Sintomi dell’ipertiroidismo

INDICE


L’ipertiroidismo (o iperattività della tiroide) è una malattia in cui la ghiandola tiroide produce troppi ormoni tiroidei: T3 triiodiotironina e T4 tiroxina.
I valori ormonali di T3 e T4 nel sangue sono influenzati dal TSH che è un ormone prodotto dall’ipofisi (o ghiandola pituitaria).

I valori normali (di riferimento) di questi ormoni sono:

  • TSH: tra 0.3 e 5.5 mIU/L
  • Triiodotironina totale (T3) is 80-220 ng/dL
  • Triiodotironina libera (FT3) in adults is 260-480 pg/dL
  • Tiroxina libera (FT4) 0,7 – 1,8 ng/dL
  • Tiroxina totale (T4) 4 – 12,3 μg/dL

L’ipertiroidismo può accelerare notevolmente il metabolismo del corpo, causando alcuni sintomi come un improvvisa perdita di peso, un battito cardiaco veloce o irregolare, sudorazione, nervosismo o irritabilità.

Che cos’è la tiroide?

La tiroide è una ghiandola a forma di farfalla, è lunga 5 cm e pesa meno di 30 grammi.
È situata nella parte anteriore del collo sotto la laringe e ha due lobi, uno su ciascun lato della trachea.
La tiroide è una delle ghiandole che compongono il sistema endocrino. Le ghiandole del sistema endocrino producono, immagazzinano e rilasciano gli ormoni nella circolazione sanguigna.
Gli ormoni poi viaggiano in tutto il corpo e dirigono l’attività delle cellule del corpo.
La ghiandola tiroidea produce due ormoni tiroidei, triiodotironina (T3) e tiroxina (T4).
Il T3 è derivato dal T4 ed è l’ormone più attivo perché influenza direttamente i tessuti.
Gli ormoni tiroidei influenzano il metabolismo, lo sviluppo del cervello, respirazione, cuore, sistema nervoso, temperatura corporea, forza muscolare, secchezza della pelle, ciclo mestruale, peso e livelli di colesterolo.

La produzione degli ormoni tiroidei T3 e T4 è regolata dall’ormone TSH che è prodotto dall’ipofisi nel cervello. Quando i livelli dell’ormone tiroideo nel sangue sono bassi, l’ipofisi rilascia più TSH. Quando i livelli dell’ormone tiroideo sono elevati, l’ipofisi risponde riducendo la produzione di TSH.

Classificazione dell’ipertiroidismo

  1. L’ipertiroidismo primario è il termine usato quando la patologia origina all’interno della ghiandola tiroide.
  2. Ipertiroidismo secondario significa che la ghiandola tiroide è stimolata da un eccesso di ormone tireostimolante (TSH) nella circolazione sanguigna.

L’ipertiroidismo può essere:

  1. Evidente se è completamente sviluppato e i sintomi sono quelli tipici della malattia;
  2. Ipertiroidismo subclinico se i sintomi sono lievi o aspecifici e non sono riconducibili ad una disfunzione della tiroide.

Fattori di rischio dell’ipertiroidismo

L’ipertiroidismo, specialmente il morbo di Basedow, è ereditario ed è più comune nelle donne rispetto agli uomini.
Se un altro membro della famiglia ha una malattia della tiroide, parlare con il medico per sapere cosa può significare per la salute e se lui o lei ha qualche raccomandazione per tenere sotto controllo la funzionalità tiroidea.

Tiroide,anatomia,vasi sanguigniQuali sono le cause dell’ipertiroidismo?

L’ipertiroidismo ha diverse cause, tra cui:

  • Morbo di Basedow,
  • Noduli alla tiroide,
  • Tiroidite, o infiammazione della tiroide,
  • Consumare troppo iodio,
  • Prendere troppi ormoni tiroidei sintetici, di solito si assumono per trattare l’ipotiroidismo, ad esempio medicine come l’eutirox.

Raramente, l’ipertiroidismo è causato da un adenoma ipofisario, che è un tumore non canceroso della ghiandola pituitaria. In questo caso, l’ipertiroidismo è dovuto a troppo TSH.

 

Morbo di Basedow – Graves

Il morbo di Basedow – Graves, conosciuto anche come gozzo diffuso tossico, è la causa più comune di ipertiroidismo negli adulti, nei giovani e nei bambini.
Il morbo di Basedow è una malattia autoimmune.
Normalmente, il sistema immunitario protegge il corpo dalle infezioni individuando e distruggendo i batteri, virus e altre sostanze estranee potenzialmente dannose.
Ma nelle malattie autoimmuni, il sistema immunitario attacca le cellule del corpo e gli organi.
Con il morbo di Graves, il sistema immunitario produce degli anticorpi chiamati immunoglobuline stimolanti la tiroide (TSI) che si attaccano alla membrana esterna delle cellule della tiroide. La TSI agisce come il TSH e stimola la tiroide per produrre gli ormoni tiroidei.

