Dolori alle gambe

INDICE


I dolori alle gambe possono essere costanti o intermittenti, si possono sviluppare improvvisamente o gradualmente e possono influenzare tutta la gamba o una zona localizzata, come la tibia o il ginocchio.

Il dolore può essere di diversi tipi: lancinante, tagliente, sordo, bruciante o formicolio. Il dolore forte alla gamba può influire sulla capacità di camminare o di appoggiare il peso sulla gamba.

Dolore alla gamba,muscoli,tendini,circolazione,nervi

Le cause possibili di dolore alla coscia

Crampi muscolari
Questo improvviso e intenso dolore alle gambe è più frequente tra le persone anziane, gli atleti di resistenza o quelli fuori forma.
I crampi dei muscoli sono spesso causati da affaticamento muscolare o disidratazione.
Nella maggior parte dei casi, è possibile attenuare i crampi interrompendo l’attività che li ha provocati. Se necessario, allungare o massaggiare delicatamente il muscolo dolorante.
Un rimedio naturale utile è l’applicazione di calore sui muscoli per alleviare i sintomi.
Un adeguato riscaldamento e lo stretching possono aiutare a prevenire problemi in futuro.


Periostite
Questo tipo di dolore alle gambe si verifica quando i tessuti connettivi e i muscoli lungo il bordo interno della tibia si infiammano. Questo si verifica spesso correndo o saltando su superfici dure.
La ripetizione di certi movimenti sovraccarica muscoli e tendini.
I piedi piatti e troppa rotazione esterna del piede e della gamba possono favorire questo disturbo.
Il dolore di solito va via con il riposo.
Tra i rimedi naturali si trova l’applicazione di ghiaccio, gli antinfiammatori e interrompere le attività che provocano dolore.
Il plantare di scarico è ottimo per questo disturbo.
La terapia per la periostite prevede anche la fisioterapia con Laserterapia e magnetoterapia.
Una volta che il dolore diminuisce, allungare e rinforzare la parte inferiore della gamba.
Per evitare problemi futuri, indossare scarpe con un buon supporto e ed evitare la corsa su superfici dure.

Tendiniti e lesioni dei tendini

Uno dei primi segni della tendinite del tendine d’achille è il dolore nella parte inferiore del polpaccio o della parte posteriore del tallone.
Tra le terapie possibili c’è l’applicazione di ghiaccio, gli antinfiammatori ed evitare tutto ciò che provoca il dolore.


Se si posiziona un rialzo sotto il tallone diminuisce la tensione sul tendine e questo favorisce la guarigione.
Proprio come con la periostite, attendere che il dolore diminuisca per allungare e rafforzare i muscoli.
Se il dolore è grave, può essere causato dalla lesione del tendine d’Achille.
La lesione del tendine d’achille può derivare da un’intensa attività e un riscaldamento troppo rapido.

Frattura ossea
Una frattura può causare dolore alla gamba.
Per le distorsioni lievi, la prima cosa da fare è il riposo, ghiaccio, compressione ed elevazione.
Per una distorsione più grave o una frattura del femore o della caviglia, applicare il ghiaccio e consultare subito il medico.
Potrebbe essere necessario un gesso o un tutore.
Potrebbe anche essere necessaria la fisioterapia e la riabilitazione per migliorare la circolazione e per rendere più veloce il recupero.
Con il tempo, bisogna recuperare gradualmente la forza muscolare della gamba.

strappo muscolare,lesioneLesione muscolare
Uno strappo è uno stiramento eccessivo o una lacerazione di un muscolo o di un tendine.
La lesione muscolare può essere causata da attività ripetitive o da un singolo evento.
La diagnosi di una distrazione muscolare può essere fatta dopo che il medico controlla la storia clinica ed esegue un esame fisico. A seconda della situazione, l’ecografia può essere necessaria per confermare la diagnosi.
La terapia prevede riposo, ghiaccio, compressione ed elevazione per 24/48 ore.
La maggior parte degli strappi si risolvono con il tempo, ma i casi più gravi hanno bisogno di fisioterapia strumentale come Tecar terapia e ultrasuoni.
I farmaci antinfiammatori possono essere utili per ridurre il dolore e l’infiammazione.

 

Dolori alle gambe
Dolori alle gambe

Kinesio taping per strappo del muscolo vasto mediale
Azione: decontratturante. Forma: Una striscia ad ”Y”. Lunghezza: per tutta la lunghezza del ventre muscolare. Applicare la striscia senza tensione con la base in basso. Mettere in stiramento il quadricipite e seguire con i lati della ”Y” il ventre muscolare del vasto mediale.

Distorsione
Una distorsione è un infortunio che si verifica a causa di una rotazione o torsione eccessiva della caviglia o del ginocchio.
Questo può causare un allungamento o uno strappo dei legamenti che servono per tenere unite le ossa della caviglia.
I legamenti hanno la funzione di stabilizzazione delle articolazioni e prevengono il movimento eccessivo. Una distorsione alla caviglia o al ginocchio si verifica quando i legamenti sono stirati oltre la loro normale ampiezza di movimento. Le caviglie slogate sono caratterizzate dal dolore ai legamenti sul lato esterno della caviglia.

