Battito cardiaco normale

INDICE

Il battito cardiaco normale indica la frequenza di battiti al minuto che dovrebbe avere il cuore.

Frequenza del polso normale per adulti e bambini
Una frequenza cardiaca di 60-100 BPM è considerata normale, ma esistono alcune eccezioni.

Un atleta ben allenato può avere una frequenza cardiaca di 40 BPM, in un neonato i battiti cardiaci possono essere circa 180-190 BPM.
La pulsazioni basse possono essere considerate accettabili se sono un indicatore di fitness cardiovascolare e di funzionamento corretto del cuore.

dottoressa,cardiologo
Una discesa sotto al range di normalità può essere un motivo di preoccupazione.
Quando la frequenza scende di sotto del normale si definisce bradicardia, mentre quando il battito cardiaco è accelerato si parla di tachicardia.


 

Variazioni della frequenza cardiaca al minuto

In un individuo sano, la frequenza cardiaca non è costante tutto il tempo, ma cambia in base al livello di attività o di stress.
Secondo la tabella della frequenza cardiaca ideale, il battito cardiaco normale per gli adulti a riposo è compreso tra 60 e 100 battiti al minuto (BPM).
Il tasso può scendere a 40 BPM se la persona sta dormendo.
Alcuni atleti ben allenati possono avere i battiti del cuore sotto 60 perché il muscolo cardiaco è più forte e pompa una maggior quantità di sangue.
Un livello più elevato di frequenza cardiaca indica che il cuore deve lavorare più duramente.
Il battito cardiaco può arrivare fino a 150 o 200 BPM sotto sforzo.
I medici consigliano di misurare regolarmente la frequenza per controllare lo stato di salute.
Con gli esercizi regolari e corretti, si può aumentare l’efficienza del cuore e quindi il battito cardiaco può migliorare.
Il battito cardiaco per un neonato è di circa 110 BPM.
La frequenza cardiaca varia anche in base al genere.
I battiti cardiaci per le donne sopra i 13 anni sono di più rispetto agli uomini della stessa età.
Generalmente, una persona in sovrappeso ha una frequenza cardiaca superiore a una persona media.
I fattori che influenzano la frequenza cardiaca sono il fumo, le malattie, la febbre, la stanchezza, la gravidanza, i farmaci e l’allenamento


 

Quanto dev’essere il battito cardiaco normale?

La frequenza cardiaca di un individuo è influenzata da diversi fattori; i più importanti sono il genere (maschile o femminile), l’età, il peso, le emozioni, i farmaci e il livello di attività.
Le attività che una persona svolge possono alterare il battito cardiaco in un breve lasso di tempo.
La frequenza può scendere a 40 BPM quando la persona è a letto, mentre possono avere un picco a 150-200 BPM quando è in movimento o quando pratica uno sport impegnativo.

Battito cardiaco ottimale negli adulti

  • Uomo 68 – 75 BPM
  • Donna 72 – 80 BPM


 

Tabella del battito cardiaco normale in base all’età

Età Frequenza cardiaca media
Neonato 120-160
Fino a 1 anno 80-140
Da 1 a 2 anni 80-130
2 – 6 anni 75-120
7 – 12 anni 75-110
13 – 18 anni 70-110
18 e oltre 60 – 110
Sportivo 40 – 60

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


 

Qual è la frequenza cardiaca normale a riposo?

Il cuore del feto inizia a battere 22 giorni dopo il concepimento, cioè durante la quinta settimana di gravidanza.
La frequenza cardiaca fetale normale in base alle dimensioni del feto sono le seguenti:

  1. Un embrione di 2 mm ha una frequenza di 75 battiti al minuto.
  2. Un embrione di 5 mm batte a 100 battiti al minuto.
  3. Un embrione di 10 mm ha una frequenza di 120 battiti al minuto.
  4. Un embrione di 15 mm batte a 130 battiti al minuto.

Quindi, la frequenza cardiaca fetale è considerata normale tra i 110 e i 180 battiti al minuto.
Da 180 a 190 battiti al minuto sono considerati ancora normali.

Il cuore di un adulto normale batte tra 60 e 100 volte al minuto a riposo.
La frequenza cardiaca a riposo aumenta con l’età.
Una bassa frequenza cardiaca negli adulti sani è un’indicazione del fitness cardiovascolare e di un cuore efficiente.
In un atleta ben allenato, la frequenza cardiaca può essere da 40 a 60 battiti al minuto. I valori normali della frequenza cardiaca a riposo per i bambini (6-15 anni) sono tra 70 e 100 battiti al minuto.

La frequenza cardiaca a riposo dev’essere misurata al mattino, appena dopo il risveglio.
Si può sentire il polso radiale a livello del polso, oppure il polso carotideo a livello del collo. Qui di seguito ci sono alcuni semplici passaggi e suggerimenti per garantire la corretta misurazione della frequenza cardiaca a riposo.


 

Come misurare la frequenza cardiaca media?

