Difficoltà di concentrazione

INDICE


Che cos’è la difficoltà di concentrazione?
La difficoltà di concentrazione si verifica quando non si riesce a focalizzare l’attenzione o i pensieri su qualcosa.
I problemi di concentrazione si possono verificare insieme alla difficoltà a rimanere svegli, impulsività, preoccupazioni, iperattività, disattenzione, testa pesante, vertigini o mal di testa.

La difficoltà a mantenere la concentrazione può essere la conseguenza di una patologia o di una situazione temporanea.

Cause della difficoltà di concentrazione

I problemi di concentrazione infantili possono essere causati da:

  • Trauma cranico
  • Carenza di vitamine
  • Crisi epilettiche
  • Disturbo da deficit di attenzione
  • Trauma emotivo
  • Disturbo da Stress post traumatico  (PTSD)
  • Difficoltà di apprendimento

I problemi di concentrazione negli adulti e negli anziani sono causati da diverse patologie tra cui:

In alcuni casi, la difficoltà di concentrazione è un sintomo di una patologia molto grave. Queste malattie sono le seguenti:

  • Lesioni del cervello o del midollo spinale
  • Tumore al cervello o al midollo spinale
  • Delirio
  • Overdose di droga
  • Encefalite
  • Colpo di calore
  • Insufficienza renale
  • Meningite
  • Crisi epilettiche
  • Sepsi (grave infezione del sangue)
  • Ictus

Menopausa
La menopausa può causare diversi sintomi tra cui i problemi di concentrazione. Le donne si potrebbero sentire troppo stanche per trovare la concentrazione.
I sintomi psicologici causati dalla menopausa sono i seguenti:

La presenza di questi segni può provocare difficoltà di concentrazione.
Quando una donna è stressata, non è in grado di concentrarsi al meglio delle sue capacità.
La causa principale delle difficoltà di concentrazione sono le oscillazioni di estrogeni (ormoni). Essi modificano i livelli di neurotrasmettitori nel cervello.

Concentrazione e ansia
L’ansia non causa sempre problemi di concentrazione. Anzi alcuni esperti sostengono che l’ansia migliora la concentrazione.
L’ansia è un meccanismo di difesa (lotta o fuga) che si attiva quando si percepisce un pericolo.
Tuttavia ci sono i seguenti problemi:

  • Non si ha nulla su cui concentrarsi
  • Non si trova la concentrazione su ciò che si desidera

L’ansia provoca problemi di concentrazione. Per essere sicuri della causa bisogna provare a concentrarsi su un’attività dall’inizio alla fine.

Mancanza di concentrazione ed esaurimento nervoso
La mancanza di concentrazione può essere un sintomo dell’esaurimento nervoso.
Lavorare molto causa esaurimento nervoso e mancanza di energia.
In una società come quella attuale, l’esurimento nervoso è una patologia molto frequente e limita la creatività e la motivazione.

Gravidanza
Nel primo trimestre di gravidanza, la stanchezza e la nausea mattutina possono debilitare sia fisicamente che mentalmente.

Le cause principali sono le seguenti:

  • Cambiamenti ormonali
  • Preoccupazione per il corpo che cambia
  • Preoccupazioni per la maternità
  • Fatica
  • Durante il terzo trimestre, le donne incinte hanno più problemi di attenzione e di memoria.

Cosa fare? La terapia per la difficoltà di concentrazione

Ridurre lo stress
Il riposo e il sonno riducono lo stress. Si dovrebbe dormire per 7/8 ore tutti i giorni.
Se una persona non dorme bene di notte, la stanchezza può creare problemi alla concentrazione e alla memoria.
Le persone si dovrebbero prendere delle pause.
Un riposo pomeridiano di 20/25 minuti è sufficiente per recuperare la lucidità mentale.
Questo è fondamentale soprattutto per non perdere la concentrazione alla guida e rischiare un incidente.
La meditazione e gli esercizi di respirazione riducono lo stress e l’ansia.

Esercizio fisico regolare
L’esercizio fisico quotidiano mantiene il corpo in forma, migliora la salute della mente e la circolazione del sangue. Si verifica un aumento di ossigeno a diversi organi del corpo, compreso il cervello. L’ossigeno è una delle principali fonti di nutrimento per le cellule del cervello.
Un aumento della quantità di ossigeno mantiene in buono stato la memoria, la concentrazione e l’attenzione mentale.
Lo sport e l’esercizio fisico regolare sono indispensabili contro l’insonnia e la perdita di concentrazione al lavoro e a scuola.

