Mestruazioni in gravidanza e con la pillola

INDICE


 

Come sono le mestruazioni durante la gravidanza?
Le mestruazioni vere non si possono verificare durante la gravidanza, ma è possibile vedere le perdite di sangue a causa di diversi motivi.
In alcuni casi si presentano sotto forma di macchie, altre volte sembrano un vero ciclo mestruale.
Le cause sono diverse, la maggior parte delle volte non è necessario preoccuparsi, ma alcune volte può indicare qualcosa di più grave.
Quando il corpo di una donna incinta comincia a produrre gonadotropina corionica, il ciclo mestruale non si presenta più.

La percentuale di donne a cui è successo di avere perdite di sangue durante la gravidanza è circa il 25-30%.

Cause delle perdite di sangue durante la gravidanza

Perdite di sangue o macchie
Le perdite di sangue leggere possono essere causate dall’impianto dell’embrione.
Le perdite da impianto si verificano quando l’ovulo fecondato si attacca alla parete uterina. Ciò accade cinque giorni dopo il concepimento (nelle tube di falloppio) e le perdite di sangue durano per un breve periodo di 3-4 giorni.

Alterazioni ormonali
Un altro motivo può essere il cambiamento del livello ormonale nel corpo. Si verifica durante la fase iniziale della gravidanza, spesso si pensa che siano perdite di sangue dovute al ciclo mestruale, invece non lo sono.

Gravidanza extrauterina
La gravidanza extrauterina è una delle cause più gravi, si verifica quando il feto non si impianta nell’utero, ma in una zona diversa, come le tube di Falloppio.
Dato che nelle tube Falloppio non c’è abbastanza spazio, il feto può subire delle lesioni o può anche morire.
Solitamente durante una gravidanza extrauterina si avvertono crampi addominali, dolori al basso ventre e perdite di sangue.

gravidanza extrauterina,ectopica

Aborto spontaneo
Le perdite di sangue durante la fase iniziale della gravidanza, soprattutto entro i tre mesi, possono essere un indicatore di aborto spontaneo.
Come nel caso della gravidanza extrauterina, anche l’aborto può causare crampi allo stomaco e perdite di sangue.

Problemi della placenta
La placenta è quella struttura vascolare che si trova nella parte superiore dell’utero e dà nutrizione e ossigeno al feto. Quando ci sono dei problemi alla placenta, è molto probabile che si verifichino le perdite di sangue.
Ci sono principalmente due tipi di problemi della placenta che possono provocare le perdite di sangue: la placenta previa (quando la placenta si attacca nella parte inferiore dell’utero andando a coprire la cervice) e il distacco della placenta, cioè quando la placenta si separa dalla parete dell’utero.

distacco della placenta,emorragia,gravidanza

Cosa fare quando si pensa di essere incinta, ma persiste il ciclo mestruale?

Quando si pensa di essere incinta, ma si verificano le perdite di sangue, si consiglia di parlare con il medico. Questi sintomi possono essere causati dagli ormoni, da un aborto, da un’infezione, ecc.
L’unico modo per sapere con certezza quale è la causa delle perdite di sangue è un controllo medico.


Cosa succede se il test di gravidanza è negativo, ma non si verifica il ciclo mestruale?
Un test di gravidanza negativo, nella maggior parte dei casi indica che la donna non è incinta.
Alcune volte si prova il test di gravidanza troppo presto, quindi questo non indica la gravidanza, perhè il corpo ancora non ha prodotto gli ormoni HCG. ALcuni test di gravidanza possono dare un giusto risultato anche il primo giorno dopo l’inizio teorico del ciclo mestruale, per altri test di gravidanza bisogna invece aspettare 3-4 giorni.

Mestruazioni con la pillola

La pillola anticoncezionale si assume in base alla lunghezza del ciclo mestruale normale. Si prendono delle pillole attive per 23 giorni ogni mese e un placebo per cinque giorni in cui si verificano le mestruazioni.
Gli anticoncezionali più recenti permettono invece di estendere il ciclo. Invece di prendere il placebo, si prendono le pillole attive ogni giorno del mese. La maggior parte delle volte si prende la pillola per tre mesi e poi 5 giorni di placebo, oppure si può prendere la pillola per un anno intero.

Dopo quanti giorni dell’assunzione della prima pillola si verificano le mestruazioni?
Quando si prende la pillola anticoncezionale, il ciclo mestruale può avere un ritardo o un anticipo, il flusso si riduce e le mestruazioni sono più brevi.
Il primo mese in cui si inizia l’assunzione, la durata può aumentare e le mestruazioni possono essere bloccate.

Macchie o spotting
La pillola anticoncezionale contiene piccole quantità di estrogeni e progesterone che inibiscono gli ormoni naturali che permettono alla donna di rimanere incinta.
Dato che il corpo si deve abituare a differenti livelli ormonali, spesso si possono verificare delle perdite di sangue durante l’assunzione della pillola, ma tutto ciò è naturale e non bisogna preoccuparsi.

Cause delle mestruazioni ridotte, scarse o quasi assenti

  • Squilibri ormonali – a volte il tipo di pillola anticoncezionale non è adeguata al corpo della donna, se la femmina ha perdite di sangue continue (che non finiscono), si consiglia di contattare il medico;
  • Dose persa – se un giorno si dovesse dimenticare di prendere la pillola, si possono verificare delle perdite di sangue.
    Tutto ciò è normale, ma dopo una dose persa bisogna utilizzare altri metodi anticoncezionali per i 30 giorni seguenti.

