Trigliceridi alti

INDICE

 

 

 

I trigliceridi alti nel sangue possono essere un fattore di rischio per alcune malattie cardiovascolari, quindi è importante capire quando si verificano e i motivi.


Che cosa sono i trigliceridi?

I trigliceridi sono un tipo di grassi (lipidi) che si trova nel sangue.

Quando si mangia, il corpo converte le calorie che non servono subito in trigliceridi.
I trigliceridi si accumulano nelle cellule di grasso.
Successivamente, gli ormoni liberano i trigliceridi nel sangue per avere l’energia fra i pasti.

Trigliceridi alti
Quando si mangiano regolarmente più calorie di quelle che si bruciano, soprattutto sotto forma di carboidrati e grassi, si possono avere i trigliceridi alti (ipertrigliceridemia).

Valori normali e valori a rischio

Un semplice esame del sangue può rivelare se i valori dei trigliceridi sono nei limiti.
Tabella con i valori di riferimento

Valutazione Valori dei trigliceridi
Normali Inferiore a 150 milligrammi per decilitro (mg/dL) o meno di 1,7 millimoli per litro (mmol/L)
Borderline (valore massimo accettabile) 150 a 199 mg/dL (1.8 a 2.2 mmol/L)
Alti 200 a 499 mg/dL (2.3 a 5.6 mmol/L)
Molto alti sopra 500 mg/dL (superiore a 5,7 mmol/L)


Quando preoccuparsi?

Secondo l’American Heart Association (AHA) i valori ottimali di trigliceridi sono inferiori a 100mg/dL (1,1 mmol/L). L’AHA dice che questo livello ottimo migliora la salute del cuore.
Tuttavia, l’AHA non consiglia una terapia farmacologica per raggiungere questo livello.
Per le persone che cercano di abbassare i trigliceridi a questo livello, la modifica della dieta, la perdita di peso e l’attività fisica sono molto utili.
Solitamente, il medico controlla i trigliceridi alti insieme al test per il colesterolo (detto anche profilo lipidico).


Trigliceridi e colesterolo

Il colesterolo è una sostanza composta da grassi e proteine che circola nel sangue.
Il corpo utilizza i trigliceridi e il colesterolo in modo diverso.
I trigliceridi sono usati come carburante, mentre il colesterolo è necessario per diversi processi metabolici come la creazione di ormoni e la costruzione delle cellule.

Ci due tipi di colesterolo: lipoproteine ad alta densità (HDL) e lipoproteine a bassa densità (LDL).
Con il tempo, il colesterolo LDL in eccesso causa la formazione di placche di grasso sulle pareti dei vasi sanguigni.
Questo processo è chiamato aterosclerosi.
Il flusso di sangue è ridotto in vasi sanguigni parzialmente ostruiti.
Un’ostruzione completa può causare pericolose malattie come un infarto o ictus.

Quali sono i rischi dei trigliceridi alti nel sangue?

Gli studi mostrano che molte persone con trigliceridi alti hanno il colesterolo HDL (“buono”) basso. Questa sostanza aiuta a rimuovere il grasso dalle arterie.
Il colesterolo HDL basso è un fattore di rischio per le malattie cardiovascolari.
I trigliceridi alti aumentano il rischio di aterosclerosi.
Tra i rischi ci sono anche:


Quali sono le cause dei trigliceridi alti?

I trigliceridi alti possono dipendere da altre malattie o disturbi, per esempio:

  • Obesità
  • Diabete mellito
  • Ipotiroidismo (la tiroide produce pochi ormoni tiroidei)
  • Malattia del rene
  • Alimentazione eccessiva
  • Alcolismo
  • Gravidanza, è normale un aumento dei trigliceridi nelle donne incinta
  • Fattori genetici, in alcuni casi, i trigliceridi alti sono ereditari

Alcuni farmaci possono aumentare i trigliceridi. Tra queste medicine ci sono:

Quali sono i sintomi dei trigliceridi alti?

I trigliceridi alti di solito non causano sintomi.
Ma se i trigliceridi elevati sono causati da una malattia genetica, si possono vedere dei depositi di grasso sotto la pelle chiamati xantomi.


Cosa fare? Come abbassare i trigliceridi?

È possibile modificare l’alimentazione e lo stile di vita per ridurre i valori dei trigliceridi.

  • Perdere peso e mantenere il risultato
  • Limitare i grassi e gli zuccheri nella dieta
  • Muoversi di più
  • Smettere di fumare
  • Evitare gli alcolici (vino, birra e superalcolici)

Inoltre il medico potrebbe prescrivere una medicina per aiutare ad abbassare i trigliceridi, ma solo dopo aver modificato lo stile di vita.