La terapia per una distorsione alla caviglia dipende dalla gravità della ferita. In caso di lievi infortuni l’auto-trattamento e i farmaci antinfiammatori da banco possono essere tutto ciò che serve.
Nei casi più gravi può essere necessaria una valutazione medica per capire l’entità del danno all’articolazione e cosa bisogna fare per recuperare.

 

 


Dolori alle gambe dopo la corsa

Avere dolori alle gambe e contratture dopo aver corso è piuttosto normale, soprattutto per chi non è in forma o ha incrementato l’intensità dell’allenamento troppo rapidamente.

La causa è determinata dall’accumulo di acido lattico, una sostanza prodotta dal corpo che è tossica per le cellule.
Sono necessarie alcune ore per metabolizzare questa sostanza.
Il dolore che si sente per 1/2 giorni dopo l’allenamento è dovuto alla contrattura del muscolo, cioè la contrazione permanente delle fibre muscolari.
Per risolvere questo problema si consiglia la massoterapia (massaggi sportivi), lo stretching e il kinesio taping.

Dolori alle gambe quando si cammina

Quando si cammina con i tacchi è possibile avere dolore alla pianta dei piedi e nella parte posteriore delle gambe, cioè i polpacci.
È sufficiente fermarsi per alleviare il dolore.
Il tacco ideale è 1/2 centimetri, le scarpe piatte (per esempio le ballerine) sovraccaricano le gambe e la schiena.

Nervo sciatico,gamba,posterioreDolore ai nervi delle gambe

Queste sono alcune delle cause più frequenti di dolore alla gamba causato da disturbi nervosi:

  1. Restringimento del canale spinale (stenosi) e lombosciatalgia.
  2. Una causa frequente di restringimento del canale spinale è l’artrosi della colonna vertebrale.
  3. A volte un’ernia del disco mette pressione sulle radici nervose vicine, che possono portare a sintomi della sciatica come:
  • Bruciore,
  • Dolore urente alle gambe in piedi o seduti,
  • Intorpidimento,
  • Formicolio,
  • Affaticamento,
  • Debolezza,

Il dolore può cominciare nella schiena, nel bacino e nell’anca, poi successivamente si estende verso il basso alla gamba.

I sintomi sono più forti al mattino (al risveglio) quando ci si alza da letto e si riducono con l’attività fisica.
La sciatalgia spesso non migliora con brevi periodi di riposo.
La terapia iniziale prevede riposo per alcuni giorni, insieme agli antinfiammatori non steroidei o ai cortisonici.
Il freddo e il calore possono aiutare con alcuni sintomi.
La fisioterapia e gli esercizi di stretching possono aiutare.
Bisogna aumentare gradualmente il movimento nel tempo. Il medico può anche raccomandare altre terapie o interventi chirurgici se il dolore non si risolve.

Sclerosi multipla
La sclerosi multipla è una malattia caratterizzata da degenerazione della guaina mielinica dei nervi.
Tra i sintomi ci sono:

Neuropatia diabetica
Con il diabete, i nervi si possono danneggiare a causa di livelli elevati di zucchero nel sangue.
Questa è una complicazione comune del diabete negli anziani. Può causare dolore in entrambe le gambe con intorpidimento e perdita della sensibilità sotto al ginocchio.
Il trattamento comprende la riduzione del dolore con farmaci topici oppure orali e la diminuzione del livello di glucosio nel sangue.

Disturbi delle vene

Trombosi venosa profonda, flebite, vene, dolore, rischi
©-rob3000-Fotolia.com

Le vene delle gambe servono per riportare il sangue al cuore. Quando si verificano problemi venosi, la gamba si gonfia (edema) e talvolta fa male.
Un problema frequente è l’insufficienza venosa che può provocare vene varicose, gonfiore ricorrente e alterazioni della pelle come una decolorazione marrone vicino alle caviglie.

Una causa grave e potenzialmente pericolosa di dolore alla gamba è la trombosi venosa profonda (TVP). Una TVP è un coagulo in una vena della gamba che si può staccare e viaggiare fino ai polmoni o ad altri organi.

Arteriopatia periferica (PAD)
A causa dell’arteriopatia periferica, il flusso di sangue alla gamba è compromesso a causa del restringimento delle arterie di almeno una gamba.
Il PAD è associato al dolore alle gambe mentre si cammina ed è alleviato dal riposo. Mentre i problemi delle vene spesso causano un arrossamento o calore alla gamba, i sintomi dell’arteriopatia periferica sono: un arto freddo e spesso pallido che ha una maggiore sensibilità al dolore. I fattori di rischio per PAD sono il fumo, malattie cardiache e diabete.

