Soffio al cuore

INDICE

Il soffio al cuore è un suono insolito che si sente tra i battiti cardiaci durante l’auscultazione con lo stetoscopio.
Un flusso di sangue laminare (lineare) è silenzioso, in caso di flusso turbolento si sente questo rumore.

Come funziona il cuore

Il cuore è composto da 4 camere: 2 atrii e 2 ventricoli.

  • L’atrio si dilata per far entrare il sangue dai polmoni (atrio sinistro) o dai tessuti (atrio destro), questa fase è detta diastole atriale
  • Nel frattempo, i ventricoli pompano il sangue nell’aorta (ventricolo sinistro) verso gli organi interni e nella vena polmonare (ventricolo destro), questa fase è la sistole ventricolare.
  • Dopo, l’atrio pompa il sangue al ventricolo dello stesso lato (sistole atriale).
  • Contemporaneamente, i ventricoli si espandono per ospitare il sangue che arriva dall’atrio (diastole ventricolare).

 

Contrazione cardiaca,cuore,diastole,sistole

 

Il cuore batte in due suoni: il primo è un ‘tu’, causato dalla chiusura delle valvole mitrale e tricuspide; il secondo è un ‘tump’, provocato dalle valvole aortica e polmonare.
Questi due suoni si susseguono e non dovrebbero essere interrotti da altri suoni. Il soffio al cuore è un fruscio o un fischio che compare insieme al ‘tu-tump’ e provoca per esempio un “tu-tumsssssh”.

 

 

Spiegazione dei termini

  • Insufficienza di una valvola = la valvola non si chiude bene e permette il ritorno indietro del sangue.
  • Prolasso della valvola = un lembo valvolare sporge in senso opposto al flusso del sangue e lascia refluire il sangue indietro.
  • Stenosi della valvola = restringimento valvolare.
  • Difetto del setto interventricolare = una parte del sangue del ventricolo sinistro passa a quello destro.

 


Classificazione del soffio al cuore

 

Soffio al cuore, sistolico,diastolico

 

 

Tipi di soffio al cuore in base al momento

In base al momento in cui compare e alla forma (o variazione dell’intensità), il medico può diagnosticare il disturbo cardiaco.
Durante l’auscultazione, in base al punto in cui si sente il soffio ,si può capire da quale valvola origina il problema.

 

Punti di auscultazione,valvole

 

Soffio sistolico (durante la sistole dei ventricoli)

Può essere normale o patologico.

Soffio meso-sistolico da eiezione – inizia dopo il primo tono e termina prima del secondo
Questo rumore è dovuto al flusso di sangue attraverso le valvole semilunari (anterogrado, cioè in avanti).
Si verifica quando il ventricolo pompa il sangue e termina con la cessazione del flusso ematico.
L’inizio del soffio avviene in ritardo rispetto a S1, questo periodo è chiamato contrazione isovolumetrica e corrisponde al tempo necessario al ventricolo per sviluppare una pressione superiore a quella dell’aorta.
A questo livello, la pressione del sangue nel ventricolo apre la valvola aortica e si può sentire un “Click da eiezione”.

La configurazione di questo soffio è a diamante o rombo (crescendo-decrescendo) perché aumenta durante la contrazione del ventricolo e cala durante il rilassamento.

 

soffio sistolico,rombo,stenosi aortica


Cause:

  1. Stenosi aortica o polmonare, in caso di stenosi aortica il soffio si sente anche a livello delle arterie carotidi.
  2. Arteria aortica o polmonare dilatata,
  3. Flusso elevato in una valvola normale (a causa di anemia, ipertiroidismo, ecc.),

Tele-sistolico (durante la fase finale della sistole) – Inizia tra l’inizio e la metà della sistole con un click che corrisponde alla tensione delle corde tendinee valvolari.
Una caratteristica di questo soffio è che l’intensità è costante fino alla fine della sistole.

Tra le cause ci sono:

  1. Il prolasso della valvola mitrale o tricuspide
  2. Disfunzioni del muscolo papillare.

In caso di prolasso mitrale, il click non si sente subito dopo S1, ma circa al centro della sistole.
Questo rumore corrisponde alla tensione massima delle corde tendine, cioè quando il prolasso della valvola si ferma.

Per la diagnosi di prolasso, le caratteristiche importanti sono:

  • Il click a metà sistole
  • L’intensità costante.

 

soffio telesistolico, prolasso valvola mitrale-

 

Soffio al cuore olosistolico o pan-sistolico (dall’inizio alla fine della sistole) – parte da S1 e si estende fino a S2.
La causa può essere:

  1. Un’insufficienza mitralica o tricuspidale,
  2. Difetto del setto interventricolare o interatriale.

Se la valvola mitrale è normale, la pressione nel ventricolo sinistro provoca la chiusura della valvola perché è maggiore rispetto all’atrio.
In caso di insufficienza mitrale (con prolasso), il sangue ritorna all’atrio sinistro durante tutta la contrazione del ventricolo e questo provoca un soffio costante.

