Tendinite al capo lungo del bicipite della spalla

INDICE

La tendinite al capo lungo del bicipite della spalla è l’infiammazione acuta del tendine del capo lungo del bicipite brachiale che origina dalla glena della scapola e termina nel muscolo bicipite, cioè quello più visibile nella parte anteriore del braccio.

La tendinite della spalla può colpire il tendine del Sovraspinoso o del Bicipite, raramente interessa gli altri muscoli della cuffia dei rotatori (sottospinoso, sottoscapolare, piccolo rotondo).

Tendinite spalla, capo lungo, bicipite, infiammazione, dolore, ritorno, giocare, terapia, laser, partita, lesione, male, stilettata, fatica, gonfiore, edema, sportivo, atleta, basket, pallamano, lancio, tirare
Tendinite della spalla durante partita
© Gino Santa Maria – Fotolia.com

L’articolazione gleno-omerale è la più libera del corpo, infatti può compiere la flesso-estensione, adbuzione-adduzione e rotazione interna-esterna.
L’omero è circondato solo per 1/3 dalla Glena della scapola, quindi per rimanere nella sua zona anatomica dev’essere fissato da quattro muscoli che compongono la cuffia dei rotatori.
La stabilizzazione verticale è fatta da: tricipite brachiale, bicipite brachiale e deltoide. Da qui si capisce l’importanza dei muscoli nel corretto funzionamento della spalla.

Tendinite al capo lungo del bicipite della spalla
Tendinite al capo lungo del bicipite della spalla

Generalmente questo tendine si infiamma insieme a quello del muscolo sovraspinoso in seguito ad un sovraccarico della cuffia dei rotatori o un gesto atletico scorretto.
Quando si alza il braccio sopra il livello della spalla, il capo lungo del bicipite “striscia” e batte contro il legamento coraco acromiale, questo provoca l’infiammazione.

Questa flogosi nei soggetti adulti, anziani o in certi sportivi causa la deposizione di sali di calcio che ostacolano il movimento del tendine e con il tempo lo lesionano, nell’articolazione della spalla il caso più frequente è la tendinopatia del sovraspinoso.
La tendinite del CLB è chiamata anche sindrome del portafoglio perché il dolore compare quando si inserisce la mano nella tasca posteriore del pantalone come quando si prende il portafoglio.


Quali sono le cause della tendinite al capo lungo del bicipite della spalla?

La tendinite al capo lungo del bicipite colpisce sia i giovani sia gli anziani.
Generalmente la causa è il sovraccarico della spalla, in particolare alcuni sport come il nuoto, il lancio della palla o di un peso e i lavori pesanti.
Raramente questa tendinite si sviluppa a causa di un trauma.

Quali sono i sintomi della tendinite del capo lungo del bicipite brachiale?

Tra i sintomi della tendinite del bicipite ci sono:
Dolore alla spalla nella parte anteriore che si può irradiare verso il gomito.
Il dolore si sente anche quando si preme sul tendine e durante lo stretching del muscolo bicipite brachiale.
Raramente si nota la spalla gonfia a causa della tendinite.
Il paziente può avere rigidità o limitazione dei movimenti.

 

Video del test Palm Up o test di Gillchrist per la tendinite del capo lungo del bicipite


Diagnosi della tendinite al capo lungo del bicipite della spalla

Generalmente il fisiatra o l’ortopedico sono in grado di diagnosticare questo disturbo con la palpazione e i test fisici.
Per la conferma della diagnosi di tendinite al capo lungo del bicipite brachiale bisogna fare un’ecografia che mostra se il tendine è ispessito e se c’è del versamento di liquido (infiammazione).

 

 

Cosa fare? Qual’è la terapia più adatta?

Nelle tendinopatie della spalla, il trattamento più indicato è strumentale con la Laserterapia o la Tecarterapia® e manuale per sciogliere le aderenze del tessuto connettivo che intrappolano i nervi e danno dolore, limitazione del movimento e calo della forza.

Una tendinite da sovraccarico, in fase acuta e subacuta dev’essere curata con la fisioterapia e il riposo, perché se si continua a sovraccaricare un tendine infiammato si rischia di farlo degenerare e di favorire la formazione di calcificazioni.
In questa fase è utile la fisiokinesiterapia per rinforzare i muscoli deboli della spalla, generalmente quelli posteriori.
Tra le terapie, le infiltrazioni di cortisone possono aumentare la viscosità del liquido e quindi causano delle microcalcificazioni e la degenerazione del tendine.

&nbsp

Rimedi naturali

L’utilizzo della crioterapia (ghiaccio) può essere utile, ma solo in fase acuta.

kinesio,taping,bicipite,braccio,capo,lungo,tendinite
Kinesio taping per tendinite del bicipite del braccio

Kinesio taping: Azione: decontratturante, drenante e antinfiammatoria) Forma: Una striscia a ”Y”. Lunghezza: da alcuni centimetri sotto al gomito fino all’acromion. Applicare il nastro senza tensione facendo estendere il braccio posteriormente.

