Cefalea a grappolo

INDICE

La cefalea a grappolo è una mal di testa di tipo primario caratterizzato da attacchi di dolore fortissimi su un lato della testa, tra la fronte e la nuca.

Quali sono le cause della cefalea a grappolo?

La causa è incerta, può essere che alcune parti del cervello iniziano a funzionare male per un motivo sconosciuto.

Cefalea a grappolo
Cefalea a grappolo

L’ipotalamo è un’area situata alla base del cervello responsabile dell’orologio biologico del corpo e può essere la fonte del mal di testa.
Le Risonanze magnetiche effettuate sui pazienti durante un attacco di cefalea a grappolo mostrano un attività anomala nell’ipotalamo.

Le caratteristiche del mal di testa a grappolo sono:

  • esiste una familiarità nello sviluppo di questo disturbo, questo suggerisce che ci può essere un componente genetico;
  • può essere innescato dai cambiamenti del ritmo sonno-veglia;
  • può essere provocato dai farmaci (ad esempio la nitroglicerina utilizzata per le malattie del cuore).
  • Se un individuo soffre frequentemente di mal di testa, il fumo di sigaretta, l’alcool e alcuni alimenti (per esempio il cioccolato) possono essere potenziali cause di mal di testa.


Sintomi della cefalea a grappolo

La cefalea a grappolo può durare settimane o mesi intervallati da periodi senza dolore di mesi o anni.
Durante il periodo in cui si verificano, il dolore è pulsante e si avverte una volta o due al giorno, ma alcuni pazienti possono sentirlo più di due volte al giorno.
Ogni episodio di dolore dura da 30 a 90 minuti.
Gli attacchi tendono a verificarsi circa alla stessa ora ogni giorno e spesso risvegliano il paziente di notte da un sonno profondo.
Il dolore è lancinante: di solito colpisce solo l’occhio e la zona circostante, ma si può irradiare a tutto il viso, alla testa e alla colonna cervicale.
L’occhio interessato può diventare rosso, gonfio e può lacrimare.
Il naso del lato affetto può colare ed essere congestionato.
A differenza dei pazienti con emicrania, quelli con cefalea a grappolo tendono ad essere inquieti.
Essi spesso camminano avanti e indietro, colpiscono il muro con la testa e possono essere portati a misure disperate.
La cefalea a grappolo è molto più comune negli uomini rispetto alle donne.

Diagnosi della cefalea a grappolo

Per fare la diagnosi di cefalea a grappolo bisogna controllare l’anamnesi del paziente. Di solito, la descrizione del dolore e la frequenza è sufficiente.
Se il paziente è nel mezzo di un attacco, si trova in una situazione critica per il dolore e può avere l’occhio e il naso che colano come descritto in precedenza.
Se il paziente è visitato dal medico quando il dolore non è presente, l’esame fisico è normale e la diagnosi dipende solo dall’anamnesi.

 

Cure per la cefalea a grappolo

La cefalea a grappolo può essere molto difficile da trattare, bisogna andare per tentativi per trovare il tipo di terapia più efficace. Poiché il mal di testa si ripete ogni giorno, ci sono due esigenze nel trattamento: il dolore causato dal primo episodio dovrebbe essere controllato, e i mal di testa successivi dovrebbero essere prevenuti.

La opzioni di trattamento iniziale consistono in:

  • l’inalazione di elevate concentrazioni di ossigeno (anche se questo non funzionerà se il mal di testa è ben consolidato).
  • L’iniezione di farmaci triptani, ad esempio, sumatriptan (Imitrex), zolmitriptan (Zomig) e rizatriptan (Maxalt e Rizaliv) che sono comunemente utilizzati anche per i trattamenti dell’emicrania.
  • L’infiltrazione di lidocaina, un anestetico locale direttamente nella narice;
  • Una puntura di diidroergotamina (DHE 45, Migranal) provoca vaso costrizione;
  • Si può somministrare la caffeina.

La prevenzione della prossima cefalea a grappolo si può fare con:

  • I calcio-antagonisti (ad esempio Verapamil, Diltiazem, Nifedipina, Nicardipina),
  • prednisone (Deltasone),
  • farmaci antidepressivi,
  • litio (litio carbonato),
  • Fenobarbital, acido valproico e il topiramato (spesso utilizzato per il controllo dell’epilessia)

Prevenzione della cefalea a grappolo

Gli episodi di cefalea a grappolo possono venire ad anni di distanza e non si può prevedere il mal di testa prima di un nuovo episodio, nessun farmaco giornaliero può garantirlo.


Cambiare stile di vita può aiutare a ridurre al minimo il rischio di una riacutizzazione di cefalea a grappolo.
Smettere di fumare e ridurre al minimo l’alcool può prevenire episodi futuri.