Mesotelioma pleurico

INDICE

Il mesotelioma pleurico si riferisce allo sviluppo del tumore nel mesotelio che è il tessuto di rivestimento dei polmoni, stomaco, cuore e altri organi.
È causato principalmente dall’esposizione prolungata alle fibre di amianto.
Lo sviluppo di un tumore benigno o maligno nel mesotelio (membrana protettiva che riveste diverse cavità corporee) è uno dei segni caratteristici del mesotelioma.

Il mesotelioma maligno è una neoplasia rara.

Mesotelioma pleurico
Mesotelioma pleurico

Le persone esposte direttamente alle fibre di amianto sono classificate nei gruppi ad alto rischio.

Quando una persona inala le sottili fibre d’amianto, queste si attaccano saldamente ai polmoni. I capelli o i vestiti di una persona direttamente esposta all’amianto rappresentano un mezzo per mettere in pericolo gli altri a stretto contatto.
Si è osservato che per sviluppare il mesotelioma pleurico e mostrare gli effetti gravi occorrono circa 30-40 anni dopo l’esposizione iniziale all’amianto.

Il mesotelioma pleurico colpisce il rivestimento che circonda i polmoni (pleura). È il tipo più frequente di mesotelioma e rappresenta oltre l’80% dei casi.


 

Tipi cellulari del mesotelioma

Mesotelioma epitelioide


Il mesotelioma epitelioide è il tipo cellulare più frequente e rappresenta circa il 50-75% dei casi diagnosticati ogni anno. Tutte queste cellule presentano una forma allungata che le distingue facilmente al microscopio.
Questo tipo di cellula tumorale forma l’adenocarcinoma che si verifica più frequentemente insieme al tumore polmonare rispetto al mesotelioma.

Mesotelioma sarcomatoide
Il mesotelioma sarcomatoide è un tipo cellulare meno frequente e rappresenta circa il 7-20% dei casi diagnosticati ogni anno. Queste cellule si sviluppano dietro alle strutture di appoggio, come i muscoli e le ossa.

Mesotelioma bifasico
Il mesotelioma bifasico è formato sia dalla componente epiteliale sia da quella sarcomatoide.
Le opzioni di trattamento del mesotelioma non variano notevolmente per i diversi tipi di cellule, ma spesso il mesotelioma sarcomatoide è più difficile da curare a causa della diffusione ai tessuti circostanti.


 

Cause del mesotelioma pleurico

La prima causa del mesotelioma è l’esposizione all’amianto. Esistono dei casi estremamente rari in cui l’esposizione all’asbesto non è responsabile del tumore, ma è possibile che la persona sia stata esposta all’amianto indirettamente senza saperlo.

Anche se il mesotelioma è un tipo di tumore poco frequente, non è così raro nelle persone esposte all’amianto.
L’esposizione all’amianto può avvenire direttamente o indirettamente.
L’esposizione diretta si verifica quando la persona è direttamente a contatto con le fibre d’amianto. Per esempio i lavoratori delle miniere d’amianto, i lavoratori edili, i restauratori, i costruttori delle navi, i rottamatori e i meccanici che lavorano su freni e frizioni dei veicoli.

L’esposizione indiretta avviene quando le persone entrano in contatto indiretto con l’amianto o sono a contatto con le persone esposte direttamente all’amianto. Per esempio i familiari e gli amici delle persone direttamente esposte all’amianto e hanno incorporato le fibre nell’abbigliamento o nei capelli.

Metastasi polmonare,polmone,tumore,cancroNon bisogna esporsi all’amianto per lunghi periodi di tempo, ma anche l’esposizione a breve termine potrebbe causare il mesotelioma.

Il mesotelioma è l’effetto principale sulla salute causato dall’inalazione dell’amianto, ma si possono verificare anche l’asbestosi e il tumore al polmone.
Il mesotelioma è molto diverso e non deve essere confuso con il carcinoma polmonare o l’asbestosi.
Questo tumore non è contagioso.


 

Che cos’è il mesotelioma pleurico?

