Sintomi della laringite e rimedi

INDICE

La laringite è una malattia caratterizzata da un’infiammazione della laringe.
Le corde vocali si trovano all’interno della laringe: il tono della voce è alterato nei soggetti affetti da questa patologia, infatti soffrono di raucedine o abbassamento di voce.

Si potrebbe manifestare in forma acuta o cronica.
La prima si sviluppa improvvisamente ed è più grave; la seconda evolve più lentamente, ma ha un effetto duraturo.
Il timbro vocale diventa così debole da poter dare problemi a parlare.

La laringite si presenta insieme al mal di gola e tosse secca. I bimbi possono avere difficoltà a respirare.

Secondo le teorie di medicina psicosomatica il motivo di questa malattia è evitare di parlare con l’autorità e l’introversione.


 

Classificazione della laringite 

Ci sono due tipi di laringite:
1. Acuta se dura meno di tre settimane;

La laringite ipoglottica acuta è una malattia che colpisce i lattanti e i bambini sotto i 4 anni, è una forma grave che provoca mancanza di respiro o respiro affannoso, tosse secca che successivamente diventa grassa con catarro.

2. Cronica se la durata è superiore a 3 settimane.
La laringite cronica catarrale è caratterizzata da un arrossamento della laringe, alterazioni della voce, bocca secca, bruciore in gola e lieve tosse con catarro;

La laringite difterica (è detta anche croup) si verifica dopo aver avuto la difterite e provoca raucedine, febbre e battiti cardiaci accelerati.

La laringite meccanica si verifica dopo aver urlato o cantato per molto tempo. In questo modo si danneggia la mucosa delle corde vocali e si infiamma la laringe.

Il laringospasmo (o laringite spastica) è una malattia che colpisce i bimbi tra uno e tre anni.
È caratterizzata da risvegli notturni con dispnea, tosse continua, rumore in inspirazione e raucedine o voce bassa.

La laringite ascessuale è caratterizzata dalla formazione di ascessi, generalmente deriva da una laringite trascurata.
Il paziente sente i classici sintomi della laringite, ma anche mal d’orecchio e respiro affannoso.

La laringite si può verificare insieme ad altre infiammazioni delle vie respiratorie superiori come:
1. Faringite o mal di gola,
2. Tracheite,
3. Sinusite.


 

Cause della laringite

Alcune cause di questa malattia:
1. Infezioni virali (raffreddore e influenza),
2. Reflusso gastroesofageo,
3. Sinusite,
4. Sforzo vocale,
5. Allergie,
6. Inalazione di fumi chimici,
7. Inalazione di sostanze irritanti,

8. Abuso di alcol,
9. Fumo,
10. Infezione batterica/fungina/parassiti,
11. Tumore alla gola,
12. Danni ai nervi,
13. Polipi o escrescenze sulle corde vocali,
14. Curvatura delle corde vocali (in età senile).


 

Sintomi della laringite

  • Gola secca,
  • Voce rauca, nei casi più gravi è udibile solo un sussurro,
  • Sensazione di gonfiore alla gola,
  • Secrezione di muco dalla parte posteriore della cavità nasale nella gola,
  • Febbre,
  • Linfonodi ingrossati (in caso di infezione),
  • Dolore acuto durante la deglutizione o la fonazione,
  • Difficoltà di respirazione.

I sintomi sono simili ad altre patologie come il raffreddore, l’influenza, il mal di gola, l’infezione delle vie respiratorie e la malattia da reflusso gastroesofageo.


 

Diagnosi della laringite

Per diagnosticare la laringite è sufficiente una visita medica.
Il paziente deve spiegare i sintomi al dottore.
Il neonato non può parlare, ma il pianto è diverso perché le corde vocali sono infiammate.
Quando il medico controlla la laringe, vede una zona arrossata.
A volte si notano delle placche bianche


 

Cura per la laringite

Il sistema immunitario può curare la laringite causata da un’infezione virale. Il modo migliore per aiutare questo processo consiste nel parlare poco e non sforzare la gola. La guarigione dovrebbe durare meno di una settimana. In casi gravi, la malattia può perdurare per un paio di settimane, al massimo un mese.

Quale antiobiotico prendere?
Se la causa della laringite è un’infezione microbica, i medici prescrivono gli antibiotici, in particolare la Claritromicina (Macladin e Veclam).
Le medicine aiutano a contrastare l’infezione e a ridurre l’infiammazione.

Antinfiammatori
Contro l’infiammazione della laringe, si possono prendere degli antinfiammatori non steroidei, per esempio l’ibuprofene (Nurofen) può essere assunto anche dai bambini, i medici prescrivono anche il Ketoprofene (Oki).

