Terapia per il diabete

INDICE

La terapia per il diabete mellito di tipo 2 richiede un impegno permanente per:

  • Una dieta adeguata,
  • Un programma di attività fisica regolare,
  • Eventualmente, farmaci per il diabete o una terapia a base di insulina.

Non esiste una cura definitiva, ma alcuni semplici passaggi aiutano a mantenere la glicemia più vicina alla normalità, così si possono ritardare o prevenire le complicanze.

diabete,pancreas,isola,insulina,beta,cellule,glucosio
Alila-bigstockphoto.com

Monitorare la glicemia

In base al piano di trattamento si può controllare e registrare il livello di zucchero nel sangue una volta al giorno o più volte alla settimana.
Si deve chiedere al medico con quale frequenza bisogna controllare la glicemia.
Un’attento controllo è l’unico modo per assicurarsi che il livello di zucchero nel sangue rimanga sotto il valore massimo.
Anche quando si mangia correttamente, la quantità di zucchero nel sangue può cambiare in modo imprevedibile.
Il livello di zucchero nel sangue può variare in base a:

Cibo. Che cosa e quanto si mangia influenzano il livello di zucchero nel sangue.
Lo zucchero nel sangue è più alto una o due ore dopo un pasto.

Attività fisica. L’attività fisica favorisce lo spostamento dello zucchero dal sangue alle cellule. Più una persona è attiva, più basso è il livello di zucchero nel sangue.

Farmaco. Tutti i farmaci che si prendono possono influenzare il livello di zucchero nel sangue, a volte bisogna fare dei cambiamenti nel piano di trattamento del diabete.

Per le donne, le fluttuazioni nei livelli di ormoni influenzano il livello di zucchero nel sangue, in particolare nella settimana che precede il periodo. La menopausa può provocare fluttuazioni del livello di zucchero nel sangue.

Malattia. Durante un raffreddore o un’altra malattia, il corpo produce ormoni che aumentano il livello di zucchero nel sangue.

Non fumare

Limitare l’alcol
Chi ha il diabete deve bere alcol con moderazione e sempre durante i pasti.

Stress. Gli ormoni che il corpo può produrre in risposta allo stress prolungato possono impedire all’insulina di funzionare correttamente.

Cure per il diabete e rimedi naturali (senza insulina)

Dieta e alimentazione per il diabete

Un dietista esperto può aiutare a creare una terapia nutrizionale per abbassare la glicemia, ma considerando le preferenze alimentari e lo stile di vita del paziente.
Ricordare l’importanza della regolarità.
Per mantenere la glicemia in equilibrio, provare a mangiare la stessa quantità di cibo con la stessa proporzione di carboidrati, proteine e grassi allo stesso orario ogni giorno.
Gli alimenti con un basso indice glicemico sono preferibili.

 

Esercizio fisico regolare

Con l’attività fisica si abbassa il livello di glucosio nel sangue, è molto importante fare degli esercizi regolarmente quando si soffre di diabete.
Tutti dovrebbero svolgere almeno 2 ore e 30 minuti di attività aerobica di moderata intensità ogni settimana.
Per attività fisica si intende uno sport che va bene per tutti, come il ciclismo o una camminata veloce, dato che la maggior parte dei soggetti diabetici ha almeno 50 anni.

Un attività che provoca il battito cardiaco accelerato e lo mantiene alto per un tempo di almeno 20/30 minuti migliora la capacità aerobica.
L’esercizio aerobico aiuta a diminuire il rischio di diabete di tipo 2 e aiuta i pazienti con il diabete a gestire meglio il livello di zucchero nel sangue.
Oltre ai benefici per la salute, l’esercizio è divertente e migliora l’umore. È difficile sentirsi stressato quando si cammina su un tapis roulant o si nuota in piscina.

Consigli per l’attività fisica per il diabete di tipo 2
Per ridurre il rischio di ipoglicemia, chi ha il diabete dovrebbe seguire un programma regolare di esercizi, rispettare la dieta e prendere i farmaci alla stessa ora ogni giorno.
Uno sport troppo  faticoso può causare la produzione di adrenalina e altri ormoni che contrastano gli effetti dell’insulina e fanno salire la glicemia.

