Dieta per il metabolismo lento

Qual è la dieta migliore per riattivare un metabolismo lento e dimagrire?
Stimolare il metabolismo basale è importante, ma la velocità con cui il corpo brucia le calorie dipende da diversi fattori.
Alcune persone hanno geneticamente un metabolismo veloce o alto, mentre altri riferiscono che è addormentato o bloccato (endomorfo). Una causa può essere un problema alla tiroide come l’ipotiroidismo.

Di solito gli uomini bruciano più calorie rispetto alle donne, anche mentre riposano per l’effetto dell’ormone testosterone.
Per la maggior parte delle persone, il metabolismo rallenta regolarmente dopo i 40 anni.
Ci sono diverse soluzioni per cambiare il metabolismo: modificando la dieta, lo stile di vita e con alcuni trucchi.
Non serve una dieta d’urto o ferrea stile hollywood.


Dieta per il metabolismo lento

Per la salute e il dimagrimento, la dieta vegana e vegetariana sono le più indicate, ma si consiglia di parlare con un dietista per evitare carenze nutrizionali.
Si consiglia di evitare la dieta metabolica americana e soprattutto la Dieta Dukan perché sono iperproteiche e provocano fastidiosi sintomi (vertigini, mal di testa, bocca amara, pancia gonfiastanchezza e stitichezza) e a lungo termine possono danneggiare gli organi interni.

 

15 Trucchi per aumentare il metabolismo con l’alimentazione

1. Aumentare il metabolismo bevendo acqua
Il corpo ha bisogno di acqua per bruciare le calorie.
In caso di disidratazione anche lieve, il metabolismo può rallentare.
Secondo uno studio, gli adulti che bevono otto o più bicchieri di acqua al giorno bruciano più calorie di quelli che ne bevono solo quattro.
Per essere sempre idratati, bisogna bere un bicchiere di acqua o di una bevanda non zuccherata prima di ogni pasto o spuntino.
Inoltre, si consiglia di fare uno spuntino a base di frutta fresca e verdura che sono naturalmente ricche d’acqua, invece dei salatini o delle patatine.

Bere acqua fredda per bruciare più grassi
Uno studio tedesco mostra che bere 6 bicchieri (l.5 L) di acqua fredda al giorno aumenta il metabolismo basale di circa 50 kcal al giorno. Il corpo consuma energia per scaldare l’acqua alla temperatura fredda.

 

2. Le bevande energetiche per il metabolismo lento
Alcuni ingredienti delle bevande energetiche possono far ripartire il metabolismo. La caffeina aumenta la quantità di energia utilizzata dal corpo.

La taurina (un amminoacido) accelera il metabolismo dei grassi e permette di bruciare più calorie. Queste bevande possono causare i seguenti problemi:

  1. Ipertensione
  2. Ansia
  3. Insonnia
  4. Agitazione.

Gli adolescenti non dovrebbero bere questi prodotti.

Si possono bere delle bevande energetiche per innalzare il metabolismo?
Alcuni ingredienti delle bevande energetiche possono aiutare a migliorare il metabolismo.
Esse sono piene di caffeina che aumenta la quantità di energia utilizzata dal corpo.
Alcune contengono anche la taurina, un amminoacido.
La taurina può accelerare il metabolismo e aiuta a bruciare i grassi.
Tuttavia, bere questo tipo di bevande per alcune persone può causare diversi problemi come la pressione alta, ansia e problemi di sonno.
L’American Academy of Pediatrics non le consiglia ai bambini e ai ragazzi.

Questo è un tipo di alimentazione che migliora il metabolismo, sazia il corpo e la mente, inoltre aiuta a imparare ad amare di nuovo il cibo.
Con questa dieta si perde il peso in eccesso e finalmente si sfatano diversi miti sul metabolismo.

Bere caffè o tè contro il metabolismo pigro
La caffeina è uno stimolante del sistema nervoso centrale, quindi aumenta il metabolismo dal 5 all’8% (circa da 98 a 174 kcalorie al giorno). Una tazza di tè può aumentare il metabolismo del 12%. Gli esperti sostengono che le catechine del tè causano un effetto antiossidante e metabolico.

 

3. Mito sul metabolismo lento
Se riuscissi a mangiare meno, potrei finalmente perdere peso.
“Mangiare meno per perdere peso” è la peggior leggenda sulle diete.
Quando si ignorano i segnali della fame, il corpo entra in una fase di fame estrema.
Esso inizia a produrre troppo ormone RT3 per il deposito del grasso, che manda un segnale per immagazzinare grasso anziché bruciarlo.
Dunque che cosa brucia il corpo per produrre energia? Inizia a bruciare la massa muscolare al posto del grasso.

“Tagliare” 100 calorie al giorno funziona!
Quando una dieta è molto aggressiva impone molte rinunce e l’organismo rallenta il metabolismo. Una dieta dimagrante efficace prevede di ridurre 100 Kcal al giorno, così si inganna il corpo e non si perde la massa magra.

Mangiare il giusto
Per perdere peso si devono ridurre le calorie. Tuttavia, mangiare troppo poco rallenta il metabolismo.
Quando si mangia meno di quanto è necessario per le quotidiane funzioni biologiche (circa 1.200 kcal per la maggior parte delle donne e 1.800 kcal per gli uomini), il corpo rallenta il metabolismo. Il tessuto muscolare brucia meno calorie. Si dovrebbero mangiare tre pasti da circa 430 calorie e due spuntini da 150 kcal.
Queste abitudini mantengono il metabolismo fast (veloce).

Fare colazione alla mattina per accelerare il metabolismo
Fare la colazione alla mattina attiva il metabolismo e dà energia al corpo per tutto il giorno.
Le donne che saltano questo pasto hanno il quadruplo delle probabilità di diventare obese o sovrappeso. Quando si vuole stare in forma si può mangiare la farina d’avena, latte di soia e un paio di noci.