Quando il sangue è pompato lungo le arterie, ci sono zone specifiche del corpo in cui i vasi sanguigni sono vicini alla superficie della pelle e si può sentire l’impulso.
Questo permette di misurare la frequenza cardiaca facilmente.
Le zone dove si sente il battito cardiaco sono:
1. Polso – si sente l’arteria radiale
2. Collo – l’arteria carotidea (proprio accanto al pomo d’Adamo)
3. Sul lato interno del gomito
4. Inguine
5. Caviglia
6. Dietro il ginocchio, l’arteria sulla parte posteriore della gamba (passa attraverso il muscolo del polpaccio)
7. Nella pancia
8. Petto
9. Bordo laterale dell’osso che sta tra la mascella inferiore e le tempie.
Si può sentire una sensazione di battito violento alle tempie quando si sentono delle emozioni forti.

Polso radiale
» Posizionare le punte dell’indice e del dito medio sul polso opposto, leggermente di sotto della base del pollice.
» Quando si sente il battito, contare il numero di battiti per 10 secondi.
» Moltiplicando questo valore per sei, si ottiene il numero di battiti al minuto.


Polso carotideo
» Posizionare la punta dell’indice e del medio su ogni lato del collo, appena sotto l’angolo della mandibola.
» Premere leggermente per tastare il polso e registrare il numero di battute in 10 secondi.
» Moltiplicare il valore per sei, così si ottengono i battiti al minuto.

Il medico ausculta il battito cardiaco del paziente con lo stetoscopio e sente due suoni.
Il primo suono è prodotto dalla chiusura delle valvole mitrale e tricuspide, queste si trovano tra l’atrio e il ventricolo.
Il secondo suono è dato dalla chiusura della valvola tra ventricolo sx e aorta e di quella tra ventricolo destro e arteria polmonare.


 

Battito cardiaco normaleBradicardia e tachicardia

La frequenza cardiaca all’esterno dell’intervallo di 60-100 battiti al minuto a riposo è considerata come un’aritmia cardiaca se è accompagnata da vertigini, stanchezza, dolore al petto, mancanza di respiro e svenimento.
Può essere il risultato di danni al cuore causati dall’invecchiamento, squilibrio elettrolitico, alcool, ipertensione e disturbi cardiaci.
Le malattie che possono causare l’aritmia sono:

  1. Extrasistole,
  2. Fibrillazione atriale,
  3. Fibrillazione ventricolare,
  4. Pericardite,
  5. Ipertensione,
  6. Ipertiroidismo,
  7. Insufficienza cardiaca,
  8. Infarto,
  9. Polmonite,
  10. Enfisema, ecc.

Un battito cardiaco lento (inferiore a 60 bpm) è definito bradicardia e servono delle cure se si sentono i sintomi.
Al contrario, una frequenza cardiaca a riposo sopra 100 bpm è troppo veloce ed è definita tachicardia. Questa è caratterizzata da palpitazioni e dai sintomi scritti sopra, in questo caso serve un intervento medico urgente.

Alcune cause di bradicardia patologica sono:

  1. Infarto del miocardio,
  2. Cardiopatia congenita,
  3. Miocardite,
  4. Una complicazione di un intervento chirurgico,
  5. Ipotiroidismo,
  6. Squilibrio di elettroliti nel sangue,
  7. Apnea notturna,
  8. Malattie infiammatorie (per esempio la febbre reumatica),
  9. Emocromatosi,
  10. Farmaci (ad esempio gli antiaritmici o le medicine per la pressione).

Se il paziente sente i battiti cardiaci nelle orecchie, la causa può essere la pressione alta.


 

Classificazione della frequenza cardiaca


Frequenza cardiaca massima: la frequenza cardiaca massima (FC Max) si riferisce al numero massimo di battiti che il cuore può fare in un minuto.
Questo dato serve durante o immediatamente dopo l’esercizio fisico.
FC MAX aiuta a raggiungere il miglior stato di salute del cuore lavorando alla giusta intensità.

Il modo più semplice per calcolare la FC Max è la seguente operazione: 220 – l’età.
Quindi, se una persona ha 30 anni, la frequenza cardiaca massima è 190.
Chi ha intenzione di allenarsi dovrebbe mantenere i battiti ad un valore medio di circa il 50-60% della frequenza cardiaca massima.

Quindi, per una persona di 30 anni, i battiti cardiaci al minuto dovrebbero rimanere tra 95 e 110.
Questo dato varia leggermente in base al genere e alla costituzione dell’individuo.
Generalmente, la frequenza cardiaca si misura durante un allenamento.
Per misurare il valore medio durante e dopo l’esercizio, è necessario conoscere la frequenza cardiaca massima.

Frequenza cardiaca a riposo: si tratta della frequenza cardiaca calcolata quando non si effettua un’attività fisica.
Questo dato mostra la salute del cuore e i livelli di allenamento.
Un valore basso di battiti del cuore significa che il muscolo cardiaco sta bene, tranne alcuni casi patologici.

Frequenza cardiaca di recupero : il battito cardiaco è massimo durante l’esercizio fisico o qualsiasi attività pesante.
Tuttavia, dopo aver completato una gara o un allenamento, il battito cardiaco scende per raggiungere il suo livello normale a riposo.
La frequenza cardiaca di recupero è il valore che raggiunge il battito cardiaco due minuti dopo aver smesso di fare esercizio fisico.

Per esempio, dopo una corsa di 15 minuti, la FC Max era di 130, dopo due minuti dal termine questo valore è sceso a 92.
Quindi la frequenza cardiaca di recupero è 130-92 = 38.
Questo aiuta a determinare la salute del cuore perché se il battito ritorna presto al valore normale è un buon segno.