Asma bronchiale e allergica

L’asma bronchiale è una malattia caratterizzata dal restringimento delle vie aeree e dei bronchi in cui passa l’aria da e verso i polmoni.

INDICE



Alterazioni organiche causate dall’asma (Fisiopatologia)

L’asma è una malattia infiammatoria cronica delle vie aeree, infatti c’è un’infiammazione cronica di base, presente anche quando il paziente sta bene.
È caratterizzata da un’ostruzione bronchiale reversibile. In caso di crisi lievi può recedere spontaneamente.
Raramente si verificano delle forme di asma grave con una broncostruzione non reversibile.

Un’altra caratteristica importante è l’iperreattività bronchiale, cioè i muscoli dei bronchi si contraggono:

  • In modo rapido,
  • A causa di stimoli aspecifici (per esempio l’aria fredda o il fumo che causano la secchezza delle vie aeree),

L’asma è caratterizzata da:

  • Presenza di cellule infiammatorie, soprattutto eosinofili (globuli bianchi coinvolti nelle reazioni allergiche), linfociti Th2, mentre i mastociti ed i neutrofili sono meno presenti.
  • Iperreattività delle vie respiratorie – una risposta esagerata a tanti stimoli diversi. E’ una caratteristica importante, ma non esclusiva dell’asma. Ci sono diverse cause, tra cui: infiammazione, disfunzione a livello neurologico e alterazioni strutturali. L’infiammazione sembra essere un fattore fondamentale perché il trattamento antinfiammatorio riduce l’iperreattività.
  • Alcuni soggetti asmatici hanno delle alterazioni delle vie aeree che provocano una reversibilità solo parziale dell’ostruzione:
    • Desquamazione e rottura dell’epitelio bronchiale (mucosa interna dei bronchi)
    • Ispessimento della membrana basale (in particolare della lamina reticolare), è un segno caratteristico dell’asma bronchiale
    • Aumento di volume della muscolatura bronchiale.
    • Proliferazione e dilatazione dei vasi sanguigni
    • Ipersecrezione e aumento delle dimensioni delle ghiandole che producono muco.

 

Origine dell’asma

L’origine dell’asma non è ancora stata scoperta e ci sono molti studi scientifici in corso.
Lo sviluppo dell’asma è un processo che dipende dall’interazione tra due fattori principali:

I ricercatori hanno notato uno squilibrio nella quantità di due citochine (sostanze usate per la comunicazione fra le cellule del sistema immunitario) nelle vie aeree:

  • Th1 – ridotte,
  • Th2 – eccessive.

I linfociti Th1 producono IL-2 e interferone-γ (IFN-γ) che sono fondamentali nei meccanismi di difesa cellulare contro le infezioni.

I linfociti Th2 produce una famiglia di citochine (IL-4, -5, -6, -9 e -13) che stimolano la produzione di IgE (anticorpi che provocano le reazioni allergiche).

Fattori che favoriscono la produzione di Th1 Fattori che favoriscono la produzione di Th2
  • Uso di antibiotici,
  • Ambiente cittadino,
  • Stile di vita e alimentazione occidentale,
  • Sensibilizzazione agli acari della polvere e scarafaggi.

 

 

 

Fonti: Eder W, Ege MJ, von Mutius E. The asthma epidemic. N Engl J Med. 2006;355(21):2226–2235. Review. [PubMed]

Secondo la medicina convenzionale, l’asma è una patologia cronica e incurabile.
Nei bambini e adolescenti colpisce più i maschi, mentre negli adulti sono più colpite le femmine.

 

Tipi di asma

1) L’asma intrinseca (meno del 10% dei casi) si presenta in questo modo:

  • Compare negli adulti dopo i 50 anni circa,
  • Il paziente non soffre di allergie,
  • Tra due attacchi d’asma i sintomi non scompaiono completamente,
  • Spesso diventa cronica
  • Gli organi sono danneggiati frequentemente,
  • Può causare la morte.

2) L’asma estrinseca ha le seguenti caratteristiche:

  • Compare nei giovani o nei bambini,
  • Il ragazzo soffre di allergie che si possono diagnosticare com il test cutaneo (PRIC test o SKIN test)
  • Gli organi non sono compromessi e la morte si verifica solo in casi eccezionali.

 

Asma da sforzo
Questa patologia compare quando si effettua uno sport (durante l’esercizio fisico) e dura circa un quarto d’ora.
I sintomi sono:

Tuttavia ci sono tanti campioni olimpici che soffrivano di asma.

 

Cause dell’asma e fattori di rischio

Le cause dell’asma non si conoscono, ma la ricerca mostra che può essere causata o aggravata da molti fattori di rischio genetici, ambientali o da infezioni.

Ereditarietà
Gli scienziati ritengono che questa malattia sia ereditaria (genetica), il figlio ha più probabilità di ammalarsi se i genitori soffrono di:

Asma bronchiale
Asma bronchiale

Sistema immunitario
In caso di asma allergico, ci sono delle reazioni allergiche ad alcune sostanze ordinarie come:

  • Peli di gatto (più frequente nei bambini),
  • Muffe,
  • Polvere,
  • Profumi,
  • Pollini (più frequente nell’adulto).

