Valeriana per l’insonnia

La Valeriana è un’erba medicinale appartenente alla famiglia delle Valerianacee.


Valeriana,rilassamento,dormire,isonnia

La valeriana è usata per i disturbi del sonno, soprattutto l’incapacità di addormentarsi (insonnia). È spesso combinato con Luppolo, Melissa, biancospino o altre erbe che ne potenziano l’effetto rilassante.
La Valeriana Dispert è un prodotto in cui si concentra il principio attivo in una compressa, quindi è più potente.

 

Quando si consiglia la valeriana?

Un certo numero di studi suggerisce che la valeriana aiuta a curare l’insonnia. Garantisce una migliore qualità del sonno e un minor tempo necessario per addormentarsi.
Alcuni studi hanno dimostrato che può migliorare l’ansia, ma sono necessarie ricerche più approfondite.

Si può assumere la valeriana naturalmente dagli alimenti?
Non ci sono fonti alimentari naturali di valeriana. Alcuni produttori utilizzano la valeriana come aromatizzante negli alimenti e nelle bevande.

 

Come assumere la radice di valeriana:

La radice di valeriana è disponibile sotto forma di capsule, gocce, compresse o estratti liquidi.
Generalmente le dosi consigliate a seconda dei casi sono le seguenti.

Per la cura dell’insonnia sono possibili diversi trattamenti:
-400-900 mg di estratto di valeriana fino a 2 ore prima di coricarsi per la durata di 28 giorni,
-120 mg di estratto di valeriana, associato a 80 mg di Melissa 3 volte al giorno fino a 30 giorni,
-180 mg di estratto di luppolo associato a 40 mg di estratto di valeriana, 2 compresse prima di coricarsi per 28 giorni.
La valeriana deve essere assunta da 30 minuti a 2 ore prima di andare a dormire.

L’insalata di Valeriana utilizza un’erba diversa, quindi non bisogna confondere queste due sostanze con proprietà diverse.

 

Come funziona?
Valeriana sembra agire come un sedativo sul cervello e sistema nervoso.
Per ciò che concerne l’insonnia, prima di assumere il farmaco, sarebbe sempre meglio cercare di scoprire la causa. Una terapia cognitivo-comportamentale può essere più efficace e sicura rispetto a medicinali.

 

Quali sono gli effetti della valeriana?

L’indicazione più importante è per l’insonnia perché è un tranquillante.
Spesso la valeriana è utilizzata da coloro che cercano di ridurre o sospendere l’assunzione di farmaci sedativi.
Gli integratori di valeriana sono utilizzati per le patologie collegate ad ansia e stress psicologico tra cui l’asma nervosa, stati isterici, eccitabilità, paura delle malattie (ipocondria), mal di testaemicrania e mal di stomaco.
Alcune persone usano la valeriana per lievi tremori, depressione, epilessia, deficit di attenzione, iperattività e per la sindrome da stanchezza cronica (CFS).
Questa pianta viene utilizzata anche dolori articolari e muscolari. Alcune donne la utilizzano per i dolori mestruali e per i sintomi associati alla menopausa, come vampate di calore e ansia.
Alcune persone dicono che questa erba non ha effetti posiviti, ma aiuta solo ad addormentarsi prima.
Non ci sono prove sufficienti, ma la Valeriana può avere fare bene per:
  • Ansia. C’è evidenza contraddittoria sull’efficacia della valeriana per l’ansia. Alcune persone hanno riferito che sembra ridurre lo stress in situazioni sociali. Ma altri studi non hanno mostrato alcun effetto.
  • Depressione.
  • Convulsioni.
  • Disordine di iperattività
  • Deficit di attenzione (ADHD).
  • Dolori muscolari e articolari.
  • Altre malattie.

Altri utilizzi

La valeriana stimola l’attività sessuale: le persone che soffrono di scarso desiderio sessuale possono prendere capsule di valeriana per alleviare lo stress e migliorare la sessualità. La scarsa libido spesso è provocata dallo stress, è un’inibizione psicologica. Aiutare a smettere di fumare. La tisana di valeriana fatta con questa pianta dà un gusto cattivo al tabacco, lo rende disgustoso, così passa la voglia di fumare, ma aiuta ad eliminare l’ansia causata dalla mancanza di tabacco.

 

Effetti collaterali

Anche se la valeriana è un rimedio abbastanza sicuro, possono verificarsi cefalea, vertigini, insonnia e problemi gastrointestinali.
In caso di malattie epatiche è meglio evitare l’assunzione.
L’insorgenza di effetti collaterali può essere limitata assumendo il farmaco nelle dosi consigliate e per brevi periodi.

La valeriana può causare alcuni effetti collaterali come cefalea, eccitabilità, disagio e anche insonnia in alcune persone. Alcuni pazienti si sentono pigri il mattino dopo l’assunzione di valeriana, soprattutto se prendono dosi elevate.
Si consiglia di non guidare o utilizzare macchinari pericolosi dopo l’assunzione di valeriana.

Speciali precauzioni e avvertenze:

-Gravidanza o l’allattamento: non ci sono abbastanza informazioni riguardola sicurezza della valeriana durante la gravidanza o l’allattamento.

-Bambini, la Valeriana non può essere somministrata ai bambini sotto i 12 anni.

-Chirurgia: la Valeriana rallenta il sistema nervoso centrale. L’anestesia e altri farmaci usati durante gli interventi chirurgici potrebbero essere nocivi se combinati alla valeriana. È consigliabile interrompere l’assunzione di valeriana almeno due settimane prima di un intervento chirurgico programmato.

-Se si prende la valeriana per un lungo periodo può avere diversi effetti collaterali, tra cui emicrania, ipertensione, eccitabilità, bradicardia e  insonnia.
L’assunzione a lungo termine può dare anche una lieve dipendenza, se si smette diventa ancora più difficile addormentarsi.

 

Interazioni

L’alcol interagisce con la valeriana causando un’eccessiva sonnolenza.
Allo stesso modo è bene evitare l’uso concomitante della valeriana con i farmaci sedativi.
Esempi sono le benzodiazepine come:

  • Alprazolam (Xanax)
  • Lorazepam (Tavor)
  • Lormetazepam (Minias)
  • Bromazepam (Lexotan)
  • Delorazepam (EN)
  • Triazolam (Halcion)
  • Diazepam (Valium)

È sconsigliato l’utilizzo di valeriana in caso di assunzione di morfina e derivati, poiché l’associazione potrebbe dare sedazione prolungata ed eccessiva sonnolenza.

 

Dove si trova?

La valeriana si può acquistare in farmacia o in erboristeria, il prezzo è accessibile a tutti.
È venduta con diversi nomi commerciali: Crono, System, Noctaval, Valeriana Dispert® ecc.

Leggi anche: La melatonina