Frattura della clavicola scomposta

INDICE


 

Terapia non chirurgica per la frattura della clavicola

Se le estremità delle ossa rotte non si sono spostate e sono allineate correttamente, l’intervento chirurgico potrebbe non essere necessario.

Solitamente per dare sollievo al paziente e per tenere in contatto i frammenti di osso si applica:

  • Un tutore semplice per il braccio,
tutore,frattura,clavicola,8,dolore,scomposta
Tutore a 8 per frattura della clavicola
  • Una fasciatura che tiene il braccio attaccato al torace,
  • Un bendaggio a forma di 8 .

Per la clavicola non si mette il gesso.
Questi accessori si utilizzano per dare un supporto all’omero (osso del braccio) e contribuire a mantenerlo in posizione durante la guarigione.
Un farmaco antidolorifico (come il paracetamolo) può aiutare ad alleviare i sintomi mentre la frattura si salda.
Durante il periodo di immobilizzazione con il tutore, si perde molta forza muscolare.
Il tutore a 8 può causare la perdita di sensibilità alle mani e ai polpastrelli, di solito è un sintomo temporaneo che sparisce gradualmente dopo averlo tolto.

Una volta che l’osso inizia a guarire e il dolore diminuisce, il medico può consigliare degli esercizi di fisiokinesiterapia dolci per la spalla e il gomito.
Questi esercizi aiutano a prevenire la rigidità muscolare e articolare oltre alla debolezza muscolare. Gli esercizi più pesanti si possono iniziare gradualmente, quando la frattura è quasi guarita.
Durante il recupero, è necessario effettuare visite mediche di controllo periodiche. Quando la frattura è guarita, è necessario effettuare una radiografia di controllo per accertasi che si è saldata nella posizione corretta.
Dopo la guarigione è possibile tornare gradualmente alle attività quotidiane.
Un frammento osseo si può spostare dalla sua posizione anatomica prima della guarigione, quindi è importante pianificare con il medico un programma riabilitativo che mantenga l’osso in posizione.

Se i frammenti della frattura si muovono e l’osso guarisce in una posizione scorretta, si forma una pseudoartrosi.
In questo caso il tipo di trattamento è determinato dal tipo di “deformità” ossea che si è formata e da quanto influisce sul movimento del braccio.
Quando è guarita la frattura, si può notare una sporgenza ossea sopra l’area della lesione.
Di solito, questa diventa più piccola con il passare del tempo, ma una piccola protuberanza può rimanere per sempre.


 

Come bisogna dormire?
La posizione migliore per dormire è supina (pancia in sù), alcuni pazienti riescono a dormire sul lato sano tenendo il tutore.


 

Intervento chirurgico per la frattura della clavicola scomposta

Se i frammenti non sono allineati correttamente, il medico può raccomandare l’operazione.
Grazie all’intervento chirurgico è possibile allineare i capi ossei fissandoli nella giusta posizione durante la guarigione. Questo trattamento può migliorare la forza della spalla quando la frattura è guarita.


 

Quando operare?
Oggi i chirurghi preferiscono non intervenire per non rischiare di danneggiare i nervi e i vasi sanguigni.
Durante l’intervento chirurgico i monconi ossei sono riposizionati nel loro posto e fissati con viti e placche speciali oppure con i fili di Kirschner (bacchette metalliche).

Dopo l’intervento, è possibile che una piccola zona di pelle rimane insensibile nella zona circostante l’incisione .
Questo disturbo diminuisce con il tempo. Siccome non è presente molto grasso sopra alla clavicola, è possibile sentire la piastra chirurgica attraverso la pelle.

 

 


 

Rimozione di viti e placche
Le placche e le viti solitamente non si asportano dopo la guarigione, tranne se provocano fastidio. A volte zaini e cinture di sicurezza possono irritare la zona della clavicola. Se questo accade, è possibile rimuovere le placche e le viti dopo che la frattura è guarita.
I chiodi sono utilizzati per mantenere la frattura in una buona posizione dopo che le estremità ossee sono state riposizionate.
Solitamente, le incisioni per l’inserimento dei chiodi sono più piccole di quelle utilizzate per le placche.
I chiodi spesso irritano la pelle dove sono stati inseriti e solitamente si rimuovono quando la frattura è guarita.

 

Frattura della clavicola scomposta
Frattura della clavicola scomposta


 

Conseguenze dell’intervento

Il rischio di complicanze aumenta nei pazienti che fumano, hanno il diabete o sono anziani.
Le conseguenze si possono verificare durante e dopo l’intervento chirurgico.
Assicurarsi di parlare con il medico riguardo i rischi e i benefici di un intervento per una frattura di clavicola, prima di sottoporsi alla chirurgia.
Ci sono comunque dei rischi associati a qualsiasi intervento chirurgico, tra cui:

I rischi specifici dell’intervento chirurgico per le fratture di clavicola sono:

  • Difficoltà con la guarigione ossea
  • Lesioni polmonari
  • Irritazione di placche e viti

Eseguire movimenti con il braccio sollevato e attività pesanti prima che il medico abbia dato il consenso può causare lo spostamento dei frammenti ossei.
Una volta che la frattura è guarita completamente, è possibile ritornare in modo sicuro a praticare le attività sportive.


 

Quali sono i tempi di guarigione? La prognosi per il paziente con frattura della clavicola scomposta

I tempi di recupero dipendono dalla gravità della frattura, dall’età del paziente, dal genere (maschile o femminile)e dalle terapie che effettua.
I tempi di guarigione si possono allungare nel caso di paziente fumatore o diabetico.
La maggior parte delle persone torna alle normali attività entro 3 mesi dall’infortunio.
Il medico decide quando la frattura è abbastanza stabile per poter tornare alle attività quotidiane.

Raramente un ortopedico opera una clavicola, soprattutto nel caso più frequente di lesione con due soli frammenti.


Una frattura della clavicola composta guarisce in circa due mesi nel giovane e nell’adulto.
Se la frattura è scomposta possono essere necessari dai 3 ai 6 mesi, se il paziente effettua la magnetoterapia i tempi di formazione del callo osseo si riducono fino al 50%.


 

Fisioterapia e riabilitazione per la frattura della clavicola scomposta

Alcuni esercizi di fisiokinesiterapia e riabilitazione possono aiutare a ripristinare la circolazione e a rinforzare la spalla.
Il medico può prescrivere un programma di esercizi da fare a domicilio, ma è comunque consigliato affidarsi alle mani di un fisioterapista per le varie fasi della riabilitazione.
Solitamente i programmi riabilitativi iniziano con movimenti dolci. Gli esercizi di rinforzo muscolare si inseriscono mentre la frattura guarisce.


Anche se la riabilitazione può sembrare lunga, è di fondamentale importanza per tornare a svolgere le attività quotidiane.

Non ci sono dei movimenti da evitare, si può muovere il braccio in tutte le direzioni che non fanno male.

 

Leggi anche: La frattura della clavicola