 

soffio,insufficienza mitrale,pan-sistolico

 

Dato che il ventricolo spinge il sangue nell’atrio, con il tempo questo si dilata per ricevere il sangue che torna indietro.
La conseguenza è che l’atrio può contenere più sangue con la stessa pressione.
Questo soffio si irradia all’ascella.

 

Soffio diastolico (durante la diastole dei ventricoli)

Questo disturbo è sempre patologico.


Protodiastolico – Inizia insieme a S2 che corrisponde alla chiusura della valvola semilunare (aortica e polmonare) e finisce prima di S1.
Tra le cause ci sono:

  • Insufficienza polmonare e aortica
  • Dilatazione dell’anello valvolare.

Dato che la valvola aortica non si chiude completamente, durante la diastole il sangue ritorna nel ventricolo dove la pressione è più bassa.

La pressione ventricolare aumenta rapidamente perché cresce il volume del sangue contenuto, dato che:

  1. L’atrio sta pompando il sangue nel ventricolo
  2. Un piccolo flusso ematico scende dall’aorta.

Quindi il soffio è forte all’inizio, ma poi si riduce: decrescente.
L’insufficienza aortica si sente lungo il bordo sternale sinistro, mentre l’insufficienza polmonare si sente sul bordo superiore destro dello sterno.

 

soffio diastolico,insufficienza aortica

 

Rullio diastolico – inizia dopo S2 (chiusura della valvola aortica) e termina ad S1.
Nella prima fase di diastole c’è un rapido riempimento del ventricolo perché la differenza di pressione tra atrio e ventricolo è maggiore (soffio più forte).
Si sente un click (schiocco di apertura) perché la valvola stenosica è rigida e quindi si sente il blocco quando l’apertura raggiunge il limite.
Alla fine della diastole l’atrio si contrae per pompare più sangue nel ventricolo.
La conseguenza è l’accentuazione del soffio in fase presistolica (rinforzo presistolico).
La causa è la stenosi mitralica o tricuspidale.
Il rullio diastolico ha una forma a clessidra orizzontale (rombo diastolico) e si sente nell’area mitralica.

soffio-diastolico,stenosi mitrale

 

Cause di soffio al cuore fisiologico

Il soffio cardiaco fisiologico è prodotto dal sangue che attraversa il cuore e le coronarie più velocemente del normale (soffio al cuore eiettivo), può essere provocato da:

 

Il soffio cardiaco anormale o patologico

Il soffio cardiaco anormale o patologico può essere causato da:

  • Difetti congeniti (alla nascita) del cuore. Un bambino può nascere con le valvole cardiache e i vasi sanguigni difettosi. Altre anomalie comprendono le problematiche del setto.
  • Infezione
    Gli agenti patogeni danneggiano le valvole cardiache e le altre strutture dell’organo.
  • Febbre reumatica
    La febbre reumatica è una grave malattia causata da batteri, in particolare lo streptococco.
    Causa:

    Le strutture cardiache possono essere danneggiate in modo permanente.

  • Endocardite
    L’endocardite è un’infiammazione del rivestimento interno del cuore e delle valvole provocata da batteri o da altri microbi.
    L’infezione si diffonde alle altre parti del corpo attraverso il sangue.
    Questa patologia si diagnostica in particolare nei soggetti con anomalie genetiche del cuore.
    L’endocardite dev’essere curata immediatamente perché può danneggiare le valvole cardiache.
  • Calcificazione e stenosi valvolare
    La calcificazione causata l’indurimento o l’ispessimento delle valvole cardiache (stenosi aortica o mitralica) e può causare “soffi”.
  • Ipertiroidismo – Iperattività della ghiandola tiroide e tireotossicosi,
  • Prolasso della valvola mitralica
    La valvola non si chiude correttamente. Quando il ventricolo sinistro si contrae i “lembi” della valvola prolassano verso l’alto nell’atrio.

Prolasso mitrale,valvola,cuore,soffio

I sintomi del soffio al cuore

Alcuni soffi sono indicativi di un problema cardiaco:

 

Diagnosi di soffio al cuore

Il cardiologo è in grado di diagnosticare il soffio al cuore auscultando il cuore, inoltre può prescrivere degli esami strumentali, i più adatti sono:

  • Ecocardiogramma ed ecocolordoppler,
  • Radiografia del torace,
  • Elettrocardiogramma (ECG).

Per capire se il soffio è patologico si utilizza la classificazione di Levine che suddivide il soffio in 6 gradi:

  • 1/6 vuol dire che è appena udibile e solo in alcune posizioni,
  • 2/6 debole
  • 3/6 moderato
  • 4/6 forte
  • 5/ 6 molto intenso
  • 6/6 significa che si può sentire anche senza che lo stetoscopio sia a contatto con il torace.

 

Terapia per il soffio al cuore

I soffi cardiaci benigni non necessitano del trattamento perché il cuore è sano.

