Onde d’urto

INDICE

Le onde d’urto (o Shock Wave Therapy) sono onde sonore molto utili in medicina e fisioterapia.

Questa terapia è molto efficace in urologia per frantumare i calcoli renali e in ambito ortopedico per alcune patologie di tipo muscolo-scheletrico.

Onde d'urto
Onde d’urto

La profondità di penetrazione del “bombardamento” si può regolare in base al punto da trattare e l’energia si può concentrare con estrema precisione. L’onda è creata da un generatore che può essere piezoelettrico, elettromagnetico o pneumatico-elettroidraulico.

Come funziona la terapia ad onde d’urto?

L’apparecchio delle onde d’urto denominato anche litotritore emette una singola onda sonora ad altissima energia. Questa è convogliata in una piccola area utilizzando dei sistemi di puntamento che mostrano dove si sta agendo, in modo simile all’ecografia muscolo-scheletrica. Le onde d’urto non vanno confuse con gli ultrasuoni che consistono in un emissione continua di onde sonore non udibili dall’orecchio umano. Le onde d’urto sviluppano una pressione 1000 volte maggiore degli ultrasuoni: 500 bar contro 0,5 bar. Il litotritore genera un onda e la trasmette ad un cilindro circondato da un rivestimento di gomma. L’onda si diffonde tramite un elettrodo che crea una scarica elettrica. Si applica questo cilindro alla zona da trattare che può essere fino a 10 cm di profondità. Quando l’onda d’urto attraversa il sangue genera delle bolle gassose, si chiama fenomeno della cavitazione, l’impulso successivo ne causa l’implosione, in questo modo si amplifica l’effetto della terapia perché aumenta l’energia liberata.

Come agisce sui tessuti?

Le onde d’urto agiscono sul tessuto osseo, vascolare e nervoso. Hanno un effetto osteogenetico perché generano delle forti vibrazioni meccaniche che attivano gli osteoblasti, cioè le cellule che producono nuovo tessuto osseo. La calcificazione consiste nel deposito di sali di calcio lungo il decorso dei tendini, ha una consistenza simile alla gelatina o al dentifricio. È molto raro che questa terapia possa frantumare le calcificazioni, a differenza dei calcoli renali.

Le onde d’urto hanno un forte effetto antinfiammatorio perché causano un notevole afflusso di sangue e un aumento della circolazione che rimuove le cellule infiammatorie. Nei giorni successivi si assiste al fenomeno della neoangiogenesi, ovvero la formazione di nuovi capillari. A livello neurologico, le onde d’urto vanno a inibire i recettori del dolore, ovvero le fibre nervose che captano il segnale dolorifico e lo trasmettono al sistema nervoso centrale.

Onda d'urto,bombardamento,fascite,sperone
Bombardamento con le onde d’urto per una fascite plantare o una spina calcaneare

Quali sono le indicazioni della terapia?

Le onde d’urto sono indicate in caso di pseudoartrosi, tendiniti calcifiche, entesiti e altre patologie, in particolare:

 

Borsite alla spalla, impingement,artrosi

Quali sono le controindicazioni della terapia?

Le controindicazioni sono rappresentate da:

 

Come funziona il trattamento?

Si eseguono 3-4 sedute con cadenza settimanale della durata di 10-15 minuti ciascuna. Il trattamento dev’essere eseguito da personale esperto sotto il controllo medico. La terapia è piuttosto dolorosa, ma generalmente i pazienti riescono a resistere per tutta la durata della seduta.

 

 

Leggi anche: Le onde d’urto, effetti  –   Le onde d’urto, applicazione

 

Lascia un commento