Angina pectoris

INDICE

Angina pectoris significa dolore toracico e si verifica a causa di un apporto insufficiente di sangue ricco di ossigeno ai muscoli del cuore.
Insieme al dolore al petto, si può sentire dolore alla spalla, schiena, braccio, collo e persino alla mascella.

La parola angina pectoris deriva dal greco angor, che significa ‘strangolamento’ e pectus che significa ‘petto’.
Quindi, angina significa una sensazione di costrizione al petto.
L’angina non è una patologia ma il sintomo di una malattia coronarica (CAD).
La malattia dell’arteria coronaria è causata dal deposito di sostanze grasse sulle pareti interne delle arterie.

Angina pectoris,torace,petto
La conseguenza è il restringimento delle arterie che diventano anche più rigide.
Questo fenomeno è detto aterosclerosi o arteriosclerosi.
Il dolore al petto può essere causato anche da altre malattie, per esempio la polmonite, pleurite (infiammazione della membrana esterna dei polmoni), pneumotorace (rottura degli alveoli dei polmoni), ecc.
L’angina esofagea è causata da disturbi dell’esofago, per esempio il reflusso gastroesofageo.


 

Classificazione dell’angina pectoris

L’angina può essere di tre tipi: stabile, instabile e variabile.

Angina stabile o cronica
Questo è il tipo più frequente di angina.
Si presenta quando si svolge un’attività come correre o camminare.
Il dolore al petto di solito passa dopo aver riposato per un po’.
Di solito, l’angina cronica stabile dura per 3-5 minuti e si può irradiare ad altre parti del corpo, come le braccia, schiena e le spalle.

Angina instabile
A differenza dell’angina stabile, l’angina instabile non si verifica con l’attività fisica.
L’angina instabile è una forma più grave della stabile e può capitare in diversi momenti della giornata, anche a riposo.
Il dolore toracico ha una durata di 10\15 minuti e il male non può essere alleviato dai farmaci.
Il dolore non segue uno schema regolare e prevedibile. A volte, può essere l’indicatore di un’imminente infarto del miocardio.

Angina di Prinzmetal
Si può verificare di notte mentre si sta riposando o dormendo. Il dolore è causato dallo spasmo (contrazione muscolare) di un arteria coronarica. L’angina di prinzmetal è un disturbo notturno perché di giorno non si presenta.

L’angina può essere suddivisa anche in:
1. Angina pectoris spontanea se compare a riposo senza una causa specifica.
2. Angina pectoris da sforzo se si verifica come conseguenza dell’attività fisica.
3. Angina mista se accade a riposo oppure dopo uno sforzo fisico.

 

Gradi di gravità dell’angina pectoris

Primo grado: il dolore si verifica in caso di attività fisica intensa o prolungata.
Secondo grado: l’angina limita la normale attività fisica quotidiana.
Terzo grado: l’angina causa un’importante limitazione dell’attività fisica e si sente anche dopo una rampa di scale.
Quarto grado: in questa situazione il paziente sente dolore toracico con un lieve esercizio o anche a riposo.

 

Differenze tra angina pectoris e attacco cardiaco

L’angina si verifica quando il flusso sanguineo al muscolo cardiaco è ridotto, ma non interrotto.
Questa patologia si manifesta quando i muscoli del cuore non ricevono il giusto apporto di ossigeno (o sangue) per l’esecuzione di un determinato lavoro.
La quantità di sangue che raggiunge il cuore è sufficiente per svolgere le normali attività, ma il maggior fabbisogno di ossigeno dato da un incremento dell’attività non è possibile.
Durante lo sforzo fisico il cuore inizia a battere velocemente e richiede più ossigeno.
Ciò può innescare i sintomi di questa malattia.
Il dolore toracico è mite e non causa danni durevoli ai muscoli del cuore.

D’altra parte, un attacco di cuore si scatena quando diminuisce l’afflusso di sangue in una sezione dei muscoli cardiaci. Questa circostanza si verifica quando le arterie coronarie si bloccano a causa di depositi di colesterolo. Il dolore causato da un attacco di cuore è forte: se il flusso di sangue al cuore diventa molto basso può causare danni irreparabili al muscolo cardiaco e anche la morte.

L’angina pectoris funzionale è causata da patologie non collegate alla riduzione del flusso sanguigno nelle coronarie.
Questo disturbo comprende:


 

Gli effetti dell’Angina Pectoris in gravidanza

Il sistema circolatorio di una donna incinta deve lavorare di più per rispondere alle maggiori esigenze di sangue.
Il cuore deve pompare maggiormente perché il consumo di ossigeno è più alto.
Nelle donne in dolce attesa, le necessità di ossigeno del miocardio non possono essere soddisfatte dal flusso sanguigno alterato dalla malattia coronarica.
Il dolore toracico può essere percepito anche dalle ragazze che assumono farmaci beta-adrenergici per il trattamento del parto prematuro.
L’angina pectoris è considerata un segnale di allerta per un attacco di cuore ed è essenziale effettuare una visita medica più approfondita.
Le malattie cardiovascolari non sono frequenti nelle donne in gravidanza; tuttavia ci sono altre patologie possono alterare l’equilibrio tra la domanda e l’offerta di ossigeno.