Si deve parlare con il medico per sapere come regolare l’assunzione delle medicine.
A seconda della durata dell’attività fisica, può essere necessario ridurre la dose di insulina a lunga durata d’azione o a breve durata.

Bisogna allenarsi con qualcuno che sà cosa fare in caso di ipoglicemia.
Si consiglia di controllare gli zuccheri prima, durante e dopo l’esercizio fisico e di portare sempre un piccolo spuntino di carboidrati come un frutto per un’emergenza da crollo della glicemia.

Novità e nuovi farmaci per il diabete di tipo 2

Le ultime ricerche mostrano che l’infiammazione del fegato causa diverse importanti malattie tra cui il diabete di tipo II.
I ricercatori hanno scoperto una proteina chiamata Rankl che si lega al suo recettore Rank sulla superfiche delle cellule del fegato e su quelle beta del pancreas (quelle che producono l’insulina).
Un alta concentrazione della cnel sangue è associata allo sviluppo del diabete di tipo 2.
I nuovi farmaci potrebbero sconfiggere il diabete se riescono a bloccare l’azione di questa proteina.

Terapia farmacologica tradizionale per il diabete

Farmaci per il diabete e terapia insulinica

Alcune persone che hanno il diabete di tipo 2 possono gestire la glicemia con la dieta e l’esercizio fisico, ma molti assumono dei farmaci.
La scelta dei farmaci più adatti dipende da molti fattori, tra cui il livello degli zuccheri nel sangue e altri problemi di salute.
Il medico potrebbe anche combinare farmaci da diverse classi per ridurre la glicemia in diversi modi.

Farmaci per il diabete
Spesso, il medico prescrive la metformina (METFORAL ® – GLUCOPHAGE ®), un farmaco che migliora la sensibilità dei tessuti all’insulina e abbassa la produzione di glucosio nel fegato.
Il medico raccomanda anche di cambiare lo stile di vita, come perdere peso e diventare più attivi.
Quando la metformina non è sufficiente ad abbassare il livello di glucosio, si usano altri farmaci in compresse o iniezioni.

I farmaci abbassare la glicemia che agiscono in modo diverso
Alcuni farmaci per il diabete stimolano il pancreas a produrre e rilasciare più insulina. Tra questi ci soon il glipizide (Minidiab ®), Glibenclamide (es. Daonil, Euglucon) e Gliquidone (es. Glurenor).

Altre medicine bloccano l’azione degli enzimi che abbattono i carboidrati nell’intestino, per esempio Exenatide (es. Byetta) e Sitagliptin (es. Ristaben, Tesavel, Xelevia).

Ci sono farmaci che rendono i tessuti più sensibili all’insulina, come la combinazione di metformina e saxagliptin (Komboglyze).

Farmaci recentemente approvati somministrati con un’iniezione sono:

  • Terapia per il diabete
    Terapia per il diabete

    Exenatide (Byetta)

  • Liraglutide (Victoza)

È meglio parlare dei pro e dei contro dei diversi farmaci con il medico.

Farmaci per il diabete gestazionale
Ci sono alcuni tipi di insulina che si possono prendere anche in gravidanza:

  • Insulina isofano (Humulin I, Mixtard):
  • Insulina Zinco (es. Monotard):

Questi farmaci devono essere somministrati con un iniezione, non sotto forma di compresse e si possono fare fino a 3 iniezioni al giorno.

Insulina per il diabete di tipo 2
Terapia insulinica. Alcune persone che hanno il diabete di tipo 2 hanno bisogno anche della terapia insulinica. Dato che la normale digestione interferisce con le compresse di insulina, questa deve essere iniettata. Le iniezioni di insulina si eseguono con un sottile ago e una piccola siringa.
I tipi di insulina sono molti, ci sono quelli ad azione prolungata, ad azione rapida e le opzioni intermedie.
Alcuni esempi sono:

  • Insulina lispro (Humalog)
  • Insulina glargine (Lantus)
  • Insulina detemir (Levemir)
  • Isofano insulina (Humulin N)

A seconda delle esigenze, il medico può prescrivere una combinazione di tipi di insulina diversi.


