Frattura dell’Omero

INDICE

Frattura dell’omero significa rottura del braccio, si può verificare nella regione superiore, centrale o inferiore dell’osso.

La parte superiore comprende il collo anatomico, il collo chirurgico, il trochite, il trochine e la testa dell’omero.

movimento della spalla, omero, post-frattura, arto superiore, clavicola, scapola, algodistrofia, Lesione, cuffia dei rotatori, sovra spinoso, osso, scivolamento, mancato, consolidamento, osteoporosi, dolore, male, sintomi, cause, limitazione funzionale, infiammazione, anziani, flessione, sforzo, caduta, trauma, casa, bicicletta, gonfiore, edema.
esercizio e valutazione della spalla

Generalmente, la frattura del braccio si verifica negli anziani che soffrono di osteoporosi quando cadono o scivolano a terra sulle mani.
Se la rottura dell’omero avviene nella parte superiore si può verificare anche la lussazione della spalla, quindi il quadro clinico si aggrava.
La lesione della diafisi dell’omero (la parte centrale) colpisce più spesso gli adulti e il meccanismo di rottura è un trauma diretto.
Le fratture della parte superiore del gomito capitano quasi esclusivamente a bambini e adolescenti, quando cadono con il gomito in iperestensione.
Spesso, le fratture nei neonati e nei bimbi sono a legno verde, cioè si forma una crepa nell’osso, ma il rivestimento esterno rimane intatto (periostio) perché la composizione dell’osso è diversa.


 

Quali sono i segni e i sintomi della frattura dell’omero?

Il soggetto si presenta in pronto soccorso con il braccio attaccato al torace e il gomito flesso per paura del dolore che è molto forte.
I segni sono:

Il braccio non si riesce a muovere ed è possibile avvertire un rumore di ossa che “grattano” tra loro: crepitio osseo.
Se la frattura è esposta, si vede sporgere una parte di osso.
La rottura dell’omero destro è più grave perché impedisce molte attività della vita quotidiana, ma se il paziente è mancino la frattura del sinistro è più invalidante.


 

Quali sono le complicazioni della frattura dell’omero?

Frattura dell'Omero
Frattura dell’Omero

Frattura dell'omero,callo osseo,consolidamento,calcificazioneLe complicanze immediate sono lo shock ipovolemico, cioè un drastico calo del sangue circolante che può portare allo svenimento.

È necessario fare attenzione alla possibile formazione di tromboflebiti, ovvero la nascita di coaguli di sangue che ostruiscono le arterie.
Dai trombi possono originare gli emboli, cioè questi coaguli si staccano, vanno in circolo e possono chiudere le arterie del corpo.
Le fratture che comportano maggiori rischi sono quelle superiori, nella regione vicina alla scapola e alla clavicola, mentre una lesione a livello del gomito è caratterizzata da rischi minori.

Le complicanze del trauma sono la lesione di nervi, muscoli e arterie.
Lungo la diafisi dell’omero decorrono i nervi: radiale, mediano e ulnare che possono subire uno stiramento o lesione in caso di frattura scomposta.
Le arterie possono essere fortemente lesionate, in caso di frattura del collo anatomico dell’omero possono causare una necrosi avascolare, cioè il blocco della circolazione sanguigna in una regione corporea. Dove non arriva il sangue non c’è vita. L’arteria colpita più frequentemente è l’arteria brachiale.

Una frattura scomposta può causare la lussazione della spalla, lo strappo dei tendini della cuffia dei rotatori oppure dei muscoli del braccio: bicipite, brachiale, tricipite e deltoide.
Tra le complicazioni tardive c’è la formazione di una pseudoartrosi, cioè non avviene una consolidazione corretta o si forma un callo fibroso al posto di quello osseo.


 

Qual’è la prognosi della frattura dell’omero?

Plesso brachiale,nervo radiale,mediano,ulnare
Anatomia dei nervi che passano vicino al braccio e possono lesionarsi per una frattura
Alila/bigstockphoto.com

Il tempo di recupero dipende dal tipo di frattura, se è composta può guarire completamente in 2/3 mesi, ma se è scomposta con molti frammenti può essere necessario un intervento chirurgico.
In questo caso l’ortopedico fissa una placca o un endoprotesi che tiene uniti i frammenti .
Se il soggetto è anziano non sempre è possibile il recupero completo dell’articolarità, il braccio rotto potrebbe non essere più in grado di muoversi come l’arto sano.
In caso di frattura scomposta, per recuperare completamente il movimento e ritornare ai livelli pre-trauma sono necessari alcuni mesi, in particolare per riuscire a compiere correttamente le rotazioni della spalla.

 


 

Primo soccorso per la frattura dell’omero

Bisogna piegare il gomito ad angolo retto e poi bisogna sostenere l’avambraccio con una sciarpa legata dietro al collo.
In caso di frattura esposta e sanguinante bisogna bendare il braccio per evitare una perdita di sangue notevole.
Bisogna chiamare subito il soccorso, se non fosse disponibile bisogna legare una stecca al braccio per immobilizzare i frammenti di osso.


 

Cosa fare? Qual’è la terapia adatta per la frattura dell’omero?

L’ortopedico può consigliare l’intervento chirurgico per evitare danni importanti o per riuscire a recuperare il movimento, poi serve un percorso riabilitativo  per guarire completamente.
In caso di frattura composta, bisogna portare un tutore o un gesso ancorato al collo per un mese circa, in modo da permettere il consolidamento dell’osso.
La terapia migliore per aiutare a consolidare l’osso è la magnetoterapia che può dimezzare i tempi di recupero.
Quando si toglie il gesso, si effettua una radiografia di controllo. Se l’ortopedico ritiene che il processo di formazione del callo osseo è iniziato e non ci sono rischi di pseudoartrosi, consiglierà alcuni cicli di fisioterapia per recuperare la forza, il movimento e la coordinazione.

Gli esiti (conseguenze) possibili sono:

  • La consolidazione non corretta (rara);
  • La limitazione funzionale (frequente), infatti gli anziani non riescono a recuperare completamente il movimento, in particolare l’elevazione del braccio.