Otite esterna

INDICE

“Otite esterna” significa infiammazione dell’orecchio a livello del canale uditivo esterno, ma non si estende oltre la membrana del timpano.

Solitamente questa infiammazione è causata da un’infezione.
L’otite media è un altro tipo di infiammazione auricolare, interessa la regione anatomica dell’orecchio medio.

I soggetti più colpiti sono i bambini e i neonati, ma si può verificare anche negli adulti.
Raramente è bilaterale.


 

Classificazione

L’otite esterna può essere:

  • Foruncolosa se è localizzata;
  • Generalizzata, se è diffusa e si estende in tutto il condotto uditivo.

In alcuni casi, l’otite esterna si diffonde al padiglione auricolare esterno e ai tessuti circostanti, tra cui la mandibola e il viso.
Questa infezione è detta otite maligna esterna.
Sebbene l’otite maligna esterna condivida alcune caratteristiche con l’orecchio del nuotatore (un altro tipo di otite esterna) questa patologia non è causata da liquido nel condotto uditivo. L’otite maligna esterna è causata da batteri, come lo Pseudomonas aeruginosa.
Questa è un’infezione aggressiva, il termine “maligna” non si riferisce a una patologia tumorale.
Un nome alternativo per l’otite maligna esterna è “otite esterna necrotizzante”.
Se non si tratta questa infezione dell’orecchio, può diventare una patologia pericolosa per la salute.

Un tipo particolare di otite esterna è quella “bolloso emorragica” caratterizzata da infiammazione della membrana timpanica con formazione di vescicole che contengono liquido infiammatorio e sangue.
L’otite esterna non è contagiosa.


 

Cause di otite esterna

Esistono varie cause di otite esterna, così come diversi fattori che rendono più probabile la sua comparsa.

Cause più comuni

  • Infezione batterica – di solito da batteri, più spesso da Pseudomonas aeruginosa o Staphylococcus aureus
  • Dermatite seborroica – è una frequente patologia cutanea dove le aree della pelle più grasse si irritano e si infiammano, a volte può interessare persino le orecchie
  • Infezione dell’orecchio medio o otite media – le secrezioni prodotte da un’infezione più profonda dell’orecchio possono provocare un’otite esterna
  • Infezione fungina o micotica – le infezioni fungine sono più frequenti quando si utilizzano gocce di antibiotici o di cortisonici nell’orecchio per lungo tempo, sono causate da diverse specie di Aspergillus o Candida albicans
  • Irritazione o reazione allergica – l’otite esterna si verifica a causa di una reazione infiammatoria con qualche cosa che viene a contatto con le orecchie, come i farmaci, le medicazioni o i tappi per le orecchie, lo shampoo o il sudore.

L’otite esterna può anche recidivare dopo una precedente terapia, se quest’ultima non è completata in maniera efficace

 

Otite esterna

Possibili fattori scatenanti
I seguenti fattori non sono cause dirette di otite esterna, ma possono aumentare le probabilità di sviluppare questa patologia
Eccessiva umidità – il rischio di otite esterna può aumentare quando si nuota (in particolare in acque sporche o inquinate) a causa della sudorazione eccessiva o in ambienti umidi, perché il liquido nel canale uditivo esterno è un ambiente ideale per i batteri e per i funghi.
Il vento e il freddo possono favorire lo sviluppo dell’otite esterna.
Lesioni dell’orecchio – Il canale auricolare è molto sensibile e facilmente si lesiona a causa di graffi, la pulizia eccessiva e l’inserimento di bastoncini di cotone
Prodotti chimici – Il rischio di contrarre un’otite esterna è maggiore quando si utilizzano alcuni prodotti in o vicino le orecchie, come gli spray per i capelli, le tinture per capelli o il tappo di cerume
Malattia della pelle sottostante – La psoriasi, l’eczema o l’acne possono aumentare la probabilità di sviluppare questa patologia
Allergia – Vedi la rinite allergica o l’asma
Sistema immunitario debole – Le condizioni che indeboliscono il sistema immunitario, come il diabete, HIV o AIDS e le terapie a base di chemioterapici aumentano il rischio di comparsa dell’otite esterna


