Tricipite, Bicipite e Muscoli del Braccio

Coraco-brachiale 

Descrizione: questo muscolo forma una sporgenza arrotondata nella parte prossimale e mediale del braccio, e sta in profondità rispetto al muscolo bicipite brachiale

Origine: dall’apice del processo coracoideo, dove è unito al tendine del capo breve del bicipite brachiale

Inserzione: su un’impronta a metà del margine mediale della diafisi dell’omero 

Innervazione: è innervato dal nervo muscolocutaneo del plesso brachiale

Azioni: flette l’arto superiore in avanti, in particolare quando esso si trova in estensione, inoltre è coinvolto nei movimenti di abduzione, adduzione e rotazione del braccio

 


>Brachiale

Descrizione: è un muscolo che si trova dietro al bicipite brachiale, sopra l’omero e decorre verso l’ulna
Origine: dalla metà inferiore della faccia anteriore dell’omero, dalla tuberosità deltoidea (sotto l’inserzione del deltoide) fino ad arrivare all’articolazione del gomito

Inserzioni: i fasci convergono in un tendine che si inserisce alla tuberosità dell’ulna

Innervazione: è innervato dal nervo muscolocutaneo del plesso brachiale

Azione: il brachiale è un flessore dell’avambraccio, tanto con l’avambraccio in pronazione quanto in supinazione e che vi sia o no resistenza al movimento.

 


Descrizione: è un muscolo allungato posto nella metà superiore dell’avambraccio in posizione anatomica, superficiale

Origini:

  • Il capo omerale origina subito al di sopra dell’epicondilo mediale (epitroclea) dal tendine comune di origine dei muscoli flessori
  • Il capo ulnare, più piccolo, origina dalla superficie mediale del processo coronoideo dell’ulna

Inserzione: termina con un tendine che si inserisce ad una superficie rugosa verso la metà del corpo del radio, sulla sua faccia laterale

Nervo mediano,ulnare,pronatore rotondo,avambraccioPronatore rotondo

Innervazione: è innervato dal nervo mediano del plesso brachiale

Azione: il pronatore rotondo ruota il radio rispetto all’ulna, girando medialmente e indietro il palmo della mano, aiutando in quest’azione il pronatore quadrato, sebbene quest’ultimo sia coinvolto maggiormente nell’azione

 

Pronatore quadrato

Descrizione: è un muscolo quadrangolare che si trova davanti alla parte distale di radio e ulna

Origini: nasce dalla parte mediale della faccia anteriore del corpo dell’ulna, nella sua porzione più inferiore

Inserzione: le fibre decorrono di lato andandosi ad inserirsi sulla faccia anteriore del radio, nella sua porzione più laterale

Innervazione: dal ramo interosseo anteriore del nervo mediano del plesso brachiale

Azione: questo muscolo è il principale pronatore dell’avambraccio, la sua azione è rinforzata dal pronatore rotondo nella pronazione rapida ed energica

 

plesso brachiale

 

Supinatore 

Descrizione: occupa la parte superiore del piano profondo posteriore dei muscoli dell’avambraccio ed è un muscolo triangolare

Origini: consta di una parte prossimale e di una parte profonda che originano assieme con un’inserzione tendinea dell’epicondilo dell’omero e dalla parte prossimale dell’ulna

Inserzione: alla faccia laterale del radio, sul terzo prossimale del radio fino all’inserzione del pronatore rotondo

Innervazione: dal ramo profondo del nervo radiale del plesso brachiale

Azione: il supinatore ruota il radio in modo da volgere in avanti il palmo della mano

 

Tricipite

Descrizione: è un grosso muscolo che dalla scapola e dall’omero si porta all’olecrano dell’ulna, attraverso tre distinti capi che convergono tra loro in un tendine terminale comune

Origine:

  • Il capo lungo origina con un tendine appiattito dalla tuberosità sottoglenoidea della scapola ed è qui fuso con la capsula fibrosa dell’articolazione scapolo-omerale, andando poi a raggiungere l’omero passando tra il muscolo grande rotondo ed il muscolo piccolo rotondo
  • Il capo laterale origina con un tendine appiattito da una cresta stretta, lineare e obliqua della faccia posteriore del corpo dello omero, lungo il labbro superiore del solco del nervo radiale
  • Il capo mediale origina da un’ampia superficie posteriore del corpo dell’omero, al di sotto del solco del nervo radiale

Inserzioni: tutti i fasci dei tre capi del bicipite convergono in un tendine comune che comincia a metà del muscolo e si inserisce sulla superficie superiore dell’olecrano

Innervazione: è innervato dal nervo radiale del plesso brachiale, che innerva i tre capi con rami distinti

Azioni: il tricipite è il principale estensore dell’avambraccio sul braccio, ma partecipa anche ad altri movimenti meno importanti a livello del braccio

 

Bicipite brachiale

Descrizione: è un grosso muscolo fusiforme che fa parte del gruppo flessorio del braccio. È costituito da due ventri muscolari che originano ciascuno con un tendine proprio ma che poi si inseriscono su un tendine comune: capo lungo e capo breve

Origini:

  • Il capo breve origina da uno spesso tendine appiattito all’apice del processo coracoideo della scapola
  • Il capo lungo origina all’interno della capsula fibrosa dell’articolazione scapolo-omerale come un tendine lungo e stretto dalla tuberosità sovraglenoidea, rivestito quando entra nell’articolazione da membrana sinoviale

Inserzione: i due ventri muscolari terminano in un tendine appiattito che si inserisce sulla tuberosità radiale (del radio)

Innervazione: il muscolo bicipite brachiale è innervato dal nervo muscolo-cutaneo del plesso brachiale

Azioni: flette l’avambraccio sul braccio e vista la sua espansione sull’avambraccio, è un robusto supinatore utilizzato per movimenti rapidi e contro una resistenza