Il mesotelioma pleurico è il tumore che colpisce la pleura (rivestimento polmonare).

I segni e i sintomi del mesotelioma pleurico possono essere:

 

Che cos’è il mesotelioma peritoneale?

Il mesotelioma peritoneale è il tumore che colpisce il rivestimento dello stomaco. Non è molto frequente e rappresenta il 10-20% dei casi di mesotelioma.
Il mesotelioma peritoneale colpisce la parete esterna dello stomaco. Le statistiche mostrano che soltanto il 10-20% delle persone con diagnosi di mesotelioma è colpito da questa variante.

I segni e i sintomi del mesotelioma peritoneale possono essere:

  • Mal di pancia costante (da lieve a grave);
  • Ritenzione dei liquidi in eccesso attorno allo stomaco;
  • Grumi di tessuto nell’addome;
  • Diarrea o stitichezza;
  • Perdita di peso improvvisa e inspiegabile;
  • Nausea.

 

Mesotelioma pericardico

Il mesotelioma pericardico colpisce la membrana che circonda il cuore. È il tipo di mesotelioma più raro.
Sono poche le persone con diagnosi di mesotelioma che soffrono di questo tipo di tumore. Alcuni sintomi possono essere la tosse persistente, il dolore toracico, le palpitazioni e la mancanza di respiro.


 

paziente,allettato,respiratore,ricovero,ospedale

Diagnosi del mesotelioma

La diagnosi di mesotelioma non è facile poiché i sintomi sono simili ad altri disturbi frequenti, come la polmonite, il raffreddore e le allergie stagionali.
Dopo aver esaminato la cartella clinica completa del paziente, il medico richiede di effettuare delle altre analisi se sospetta il mesotelioma.
Il modo migliore per determinare il mesotelioma è mediante gli esami strumentali, per esempio:

Un altro modo per confermare il mesotelioma è il prelievo di tessuto con una biopsia. Questa può comprendere la toracoscopia o la peritoneoscopia (laparoscopia).


 

Terapia per il mesotelioma

La cura dipende dai risultati delle analisi eseguite.
Il medico considera lo stadio/localizzazione del tumore e l’età/salute del paziente.
La terapia più frequente del mesotelioma è l’intervento chirurgico, seguita da radioterapia e chemioterapia.
Si può utilizzare una combinazione di questi trattamenti a seconda del caso specifico.
Non è possibile una cura totale per il mesotelioma; si utilizzano delle terapie per aumentare l’aspettativa di vita del paziente.
Chi soffre di questo disturbo dovrebbe smettere di fumare perché il fumo di sigaretta può aggravare molto la situazione.

 

Intervento chirurgico per il mesotelioma pleurico

I chirurghi lavorano per asportare il mesotelioma quando è diagnosticato in una fase precoce ed è ancora operabile.
In alcuni casi questa operazione può curare il cancro.
A volte non è possibile rimuovere tutto il tumore.
In questo caso l’operazione chirurgica può contribuire a ridurre i segni e i sintomi causati dal mesotelioma che si sta diffondendo nel corpo.
Le opzioni chirurgiche possono essere:

  1. Intervento chirurgico per diminuire l’accumulo di liquido.
    Il mesotelioma pleurico può provocare l’accumulo di liquido nel petto, causando delle difficoltà nella respirazione.
    Il chirurgo inserisce un tubo o catetere nel petto per drenare il liquido. Può anche iniettare il farmaco nel petto per impedire il ritorno (pleurodesi) di liquido.
  2. Intervento chirurgico per rimuovere il tessuto intorno ai polmoni o all’addome. Questa procedura non cura il mesotelioma, ma può alleviare i segni e i sintomi.
  3. Intervento chirurgico per rimuovere la maggior parte del cancro (debulking o citoriduzione).
    Se l’asportazione dell’intero tumore non è possibile, i chirurghi possono cercare di rimuovere la maggior parte. Il debulking consente ai medici di indirizzare con maggiore precisione la radioterapia per alleviare il dolore e l’accumulo di liquido causati dal mesotelioma.
  4. Intervento chirurgico per rimuovere un polmone e il tessuto circostante. La rimozione del polmone colpito e del tessuto che lo circonda può alleviare i segni e i sintomi del mesotelioma pleurico. Se si effettua la radioterapia al torace dopo l’operazione chirurgica, questa procedura permette ai medici di utilizzare delle dosi più elevate di radiazioni perché non si devono preoccupare di proteggere il polmone dagli effetti dannosi.