Cosa mangiare? Dieta consigliata per i trigliceridi alti

Una dieta adeguata per abbassare i trigliceridi funziona se il paziente mangia meno calorie rispetto a quelle che brucia.
Questo significa mangiare meno e aumentare l’attività fisica.
Quando si mangiano più calorie rispetto a quelle di cui il corpo ha bisogno, il corpo converte il cibo in trigliceridi e li deposita nelle cellule di grasso.

Cosa non mangiare? Quali cibi evitare?
Ridurre la quantità di grassi saturi e grassi trans nell’alimentazione.
Iniziare evitando o limitando drasticamente burro, formaggi fusi, lardo, panna, ciambelle, torte, biscotti, caramelle, gelati, cibi fritti, pizza, salse a base di crema, condimenti per insalate, carne ad alto contenuto di grasso(tra cui hamburger grasso, salame piccante, salsiccia, pancetta e hot dog), carne di maiale, uova, latte e latticini.
La frutta “da evitare” è quella con una maggior concentrazione di fruttosio: Uva, cachi, fichi, ma è molto meno dannosa dei dolci trasformati.

Alimenti consigliati
La dieta vegetariana e in particolare quella vegana sono le più adatte per ridurre il colesterolo, tuttavia le persone che mangiano anche la carne dovrebbero scegliere solo quella magra (tra cui pollo senza pelle, tacchino e manzo magro), pesce che contiene molti omega-3 (per esempio il salmone) ed evitare i latticini.
Togliere sempre la pelle dal pollame.
Gli alimenti a base di soia sono utili.
Anche se la soia stessa non riduce il rischio di malattie cardiache, sostituisce le proteine animali come gli altri legumi. Si consiglia di mangiare il tofu, tempeh, latte di soia e i fagioli di soia interi.

 

Grassi,sangue,trigliceridiPer condire gli alimenti si consiglia di utilizzare l’olio d’oliva che contiene molti omega-3.
Evitare l’olio di palma.
L’olio di girasole è di origine vegetale, ma contiene molti omega-6 che possono ridurre l’assorbimento degli omega-3.
La maggior parte delle margarine solide contengono grassi trans, questi si trovano anche in alcuni prodotti da forno: biscotti, patatine, merendine, cibi fritti da fast food che utilizzano gli oli parzialmente idrogenati.
Sostituendo l’olio d’oliva o l’olio vegetale con i grassi trans in appena il 2 per cento delle calorie giornaliere, può ridurre il rischio di malattie cardiache di oltre la metà.

Scegliere gli alimenti con grassi sani: monoinsaturi e polinsaturi. Questi si trovano nell’olio d’oliva o di colza per cucinare.
Ottenere la maggior parte delle calorie da frutta, verdura, legumi e cereali (soprattutto il miglio e il riso, va bene anche la pasta).

Evitare gli alcolici. Le bevande alcoliche sono ricche di calorie e fanno male in caso di trigliceridi alti.
Evitare gli zuccheri aggiunti e raffinati.
Mangiare pesce come fonte di proteine una volta o due volte alla settimana.
Gli oli di pesce hanno un alto contenuti di acidi grassi omega 3 e aiutano a ridurre i trigliceridi.
Bisogna inserire molta fibra nell’alimentazione: legumi, cereali integrali, frutta, verdura, mandorle, pistacchi, noci.
I prodotti integrali contengono molta fibra e aiutano ad evitare di mangiare troppo perché provocano sazietà.
Limitare il colesterolo alimentare totale a 200 mg al giorno.

Farmaci per i trigliceridi alti

A volte, una dieta corretta e l’attività fisica regolare non è sufficiente per abbassare i livelli di trigliceridi.
Questo si può verificare in caso di ipertrigliceridemia familiare (succede anche nei bambini) o se il paziente soffre già di malattie cardiache.

Il medico può prescrivere alcuni farmaci se i trigliceridi sono oltre 400 oppure oltre 500 considerando anche gli altri problemi di salute, l’età, il genere (uomo o donna), ecc..
I farmaci indicati per questo disturbo sono: statine, fibrati o acido nicotinico.
Il dottore può consigliare anche i farmaci per ridurre il colesterolo nel sangue se è necessario.

Prendere i farmaci di prescrizione esattamente come indicato dal medico.
Consultare il medico in caso di effetti collaterali, come cattiva digestione, diarrea, febbre o dolori muscolari (soprattutto alla coscia).
I farmaci non sostituiscono lo stile di vita scorretto.
Una sana alimentazione, l’esercizio fisico regolare e il mantenimento di un peso appropriato per l’altezza sono le strategie di gestione più importanti per i trigliceridi alti.

Rimedi naturali per i trigliceridi e il colesterolo alto

Ci sono diversi rimedi utili per ridurre i valori di queste lipoproteine nel sangue, per esempio:

  • Colesterinume (rimedio omeopatico)
  • Aglio
  • Steroli vegetali (fitosteroli)
  • Olio di fegato di merluzzo
  • Olio di  semi di lino
  • Lecitina di soia