Distacco della placenta

INDICE

 

Il distacco della placenta è un grave disturbo in cui la placenta si separa dall’utero parzialmente o completamente prima della nascita del bambino.
Questa malattia può causare mancanza di ossigeno e di nutrienti al bambino, inoltre può provocare gravi perdite di sangue che sono pericolose sia per la madre che per il bambino. Il distacco della placenta può causare problemi di crescita del bambino, la nascita prematura o anche la morte.

In una gravidanza normale, la placenta rimane saldamente attaccata alla parete dell’utero fino alla nascita del bambino.
Nel caso del distacco della placenta, questa, si stacca dalla parete dell’utero troppo presto, cioè prima della nascita del bambino.

Il distacco della placenta può causare diverse lesioni e in rari casi può essere anche mortale.
Il bambino può nascere prematuro e il peso potrebbe essere troppo basso.
La madre può perdere una grande quantità di sangue.

Di solito la placenta si stacca circa un quarto d’ora dopo la nascita del bambino, tuttavia a volte si verifica durante il travaglio (parto), in questo caso è detto distacco intempestivo di placenta.
Il distacco della placenta avviene in una gravidanza su 150. È più frequente nel terzo trimestre o dopo la ventesima settimana.

Classificazione del distacco della placenta

Si può classificare il distacco della placenta in base alle lesione che il distacco crea alla madre e al feto.
Si può distinguere:
Grado 0 – asintomatica, è diagnosticata solo attraverso l’esame della placenta post-parto.
Grado 1 (lieve come un piccolo distacco di un lembo) – la madre può avere perdite ematiche vaginali e l’utero può essere molto delicato, ma la madre e il feto non subiscono alcuna lesione.

Grado 2 – la madre ha i sintomi del distacco della placenta, ma non ha ancora subito alcun trauma, la frequenza cardiaca del bambino dev’essere controllata per rilevare la sofferenza fetale.
Grado 3 – gravi perdite di sangue che possono causare dei traumi alla madre e la morte fetale.

Sofferenza fetale,ipossia,ossigeno

Chi è più a rischio?
Il distacco della placenta può capitare a chiunque, ma si verifica più frequentemente in caso di:

  • Gravidanze gemellari,
  • Donne che hanno già subito un distacco della placenta,
  • Donne che fumano o che fanno uso di cocaina,
  • Diabete gestazionale,
  • Preeclampsia o altre malattie che provocano la pressione alta durante la gravidanza,
  • Donne che hanno un fibroma o mioma uterino.

Quali sono le cause del distacco della placenta?

I motivi sono sconosciuti nella maggior parte dei casi.

Nella maggior parte dei casi, i medici non sanno l’esatta causa del distacco della placenta. Si è pensato che la causa possa essere un afflusso di sangue anormale nell’utero, ma non è ancora molto chiaro.

Alcune delle cause conosciute del distacco della placenta sono:

  • Trauma addominale – una ferita all’addome della donna incinta può strappare la placenta dalla parete dell’utero. Esempi di eventi che possono causare questo tipo di lesione possono essere un incidente d’auto, un’aggressione o una caduta.
  • Decompressione uterina – questa è una perdita improvvisa di liquido amniotico dall’utero, che può far distaccare la placenta dalla parete dell’utero. Alcune possibili cause della decompressione uterina sono la nascita del primo gemello in caso di gravidanza multipla o la rottura delle membrane amniotiche, quando c’è un livello eccessivo di liquido amniotico.


Fattori di rischio del distacco della placenta

La causa esatta del distacco della placenta nella maggior parte dei casi è sconosciuta, ma ci sono alcuni fattori che aumentano le probabilità di distacco placentare.
I fattori di rischio sono:

  • Età avanzata della madre – le madri più anziane rischiano una serie di complicazioni durante la gravidanza, tra le quali c’è anche il distacco della placenta.
  • Numero di gravidanze precedenti – i rischi aumentano se la donna ha portato a termine numerose gravidanze.
  • Parto gemellare – in caso di parti gemellari, il rischio di distacco della placenta è molto più alto.
  • Quando una donna ha già subito il distacco della placenta, il rischio di recidiva è alto.
  • Ipertensione – la pressione alta del sangue può causare un’emorragia tra la placenta e la parete dell’utero. In quasi la metà dei casi di distacco di placenta (44%), la madre incinta soffre di ipertensione. Una delle cause più comuni di ipertensione durante la gravidanza è una malattia nota come pre-eclampsia.distacco della placenta,emorragia,gravidanza
  • Eccessivo liquido amniotico (polyhydramnious) – un eccessiva presenza di liquido amniotico fa aumentare il rischio di perdite di sangue tra la placenta e la parete dell’utero.
  • Uso di sostanze – il fumo, l’alcol e l’assunzione di droghe come metanfetamina o cocaina durante la gravidanza causa il distacco della placenta e diversi altri gravi problemi alla salute della madre stessa e del bambino.
  • Alcune malattie del sangue – l’incapacità del sangue di coagulare può causare il distacco della placenta.
  • Amniocentesi – è un test prenatale che consiste nel prelievo del liquido amniotico nell’utero della donna attraverso l’addome, ciò può provocare delle perdite di sangue.
  • Amnioriduzione – Quando c’è troppo liquido amniotico si effettua un drenaggio (asportazione). L’amnioriduzione è una procedura che serve per rimuovere il liquido amniotico in eccesso con una siringa. Alcune volte, questa procedura provoca perdite di sangue.
  • La versione cefalica esterna – il medico pratica un massaggio esterno e una risonanza ad ultrasuoni sull’addome della madre per cercare di girare il bambino da una posizione (podalica) ad una posizione a testa in giù per la preparazione al parto. Questa procedura può provoca reraramente il distacco della placenta.
  • La rottura prematura delle membrane – le donne incinte a cui si rompono le acque prima della 36esima settimana sono ad alto rischio di distacco della placenta.


