Emicrania con aura – sintomi

INDICE

L’emicrania è un forte mal di testa che si avverte nella parte anteriore della testa o su un solo lato.

Alcune persone hanno anche altri sintomi, come nausea e sensibilità alla luce (fotofobia).

L’emicrania è il risultato della combinazione di: aumento di volume dei vasi sanguigni cerebrali e rilascio di sostanze chimiche da parte dei nervi che si trovano intorno a questi vasi sanguigni.
Durante gli attacchi di mal di testa, l’arteria temporale che si trova sulla parte esterna del cranio appena sotto la pelle delle tempie si dilata in modo non pericoloso per la vita.
Questo provoca il rilascio di sostanze chimiche che causano infiammazione, dolore e ulteriore allargamento dell’arteria.
Non si può confondere l’emicrania con la cefalea muscolo-tensiva che è provocata dalla tensione della muscolatura.

Ci sono diversi tipi di emicrania

  • Emicrania con aura, avviene quando c’è un segnale di avvertimento, noto come aura, prima che inizi il mal di testa.Circa un terzo delle persone con emicrania hanno questi segni premonitori che possono essere: disturbi visivi (ad esempio luci lampeggianti), rigidità al collo, alle spalle o agli arti.
    Se il mal di testa è preceduto da strani fenomeni visivi si parla di emicrania oftalmica.
  • Emicrania senza aura.
  • Emicrania senza cefalea, anche nota come emicrania silente, si verifica quando c’è un’aura o altri sintomi dell’emicrania, ma non si sviluppa il mal di testa.

Questa cefalea affligge oltre 30 milioni di persone negli USA, le donne soffrono più frequentemente rispetto agli uomini (Circa il 75% dei soggetti con emicrania sono donne.). Spesso, l’emicrania non è trattata e diagnosticata, meno della metà delle persone con emicrania riceve la diagnosi dal medico.

Quando si verificano?
Tutti possono sentire l’emicrania in modo diverso.
Alcune persone hanno attacchi frequenti, fino a 4-5 volte la settimana, mentre altri soffrono di emicrania raramente.
Tra un attacco di cefalea e l’altro possono passare anche degli anni.
Alcune persone hanno notato che gli attacchi di emicrania sono associati a determinati fattori (“trigger”), che comprendono alcuni alimenti e lo stress.

Cause dell’emicrania con aura

Le cause esatte dell’emicrania sono sconosciute, ma sono correlate ai cambiamenti interni del cervello oltre alle cause genetiche.
Le persone che soffrono di emicrania possono ereditare la tendenza ad essere influenzati da alcuni “trigger” dell’emicrania, come affaticamento, luci, cambiamenti climatici e altri.
Per molti anni, i ricercatori pensavano che le emicranie erano causate all’espansione e restringimento dei vasi sanguigni sulla superficie del cervello.
Tuttavia, ora si ritiene che le emicranie sono causate da anomalie ereditarie in alcune aree del cervello.
C’è un “centro del dolore” o un generatore dell’emicrania nel cervello.
Un emicrania inizia quando le cellule nervose iperattive inviano impulsi ai vasi sanguigni, causando una vaso costrizione (restringimento), seguita dalla vaso dilatazione (espansione) e il rilascio di prostaglandine, serotonina e altre sostanze infiammatorie che causano il dolore.

 

Emicrania con aura,dolore

Quali sono le cause dell’emicrania?

Molte emicranie sembrano essere innescate da fattori esterni.

I possibili fattori scatenanti sono:
Stress emotivo. Questo è uno dei trigger più frequenti di mal di testa.
Gli emicranici sono molto influenzati da situazioni stressanti come sforzi fisici o mentali, per esempio stare molte ore concentrati al computer.
Quando accadono questi eventi, alcune sostanze chimiche nel cervello sono rilasciate per combattere la situazione difficile.
Il rilascio di queste sostanze chimiche può provocare alterazioni vascolari e quindi può causare un’emicrania.
Gli stati d’animo che accompagnano lo stress, come l’ansia, le preoccupazioni, l’entusiasmo e la fatica possono aumentare la tensione muscolare e la dilatazione dei vasi sanguigni può aggravare l’emicrania.

alcolici,alimenti,emicrania,mal,testa,cefalea,fattore,scatenante
Birra che può causare l’emicrania

La sensibilità ad alcune specifiche sostanze chimiche o conservanti negli alimenti. Alcuni cibi e bevande, come il formaggio stagionato, le bevande alcoliche e gli additivi alimentari come i nitrati (nei peperoni, hot dog e nella carne) possono essere responsabili di circa il 30% delle emicranie.

Caffeina. Il consumo eccessivo di caffeina può causare il mal di testa, può verificarsi anche in caso di astinenza.
I vasi sanguigni sembrano diventare ipersensibili a questa sostanza, e quando non si beve il caffè può verificarsi un emicrania.
La caffeina può essere utile nel trattamento degli attacchi di emicrania acuta.