 

Come si manifesta? Segni e sintomi dell’otite esterna

Forma batterica o virale

  • Gonfiore significativo del canale uditivo esterno
  • Il fastidio è abbastanza grave, servono gli analgesici orali
  • Febbre
  • Ci sono linfonodi ingrossati intorno alla base dell’orecchio
  • Solitamente le secrezioni sono scarse, di muco e bianche, ma possono essere purulente (piene di pus)
  • Le secrezioni sono sanguinanti in presenza di tessuto di granulazione in un’infezione cronica
  • Perdita dell’udito temporanea o ipoacusia.

Forma fungina
Spesso non ci sono sintomi a parte una secrezione biancastra e lanuginosa, ma può essere anche nera, grigia, bluastra-verde o gialla.
Tra i sintomi più frequenti ci sono il prurito e una sensazione di pienezza nell’orecchio.
Il prurito può essere molto intenso, quindi il paziente si graffia e provoca lesioni cutanee.
Tinnito, ovvero un ronzio nelle orecchie.

Forma correlata alla dermatite atopica
In genere parte da un generale coinvolgimento della cute, comprese le orecchie esterne, il viso e il collo.
Un prurito intenso può provocare un forte grattamento e la comparsa di pelle rossa, ispessita e con numerose croste.

Forma psoriasica
Frequentemente è coinvolto anche il cuoio capelluto, è raro un coinvolgimento facciale.
Compare una lesione rossa spessa e sollevata, con i margini di colore bianco-argenteo.
Spesso sono lesioni pruriginose.

Forma correlata alla dermatite allergica da contatto
Si verifica improvvisamente.
Compaiono lesioni rosse, gonfie, essudanti e pruriginose.
Il canale uditivo esterno può reagire agli allergeni anche se non provocano una reazione allergica altrove.
Può interessare l’orecchio esterno e il lobo.

Forma correlata alla dermatite da contatto irritante
Ha un esordio più lento rispetto alla dermatite allergica da contatto.
Le lesioni sono di solito chiazze di pelle ispessita e indurita.
Può interessare l’orecchio esterno e il lobo.

L’otite media può causare mal di testa, vertigini e sensazione di orecchio tappato, ma nel caso di otite esterna questi sintomi non si verificano.

Infezione batterica,orecchio,otite media


 

Diagnosi di otite esterna

Otoscopio,esame dell'orecchio,diagnosi,otiteIl medico esaminerà l’orecchio cercando un’infezione dell’orecchio esterno.
La cute intorno e dietro all’orecchio può essere dolente al tatto, inoltre un esame scrupoloso del sistema nervoso può mostrare un problema dei nervi cranici.
Se c’è una secrezione, il medico può inviarla al laboratorio per una coltura.
Lo scopo della coltura è quello di cercare batteri o funghi, di solito si trovano gli Pseudomonas.

Nello specifico, in un’otite maligna esterna il medico può ordinare ulteriori esami per vedere se l’infezione è diffusa. Ad esempio, per cercare i segni di un’infezione dell’osso accanto al canale uditivo, si può ricorrere a:

  • TC della regione testa/collo
  • RM della regione testa/collo
  • Esami approfonditi di medicina nucleare.


 

Terapia dell’otite esterna

L’obiettivo della cura è fermare l’infezione e permettere al canale auricolare di guarire.

Pulizia
La pulizia dell’orecchio esterno è necessaria per aiutare le gocce a fluire in tutte le aree infette. Il medico userà un dispositivo di aspirazione o una curette per pulire le secrezioni, i pezzi di cerume, la desquamazione della pelle e altri detriti.