Lo stretching può aiutare ad alleviare il dolore alla spalla, ma non è una terapia con evidenza scientifica ed è raro vedere un paziente guarito solo con esercizi di allungamento.
Appena possibile bisogna iniziare gli esercizi di riabilitazione a resistenza progressiva effettuando molte ripetizioni e pochi pesi.
Solo se tutte queste terapie non sono utili si può considerare l’intervento chirurgico.

Le calcificazioni della spalla si risolvono se sono già in fase di miglioramento, altrimenti possono rimanere.


Se la spalla non è calcifica le possibilità di risolvere il problema sono maggiori.
Per l’impingement è importante eseguire la decoaptazione articolare, che consiste in un minimo allontanamento delle ossa di un articolazione.

 

12 thoughts on “Tendinite al capo lungo del bicipite della spalla

  1. Maria, io non voglio entrare nella scelta del tuo lavoro futuro, quello che ti posso dire è che con un trattamento potresti risolvere il problema a lungo termine.
    Tentare non nuoce, considera che non sei l’unica cameriera che ha male alla spalla e che cambiando lavoro potresti avere gli stessi problemi.
    Il dolore non è normale, a prescindere dal tipo di lavoro, quindi sarebbe meglio fare qualcosa per la tua salute e il tuo benessere.

  2. Però mi è stato detto che è dovuto alla schiena cioè alla postura io comunque pesi sopra questo braccio non riesco a prendere….. Voi mi consigliate di continuare con questo lavoro o trovare anche qualcosa di più leggero ? Non è dovuto a d’un evento traumatico

  3. Maria, se l’infiammazione è causata dal sovraccarico, un po’ di riposo può essere utile, se invece è traumatica il riposo non è necessario.
    In ogni caso ci sono terapie fisiche (fisioterapia) ed esercizi molto utili per risolvere il problema ed evitare le recidive future.

  4. Ciao sono maria oggi mi é stato diagnosticato un’infiammazione al sovraspinoso, ho una borsite e un’infiammazione al capo lungo del bicipite…. visto che io
    lavoro come cameriera mi consigliate di riprendere oppure no??

  5. Fabio, io sono contrario ai farmaci, quindi non sono la persona corretta, se non facesse effetto, la fisioterapia e l’osteopatia possono aiutarti a risolvere il problema.
    Ci sono diverse terapie manuali (per esempio la massoterapia) e strumentali (per esempio la laserterapia) che ti può prescrivere il medico.

  6. Salve, attraverso un’ecografia mi e’ stata diagnosticata une tendinite discreta al capo lungo del bicipite. La terapia che mi e’ stata data e’ 1200 mg ibruprofen per 1 settimana e riposo. I primi sintomi sono insorti qualche mese fa a intermittenza da quando ho cominciato a fare boxe. La terapia e’ corretta? Potro ricominciare ad allenarmi? Quando? Grazie

  7. Massimo, è difficile senza vederti, dipende anche dalla gravità del dolore notturno.
    Se il dolore è molto forte a prescindere dalla posizione e ci sono altri sintomi (come tosse, febbre, ecc.) bisognerebbe indagare anche gli organi toracici o addominali.
    La borsite può causare dolore notturno alla spalla, in questo caso, se non c’è nient’altro (e per questo forse il medico ti consiglierà anche la RISONANZA magnetica) tra le terapie più indicate per questo disturbo ci sono le onde d’urto.

  8. Salve, avendo un dolore alla spalla specialmente di notte, ho effettuato una eco con questo referto:Non si documentano evidenti lesioni a carico delle componenti moscolo-tendinee costituenti la cuffia dei rotatori.
    Si osserva minima distensione fluidadella borsa sub-acromio-deltoidea con estensione del versamento anche nella guaina del tendine capo lungo del bicipide, quest’ ultimo risulta regolarmente in sede.
    Cosa mi consiliate di fare?
    Grazie

  9. Vito,
    personalmente io sono contrario al cortisone e ai farmaci, salvo casi gravi.
    Ci sono altre terapie, per esempio le onde d’urto, ma deve prescriverle un medico perché ci sono controindicazioni.

  10. salve per una borsite alla spalla causata da un trauma sportivo 2 anni fa con presenza di 2 calcificazioni da 5 mm e 2 mm che secondo loro non sono la causa del problema ma la conseguenza , .. va bene fare delle infiltrazioni di cortisone per risolvere il problema come prescritto dalla dottoressa? non sembra eccessiva come cosa per una piccola borsite ? con il braccio faccio qualsiasi movimento il problema che se lo sforzo il giorno dopo sono dolori…

  11. Simone,
    in effetti senza sapere il disturbo del tuo amico faccio fatica a risponderti.
    Non ci sono evidenze scientifiche, quindi ad alcuni può fare bene ad altri no, ma non la vedo come una terapia definitiva.

  12. Salve, per quanto riguarda le infiltrazioni di PRP cosa potete dirmi?
    Un mio amico ha avuto lo stesso problema e effettuando queste iniezioni ha avuto un gran sollievo.
    Non ricordo perfettamente cosa avesse, però questo tipo di cura riuscì a risolvere il problema.
    Non gli sono stati somministrati nè cortisone nè antinfiammatori vari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

AlphaOmega Captcha Classica  –  Enter Security Code