Chirurgia bariatrica
Chi ha il diabete di tipo 2 e l’indice di massa corporea (BMI) maggiore di 35, potrebbe ricorrere alla chirurgia per la perdita di peso (chirurgia bariatrica).

I livelli di glucosio nel sangue tornano alla normalità dal 60 al 90% delle persone con diabete, a seconda della procedura eseguita.
Gli interventi chirurgici che ignorano una porzione dell’intestino tenue hanno più effetti sulla glicemia di altre operazioni chirurgiche.
Tuttavia, l’intervento chirurgico è costoso e ci sono dei rischi, tra cui un minimo rischio di morte.
Inoltre, sono necessarie modifiche drastiche dello stile di vita.

Gravidanza
Le donne con diabete di tipo 2 devono modificare il trattamento durante la gravidanza. Anche se non c’è una prova che la metformina è dannosa per la crescita del feto, non ci sono studi che dimostrano la sua sicurezza nelle donne incinte.

Se si hanno segni di retinopatia diabetica, questa può peggiorare durante la gravidanza. Visitate l’oculista durante il primo trimestre di gravidanza e un anno dopo il parto.


Segni che meritano attenzione
Dato che tanti fattori possono influenzare la glicemia, a volte sorgono dei problemi.
Queste malattie richiedono cure immediate perché se non si fa la cura possono dare convulsioni e perdita di conoscienza (coma).

Sintomi del diabete,conseguenze
G1566A Illustration of woman showing the symptoms of diabetes.

Glicemia alta (iperglicemia).
Per molti motivi, tra cui mangiare troppo, si può verificare la glicemia alta.
Si dovrebbe controllare spesso il livello di zucchero nel sangue e fare attenzione a segni e sintomi di iperglicemia:

Chi ha l’iperglicemia dovrebbe regolare il l’alimentazione, i farmaci o entrambi.

L’aumento di chetoni nelle urine (chetoacidosi diabetica). Se le cellule hanno bisogno di molta energia, il corpo può iniziare a usare il grasso. Questo produce acidi tossici noti come chetoni.
I sintomi sono:

È possibile controllare le urine per valutare i chetoni in eccesso con un kit che si può acquistare senza ricetta medica.
Questo disturbo è più frequente nelle persone con diabete di tipo 1.

Sindrome iperglicemica iperosmolare non chetotica. I segni e i sintomi di questa sindrome fatale sono un valore superiore a 600 mg/dL di zucchero nel sangue, secchezza della bocca, sete estrema, febbre superiore a (38° C), sonnolenza, confusione, perdita della vista, allucinazioni e urine scure.
La Sindrome iperglicemica iperosmolare è causata da altissimi livelli di zucchero nel sangue che diventa denso e sciropposo.

Questo disturbo è più frequente nelle persone anziane con diabete di tipo 2 ed è spesso preceduto da una malattia o un’infezione.
La Sindrome iperglicemica iperosmolare si sviluppa solitamente in giorni o settimane.

Bassi livelli di zucchero nel sangue o ipoglicemia.
Il livello di zucchero nel sangue può scendere sotto il valore minimo per molti motivi, tra cui saltare un pasto e fare più attività fisica del normale.
Tuttavia, l’ipoglicemia è più probabile quando si prendono dei farmaci per abbassare il glucosio che favoriscono la secrezione di insulina o quando si sta assumendo l’insulina.

Controllare regolarmente il livello di zucchero nel sangue e fare attenzione ai segni e ai sintomi dell’ipoglicemia, sudorazione, tremori, debolezza, fame, vertigini, cefalea, vista offuscata, palpitazioni cardiache, sonnolenza, confusione e convulsioni.
In caso di ipoglicemia durante la notte, è possibile svegliarsi con il pigiama bagnato di sudore o con il mal di testa. Grazie ad un effetto di rimbalzo naturale, l’ipoglicemia notturna potrebbe causare un’iperglicemia al mattino al risveglio.

Se ci sono i segni o i sintomi dell’ipoglicemia, si consiglia di mangiare o bere qualcosa che alza velocemente il livello di zucchero nel sangue, per esempio un frutto o una caramella.

Bisogna rifare il test 15 minuti dopo per assicurarsi che la glicemia è tornata normale.