Gli sport più adatti sono: passeggiate, aerobica, nuoto, yoga, jogging, sport di squadra, palestra.

concentrazione,attenzione,imbarazzo,ragazzaRimedi naturali per aumentare la concentrazione

Vitamine e integratori
Ci sono altre vitamine e sostanze nutritive che si dovrebbero mangiare con regolarità:

  • Vitamina C
  • Vitamina E
  • Selenio
  • L-glutammina
  • Acido pantotenico
  • Fenilalanina
  • Ginkgo Biloba
  • Vinpocetina

Tra gli integratori c’è la Maca che aumenta l’energia, la resistenza fisica e la concentrazione.

Fiori di bach
Wild Rose è un rimedio da erboristeria indicato per i bimbi svogliati.
Quando la mancanza di concentrazion è provocata dalle distrazioni e da altri pensieri è indicato il clematis.


Dieta sana per la difficoltà di concentrazione

Tra le cure naturali, una dieta sana ed equilibrata è molto importante nel migliorare la concentrazione mentale.
Si dovrebbero diminuire alcuni cibi non sani come le bevande gassate, la caffeina, lo zucchero, l’alcool, la farina bianca e i cibi grassi e fritti.

Il pesce, le ostriche e gli altri frutti di mare sono ricchi di molte sostanze nutrienti e vitamine (vitamina B e zinco). Queste sostanze migliorano le abilità cognitive di una persona.
Le uova, le arachidi e la soia contengono la lecitina. La lecitina è alla base dell’enzima colina.
Questo enzima si sintetizza nell’acetilcolina, un neurotrasmettitore che aumenta aiuta la memoria.
I cibi più sani per migliorare la memoria sono la frutta, la verdura e le noci. Il boro è un minerale che migliora la memoria, la percezione e la capacità intellettuali. Il boro si trova in frutta e verdura.

Aumentare la concentrazione nell’infanzia e nell’adolescenza

Scrivere le informazioni che si vogliono ricordare delle attività post studio, tipo “lista di cose da fare quando si appoggiano i libri”. Riporre la lista e mantenere la concentrazione nello studio.
Lo studente si dovrebbe concentrare le stesse ore ogni giorno.
Pianificare le materie in modo regolare dovrebbe mantenere costante il “tempo di studio”.
Un’ora è un buon tempo per mantenere alto il livello di concentrazione.
Fare delle pause. Una pausa di 5/6 minuti ogni 60 minuti di studio rilassa il cervello. Dopo una sessione da 90 minuti, lo studente si deve prendere una pausa più lunga, almeno 10 minuti.
Definire gli obiettivi per la sessione (numero di problemi da risolvere, pagine da leggere, ecc.)
La concentrazione si trova meglio in una zona isolata da distrazioni come una libreria, uno studio o una stanza vuota.
Durante la lettura e lo studio è meglio evitare le seguenti distrazioni:

  • TV
  • Telefono
  • Persone nella stanza
  • Fidanzato/fidanzata
  • Altri libri che non riguardano la materia

Controllare di avere tutto il materiale necessario prima di iniziare.
Studiare dev’essere un’attività attiva; si devono prendere appunti, fare riassunti, elaborare i dati ed esaminare i fogli.
Lo studente deve dormire, mangiare bene e fare sport. In questo modo la mente è più vigile e ci sono meno probabilità di addormentarsi o sognare ad occhi aperti.

Consigli per i genitori dei bambini con difficoltà di concentrazione

Il ruolo dei genitori è essenziale per i bambini che frequentano le elementari. Questi bimbi hanno bisogno di capire come si studia e come si fanno i compiti. La società attuale è piena di distrazioni come giochi, internet, videogames, musica, tablet, ecc.
Con tanti stimoli, è difficile per un bambino trovare la concentrazione sui compiti a casa.

Tutti i genitori hanno trovato un modo per motivare i figli a fare i compiti.
Il bimbo perde la voglia di studiare e può avere problemi nel percorso di studi.

Ci sono alcune precauzioni per aumentare la concentrazione visiva del bambino.
I bambini dovrebbero rimanere concentrati non solo durante i compiti ma anche durante tutte le attività della giornata.
Pianificare insieme una ”tabella di marcia” dei compiti a casa.

Una cosa importante è l’eliminazione di tutte le distrazioni.
Però si può promettere di lasciare del tempo per giocare dopo aver finito i compiti. Si può ascoltare la musica perché è un buon modo per mantenere la concentrazione. La riproduzione di brani di musica classica o strumentale in sottofondo può essere efficace.

Una ricompensa può essere una buona strategia per motivare il bambino a concentrarsi sui compiti.
Si devono però evitare le ricompense materiali perché potrebbero essere vissute come un ricatto. Si può assicurare di trascorrere qualche ora insieme in una qualche attività scelta dal figlio.