Il sistema immunitario potrebbe anche reagire in modo eccessivo a batteri e virus, aumentando le probabilità di un attacco d’asma allergica.

Asma e infanzia
I bambini prematuri sono particolarmente vulnerabili alle malattie respiratorie e alle infezioni, poiché i loro polmoni non sono completamente sviluppati quando nascono.
A volte, un’infezione potrebbe causare un’infiammazione delle vie respiratorie.

Alimentazione e latte materno
L’asma si può verificare nei bambini che non sono allattati al seno perché le proteine del latte di mucca:

  • Non sono adatte all’alimentazione del bambino (sono perfette per il vitello che è un erbivoro)
  • Sono presenti in quantità eccessiva.

L’obesità è un fattore di rischio perché gli adipociti (le cellule grasse) liberano sostanze pro-infiammatorie che favoriscono la comparsa dell’asma.

Asma e ambiente
Ci sono diversi fattori ambientali che possono scatenare l’insorgenza dell’asma, per esempio:

  • Il fumo passivo,
  • L’inquinamento atmosferico,
  • Vernici,
  • Prodotti chimici.

L’umidità può favorire la crescita di acari e muffe che possono scatenare degli attacchi d’asma.

Asma professionale: nell’ambiente di lavoro ci possono essere delle sostanze nocive che causano i sintomi dell’asma.

Ansia e stress
C’è una componente psicosomatica nello sviluppo dell’asma, infatti le situazioni stressanti possono aggravare i sintomi.

Reflusso gastroesofageo
C’è una correlazione tra asma e reflusso gastroesofageo perchè:

  • L’asma da reflusso gastroesofageo è causata dalla risalita degli acidi dello stomaco.
  • Gli attacchi di asma notturna possono essere causati dal reflusso. L’acido nell’esofago provoca una reazione del sistema nervoso autonomo vagale: il broncospasmo,
  • L’asma migliora in caso di assunzione di farmaci anti-reflusso,
  • Il reflusso è frequente nei pazienti asmatici che assumono i farmaci broncodilatatori.

Asma da aspirina
L’aspirina e gli antinfiammatori non steroidei possono causare l’asma.
Questo è un tipo di asma estrinseco

Asma premestruale
Le donne possono avere crisi gravi nei giorni che precedono le mestruazioni.

Asma da funghi e miceti
L’asma dal fungo aspergillus si verifica se il paziente vive in case com molta umidità.

 

 

Bronchite asmatica acuta o cronica

La bronchite asmatica colpisce i bambini che hanno meno di 5 anni.
È una combinazione di due malattie polmonari:

La bronchite asmatica si verifica nelle persone che soffrono di bronchite e poi sviluppano i sintomi caratteristici dell’asma:

  1. Dispnea (mancanza di respiro),
  2. Sibilo (rumore simile a un fischio) durante l’espirazione, in particolare di notte o dopo uno sforzo fisico.

Questi sintomi non sono causati dall’asma, ma:

  1. Dalla dimensione ridotta dei bronchi nei bambini piccoli,
  2. Dalla reazione eccessiva dei bronchi (broncospasmo) che si verifica in alcuni bimbi.

I sintomi di queste malattie sono simili, quindi è difficile fare una diagnosi.

Cause della bronchite asmatica

  • Sistema immunitario debole
  • Infezioni dovute a batteri e virus
  • Infezioni respiratorie
  • Esposizione ad allergeni, inquinanti e alcune sostanze chimiche
  • Stress fisico ed emotivo

 

Sintomi dell’asma bronchiale e allergica

Sintomi dell’asma nei bambini

I bambini piccoli possono sviluppare l’asma in età precoce.

I sintomi dell’asma in età pediatrica sono simili a quelli degli adulti. Tuttavia, dato che nei bambini le vie respiratorie sono più piccole, l’intensità è molto più grave.

I principali sintomi sono:

Mancanza di respiro o dispnea a riposo: Dato che i condotti nasali si restringono, il bambino ha un respiro affannoso.
È più evidente quando il bambino:

  • Piange,
  • Svolge attività fisica.

Durante un attacco d’asma grave, si può verificare una respirazione superficiale e rapida.

Respiro rapido e superficiale: Questo sintomo indica chiaramente che il passaggio dell’aria è ristretto e solo una piccola quantità di aria può passare attraverso le vie respiratorie.

Sibilo durante la respirazione: si sente un fischio mentre il bimbo espira.

Tosse: La tosse cronica può essere secca o grassa.
I pazienti possono tossire occasionalmente durante il giorno, spesso la tosse peggiora durante la notte.

Insonnia – a causa dei sintomi e della tosse che si presentano mentre si dorme.

Senso di oppressione al petto: dato che c’è una quantità minore di aria disponibile nei polmoni, il bambino si sforza per respirare più aria.
Questo provoca un senso di compressione al petto.

Ci sono alcuni sintomi gravi per cui bisogna andare subito in ospedale:

  1. Pallore in viso
  2. Labbra e unghie che diventano di colore blu

 

Asma bronchiale,bronchi

Sintomi negli adulti

I sintomi negli adulti si possono verificare:

  • All’improvviso,
  • Alcune ore o giorni dopo l’esposizione alle sostanze irritanti.

