Elettroterapia interferenziale

INDICE


Le correnti interferenziali rappresentano un elettro-terapia antalgica che consiste in una corrente a bassa frequenza che penetra in profondità.

Per ottenerla, si devono applicare sul corpo due correnti a media frequenza, una perpendicolare all’altra, le quali interagiscono creando un terzo impulso a bassa frequenza variabile.

Elettroterapia interferenziale
Elettroterapia interferenziale

Per ottenere questa interferenza si applicano al paziente 4 elettrodi disposti a quadrato, tenendo al centro la zona da trattare.
Le due correnti hanno frequenze diverse, questo comporta che in certi momenti si sommano, mentre in altri momenti si annullano.
Sono necessari due generatori di corrente alternata a media frequenza tra 2000 e 10.000Hz.
La caratteristica principale delle correnti interferenziali è la capacità di penetrare più in profondità rispetto alle altre elettro-terapie.

L’impedenza è la forza di opposizione (o resistenza) al passaggio di una corrente elettrica alternata (variabile).
La pelle ha un impedenza che diminuisce all’aumentare della frequenza della corrente che la attraversa.
Le correnti interferenziali sono a media frequenza, quindi incontrano meno resistenza delle altre. Questo consente di penetrare più in profondità perché c’è una minor dispersione.
Un altra caratteristica è che per arrivare in profondità non c’è bisogno di impostare un intensità alta. Si crea un amplificazione data dalla somma delle due correnti, inoltre la dispersione attraverso i tessuti è minima.


 

Qual’è l’effetto delle correnti interferenziali?

In elettroterapia si utilizzano le correnti interferenziali per ottenere un effetto antalgico, ovvero per eliminare il dolore.
Alcuni autori parlano di un effetto eccitomotorio, cioè provoca una contrazione muscolare.
Per ottenere questo risultato si usano correnti a bassa frequenza, in modo da eliminare il gonfiore, ma non per rinforzare i muscoli, perché esistono altre correnti più efficaci (Kotz).

L’effetto antalgico si ottiene con frequenze comprese tra 50 e 100Hz, l’effetto eccitomotorio inizia sotto ai 50Hz, soprattutto sotto ai 25Hz.
Le correnti interferenziali causano una vasodilatazione utile nell’eliminazione delle sostanze che provocano l’infiammazione cronica, in questo modo si attenua il dolore.


 

Quanto durano le sedute di elettroterapia interferenziale?

Le sedute durano dai 20 ai 30 minuti circa, è necessario un ciclo di 10 sedute consecutive.


 

Quali sono le indicazioni per le correnti interferenziali?

Questa terapia è indicata in caso di:


 

Quali sono le controindicazioni per le correnti interferenziali?

Le controindicazioni sono:

Lascia un commento