Epatite C – sintomi e contagio

INDICE

Secondo la medicina tradizionale, l’epatite C è un’infezione provocata da un virus che attacca il fegato e causa un’infiammazione.

Fasi dell’infezione
L’epatite C acuta è la malattia nei primi sei mesi.

La malattia può variare da un lieve disturbo che dura poche settimane a una malattia grave e permanente che può portare alla cirrosi epatica o al tumore al fegato.
Secondo la teoria dell’igiene naturale di Shelton e Lezaeta, i microbi non causano le malattie, il problema è la cattiva alimentazione, la putrefazione dei cibi nell’intestino e i problemi di eliminazione delle tossine che causano intossicazione intestinale.

Epatite C
Epatite C

Circa una persona su quattro sconfigge l’infezione e si libera dal virus (il test è negativizzato) senza farmaci.
I giovani e le donne hanno più probabilità di guarire.
Nelle restanti tre persone su quattro, il virus rimane nel corpo per molti anni e diventa epatite C cronica.

In base ad altri fattori di rischio, come il consumo di alcol, tra il 10% e il 40% delle persone con epatite C cronica non curata sviluppa la cirrosi, di solito fino a venti anni dopo la diagnosi di epatite C.
Circa una persona con cirrosi su cinque avrà l’insufficienza epatica, mentre 1 su 20 sviluppa il cancro del fegato.

Non esiste un vaccino per l’epatite C, a differenza dell’epatite B.

I genotipi principali dell’epatite C (noti anche come “sottotipi”) sono conosciuti semplicemente come:

  1. Genotipo 1
  2. Genotipo 2
  3. Genotipo 3
  4. Genotipo 4
  5. Genotipo 5
  6. Genotipo 6.

Dei diversi genotipi dell’epatite C, il genotipo 1 è il tipo più frequente, tra il 70 e il 90% degli americani con epatite C ha questo genotipo.

 

Come si trasmette? Chi ha un maggior rischio di contagio da epatite C?

  • Chi ha assunto dei farmaci tramite un’iniezione
  • Chi ha avuto una trasfusione di sangue o un trapianto d’organo prima del 1990
  • In passato succedeva anche dal dentista, ora con la sterelizzazione dopo ogni paziente non si verifica
  • Chi è stato in prigione

 

Fattori di rischio moderato per l’epatite C:

  • Avere tatuaggi o piercing
  • Avere più partner sessuali
  • Avere un’infezione a trasmissione sessuale, compresi HIV, Epatite B o linfogranuloma venereo
  • Aver avuto rapporti sessuali violenti o con giocattoli sessuali che possono lesionare i tessuti corporei
  • Avere rapporti sessuali vaginali durante il ciclo mestruale
  • Fare l’emodialisi
  • Subire una ferita accidentale da un ago o siringa
  • Una lesione cutanea dal barbiere mentre taglia la barba
  • C’è un piccolo rischio di contrarre il virus con la condivisione di spazzolini da denti, rasoi e altri oggetti contaminati con sangue infetto
  • Neonati con una madre infetta da epatite C
  • Avere un partner sessuale infetto da epatite C
  • In gravidanza, la trasmissione dalla mamma al bambino si verifica raramente, meno del 5% dei casi. Bisogna aspettare almeno 18 mesi prima di effettuare le analisi del sangue al bimbo.

Il virus può vivere fuori dal corpo fino a quattro giorni

L’Epatite C non è trasmessa da persona a persona in questi casi:

  • Tosse, starnuti
  • Toccare o stringere la mano a una persona infetta
  • Condivisione di cibo, bevande o mangiare con le stesse posate
  • Utilizzando sedili del bagno
  • Con la saliva, per esempio un bacio profondo o un abbraccio
  • Bere con lo stesso bicchiere
  • L’allattamento al seno a meno che i capezzoli sono screpolato e sanguinanti
  • I rapporti sessuali orali, tranne se è presente del sangue

 

Sintomi dell’epatite C in base allo stadio della malattia


Fase acuta
La fase acuta dura per i primi sei mesi. Nelle fasi iniziali, la maggior parte delle persone sono senza sintomi (asintomatici) o questi sono lievi.
I sintomi compaiono dopo un periodo di incubazione che va da 1 a 5 mesi dall’esposizione al virus e comprendono:

  • Sensazione di malessere
  • Vomito e nausea
  • Stanchezza
  • Alcune persone sviluppano l’ittero (colorito giallastro) a causa della bilirubina alta che è prodotta nel fegato

È raro avere sintomi gravi.

