Terapia della Metatarsalgia

INDICE


 

Qual è la terapia per la Metatarsalgia?

  • Applicare il ghiaccio sulla zona più volte al giorno per circa 15-20 minuti.
    Si deve avvolgere il ghiaccio in una maglia di lana o in un asciugamano per proteggere la pelle, non bisogna mai lasciare che il ghiaccio tocchi la pelle.
stretching,metatarsalgia,terapia,dolore,infiammazione,male,cura,trattamento
Stretching della fascia plantare
dimis – Fotolia.com
  • È possibile assumere farmaci antinfiammatori da banco (cioè che non necessitano di una prescrizione medica) come il Ketodol® (Ketoprofene).
  • Bisognerebbe evitare gli sport ad alto impatto e gli esercizi che mettono tensione sui piedi. Si può provare con qualche attività meno dura sui piedi, come il nuoto o il ciclismo.
  • Si dovrebbe cercare di non mettere pressione sui piedi, quando non si lavora è meglio tenere i piedi sollevati o appoggiati ad un supporto senza caricare il peso sopra.
  • Gli ultrasuoni in immersione (in acqua) possono ridurre i sintomi.
  • Effettuare degli esercizi di fisioterapia con la caviglia e fare stretching del tendine di Achille.
    Un lieve massaggio sopra e sotto il piede può alleviare il dolore.
  • Utilizzare dei plantari che distribuiscono meglio le forze che si esercitano sul piede.
  • Esistono le guaine per la metatarsalgia che riducono la pressione sulle ossa metatarsali, si trovano nelle sanitarie e in farmacia.
  • Si possono utilizzare anche delle solette ammortizzanti per alleviare il carico quando si cammina.
  • Cambiare le scarpe con un paio più adatto al piede.Per i casi più gravi, il medico può raccomandare:
  1. Infiltrazioni di cortisone per ridurre il dolore e il gonfiore.
    Nei primi giorni dopo l’iniezione Il paziente può avvertire fastidio e gonfiore nel punto in cui è stata effettuata, ma questa reazione dovrebbe passare entro pochi giorni.
  2. La chirurgia del piede può essere consigliata se le altre terapie non sono state efficaci, le opzioni chirurgiche sono:
  • Riallineare le ossa metatarsali.
  • Liberare o rimuovere un nervo coinvolto che può essere intrappolato o irritato.
  • Raddrizzare le dita a martello, cioè una deformità dell’articolazione interfalangea prossimale del secondo, terzo, o quarto dito che lo obbliga ad essere permanentemente piegato.

 

Dito a martello,intervento chirurgico


 

Mantenimento del risultato e prevenzione

Le seguenti misure possono aiutare a ridurre significativamente il rischio di sviluppare la metatarsalgia:

  • Scarpe adatte – evitare scarpe troppo strette e tacchi molto alti. La scarpa dovrebbe anche fornire un adeguato supporto e ammortizzazione. È meglio usare una calzatura con la punta arrotondata.
  • Supporti plantari o solette imbottite, aiutano a prevenire il dolore della metatarsalgia. Se il dolore è già presente possono aiutare ad alleviarlo.
  • Peso corporeo – le persone magre hanno un rischio significativamente più basso di sviluppare metatarsalgia. Si dovrebbe cercare di mantenere il giusto peso corporeo, per prevenire anche gli altri disturbi del piede come la fascite plantare.
  • Tempo di recupero – le persone che stanno recuperando dopo un infortunio dovrebbero rispettare le raccomandazioni del medico per i tempi di ripresa dell’attività sportiva o lavorativa.


 

Fase di mantenimento

plantare,metatarsalgia,terapia,cura,trattamento,appoggio
Plantare ortopedico per la metatarsalgia


 

Terapia fisica per la metatarsalgia

Quando l’infiammazione scompare, di solito il plantare è l’unico rimedio consigliato per mantenere la normale biomeccanica. Questi ausili sono necessari per spostare il peso lontano dalla zona dolente. I pazienti dovrebbero continuare gli esercizi di auto mobilizzazione, tra cui gli allungamenti, come suggerito dal medico o dal fisioterapista.


 

Intervento chirurgico per la metatarsalgia

Nei casi più gravi, il riallineamento chirurgico delle ossa metatarsali può essere necessario per bilanciare l’appoggio del peso.
Nei casi in cui il trattamento conservativo non è riuscito a risolverei sintomi, può essere consigliato l’intervento chirurgico.

 


 

 

Qual è il medico a cui rivolgersi per la metatarsalgia?

Un paziente può essere indirizzato ad un ortopedico o uno specialista dei piedi se il disturbo non migliora o peggiora.


 

Medicine per la metatarsalgia

I farmaci antinfiammatori, come l’ibuprofene, sono utili; tuttavia, raramente raggiungono una soluzione a lungo termine.


 

Controllo (Follow up)

Ritorno a giocare e alle gare

Il calendario per il ritorno alla normale attività sportiva dipende dalla natura del disturbo e dalle specifiche esigenze di quello sport.
La risoluzione degli effetti della metatarsalgia comprende il ripristino della flessibilità, della resistenza e capacità aerobica oltre alla propriocezione che sono necessari per ogni attività sportiva.

Tornando a giocare, la maggior parte degli atleti è esposta alle stesse condizioni traumatiche che hanno provocato il dolore all’avampiede. Pertanto, l’individuo dev’essere completamente guarito, senza sintomi e pronto per affrontare lo stress e i traumi che quello sport comporta.

La scelta corretta di scarpe da running, calcio o palestra è un punto cruciale per prevenire le recidive.


 
 

Prevenzione della metatarsalgia

Terapia della Metatarsalgia
Terapia della Metatarsalgia

Gli atleti che si allenano su superfici dure dovrebbero assicurarsi che le scarpe nuove abbiano un adeguata ammortizzazione.
Le tallonette in silicone e le suole che assorbono gli urti meglio di altri materiali sono utili per gli atleti che corrono e saltano molto, specialmente se si allenano su superfici dure.

L’obiettivo preventivo dovrebbe essere l’eliminazione di attriti anomali o pressione.
I plantari, i cuscinetti metatarsali e la cura dei calli possono essere utilizzati per bilanciare e ammortizzare il carico.
Alcuni problemi del piede non sono causati da una patologia, ma da calzature non adeguate.

Il corretto posizionamento del piede all’interno della scarpa dipende dal numero e dalla forma, anche perché i due piedi non sono quasi mai uguali.


 

Quanto dura la metatarsalgia?

La prognosi è generalmente buona se si seguono le terapie consigliate dal medico.


 

Consigli

Gli atleti che aumentano molto e improvvisamente l’attività sportiva corrono il rischio di sviluppare un infiammazione all’avampiede.
Gli atleti devono seguire un incremento graduale di durata o intensità dell’allenamento e non dovrebbero mai correre con il dolore.

 

Leggi anche: Metatarsalgia, cause, sintomi, diagnosi ed esami strumentali