 

Chemioterapia
La chemioterapia utilizza delle sostanze chimiche per uccidere le cellule tumorali. La chemioterapia sistemica viaggia in tutto il corpo e può ridurre o rallentare la crescita del mesotelioma non operabile.
Si può utilizzare la chemioterapia anche prima dell’intervento chirurgico (chemioterapia neoadiuvante) per rendere più facile l’operazione o dopo l’intervento chirurgico (chemioterapia adiuvante) per ridurre la possibilità di recidive.
I farmaci chemioterapici si possono anche riscaldare e somministrare direttamente nella cavità addominale (chemioterapia intraperitoneale) nel caso del mesotelioma peritoneale o nella cavità toracica (chemioterapia intrapleurica) nel caso di mesotelioma pleurico.
Usando questa strategia, i chemioterapici possono raggiungere il mesotelioma direttamente senza danneggiare le cellule sane in altre parti del corpo.
Questo permette ai medici di somministrare alte dosi di farmaci chemioterapici.

Radioterapia
La radioterapia concentra i fasci ad alta energia come i raggi x in uno o più punti specifici del corpo.
La radiazione può ridurre i segni e i sintomi nelle persone colpite dal mesotelioma pleurico.
Talvolta si utilizza la radioterapia dopo la biopsia o l’intervento chirurgico per impedire la diffusione del mesotelioma all’incisione chirurgica.

Nuove cure
Si stanno effettuando degli studi scientifici sul vaccino per le patologie causate dall’amianto.
Questo farmaco è a base di Survivina e potrebbe essere utile per bloccare la crescita tumorale.


 

Prognosi, sopravvivenza e aspettative di vita del paziente con mesotelioma pleurico

Il mesotelioma non è solo un tumore molto raro, ma anche il più mortale. Colpisce la membrana esterna dei polmoni, stomaco e cuore. Il tempo di sopravvivenza dopo la diagnosi (che di solito avviene 30-40 anni dopo l’esposizione iniziale all’amianto) è di soli 12-18 mesi o anche meno in assenza di terapia/farmaci.
Uno dei principali fattori che influenza l’aspettativa di vita è lo stadio di avanzamento della malattia.


 

Decorso ed evoluzione della malattia

Una delle caratteristiche tipiche del mesotelioma è il periodo di latenza (cioè tra l’esposizione all’amianto e la comparsa dei sintomi) che va da 15 a 40 anni circa.

  • Stadio I: nella fase iniziale il mesotelioma è localizzato su uno strato della pleura e il tumore si potrebbe essere diffuso al pericardio o al diaframma. Gli studi dimostrano che il 50% dei pazienti diagnosticati con il mesotelioma può vivere altri 5 anni con un trattamento aggressivo.
  • Stadio II: nella seconda fase si osserva il coinvolgimento di entrambi gli strati della pleura, solo su un lato del corpo. L’aspettativa di vita a questo stadio può essere di circa 2-4 anni dopo la diagnosi.
  • Stadio III: nella terza fase, il cancro si diffonde alla parete del torace, esofago e linfonodi su un lato del corpo. L’aspettativa di vita per questa fase può essere di circa 6-8 mesi.
  • Stadio IV (ultimo): nella quarta fase (terminale) del mesotelioma, c’è la diffusione ad altri organi del corpo e si formano delle metastasi ossee, al fegato, ai linfonodi, al cervello o in altre zone del corpo.
    Al quarto stadio del mesotelioma la speranza di vita è inferiore ai 6 mesi.