I soffi cardiaci anormali si curano insieme al problema di cuore che li provoca. Questi soffi si curano coi farmaci e con la chirurgia.
Tra le medicine che il medico prescrive ci sono:

La chirurgia si esegue per sostituire una valvola difettosa, correggere le anomalie congenite o i difetti del setto.

 

Sport e prevenzione del soffio al cuore


Prevenire il soffio al cuore è importante.

  • Seguire una dieta a basso contenuto di grassi per ridurre il colesterolo.
  • Smettere di fumare perché il fumo aumenta il rischio cardiovascolare.
  • Evitare la pressione alta.

In caso di soffio al cuore fisiologico o innocente, il medico consiglia al ragazzo di praticare lo sport preferito per migliorare la salute cardiovascolare.
In caso di soffio cardiaco patologico o maligno, lo sport può essere pericoloso anche per gli atleti.

 

Il soffio al cuore nei neonati

Circa l’85% dei bambini ha il soffio al cuore nelle prime 24 ore dopo la nascita, ma scompare entro le successive 48 ore.
Questi soffi sono causati dal volume dei vasi sanguigni: i neonati hanno arterie, vene e capillari più piccoli.
Dopo la nascita il flusso di sangue arriva ai polmoni (per la prima volta) e provoca “turbolenza”.
Un soffio al cuore nel neonato può essere:

  • Innocente,
  • Patologico: sintomo di un difetto cardiaco.

Non ci sono sintomi specifici di soffio innocente (fisiologico o funzionale) nei neonati.
Solo se la causa è un difetto congenito si possono osservare dei gravi sintomi.
Nel 90% dei casi il soffio nei neonati è di tipo funzionale.

Soffi benigni: questo tipo di rumore è detto soffio cardiaco funzionale, è il segno di un cuore sano ed è dovuto al rumore del sangue che scorre nel cuore.
Non serve una terapia. É molto frequente nei bambini.

Soffio al cuore per un difetto cardiaco congenito: è il risultato di un’anomalia nella struttura del cuore.
Il soffio cardiaco è una conseguenza dei problemi strutturali nel cuore, in questo caso è detto soffio patologico.
Tra questi ci sono:

  • Anomalie delle valvole,
  • Cardiomiopatia,
  • Difetti del setto.

I difetti settali sono causati da buchi nelle pareti del cuore. Il foro può causare un flusso sanguigno supplementare.
La cardiomiopatia è un disturbo muscolare del cuore in cui i muscoli cardiaci sono spessi, ma deboli. La conseguenza è un funzionamento alterato del cuore.

Se il medico rileva che il soffio cardiaco è causato da problemi cardiaci si devono eseguire degli accertamenti come:

Durante la gravidanza la salute della madre può influenzare la salute del bambino.
Aumenta il rischio di soffio al cuore congenito del figlio, se la madre soffre di:

  • Rosolia,
  • Diabete,
  • Se ha problemi di abuso di alcool,

 

Soffio al cuore

Terapia per il soffio al cuore nei neonati
Il trattamento per il soffio cardiaco dipende dalla causa.
Non bisogna preoccuparsi per il soffio fisiologico o innocente perché non è pericoloso e non dev’essere curato.
Se il difetto cardiaco congenito è diagnosticato con i test di laboratorio, il neonato necessita di un’operazione chirurgica.

Il soffio al cuore nei neonati è abbastanza frequente e non rappresenta un problema serio di salute.
Bisogna consultare un pediatra per confermare la causa del soffio se i genitori notano i sintomi, tra cui:

La causa può essere il dotto di botallo, cioè un tubicino che collega l’arteria polmonare all’aorta e può creare dei problemi al cuore.
Questo difetto congenito è più frequente nei nati prematuri (circa il 40%).
Tra le cause di soffio al cuore nei bimbi c’è anche il forame ovale pervio, cioè una piccola apertura tra l’atrio destro e il sinistro del cuore.

 

Soffio cardiaco nei bambini

I bambini più grandi possono presentare il soffio cardiaco. Alcuni bimbi hanno pareti toraciche più sottili, in questo caso i suoni diventano udibili. Questi tipo di soffio è detto soffio funzionale (o benigno).
I genitori non si devono preoccupare per tali rumori.

  • In certi casi il soffio può essere causato da stress, anemia o febbre.
  • Anche i vasi sanguigni stretti possono causare un rumore anomalo.

Quando si sente un soffio forte, possono essere necessari ulteriori esami.
La radiografia serve per verificare alcuni difetti del cuore.
Un elettrocardiogramma conferma se il cuore batte normalmente.

Per il soffio cardiaco benigno non serve una terapia.
Esistono casi molto rari in cui il soffio cardiaco può causare dei gravi problemi di cuore.
Tra i rischi e le complicanze c’è anche la morte.

Generalmente, il soffio cardiaco benigno si riduce con il tempo.
I rumori diventano meno udibili quando la parete toracica si ispessisce.

    Articoli utili correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

AlphaOmega Captcha Classica  –  Enter Security Code