Elettroterapia Diadinamiche

Le Diadinamiche sono correnti a bassa frequenza emisinusuidali, sono usate spesso nel campo fisioterapico per il loro effetto antalgico (cioè eliminano o attenuano il dolore).

Per la mia esperienza, tra tutte le elettroterapie è quella che produce risultati migliori sul mal di schiena.

Sono state scoperte casualmente durante un trattamento di ionoforesi, cioè un’altra elettroterapia con impulso di tipo continuo.


Elettroterapia Diadinamiche
Elettroterapia Diadinamiche

Il paziente si era già sottoposto ad alcune sedute senza risultato, ma quel giorno il dolore scomparve completamente. Controllando bene il macchinario questo risultò guasto, invece di emettere corrente continua, erogava una corrente alternata. Le Diadinamiche si dividono in 4 tipi:

  • Monofase a 50 Hz
  • Difase a 100 Hz
  • Corto periodo e lungo periodo che sono combinazioni delle prime due.

Le macchine moderne hanno dei programmi preimpostati che emettono le quattro correnti in sequenza, in questo modo evitano l’accomodazione del nervo. Se si trasmettesse solo un tipo di corrente, dopo 3/4 minuti questa smetterebbe di produrre beneficio perché il nervo si “abitua” alla frequenza di quell’impulso. Gli effetti sono diversi a seconda della frequenza dell’impulso. A 50 Hz prevale l’azione antiedema, di stimolazione sulla muscolatura e sulla circolazione sanguigna. A 100 Hz l’effetto più importante è quello antalgico.

 Leggi anche: elettrostimolazione  –  TENS  –  correnti interferenziali  –  tecar terapia

 

Lascia un commento