Rimedi per il torcicollo

INDICE


Che cos’è il torcicollo?

Il torcicollo è un disturbo caratterizzato dal blocco dei movimenti del collo verso un solo lato (destro o sinistro) e all’indietro.

Ruotare e piegarsi verso il lato sano è possibile e non provoca nessun dolore al collo.
Generalmente ci si sveglia al mattino con il collo rigido o bloccato, ma la sera precedente non si avvertivano sintomi.

Rimedi per il torcicollo
Rimedi per il torcicollo

Un torcicollo può essere accompagnato da mal di testa, dolore cervicale e alla spalla.
Il soggetto deve ruotare tutto il corpo per girarsi dal lato colpito.

In genere, i sintomi durano da un paio di giorni a una settimana e possono provocare dolore al collo che varia da leggermente fastidioso a estremamente doloroso e limitante. Mentre alcuni casi di forte rigidità al collo sono il segno di una grave patologia, la maggior parte degli episodi acuti di dolore o rigidità del collo guariscono rapidamente per la capacità di recupero del rachide cervicale.

Classificazione

Il torcicollo può essere:

  • Miogeno congenito, è causato dall’accorciamento del muscolo sterno-cleido-mastoideo che provoca l’inclinazione laterale verso un lato e la rotazione nella direzione opposta. Il trattamento è chirurgico;
  • Congenito osseo, si nota tra i neonati ed è causato dalla fusione tra atlante e occipite, dalla malattia di Klippel-Feil o da altre anomalie ossee. Il trattamento prevede l’utilizzo di un collare;
  • Acquisito, può essere causato da un’infiammazione (tubercolosi, reumatismi, ascesso), da un trauma o un tumore. Il torcicollo oculare fa parte di questo tipo, in questo caso la postura del collo cambia quando si copre un occhio.
    Il torcicollo neurogeno può essere causato da un emorragia intracraniale o dalla siringomielia.

Oltre a questi tipi di torcicollo più gravi, gli adulti e soprattutto i bambini soffrono spesso per questo disturbo a causa di contratture muscolari.

Sterno cleido mastoideo,muscoli,collomiloioideo,stiloglosso,ioide,digastrico

Le cause più frequenti di un torcicollo di tipo muscolare sono:

  • L’affaticamento muscolare è la causa più comune di torcicollo, in pratica è una distorsione o una contrattura muscolare, in particolare del muscolo elevatore della scapola.
    L’elevatore della scapola collega il rachide cervicale alla spalla, si trova nella parte posteriore del collo.
    Il muscolo elevatore scapola può subire uno stiramento quando si svolgono le attività della vita quotidiana.
  • Dormire in una posizione che stira i muscoli della cervicale.
  • Infortuni sportivi che causano uno strappo al collo.
  • La cattiva postura, come ad esempio stare stravaccati mentre si guarda il monitor del computer.
  • Lo stress eccessivo può portare tensioni muscolare nel collo.
  • Mantenere il collo in una posizione anomala per un lungo periodo, come ad esempio appoggiare un telefono tra il collo e la spalla.
  • Il freddo.
  • Dormire con l’aria condizionata o il ventilatore.
  • Il cuscino troppo alto.

Un torcicollo insieme a febbre alta, mal di testa, nausea, vomito, sonnolenza e linfonodi ingrossati, può essere indicativo di meningite, cioè un’infezione batterica che causa l’infiammazione delle membrane protettive che circondano il cervello e il midollo spinale.
Altre infezioni possono causare sintomi di torcicollo come quella del meningococco, un’infezione al rachide cervicale.
Nel momento in cui un torcicollo è accompagnato da febbre, bisogna recarsi immediatamente dal medico per verificare questa possibilità.

Molti disturbi della cervicale possono dare rigidità al collo. La rigidità può essere una reazione ad un problema sottostante della colonna vertebrale. Ad esempio, un ernia del disco o l’artrosi cervicale può provocare la rigidità
Dato che le le strutture nervose della colonna vertebrale cervicale sono tutte interconnesse, un problema in qualsiasi area può causare spasmi e/o rigidità muscolare.