Fase cronica
La fase cronica dell’epatite C avviene quando l’infezione si protrae per più di sei mesi.
Il corso dell’infezione cronica varia molto tra le persone ed è imprevedibile.

Epatite C,fegato,cirrosi,fibrosiSintomi e conseguenze dell’infezione cronica:
Alcune persone non hanno sintomi o sono lievi, in ogni caso si può ancora trasmettere il virus dell’epatite C agli altri.
Alcune persone sviluppano alcuni sintomi a causa della persistente infiammazione del fegato.
I sintomi più frequenti di epatite cronica C sono:

1. Malessere,
2. Perdita di appetito,
3. Intolleranza all’alcool,
4. Dolore al fianco destro,
5. Ittero (pelle e occhi gialli)
6. Estrema stanchezza,
7. Scarsa concentrazione e perdita di memoria,
8. Dolori muscolari e articolari.
In realtà non esiste una relazione tra la gravità dei sintomi e il grado del danno epatico.
Questo significa che alcune persone possono avere l’infiammazione del fegato senza avere alcun sintomo.
Circa un terzo delle persone con infezione da epatite C cronica sviluppa la cirrosi in un periodo di circa 20-30 anni.
La cirrosi è come una fibrosi del fegato che può causare problemi gravi e ‘insufficienza epatica’ quando è grave. Alcune persone con epatite C cronica non hanno sintomi per molti anni fino a quando si sviluppa la cirrosi.
Alcune persone con la cirrosi possono sviluppare il cancro al fegato.

 

Diagnosi, quali esami servono?


Di solito ci sono solo due esami del sangue o analisi che devono essere fatti per determinare se si soffre di epatite C cronica.
Il primo test che il medico esegue si chiama test degli anticorpi anti-HCV, per vedere se il corpo ha sviluppato gli anticorpi contro il virus.
Un risultato positivo significa che il sangue è stato esposto al virus dell’epatite C e ha sviluppato gli anticorpi per combattere il virus.
Chi ha un test degli anticorpi positivo non significa che ha l’infezione da epatite C cronica, ma potrebbe essere un portatore sano.

Se il test per gli anticorpi dell’epatite C è positivo, il medico effettua un secondo test per vedere se è ancora presente il virus dell’epatite C nel corpo, inoltre il primo poteva essere un falso positivo.
A volte il test è borderline (zona grigia), cioè i valori sono appena sopra la norma, questo si può verificare se il paziente ha prodotto degli anticorpi per reagire ad altri tipi di infezione.
L’esame più  importante è il test per la carica virale (o test molecolare delle particelle virali HCV-RNA).
Se questo test è positivo, si soffre di epatite C cronica.
Non è necessaria una biopsia epatica per sapere se il paziente è infetto.

 

Come interpretare i risultati del test degli anticorpi per l’epatite C?

1. Un test degli anticorpi non reattivo o negativo significa che il paziente non è attualmente infettato con il virus dell’epatite C.

2. Un test anticorpale positivo o reattivo significa che una persona è stata infettata con il virus dell’epatite C in passato.
La maggior parte delle persone che prendono il virus rimangono infette e sviluppano l’epatite C cronica.
Quando una persone è stata infettata, ha gli anticorpi per l’epatite C nel sangue per tutta la vita.

I valori delle transaminasi nel sangue (Enzimi GOT e GTP) non sono sufficienti per capire se il fegato è infiammato e se il paziente soffre di Epatite C.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

AlphaOmega Captcha Classica  –  Enter Security Code