Farmaci per l’infezione
Per la maggior parte dei casi di orecchio del nuotatore, il medico prescriverà gocce per le orecchie con una determinata combinazione degli ingredienti seguenti, a seconda del tipo e della gravità dell’infezione:

  • Soluzione acida per contribuire a ripristinare il normale ambiente anti-batterico dell’orecchio
  • Cortisonici per ridurre l’infiammazione
  • Antibiotico per combattere i batteri
  • Farmaco anti-fungino per combattere un’infezione causata da un fungo.

Terapia topica
É importante chiedere al medico il metodo migliore per assumere le gocce per le orecchie. Ecco alcuni accorgimenti utili:

  • Ridurre il fastidio di gocce eccessivamente fredde tenendo il flacone in mano per pochi minuti, così si scalda,
  • Il paziente si sdraia su un fianco, con l’orecchio infetto rivolto verso l’alto, per aiutare le gocce a percorrere tutto il canale uditivo.

Se il canale auricolare è completamente bloccato dal gonfiore, dall’infiammazione o dalle secrezioni, il medico può utilizzare un cotton fioc o una garza per favorire il drenaggio e per aiutare il farmaco ad entrare nel canale uditivo.
Se l’otite infettiva è in una fase avanzata o non c’è una risposta alla terapia con le gocce per le orecchie, il medico può prescrivere antibiotici per via orale.
Generalmente il medico prescrive l’amoxicillina in pastiglia (Augmentin) per l’otite.

Medicinali per il dolore
Il medico può consigliare di alleviare il fastidio e il dolore derivante dall’orecchio del nuotatore con antidolorifici da banco, come l’Ibuprofene (Moment, Brufen), il Ketoprofene (Oki), o il Paracetamolo (Efferalgan, Tachipirina).
Se il dolore è grave o l’orecchio del nuotatore è in una fase più avanzata, il medico può prescrivere un farmaco più forte.

 

Quanto tempo dura l’orecchio del nuotatore? La prognosi

L’orecchio del nuotatore è una patologia curabile che si risolve rapidamente con una terapia appropriata, in genere non ci sono complicazioni gravi o a lungo termine.
Di solito, l’orecchio del nuotatore si tratta con gocce antibiotiche per l’orecchio, anche se per la forma cronica serve una terapia più intensiva.
La durata dell’otite acuta è di pochi giorni, meno di una settimana.
In caso di otite esterna cronica o recidivante, i tempi di guarigione sono lunghi.


 

Rimedi naturali per prevenire l’orecchio del nuotatore

Non grattare o pulire l’interno dell’orecchio con cotton fioc, forcine, unghie o altri oggetti
Evitare l’uso prolungato di tappi per le orecchie o di auricolari.
I cotton fioc possono provocare irritazione e prurito, inoltre possono intasare l’orecchio di cerume.
Mantenere il sapone, il bagnoschiuma e lo shampoo all’esterno del condotto uditivo, questi prodotti possono provocare prurito e irritazioni

Mantenere asciutte le orecchie
Dopo il bagno al mare o in piscina e anche dopo la doccia, bisogna inclinare lateralmente la testa per rimuovere l’acqua dal canale uditivo
Asciugare delicatamente le orecchie con l’angolo di un tessuto o di un asciugamano, oppure si può utilizzare un asciugacapelli al livello più basso di riscaldamento, ad almeno 20/30 centimetri dall’orecchio.
Quando il paziente è guarito, si consiglia di effettuare il lavaggio delle orecchie frequentemente.
Non ci sono controindicazioni per i viaggi in aereo.

Cure naturali
Versare qualche goccia di olio d’oliva o di succo di aglio nell’orecchio per combattere l’infezione.
Per liberare il canale auricolare e le vie respiratorie si consiglia di effettuare dei suffumigi (fumenti) con una tazza di acqua calda e alcune gocce di olii essenziali, per esempio eucalipto o menta.
Questi trattamenti sono sicuri anche in gravidanza.