La maggior parte degli attacchi d’asma causano l’affanno e la mancanza di respiro.
Molti pazienti hanno la tosse secca persistente che può causare l’insonnia.
Una sensazione di oppressione toracica improvvisa e inspiegabile può essere un indicatore precoce di un attacco di asma grave.
Un altro sintomo che si può avvertire è il dolore e la rigidità ai muscoli del collo.
Un attacco d’asma provoca anche:

 


Complicanze dell’asma bronchiale e allergica


Broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO)
Si tratta di una malattia polmonare cronica in cui si verifica:

  • Un ostruzione dei bronchi,
  • Riduzione del passaggio d’aria,
  • Un’alterazione degenerativa dei bronchioli e degli alveoli polmonari.

Un paziente asmatico potrebbe può la BPCO dopo i 60 anni quando i tessuti connettivali del bronco perdono elasticità.

Sintomi della BPCO
I sintomi possono essere:
1. Mancanza di respiro che peggiora con l’attività fisica;
2. Una tosse grassa cronica (con catarro) che non va via;
3. Le infezioni polmonari sono frequenti, specialmente durante l’inverno;
4. Il dolore al petto di tipo compressivo.

Enfisema polmonare,BPCO,alveoli

 

Altre complicanze:

  • Acidosi respiratoria – eccessiva acidità del sangue per eccesso di anidride carbonica,
  • Cuore polmonare – dilatazione del ventricolo cardiaco destro,
  • Atelectasia – diminuzione del volume polmonare,
  • Pneumotorace – accumulo di aria nella cavità pleurica.

 

Asma durante la gravidanza

L’assunzione di farmaci per l’asma non va bene per il bambino, ma un attacco d’asma non controllata durante la gravidanza può avere gravi conseguenze.
L’asma in gravidanza può causare:

  • Riduzione della quantità di ossigeno alla madre e al feto che può provocare gravi complicazioni
  • Anomalie congenite:
    • Anomalie del viso,
    • Difetto della parete addominale fetale caratterizzato dalla fuoriuscita di visceri (gastroschisi),
    • Atresia anale.
  • Pre-eclampsia,
  • Basso peso corporeo alla nascita del bimbo,
  • Nascita prematura del bambino.

Il trattamento più popolare per il trattamento dell’asma durante la gravidanza è l’inalazione di cortisonici.
In questo modo:

  • Si apre il passaggio dell’aria,
  • Si alleviano i sintomi.

Il dosaggio di questi farmaci dipende dalla:

  • Frequenza dell’attacco di asma,
  • Gravità dei sintomi.

 

Diagnosi dell’asma bronchiale e allergica

Diagnosi,asma,bambino,medico,pneumologoIl problema della diagnosi di asma è l’assenza di sintomi nei pazienti quando arrivano in ambulatorio nella maggior parte dei casi.
Il medico:

  • Visita il paziente,
  • Verifica se i sintomi sono tipici della malattia.

Nei bambini è difficile fare la diagnosi, a volte l’unico sintomo presente è una tosse secca persistente.

Il periodo di comparsa dei sintomi aiuta a capire il tipo di allergia:

  • Se i sintomi compaiono solo in primavera la causa può essere la presenza dei pollini,
  • In caso di attacchi di asma solo in inverno è più probabile che sia causata dagli acari.

 

Esami per l’asma bronchiale e allergica

Spirometria – un test della funzionalità polmonare che misura la quantità di aria che si espira.
Questo test conferma la presenza di ostruzioni delle vie aeree che migliora con il trattamento, tipico dell’asma.
Inoltre può misurare con precisione il grado di alterazione della funzionalità polmonare.
Questo test:

  • Può anche monitorare la risposta ai farmaci per l’asma,
  • È raccomandato ad adulti e bambini di età superiore ai 5 anni.

Test alla metacolina – è un esame di provocazione in cui il medico chiede al paziente di respirare dosi crescenti di metacolina mediante aerosol.
Questa sostanza provoca una broncocostrizione (riduzione del volume interno dei bronchi).
Bisogna effettuare una spirometria prima e dopo ogni respirazione per vedere la differenza.
Se il Volume Espiratorio Massimo nel I Secondo (VEMS) si riduce di oltre il 20%, il test è positivo.

Radiografia del torace – generalmente non è prescritta, può essere utile per escludere altre malattie come la polmonite.

 

diagnosi,asma,test,esami

 

Test cutanei

SKIN PRICK test – un piccolo campione della sostanza a cui il paziente può essere allergico (allergene) è inserito dolcemente sotto la pelle.
Il test è positivo se compare una piccola vescica entro 15 minuti

Il RAST test permette di ricercare gli anticorpi contro alcuni allergeni.
Un altro esame più recente è l’ImmunoCAP ISAC TEST:

  • Si effettua per 112 allergeni insieme,
  • È attendibile come il rast test.

 

Diagnosi differenziale

Nella diagnosi bisogna escludere:

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

AlphaOmega Captcha Classica  –  Enter Security Code