Malattie che causano dolori alle gambe

Ci sono molte malattie che possono causare dolore alla gamba. Chi soffre di fibromialgia sente frequentemente la sindrome delle gambe senza riposo e i crampi dolorosi ai polpacci di notte.
Il dolore alle gambe può anche essere associato a malattie autoimmuni come la sclerosi multipla e l’artrite reumatoide.
Le malattie della tiroide possono causare dolore alle gambe. Inoltre, i farmaci per determinate malattie sono noti per causare dolore muscolare ad una gamba o crampi.
I diuretici e le statine per il colesterolo alto sono esempi frequenti di medicine che causano dolore ai muscoli della gamba.
In tal caso si può sostituire il farmaco o passare ad una terapia naturale, ma solo dopo aver consultato il medico.

Infezione
Un’infezione della pelle o dei tessuti molli può apparire come rossa, dolorosa, gonfia e calda.
Il medico può raccomandare gli antibiotici per sconfiggere i batteri.
Se i sintomi peggiorano o viene la febbre, è meglio chiamare il medico.

Disturbi che originano dalla schiena

La compressione del nervo sciatico provoca un dolore lancinante che si può estendere fino ai piedi.
Il dolore in genere inizia dalla natica e si fa sentire sul lato esterno e sulla parte posteriore della gamba. L’infiammazione del nervo sciatico, o sciatalgia, solitamente è causata da un’ernia del disco lombare, dalla stenosi spinale o da un muscolo che preme contro il nervo, per esempio nel caso della sindrome del piriforme.

Dolori alle gambe quando ci si alza da seduti o sdraiati

Se le gambe fanno molto male, soprattutto quando il paziente si alza dalla posizione seduta può essere un problema di insufficienza venosa o vene varicose.
Se le valvole delle vene lasciano ritornare indietro una parte del sangue, si può sentire un forte dolore.
I sintomi si alleviano facendo stretching o un leggero massaggio prima di alzarsi.
Per la diagnosi serve un’ecografia o un ecodoppler.
I sintomi sono pesantezza, indolenzimento e dolore alle gambe.
La terapia consiste in un intervento chirurgico chiamato ablazione endovenosa, in cui si chiude la vena malata per evitare il riflusso.


Cause di dolori muscolari alle gambe in gravidanza
I disturbi al piede e alle gambe sono un problema frequente per le donne incinte, soprattutto nel terzo trimestre. Il mal di gambe e ai piedi sono spesso causati dall’aumento di peso e dai cambiamenti ormonali che causano il rilassamento dell’arco del piede.
Questo provoca una tendenza ai piedi piatti e può anche causare un maggior lavoro per i muscoli delle gambe per mantenere la stabilità del piede. I crampi alle gambe in gravidanza possono essere causati da variazioni di volume del sangue o dalla compressione del nervo sciatico dovuto all’espansione dell’utero.

 

Altre cause di dolore alle gambe

  • Influenza stagionale,
  • Menopausa,
  • Artrite e reumatismi che colpiscono le articolazioni della caviglia e del ginocchio,
  • Sindrome premestruale che si verifica prima dell’arrivo delle mestruazioni. Alcune donne avvertono i sintomi pochi giorni prima del ciclo, mentre altre iniziano a sentire i dolori pochi giorni dopo l’ovulazione.

Dolore alla gamba in certe posizioni

Se il dolore alla gamba peggiora molto d’intensità quando si è seduti, in piedi o camminando, può indicare un problema dei nervi della schiena. Trovare posizioni più comode è necessario per alleviare il dolore. Ad esempio, piegarsi può alleviare il dolore da stenosi spinale, mentre la rotazione (come in una battuta di golf) può aumentare la tensione sul nervo che causa dolore all’inguine, anca e gamba.

Cosa provoca il dolore alla coscia anteriore in entrambe le gambe?

Il dolore anteriore ad entrambe le gambe può essere un dolore muscolare riferito del muscolo Psoas.
La contrattura di questo muscolo può dare fastidio nella zona del quadricipite ed è abbastanza frequente.


Dolore nella parte posteriore della gamba da seduto
Chi avverte dolore lungo la gamba nella parte posteriore o laterale probabilmente soffre della sindrome del piriforme.
Questa malattia è causata dalla contrattura di questo muscolo del gluteo che può essere accompagnata dalla compressione del nervo sciatico.
La terapia consiste in manipolazioni del muscolo interessato, dei glutei e del muscolo psoas (si trova dietro agli addominali)

Cause rare includono:

  • Tumori cancerosi dell’osso (osteosarcoma, sarcoma di Ewing)
  • Farmaci come l’allopurinolo e i cortisonici
  • Malattia di Legg-Perthes-Calvè, un flusso di sangue ridotto dall’anca può interrompere o rallentare la normale crescita della gamba
  • Tumori benigni o cisti del femore o della tibia (osteoma osteoide)
  • Osteocondrite e Sindrome di Osgood schlatter., di solito si vede nei ragazzi e nei bambini sportivi di età compresa tra 10 e 15 anni.