Valori di colesterolo

I valori del colesterolo nel sangue indicano se una persona rischia una malattia cardiovascolare in futuro.
Questi dati devono essere interpretati dal medico in base ad altri parametri come il genere del paziente (maschile o femminile), l’età e la presenza di altre malattie.

Il colesterolo non circola liberamente nel flusso sanguigno, ma si deve legare ad una proteina.
Questo complesso è chiamato lipoproteina (lipo = grasso).

Classificazione del colesterolo

Ci sono due tipi di lipoproteine che si differenziano in base alla quantità di proteine o di colesterolo contenuta.
 


Valori di colesterolo

Le lipoproteine a bassa densità (LDL) contengono una componente di colesterolo maggiore rispetto a quella proteica e sono considerate il colesterolo “cattivo”.
I livelli alterati (elevati) di lipoproteine LDL aumentano il rischio di malattie cardiache, ictus e arteriosclerosi perché favoriscono la formazione di una placca di colesterolo nella parete interna delle arterie.
Con il tempo, l’accumulo di colesterolo aumenta le dimensioni della placca, l’arteria si restringe (aterosclerosi) e la conseguenza è una riduzione del flusso sanguigno.
Se la placca si stacca, può causare un embolia che blocca il flusso del sangue.
Se il coagulo si forma in una delle arterie coronarie nel cuore, può causare attacco di cuore o infarto del miocardio.

Le lipoproteine ad alta densità (HDL) sono costituite da un livello più elevato di proteine e un basso contenuto di colesterolo.
Queste sono considerate come colesterolo “buono” perché possono staccare il colesterolo LDL dalle pareti arteriose e portarlo al fegato.
Un rapporto HDL / LDL alto è migliore per l’individuo perché è un fattore protettivo contro le malattie del cuore e i problemi di circolazione.

 

Valori di riferimento del colesterolo

Il colesterolo LDL o colesterolo “cattivo” si può accumulare sulle pareti delle arterie per aumentare le probabilità di avere una malattia cardiovascolare.
Per una persona sana che non ha fattori di rischio per problemi cardiaci, si applicano le seguenti linee guida:
I valori massimi e minimi di colesterolo LDL sono:

  • Ottimali se sono inferiori a 100 mg/dL
  • Vicino ai limiti se sono compresi tra 100 e 129 mg/dL
  • Livello soglia tra 130 e 159 mg/dL
  • Alti se è 160-189 mg/dL
  • Molto alti (sballati) oltre i 190 mg/dL

Il livello ideale per gli individui che soffrono di malattie cardiache o vascolari è un LDL minore di 70.
L’obiettivo del trattamento per gli individui ad alto rischio (quelli con diabete o altri fattori di rischio multipli per la malattia di cuore) è di raggiungere dei valori di colesterolo LDL inferiori a 100.

Il colesterolo HDL (lipoproteine ad alta densità) è chiamato anche colesterolo “buono”.
Il colesterolo HDL protegge contro le malattie di cuore togliendo il colesterolo cattivo dal circolo sanguigno.
I valori normali del colesterolo HDL sono:

  • Bassi (é considerato un fattore di rischio) se è inferiore a 40 mg/dL
  • Medi (fattore di rischio) se sono compresi tra 40 e 60 mg/dL
  • Buoni (può ridurre il rischio di malattie cardiache) se è superiore a 60 mg/dL

I trigliceridi sono trasportati nel sangue principalmente sotto forma di altre lipoproteine: VLDL (Lipoproteine a densità molto bassa) e chilomicroni.
Il VLDL proviene dal fegato e contiene anche il colesterolo.
I chilomicroni provengono dai grassi alimentari.
Insieme al colesterolo, i trigliceridi formano i lipidi del plasma.
I trigliceridi possono aumentare il rischio coronarico.

L’aumento dei livelli dei trigliceridi possono essere rilevati nel plasma.
I valori di riferimento dei trigliceridi sono:

  • Normali se sono inferiori a 150 mg/dL
  • Sul limite superiore se sono compresi tra 150 e 199 mg/dL
  • Alti se sono tra 200 e 499 mg/dL
  • Molto alti (preoccupanti) se sono superiori a 500 mg/dL

Tabella con i valori normali espressi in mmol/L

Tipo Valori
Colesterolo totale (CT) – la quantità totale di colesterolo ematico Ottimali sono inferiori a 5 mmol/L
Colesterolo non HDL – questo è il colesterolo totale meno il colesterolo HDL ed è la somma di tutti i tipi di colesterolo “cattivo” insieme (tra cui il colesterolo LDL) Ideali sono inferiori a 4mmol/L
Colesterolo LDL o colesterolo “cattivo” Giusti sono inferiori a 3 mmol/L
Colesterolo HDL o colesterolo “buono” Ottimali 1mmol/L (uomini) e 1.2mmol / L (donne)
Indice di rischio – la formula è: CT / HDL Un rapporto oltre 6 è considerato ad alto rischio
Trigliceridi (TG) – questo dato indica la capacità del corpo di eliminare il grasso dal sangue dopo un pasto Desiderabili sono minori di 4mmol/L (o meno di 2mmol/l dopo un digiuno di 10 – 14 ore)

 

Quali sono le cause del colesterolo alto nel sangue?