Sintomi del torcicollo

Come regola generale, si consiglia di consultare un medico se i sintomi del torcicollo non passano dopo una settimana.
Bisogna recarsi immediatamente al pronto soccorso se la rigidità del collo è causata da un trauma o se ci sono altri sintomi fastidiosi come una febbre alta.
Quasi tutti abbiamo avuto almeno un episodio di torcicollo nella vita, in genere non c’è niente di cui preoccuparsi.
Nella maggior parte dei casi le cure mediche non sono necessarie, ci sono molti modi per alleviare i sintomi e aiutare il collo a guarire.
La rigidità è causata spesso da stress o contratture ai muscoli della zona, il trattamento serve per rilassare i muscoli e ridare la flessibilità alla cervicale.
Generalmente, il dolore è fortissimo e improvviso, ma non si sente quando si sta fermi in una posizione che non stira i muscoli contratti.
Di solito il torcicollo non provoca gonfiore o rossore.

 

Terapia e rimedi naturali per il torcicollo

Nella maggioranza dei casi il torcicollo è un disturbo di tipo acuto e guarisce senza terapie entro pochi giorni, è rarissimo un torcicollo cronico.

Riposo e sostegno del collo


Un modo per alleviare il torcicollo è rilassare i muscoli. Si può trarre beneficio indossando un collare cervicale morbido, disponibile in tutte le sanitarie, oppure si può fare un sostegno simile a casa. Posizionare un asciugamano arrotolato nel colletto della camicia o lungo il collo e unire le estremità in modo da tenerlo aderente al collo. Per una migliore postura a letto, è meglio dormire su un fianco con un cuscino per la testa e uno piccolo tra le ginocchia per sostenere la colonna vertebrale.
Evitare di dormire senza cuscino o con due cuscini.

È necessario far riposare il collo finché il dolore non passa. Questo significa che bisogna evitare qualsiasi attività che potrebbe irrigidire ulteriormente i muscoli. Evitare di correre, nuotare in piscina e altri sport che causano forti sollecitazioni al collo. Gli sport come il golf possono causare rapide torsioni e sforzi eccessivi, è meglio prendere una pausa fino alla completa guarigione.
Cercare di non sollevare oggetti pesanti nemmeno le cose che si trovano in cortile perché può causare la contrazione dei muscoli e quindi aggrava la contrattura già presente.

Meglio il freddo o il caldo?

Il ghiaccio non si applica al collo.
In caso di torcicollo da contrattura muscolare, bisogna scaldare il collo per velocizzare i processi di guarigione del corpo.
Tra i rimedi veloci c’è una doccia bollente o l’applicazione della borsa dell’acqua calda sulla cervicale per aiutare il rilassamento dei muscoli.

Massaggio e stretching


Un massaggio può contribuire a sciogliere i muscoli e diminuire la rigidità, ma dev’essere fatto molto delicatamente. Il massaggio deve essere molto leggero, quasi sfiorante, si deve concentrare sul rilassamento e non dev’essere finalizzato a rimuovere la tensione muscolare con manovre di impastamento.
Muovere il collo lentamente su, giù e di lato per allungare i muscoli. Mettere ulteriore stress sui muscoli della cervicale può peggiorare il problema, quindi non bisogna muovere troppo in fretta il collo e bisogna evitare tutte le attività che peggiorano i sintomi.
Il massaggio è una terapia sicura anche in gravidanza o durante l’allattamento.

Trattamenti da erboristeria

Gli antinfiammatori naturali possono essere di grande aiuto per rilassare i muscoli rigidi. Si può provare a spalmare erbe aromatiche o olii come: menta, timo, calendula o millefoglie, oppure è utile passare una pomata all’arnica o all’artiglio del diavolo.
Per preparare l’olio da massaggio terapeutico, scaldare alcune gocce di olio da aromaterapia in un cucchiaio insieme ad un olio come quello di oliva, avocado o di semi di uva. Una volta che l’olio è pronto, si può spalmare sui muscoli rigidi.