L’ansia o l’attività fisica ad alto livello possono aggravare la malattia, quindi bisogna evitare queste attività.
Il medico può prescrivere i farmaci calcio-antagonisti, beta-bloccanti o la nitroglicerina per trattare l’angina nelle donne in dolce attesa.
I medici devono stare attenti quando prescrivono dei farmaci alle donne incinta per il possibile effetto sul feto.
Nei gravi casi di malattia coronarica, dove il blocco delle arterie è considerevole, serve un intervento chirurgico per liberare i vasi sanguigni intasati.
Le donne in dolce attesa devono informare i medici sul dolore toracico. Il fumo è uno dei principali fattori di rischio di coronaropatia acquisita: le future mamme devono smettere di fumare.

Il dolore al petto che somiglia all’angina può essere attribuito al reflusso acido o a problemi gastrointestinali.


 

Cause di angina pectoris

L’angina è causata dall’insufficiente apporto di ossigeno ai muscoli del cuore. I vasi sanguigni che portano il sangue al muscolo cardiaco potrebbero avere un diametro ridotto a causa dell’accumulo di colesterolo.
Un altro motivo è il restringimento delle arterie che si verifica nell’anziano.
I diabetici e le persone obese hanno un rischio più alto di sviluppare questa patologia.
La maggior parte degli episodi è scatenata dall’esercizio fisico, ma può essere innescata anche da:

  1. Stress emotivo
  2. Pasti pesanti
  3. Sbalzi termici
  4. Fumo

I bambini che sentono l’angina pectoris di solito hanno delle malformazioni congenite del cuore, per esempio la stenosi aortica che provoca l’ischemia del miocardio.
Nei giovani può essere causata dall’abuso di cocaina.

 

Angina pectorisSintomi dell’angina pectoris

In questa malattia i sintomi principali sono i seguenti:

Il dolore è descritto come un male schiacciante e opprimente. A volte si può sentire anche la mancanza di fiato.

 

Sintomi di Angina nelle donne

Uno dei sintomi più importanti è il dolore al petto. Inoltre, si avverte una sensazione di pressione, pesantezza o costrizione del torace. A volte il male può essere accompagnato da una sensazione di bruciore nel petto, spesso scambiato come un sintomo di indigestione. Ecco un elenco dei sintomi più frequenti di angina nelle donne:


 

CoronarografiaDiagnosi di angina pectoris

Una persona soggetta a frequenti episodi di dolore toracico dovrebbe consultare immediatamente un medico.

Gli esami diagnostici più prescritti in caso di angina pectoris sono i seguenti:
1. Esami del sangue,
2. ECG: elettrocardiogramma,
3. ECC: ecocardiogramma,
4. Radiografia.


 

Cure per l’angina pectoris e gestione del paziente

I farmaci si prescrivono per prevenire il dolore toracico.
La terapia farmacologica comprende l’aspirina, i beta-bloccanti, i bloccanti dei canali del potassio, i nitrati, i calcio-antagonisti.

L’aspirina aiuta il sangue a fluire liberamente attraverso le arterie ristrette.
L’assunzione di beta-bloccanti riduce la pressione arteriosa, mentre i calcio-antagonisti aiutano ad allargare le arterie.
Le persone con un alto livello di colesterolo possono assumere delle statine (aiutano a ridurre il livello di colesterolo nel corpo).
Alcuni medici prescrivono delle medicine che si possono assumere in caso di dolore toracico improvviso.
Tra questi ci sono l’aspirina, l’eparina e il Gliceril Trinitrato (GTN).

Se la patologia diventa molto grave, si può essere sottoposti ad un intervento chirurgico per correggere i vasi sanguigni ristretti. Le procedure chirurgiche comprendono l’angioplastica e altri tipi di chirurgia coronarica.


 

Dieta e alimentazione per l’angina pectoris

Un trattamento tempestivo può ridurre il rischio di attacco di cuore. Tuttavia è necessario seguire una dieta sana per prevenire l’angina.

Un individuo in cura per angina pectoris dovrebbe evitare il consumo di prodotti alimentari che alzano i livelli di colesterolo e di grassi saturi.
La dieta dovrebbe includere frutta, cereali, riso, pane integrale, verdure, alimenti ricchi di fibra.
Il pesce è un alimento necessario: si dovrebbero mangiare animali come il salmone, il tonno e lo sgombro.
Per gli appassionati di carne si devono scegliere carne magra o di pollo.
Anche il consumo di alimenti preparati con cipolle e aglio sarebbe utile per ridurre il livello di colesterolo.

Infine si dovrebbero attuare alcuni cambiamenti dello stile di vita per ridurre le complicazioni dell’arteriosclerosi.
Bisogna smettere di fumare completamente. Si deve ridurre l’assunzione di alcool, cioccolata, burro, carne rossa, zucchero e cibi fritti.


 

Quanto dura? Qual’è la prognosi?


L’aspettativa di vita in caso di angina instabile dipende dalla gravità della zona colpita da ischemia.
Se il paziente ha l’angina stabile a causa dell’arteriosclerosi, la prognosi a lungo termine dipende dall’estensione delle placche aterosclerotiche, dalla situazione cardiaca e dall’età del paziente.