allergiche alla citronella o sviluppano delle reazioni cutanee quando spalmano il tea tree oil.

 

10 consigli per tenere lontane le zanzare e gli altri insetti

Le zanzare sono attratte dalle acque stagnanti, dalla luce e dagli oggetti scuri, quindi si consiglia:

  1. Tenere la casa asciutta, anche il bagno;
  2. Non lasciare secchi o bottiglie aperte in casa;
  3. Buttare la spazzatura all’esterno tutte le sere prima di andare a letto;
  4. Spegnere la luce prima di aprire la porta per uscire;
  5. Quando si chiudono le finestre o gli scuri, se bisogna alzare o togliere le zanzariere, è meglio dare dei colpetti con le mani sulla rete per allontanare gli insetti;
  6. Non usare asciugamani o vestiti scuri perché le zanzare si nascondono dietro a questi teli.

Come difendersi dalle zanzare?

7. Negli ambienti chiusi si può utilizzare un ventilatore per limitare le punture d’insetti. L’aria che sposta il ventilatore disturba il volo degli insetti e in questo modo non pungono.
8. Utilizzare una lampada fulmina zanzare con le ventole nella parte posteriore, quando la zanzara si avvicina alla luce, le ventole la spingono l’insetto verso la lampada e non permettono che si allontani. Ci sono modelli più economici senza le ventole, ma non altrettanto efficaci.

ammazza-zanzare-elettrico

9. Chiudere le fessure nelle porte e nelle finestre,
10. Si consiglia di utilizzare delle zanzariere. Nelle zone tropicali, le zanzare possono pungere anche nel tardo pomeriggio e la mattina presto, anche se non è buio.

Online molti parlano della trappola per le zanzare con la bottiglia, tuttavia ho provato questo metodo diverse volte e non ha mai funzionato.

 

Bibliografia:

(1) Curcó N1, Giménez N, Serra M, Ripoll A, García M, Vives P. Servicio de Dermatología, Ospedale Mútua de Terrasa, Barcellona, ​​Spagna.
(2) Bandyopadhyay D, Ghosh SK. Mucocutaneous features of Chikungunya fever: a study from an outbreak in West Bengal, India. Int J Dermatol. 2008;47:1148–52.