Cortisone. I cortisonici (per esempio il bentelan) riducono l’infiammazione e sono efficaci nel ridurre il dolore. Questo trattamento è consigliato in rari casi, solo quando si ha bisogno urgente di recuperare la voce per concerti o presentazioni. I cantanti soffrono di questo problema quando abusano delle loro corde vocali. Questo infiamma le corde vocali e le rende vulnerabili alle infezioni.

I farmaci a base di cortisone si possono assumere per via orale o tramite aerosol, in questo caso la medicina più prescritta è il beclometasone (Clenil).

Trattamento antiacido: da usare solo se la malattia è provocata da reflusso acido. Si consiglia di assumere i farmaci antiacidi come lo zantac o il prilosec per circa un mese.

Non assumere farmaci decongestionanti: questa medicine sono sconsigliate durante l’insorgenza della laringite in quanto seccano la gola con conseguente infiammazione della laringe.


 

Sintomi della laringite e rimedi
Sintomi della laringite e rimedi

Rimedi naturali per la laringite 

Evitare di usare la voce: si riduce lo stress alle corde vocali. Si dovrebbe evitare di parlare in pubblico e lasciar riposare le corde vocali.

Inalazione di vapore: l’inalazione di vapore aiuta ad alleviare il fastidio riducendo il gonfiore e il dolore della gola. Si ricorda che l’aspirazione di vapore non guarisce completamente da questa patologia.

 

I rimedi casalinghi per la laringite sicuri anche in gravidanza

Evitare di urlare: Il più efficace rimedio domestico è un adeguato riposo delle corde vocali. Non si dovrebbe parlare ad alta voce o conversare per lungo tempo. Queste attività potrebbero causare un peggioramento dell’infiammazione.

Non sussurrare: Il sussurro innesca l’infiammazione della laringe. Anche se sussurrando si sta parlando a bassa voce, si mette più tensione sulle corde vocali rispetto alla conversazione normale.

Respirare attraverso il naso: Una buona abitudine consiste nel respirare col naso. Questa precauzione protegge la gola dall’aria fredda.

Inalazione di vapore: Si chiude il bagno e lo si riempe di vapore usando l’acqua calda. Si deve rimanere nella stanza per 10-15 minuti. In questo contesto è importante respirare con la bocca

Utilizzare un umidificatore: Un umidificatore mantiene il giusto livello di umidità nella stanza. Utilizzare questo macchinario in camera è uno degli accorgimenti migliori per curare la laringite recidivante.

Bere molta acqua: Mantenere la gola idratata aiuta ad abbreviare la durata dei sintomi. Si devono ingerire abbondanti quantità di fluidi, almeno 8-10 bicchieri al giorno.

Mantenere la gola umida: Con la gola secca l’infiammazione peggiora. Si dovrebbe inumidire la gola, fare dei gargarismi con acqua salata e masticare un chewing gum per evitare la recidiva.

Miscela di limone e miele: Si possono aggiungere al the. Bollire 250 ml di acqua, spremere un limone e aggiungere 2 cucchiaini di miele. Lasciar raffreddare e ingerire.
Un cocktail molto efficace si ottiene facendo bollire a fuoco lento dei pezzi di radice di zenzero insieme ad alcuni spicchi d’aglio.
Aspettare che la bevanda si raffreddi e bere.

Evitare di fumare: Il fumo irrita e peggiora la condizione della laringe allungando i tempi di guarigione. Si consiglia di smettere di fumare.


 

Laringe,corde vocali,ugola,esofagoLa laringite è contagiosa?

Si, la laringite è contagiosa se l’agente patogeno è un batterio o un fungo. La modalità di contagio è simile alle altre infezioni respiratorie. In caso di laringite virale sono presenti opinioni contraddittorie. Una parte di esperti afferma che non è contagiosa; altri scienziati dicono che il raffreddore o l’influenza (che causano in seconda istanza la laringite) sono contagiosi.

Deformazione delle corde vocali: se la laringite è causata da uno sforzo delle corde vocali non è contagiosa.

Tosse: il gonfiore della laringe causa tosse persistente. Anche in questo caso il grado di contagio è dato dalla presenza del microbo. Si consiglia di considerare la laringite contagiosa se è presente la tosse.



 

Quanto dura la laringite? Quando torna la voce?

Se la causa è un’infezione, la persona è contagiosa per una settimana.
I tempi di guarigione sono di pochi giorni, quando torna la voce significa che il paziente non ha più l’infiammazione.
Si può uscire con la laringite, ma se il clima è freddo si consiglia di utilizzare una sciarpa.