Il cambiamento delle condizioni meteo. Quando sta per arrivare una tempesta, la modifica della pressione barometrica, un vento forte o un cambiamenti di altitudine possono provocare un emicrania.

Ciclo mestruale

Stanchezza eccessiva

Saltare i pasti

Cambiamenti nel ritmo del sonno normale.

 

Fattori di rischio dell’emicrania con aura

Diversi fattori possono favorire l’insorgenza di un emicrania.

Ereditarietà. Fino al 90 per cento delle persone con emicrania hanno una storia familiare di emicrania. Se uno o entrambi i genitori soffre di questo tipo di mal di testa, c’è una buona probabilità che ne soffra anche il figlio.

Età. L’emicrania può iniziare a qualsiasi età, anche se la maggior parte delle persone avverte la prima emicrania durante l’adolescenza. All’età di 40 anni, la maggior parte delle persone ha già avuto il primo attacco.

Genere. Le donne hanno tre volte più probabilità di sviluppare un emicrania.
I mal di testa tendono a colpire i ragazzi più delle ragazze durante l’infanzia, ma dopo la pubertà, le ragazze sono più colpite.

Cambiamenti ormonali. Di solito, una donna che soffre di emicrania nota che la cefalea si sente poco prima o poco dopo l’inizio delle mestruazioni. Durante la gravidanza o la menopausa questo tipo di comparsa dell’emicrania può cambiare.
Alcuni donne riferiscono che gli attacchi di emicrania sono peggiori durante il primo trimestre di gravidanza, anche se spesso, i sintomi sono minori durante le fasi successive della gravidanza.

 

Sintomi dell’emicrania con aura

L’emicrania spesso compare nell’infanzia, durante l’adolescenza o prima dei 30 anni.
L’emicrania può progredire in quattro fasi: prodromica, con aura, attacco e postdromica, anche se è possibile non riscontrare tutte le fasi.

1. Prodromo, uno o due giorni prima dell’inizio dell’emicrania, si possono notare dei segnali che indicano l’arrivo del mal di testa, tra cui:

2. Aura, la maggior parte delle persone sperimenta emicrania senza aura. L’aura è solitamente visiva, ma può essere anche un disturbi sensoriale, motorio o verbale.
In genere, ognuno di questi sintomi inizia gradualmente, poi rimane per un periodo da un quarto d’ora a mezz’ora circa.
Di seguito ci sono alcuni esempi di sintomi nella fase di Aura:

  • Fenomeni visivi, come vedere punti luminosi o lampi di luce
  • Perdita della vista
  • Sensazioni di spilli o aghi lungo il braccio o la gamba
  • Difficoltà a parlare
  • Raramente, un’aura può provocare debolezza o afasia.

3. Attacco, quando non è trattata l’emicrania dura da quattro ore a tre giorni, ma la frequenza con cui si verifica il mal di testa varia da persona a persona.
Un emicrania si può verificare diverse volte al mese o più raramente.
Durante un’emicrania, si possono avvertire alcuni dei seguenti sintomi:

  • Dolore su un lato della testa
  • Dolore pulsante o lancinante
  • Sensibilità alla luce, ai suoni e a volte agli odori
  • Nausea e vomito
  • Vista offuscata
  • Diarrea
  • Vertigini, a volte seguita da svenimento


4. Fase finale o postdromica, si verifica dopo un attacco di emicrania, quando si può sentire sonnolenza e stanchezza, anche se alcune persone riferiscono di avere una sensazione di lieve euforia.

Diagnosi dell’emicrania

Emicrania con aura - sintomi
Emicrania con aura – sintomi

Di solito, l’emicrania è diagnosticata quando sono presenti i sintomi descritti in precedenza. Generalmente, l’emicrania inizia nell’infanzia o da giovani.
Mentre l’emicrania può iniziare per la prima volta prima dei cinquanta anni, in età avanzata è più facile avere altri tipi di mal di testa.
Di solito c’è una storia familiare di emicrania, questo suggerisce una predisposizione genetica.
Di solito, l’esame clinico degli individui che soffrono di questo mal di testa è normale.
I pazienti che avvertono:

  • il primo mal di testa della vita,
  • il peggior mal di testa di sempre,
  • un cambiamento significativo delle caratteristiche della cefalea,
  • un’emicrania con sintomi del sistema nervoso come la perdita della vista o dell’udito,

necessitano di ulteriori esami per escludere malattie diverse dall’emicrania.

Gli esami che il medico può prescrivere sono: esami del sangue, TAC, Risonanza magnetica e una puntura lombare.
I criteri diagnostici per l’emicrania sono stati stabiliti dalla “International Headache Society”. Secondo questi criteri, al diagnosi di emicrania si fa quando un individuo ha avuto cinque o più episodi di mal di testa che dura da 4 ore a 3 giorni con almeno due delle seguenti caratteristiche:

  • unilaterale,
  • palpitante,
  • moderato o grave e peggiora con il movimento,

oltre a uno qualsiasi dei seguenti sintomi: nausea o vomito, fonofobia (ridotta tolleranza ai suoni) o fotofobia (ridotta tolleranza alla luce).