Quando arrivano le mestruazioni prima della fine dell’assunzione della pillola?

Alcune volte le perdite di sangue non sono normali e in questi casi si consiglia un controllo approfondito dal medico, in quanto la donna potrebbe avere una malattia sessualmente trasmissibile, come la clamidia o la gonorrea.
Si potrebbe inoltre avere un’infezione non diagnosticata, i rischi sono più alti se la donna non ha effettuato il PAP test.
Spesso i sintomi sono perdite di sangue, prurito, rossore e bruciore.
Tra le cause ci sono:

Polipi uterini
Il polipo nell’utero è una piccola massa benigna (non tumorale) che si forma nella parete interna dell’utero.
Solitamente questi tumori sono benigni, ma possono causare dolori al basso ventre e perdite di sangue (mestruazioni finte o false).

Fibromi uterini
Il fibroma uterino può essere trattato con farmaci e/o chirurgicamente.
Inizialmente tutti i fibromi che provocano sintomi lievi possono essere trattati con gli antidolorifici.
Quando si verifica una emorragia abbondante si consigliano gli integratori di ferro per prevenire o curare l’anemia.
Un basso dosaggio di pillola anticoncezionale o le iniezioni di progesterone possono aiutare a controllare le perdite causate dai fibromi.
Un farmaco chiamato agonista dell’ormone per il rilascio della gonadotropina aiuta a ridurre le dimensioni del fibroma e l’emorragia.

Fibroma,utero,ureteri

 

Endometriosi
Il tessuto endometriale che riveste l’utero si sfalda ogni mese ed è eliminato attraverso il flusso mestruale. L’endometriosi si verifica quando il tessuto endometriale comincia a crescere fuori dall’utero, spesso si attacca alle ovaia o alle tube di falloppio, altre volte può crescere su altri organi, come l’intestino oppure nell’area tra il retto e l’utero.
L’endometriosi può causare perdite di sangue, crampi prima e durante il ciclo mestruale e dolori durante i rapporti sessuali.


Infiammazione pelvica
L’infiammazione pelvica è causata da un’infezione batterica che colpisce il sistema riproduttivo femminile. I batteri entrano attraverso la vagina durante il rapporto sessuale, dopo si diffondono verso l’utero e la vulva.
I batteri potrebbero anche entrare nel sistema riproduttivo a causa dell’inserimento di un dispositivo intrauterino, del parto o di un aborto. I sintomi sono: perdite vaginali abbondanti accompagnate da odore sgradevole, mestruazioni irregolari, dolore pelvico, febbre, nausea, vomito o diarrea.

Sindrome dell’ovaio policistico
Quando si ha la sindrome dell’ovaio policistico, le ovaie producono una grande quantità di androgeno (ormone maschile) e nelle ovaie si possono formare delle piccole sacche piene di fluidi (cisti).
Gli alti livelli di androgeni non permettono all’uovo di maturare e quindi non si può verificare l’ovulazione.
Le donne con l’ovaio policistico hanno solitamente un ciclo mestruale irregolare.

Mestruazioni in gravidanza e con la pillolaCome si curano i casi di ciclo mestruale irregolare?

Il trattamento del ciclo mestruale anomaoe dipende dalla causa:

  • Regolazione del ciclo mestruale: la pillola con gli ormoni estrogeni e progesterone può essere prescritta per avere un ciclo mestruale regolare;
  • Il dolore si può ridurre prendendo un analgesico come il paracetamolo o gli antinfiammatori non steroidei, per esempio l’ibuprofene.
    È meglio evitare l’aspirina perchè potrebbe causare perdite di sangue più lunghe e abbondanti. Fare un bagno caldo o una doccia potrebbe alleviare il dolore.
  • Contraccettivi alternativi
    Se dopo aver preso la pillola anticoncezionale si verificano ancora le mestruazioni, si possono prendere in considerazione altri contraccettivi, dato che ce ne sono tanti in farmacia.

Perché si verificano due cicli mestruali in un solo mese?

Due cicli mestruali in un mese sembrano un incubo che può causare ansia e panico, ma in realtà non è così grave come sembra. Ciò può essere causato da:

  • Sbalzi ormonali
  • Problemi alla tiroide
  • Dieta non corretta/ alcolismo
  • Malattie sessualmente trasmissibili – la gonorrea e la clamidia sono spesso la causa di un ciclo mestruale troppo frequente
  • Alcune volte l’aborto spontaneo può essere la causa del doppio ciclo in un mese.
  • Alcuni medicinali o terapie come la chemioterapia potrebbero provocare un ciclo frequente.
  • Il tumore al collo dell’utero o la displasia.

Mestruazioni dopo l’interruzione o sospensione della pillola

Dopo la fine dell’assunzione del farmaco, a volte le mestruazioni non arrivano e alcune donne hanno un ritardo che può durare tre mesi o più.

Pillola per stimolare le mestruazioni
Il ginecologo può prescrivere una pillola per far venire il ciclo in caso di patologie gravi o disturbi nervosi, psichici e denutrizione, per esempio il medrossiprogesterone (Farlutal).

Evitare le mestruazioni in vacanza
Le donne che vogliono evitare di avere le mestruazioni quando sono al mare o in montagna possono continuare ad assumere le pillole attive (invece del placebo) per una o due settimane, ma si consiglia di parlare prima con il ginecologo.