 

Noduli tiroidei

I noduli tiroidei, chiamati anche adenomi, sono delle masse che si formano nella tiroide.
I noduli alla tiroide sono frequenti e di solito non tumorali. Circa il 5% della popolazione degli Stati Uniti li ha.
Tuttavia, i noduli possono diventare iperattivi e produrre troppi ormoni tiroidei.
Un singolo nodulo iperattivo è chiamato adenoma tossico. I noduli multipli iperattivi sono chiamati gozzo multinodulare tossico.
Spesso si trovano negli anziani.
I noduli tiroidei maligni possono causare alterazioni della voce, linfonodi ingrossati e nei casi più gravi provocano difficoltà a deglutire.

 

Tiroidite

La tiroidite è un’infiammazione della tiroide che causa la fuoriuscita degli ormoni tiroidei contenuti nella ghiandola tiroide. In un primo momento, la perdita genera livelli alti di ormoni nel sangue che portano all’ipertiroidismo per 1 o 2 mesi.
La maggior parte delle persone poi sviluppano l’ipotiroidismo, cioè i livelli dell’ormone tiroideo diventano troppo bassi prima che la tiroide guarisca completamente.

Diversi tipi di tiroidite possono causare ipertiroidismo seguito da ipotiroidismo:

1. Tiroidite subacuta. Questa malattia provoca un’infiammazione dolorosa e la tiroide ingrossata.
Gli esperti non sono sicuri della causa della tiroidite subacuta, ma può essere collegata ad un’infezione virale o batterica. La malattia solitamente va via da sola in pochi mesi.

2. Tiroidite postpartum. Questo tipo di tiroidite si sviluppa dopo che una donna partorisce.

3. Tiroidite Silente. Questo tipo di tiroidite è chiamato “silenzioso” perché è indolore, come la tiroidite postpartum, anche se la tiroide può essere ingrossata. Come la tiroidite postpartum, quella silente è probabilmente una malattia autoimmune e a volte evolve in una condizione di ipotiroidismo permanente.

Sintomi dell'ipertiroidismo
Sintomi dell’ipertiroidismo

Troppo iodio nella dieta

La tiroide utilizza lo iodio per produrre gli ormoni, quindi la quantità di iodio ingerita influenza la quantità di ormone tiroideo.
Alcune persone che consumano grandi quantità di iodio possono avere un eccesso di secrezioni di ormoni tiroidei.
In alcuni farmaci sono contenute significative quantità di iodio, per esempio l’amiodarone che è usato per trattare problemi di cuore oppure negli integratori che contengono le alghe.
Alcuni sciroppi per la tosse contengono grandi quantità di iodio.
Quale sale mangiare? Si consiglia un sale con un basso contenuto di iodio, in ogni caso è meglio ridurre più possibile questo alimento nell’alimentazione.

La gente pensa di non poter andare al mare se soffre di ipertiroidismo perché rischia di respirare lo iodio, in realtà quello che conta è avere poco iodio nell’alimentazione.

 

Eccesso di medicinali con gli ormoni tiroidei sintetici

Alcune persone che prendono ormoni tiroidei sintetici se sono in cura per l’ipotiroidismo, ma possono esagerare. Le persone che prendono gli ormoni tiroidei sintetici dovrebbero vedere il medico almeno una volta all’anno per controllare i livelli di ormoni tiroidei controllati e seguire le istruzioni del medico per il dosaggio.
Alcuni altri farmaci possono interagire con gli ormoni tiroidei sintetici per aumentare i livelli di ormoni nel sangue.
Le persone che assumono gli ormoni tiroidei sintetici dovrebbero chiedere al medico le interazioni quando si inizia a prendere dei nuovi farmaci.

Quali sono i sintomi dell’ipertiroidismo manifesto?