Diversi fattori possono influenzare i livelli di colesterolo.
Tra questi ci sono:
Alimentazione,dieta,cibi grassi,salumiDieta – grassi saturi, grassi trans e colesterolo nell’alimentazione aumentano i livelli di colesterolo. Nella dieta bisogna evitare questi cibi perché sono quelli che alterano di più il colesterolo nel sangue.
Si consiglia un alimentazione sana e di evitare alcuni cibi che causano il colesterolo alto, per esempio carne, latte, formaggi, uova e dolci.
Peso — Oltre ad essere un fattore di rischio per le malattie cardiache, l’obesità può anche aumentare i trigliceridi.
Può aiutare a perdere peso, ad abbassare i livelli di trigliceridi e ad aumentare il colesterolo HDL.
Esercizio fisico — L’attività fisica regolare può abbassare un po’ il colesterolo LDL, mentre aumenta il colesterolo HDL. Si consiglia di effettuare una passeggiata di almeno 30 minuti quasi tutti i giorni.
Età e genere — quando si invecchia, i livelli di colesterolo aumentano. Prima della menopausa, le donne hanno dei valori di colesterolo totale inferiori rispetto agli uomini della stessa età.
Dopo che l’uomo compie 40 anni e la donna compie 50 anni, bisgna ripetere gli esami del sangue più spesso.
Dopo la menopausa, i livelli di LDL delle donne salgono e il colesterolo HDL può scendere.
Ereditarietà — I geni possono determinare i valori di colesterolo nel sangue (ipercolesterolemia familiare).
Fumo – Il fumo di sigaretta può aumentare i valori di LDL ematico.
Ipertensione (pressione arteriosa alta, superiore a 140/90 oppure l’assunzione di farmaci per l’ipertensione).
Diabete mellito.

 

Diagnosi,valori di colesteroloQuando preoccuparsi? Valori di colesterolo ottimali corretti in base ai fattori di rischio

In base ai fattori di rischio, i valori di colesterolo HDL e LDL desiderabili possono variare.
Si raccomanda di cambiare lo stile di vita e l’alimentazione alle persone con colesterolo alto per abbassare i valori.
In base ai fattori di rischio e alle altre malattie di cui soffre il paziente, il medico può prescrivere alcuni farmaci ipocolesterolemizzanti, come le statine.
I valori di riferimento in base agli altri fattori di rischio sono:

  • LDL inferiore a 100 mg/dL (2,59 mmol/L) se il paziente ha un’altra malattia cardiaca o il diabete
  • LDL minore di 130 mg/dL (3.37 mmol/L) con 2 o più fattori di rischio (rischio intermedio per la malattia di cuore)
  • LDL inferiore a 160 mg/dL (4.14 mmol/L) con 0 o 1 fattore di rischio (basso rischio di malattia cardiaca)

Alcuni medici consigliano un LDL inferiore a 70 mg/dL (1,82 mmol/L), se una persona soffre di cardiopatia o ha avuto un infarto del miocardio.

Secondo l’American Academy of Pediatrics, il livello di LDL in età pediatrica (per bambini e adolescenti) senza fattori di rischio è:

  • Inferiore a 110 mg/dL (2,85 mmol/L) — normale
  • Compreso tra 110 e 129 mg/dL (2,85-3,34 mmol/L) — Borderline (ai limiti)
  • Superiore a 130 mg/dL (3,36 mmol/L) — alto

Per i ragazzi giovani:

  • Meno di 120 mg/dL (3.10 mmol/L) — accettabile
  • Tra 120 e 159 mg/dL (3.10-4.11 mmol/L) — Borderline
  • Maggiore di 160 mg/dL (4.12 mmol/L) — alto

 

Valori bassi di colesterolo

Se i valori di colesterolo LDL sono bassi, generalmente non è un disturbo grave e non bisogna effettuare dei controlli periodici.
Si può notare nelle persone con un deficit di lipoproteine ereditario o nelle persone che soffrono di ipertiroidismo, infezioni, infiammazione o cirrosi.

Un basso livello di lipoproteine a bassa densità (LDL o “cattivo”) o un livello di colesterolo totale basso potrebbe aumentare il rischio di sviluppare alcune malattie.
I medici stanno ancora cercando di scoprire il collegamento tra il basso contenuto di colesterolo e i rischi per la salute.
I valori bassi di colesterolo LDL possono aumentare il rischio di:

  • Parto pretermine e basso peso alla nascita se il colesterolo è basso durante la gravidanza

Queste malattie dovrebbero essere considerate se il colesterolo scende improvvisamente senza motivo, ad esempio senza prendere farmaci per il colesterolo, dieta o sport.

La causa dei disturbi può essere la serotonina.
I livelli di colesterolo e i disturbi dell’umore possono essere connessi in base al legame tra la concentrazione di colesterolo basso e i livelli bassi di serotonina chimica cerebrale.
La serotonina è un neurotrasmettitore che migliora l’umore. Un livello basso può causare depressione, rabbia, insonnia e altri disturbi dell’umore.

Il colesterolo può influenzare il funzionamento dei neuroni.

Il corpo ha bisogno di una quantità minima di colesterolo circolante per permettere un funzionamento corretto dei neuroni.
Se il colesterolo è troppo basso, i ricercatori ritengono che si può verificare un alterazione nel funzionamento neurale.