Come accorgersi del distacco della placenta? I sintomi

Il distacco della placenta è più probabile nelle ultime 12 settimane della gravidanza, raramente si verifica nel primo trimestre (per esempio è molto raro tra la settimana 7, 8 oppure 9).

I segni classici del distacco della placenta sono:

  • Sanguinamento vaginale (le perdite possono essere marroni)
  • Dolori al basso ventre
  • Mal di schiena
  • Contrazioni uterine rapide, spesso arrivano una dopo l’altra.
  • Il dolore addominale e il dolore alla schiena spesso iniziano improvvisamente. La quantità di sanguinamento vaginale può variare notevolmente e non necessariamente dipende da quanto la placenta è distaccata dalla parete dell’utero. È possibile avere un distacco placentare, ma non avere un alcun sanguinamento visibile, questo perché il sangue è intrappolato all’interno dell’utero. In alcuni casi, il distacco della placenta si sviluppa lentamente. Se questo accade, si potrebbe notare un leggero sanguinamento vaginale. Il bambino potrebbe non crescere più rapidamente come previsto e si potrebbe avere un basso contenuto di liquido amniotico (oligoidramnios) o altre conseguenze.

Placenta,gravidanza,alta,bassa

Complicazioni del distacco della placenta

Il distacco della placenta può causare delle lesioni pericolose alla madre e al bambino.
Il distacco della placenta può causarealla madre:

  • Lesioni a causa della perdita di sangue;
  • Problemi di coagulazione del sangue;
  • La necessità di una trasfusione di sangue;
  • Insufficienza renale o di altri organi;

Il distacco della placenta può causareal bambino:

Il rischio più significativo per il bambino è la morte del feto nell’utero.
Le probabilità che ciò accada dipendono dal grado di distacco della placenta dalla parete dell’utero, solitamente i medici usano una percentuale che va da 10% a 100%.

  1. Un distacco minimo dalla parete uterina causa raramente lesioni al bambino: la conseguenza più significativa è una leggera mancanza di ossigeno e di nutrizione.
  2. Un distacco più grande o completo provoca spesso la morte fetale, in questo caso l’unica soluzione è l’induzione al travaglio, indipendentemente dalle dimensioni del bambino.

Nelle ultime settimane di gravidanza, quando un bambino pesa oltre cinque chili, nel 98% sopravvive. Se il bambino nasce prematuramente, e il suo peso è molto basso, le possibilità che il bambino non soppravviva sono alte.


Test e diagnosi del distacco della placenta

Quando ci sono delle perdite di sangue dopo la ventiquattresima settimana di gravidanza, il medico controlla le condizioni della placenta con un esame fisico.
Gli esami del sangue o un’ecografia possono essere necessari per aiutare ad identificare la causa del sanguinamento.
Gli ormoni Beta HCG sono prodotte dalla placenta e dovrebbero raddoppiare ogni 48 ore circa, ma questo valore non indica se c’è stato il distacco placentare perché anche in caso di aborto possono aumentare.

Cosa fare? Le cure per il distacco della placenta

Il tipo di terapia necessaria dipende da:

  • La gravità del distacco della placenta.
  • Come colpisce il bambino.
  • Giorni che separano dalla data del parto.

Distacco di placenta lieve e parzialeDistacco della placenta
Se il distacco della placenta è parziale, non è necessario rimanere in ospedale, ma si consigliano dei controlli per tutto il resto della gravidanza.

La donna deve stare a riposo, sarebbe meglio evitare gli sforzi, i lunghi viaggi in macchina, in aereo e i rapporti sessuali.
Nei primi mesi, il ginecologo può prescrivere la butilscopolamina (Buscopan ®) o gli ovuli di progesterone se il distacco è parziale.
Il distacco si può ridurre con il tempo, per esempio se alla settimana 12 c’è un distacco di 3/4 cm, dopo alcuni mesi potrebbe essere rimarginato parzialmente, rimanendo solo di 1cm o 2cm con le terapie adatte.
La donna può portare a termine la gravidanza anche senza raggiungere la completa guarigione.
Quando ci sono le doglie e la data prevista del parto è ancora molto lontana, si somministrano al paziente delle medicine per interrompere le contrazioni.

Distacco di placenta grave
Se il distacco della placenta è grave, si consiglia di rimanere in ospedale, così la salute del bambino può essere controllata quotidianamente.

Nella maggior parte dei casi, il medico raccomanda un parto veloce, quindi spesso si ricorre ad un parto cesareo.
Quando il bambino nasce prematuramente, lui o la madre sono controllati nelle unità di cura intensive neonatali che sono attrezzate.

Prevenire il distacco della placenta

Per prevenire il distacco della placenta bisogna evitare qualsiasi tipo di alcol, droga e fumo. Queste tre cose sono tra le cause del distacco della placenta. Un controllo prenatale continuo può aiutare a rilevare la condizione iniziale, il monitoraggio e la gestione della condizione può essere effettuata fino al termine della gravidanza.
Gli esperti dicono che l’esercizio fisico e una dieta equilibrata aiutano a prevenire il distacco della placenta.

Se una donna subisce un incidente d’auto o anche altri tipi di incidenti minori, si consiglia di chiamare un medico. Se una donna è a rischio di distacco della placenta soffre di ipertensione arteriosa e diabete, si consiglia di avvertire il medico di famiglia.