Farmaci per il dolore

Il dolore da torcicollo spesso non va via subito dopo l’applicazione dei rimedi citati, quindi gli antidolorifici da banco come l’aspirina o il Moment possono essere utili.
Gli antinfiammatori non steroidei come il diclofenac (Voltaren) e il ketoprofene (Oki) e gli analgesici come il paracetamolo (Tachipirina) dovrebbero ridurre il dolore dei muscoli.
Si può applicare un cerotto che contiene il farmaco oppure si può spalmare una pomata o gel con ibuprofene come il Lasonil.
I medicinali aiutano a rilassarsi, sono importanti perché quando si avverte molto dolore è difficile rimanere rilassati.

torcicollo,mckenzie,esercizio,cuscino,dolore,male,guarire,cervicale,collo
Trattamento mckenzie per il torcicollo

Fisioterapia e metodo Mckenzie

Il metodo mckenzie è ottimo per curare il torcicollo.
Il fisioterapista prova a muovere il collo nella direzione bloccata, prima appoggiando la testa del paziente su un cuscino, poi togliendolo.
In questo modo, alla fine della prima seduta si vede già un netto miglioramento e in due sedute il paziente dovrebbe guarire completamente.

Alcuni fisioterapisti applicano il kinesio taping per favorire il rilassamento dei muscoli.

Prevenzione del torcicollo

Chi soffre regolarmente di torcicollo dovrebbe dare un’occhiata alle abitudini quotidiane per rimuovere i fattori di rischio. Lo stress, la cattiva postura, il freddo e il vento possono causare tensione e dolore al collo. Bisogna prendersi il tempo per rilassarsi o fare qualcosa che ti piace ogni giorno, anche se solo per pochi minuti. Si dovrebbe stare lontano da correnti d’aria e indossare una sciarpa quando fa freddo.

Il collo e la colonna vertebrale necessitano di un buon supporto durante il sonno, questo può aiutare ad alleviare la rigidità ed è utile nella prevenzione del dolore cervicale.

La cattiva postura può essere migliorata con un programma regolare di stretching e di ginnastica posturale. È possibile eseguire molti esercizi anche alla scrivania, sul bus o mentre si guarda la televisione per pochi minuti ogni ora. Con un piccolo sforzo per tenere collo in una posizione corretta, con il tempo diventerà naturale e spontaneo. Bisogna posizionare il monitor del computer ad un’altezza che permette di tenere il collo dritto e rilassato. Evitare attività che sovraccaricano il collo, come appoggiare il cellulare tra la testa e la spalla.

Quando bisogna recarsi dal medico

In alcuni casi, la rigidità del collo è il sintomo di un’altra malattia e potrebbe indicare la presenza di un grave infortunio. Se il dolore al collo non migliora entro una settimana bisogna andare dal medico per capire se c’è qualcosa di più serio che causa il dolore.


Quando si subisce un incidente d’auto o un altro trauma, potrebbe verificarsi il classico colpo di frusta che causa danni alle vertebre del collo. Potrebbe essere necessaria una radiografia o altri esami diagnostici per escludere un infortunio grave. A meno che non ci sia una frattura grave, un collare cervicale non è consigliato per curare questo disturbo.

Se non si vede un miglioramento rapido non bisogna allarmarsi, ma se il dolore e la rigidità non passano, probabilmente c’è una patologia associata e serve un esame accurato del medico.

Se il dolore peggiora, si diffonde o è accompagnato da altri sintomi, potrebbe essere un segno di una patologia grave, quindi bisogna consultare un medico immediatamente.
Dolore al collo e al braccio possono essere provocati da un attacco di cuore, soprattutto quando sono accompagnati da respiro affannoso, nausea e sudorazione eccessiva. In queste situazioni bisogna recarsi subito al pronto soccorso.

Quanto dura? Quando passa? La prognosi

In caso di contrattura muscolare che provoca il torcicollo al risveglio di mattina, la durata media è di circa 2 giorni o 48 ore.
Se il disturbo è causato da una patologia grave, i tempi di recupero dipendono da quando si effettua la terapia.

 

Lascia un commento