  • Essere inquieto, nervoso, emotivo, irritabile e di cattivo umore
  • Stress  e ansia
  • Aver bisogno di essere sempre in movimento
  • Insonnia
  • Tremore delle mani
  • Perdita di peso nonostante un aumento dell’appetito
  • Palpitazioni
  • Sudorazione, un’avversione verso il calore e un aumento della sete. Alcuni pazienti non sentono il freddo in inverno e riescono a stare in maglietta a maniche corte anche a 10° di temperatura esterna
  • Diarrea o dover andare in bagno per evacuare più spesso del normale
  • Problemi come il diradamento dei capelli e il prurito
  • Unghie fragili
  • Alterazioni del ciclo mestruale – le mestruazioni possono diventare molto lievi o poco frequenti, addirittura in certi casi si possono interrompere completamente (amenorrea) anche se la donna non è in menopausa
  • La stanchezza e la debolezza muscolare sono spesso riportati dai pazienti
  • Difficoltà di concentrazione
  • Calo della memoria
  • Può verificarsi un gonfiore della tiroide (un gozzo) nel collo
  • Problemi di vista se si soffre del Morbo di Basedow
  • Occhi sporgenti
  • Riduzione della fertilità femminile e maschile oltre al calo della libido (desiderio sessuale)
  • L’ipertiroidismo potrebbe far dimagrire perché il metabolismo corporeo diventa più rapido
  • Gli ormoni tiroidei possono causare un aumento della glicemia perché favoriscono la glicolisi, quindi aumenta il rischio di avere il diabete
  • Ipercalcemia (aumento dei valori del calcio nel sangue)

La maggior parte delle persone con ipertiroidismo non ha tutti i sintomi, ma una combinazione di almeno due di questi è frequente.
I sintomi si sviluppano lentamente, di solito in parecchie settimane, se l’ipertiroidismo è moderato o grave.
Tutti i sintomi possono essere causati da altre malattie e quindi la diagnosi può non essere evidente all’inizio.
I sintomi possono essere lievi nella prima fase, ma diventano peggiori quando il livello di tiroxina nel sangue aumenta gradualmente.

Gozzo,ipertiroidismo,tiroide ingrossataPossibili complicanze o conseguenze dell’ipertiroidismo

L’ipertiroidismo non curato può causare le seguenti conseguenze:

  • Un maggior rischio di sviluppare problemi cardiaci gravi come un’aritmia del cuorem, fibrillazione atriale, un cuore debole (cardiomiopatia), angina o insufficienza cardiaca.
  • Chi è incinta ha un maggior rischio di sviluppare alcune complicazioni della gravidanza.
  • C’è un aumento del rischio di avere ossa fragili (osteoporosi)

Con il trattamento, le prospettive sono buone. Con il successo del trattamento, la maggior parte dei sintomi e i rischi di complicazioni se ne vanno.


Ipertiroidismo in gravidanza
Durante la gravidanza, l’ipertiroidismo è causato solitamente dalla malattia di Graves e si verifica in una donna ogni 500 gravidanze.
L’ipertiroidismo non controllato aumenta la possibilità di aborto spontaneo, parto pretermine e preeclampsia, cioè un pericoloso aumento della pressione sanguigna nella gravidanza ritardata.
L’ipertiroidismo in un neonato può causare:

  • Un’accelerazione della frequenza cardiaca (tachicardia) che può portare all’insufficienza cardiaca;
  • Chiusura anticipata delle suture del cranio (articolazioni tra le ossa craniali);
  • Scarso aumento di peso;
  • Irritabilità;
  • A volte un’ingrossamento della tiroide che può premere contro la trachea e interferire con la respirazione.

Le donne con il morbo di Basedow e i loro neonati devono essere seguiti dal medico.
Le donne con ipertiroidismo dovrebbero parlare della malattia con il medico prima di rimanere incinta.
I sintomi di ipertiroidismo possono essere difficili da valutare durante la gravidanza.
Normalmente, la ghiandola tiroidea diventa più grande nelle donne sane quando sono incinte.
Alcuni segni di ipertiroidismo sono:

Tiroidite post-partum

Questa infiammazione della tiroide colpisce circa il 5-10 per cento delle donne nel primo anno dopo il parto.
La tiroidite post-partum spesso provoca ipertiroidismo che di solito dura da 1 a 2 mesi e si ritiene che si tratti di una malattia autoimmune.
Questa malattia probabilmente si ripete con le gravidanze future.
La tiroidite postpartum a volte non è diagnosticata perché i sintomi sono scambiati per depressione post partum, cioè la stanchezza e il malumore che a volte seguono la nascita del neonato.

Se i sintomi di affaticamento non vanno via entro pochi mesi o una donna sviluppa la depressione post-partum, lei dovrebbe parlare con il medico.
La donna potrebbe aver sviluppato una malattia permanente della tiroide e può aver bisogno di prendere i farmaci.

 

Leggi anche: La terapia per l’ipertiroidismo