 

4. Mangiare ogni 3 ore
Il metabolismo si accelera mangiando spesso. Si devono mangiare tre pasti al giorno più due spuntini sani. Non appena svegli si dovrebbe mangiare qualcosa per evitare di avere la fame nervosa a metà mattinata.
Per mantenere il metabolismo veloce rispettare questo schema:

Orario Pasto
6-8 colazione
10 merenda
12-14 pranzo
15-17 spuntino
18-20 cena

Non mangiare dopo 20
Non saltare gli snack. Gli studi mostrano che uno spuntino sulle 250 kcal accellera il metabolismo e favorisce la perdita di peso.

 

5. Mangiare zinco
Lo zinco riduce la fame aumentando il livello di leptina nel corpo. La leptina è un ormone che causa il senso di sazietà. Lo zinco si trova in carne e pesce, i vegani possono assumerlo con germe di grano e lenticchie.

 

6. La fibra alimentare
Uno studio mostra che alcune fibre bruciano il grasso corporeo. Gli esperti sostengono che le donne che mangiano molte fibre negli alimenti perdono più chili in meno tempo. Si consiglia di mangiare 25 g di fibra al giorno. Questa quantità si trova in circa tre porzioni ogni di frutta e verdura.

 

7. Mangiare cibi sani per velocizzare il metabolismo
Gli esperti hanno scoperto che i cibi con organoclorati (sostanze inquinanti, pesticidi, ecc) si immagazzinano nelle cellule adipose.
Ciò aumenta il peso corporeo e riduce il metabolismo.
Gli inquinanti provocano difficoltà a perdere peso perché le tossine interferiscono con la produzione di energia.

Mela,mele,frutta,dietaI pesticidi possono favorire l’aumento di peso.
Il cibo biologico ha meno pesticidi di quello trattato, in particolare le pesche, mele, peperoni, sedano, pesche, noci, fragole, ciliegie, lattuga, uva e pere sono alimenti più salutari per l’organismo.

 

8. Mangiare cibi ricchi di proteine
Il corpo ha bisogno di proteine per mantenere la massa muscolare. Mangiare 90g di lenticchie, 2 noci o 100g di prodotti di soia (germogli, tofu, seitan) a ogni pasto è il modo migliore per avere le proteine. Uno studio mostra che mangiare un pasto con il 35% di proteine per aumenta le calorie bruciate dopo il pranzo.

 

9. Mangiare alimenti ricchi di ferro
L’organismo usa il ferro per trasportare l’ossigeno ai muscoli. Fino alla menopausa, le donne perdono ferro ogni mese con le mestruazioni.
Quando non si reintegra, si rischia una riduzione del consumo energetico ed una riduzione del metabolismo.
Il ferro è presente nei seguenti alimenti:

  • Crostacei
  • Carni magre
  • Fagioli
  • Cereali
  • Spinaci.

 

10. Aumentare i livelli di vitamina D
Questa vitamina è essenziale per preservare il tessuto muscolare e stimolare il metabolismo.
Le statistiche mostrano che il 4% degli americani sopra i 50 anni assume abbastanza vitamina D attraverso il cibo.
Per avere il 90% del RDA (dose giornaliera raccomandata) si dovrebbe mangiare una porzione di 100g di salmone.

Altre fonti di vitamina D:

  • Tonno
  • Gamberi
  • Tofu
  • Cereali
  • Uova.

 

11. Evitare le bevande alcoliche
Quando si beve una bevanda alcolica si bruciano meno grassi e più lentamente del solito. Ciò accade perché l’alcol è utilizzato come “combustibile” invece del grasso e dello zucchero. Ed esempio, bere due Mpjito può diminuire il metabolismo fino al 73%.

 

12. Mangiare omega-3
Perché si deve mangiare un pesce ricco di omega-3 (salmone, aringa e tonno) per velocizzare il metabolismo?
Gli omega-3 hanno un effetto stabilizzante per gli zuccheri nel sangue e regolano il metabolismo. Essi possono ridurre la resistenza all’ormone leptina.
La leptina è detta anche ormone della sazietà perché è prodotto dalle cellule adipose e serve per regolare il metabolismo dato che riduce il senso della fame.

 

13. Bere tè verde
Il tè verde è conosciuto per le sue proprietà benefiche, in particolare per i polifenoli antiossidanti. Nuove ricerche mostrano un altro principio attivo: la catechina che può aumentare il metabolismo.

I ricercatori hanno eseguito una serie di studi sull’alimentazione e hanno scoperto che le persone che bevono tisane con il tè verde hanno perso più peso rispetto a chi non ha bevuto il tè.
Le catechine migliorano l’ossidazione della massa grassa e la termogenesi (la produzione di energia o calore dalla digestione).
Si consiglia di bere una tisana da 150 ml di tè verde al giorno.

 

14. Modifica della dieta per svegliare il metabolismo
Bisogna evitare i prodotti da forno industriali o il cibo spazzatura dei supermercati.
Le ricette più semplici sono le migliori perché le vitamine contenute nel cibo naturale e fresco si assimilano in quantità maggiori rispetto ai cibi trasformati, lavorati e cotti.
Si può fare una dieta un po’ più estrema scegliendo certi cibi in base alla fase.

 

15. Sbagliare i pasti rallenta il metabolismo
Mangiare bene vuol dire avere una dieta equilibrata e regolare con fibre, pane integrale, pasta frutta e verdura.
Gli studi dimostrano che alcune fibre possono accelerare il metabolismo del 30%.
Non serve un test per scegliere la dieta più adatta, la cosa più importante è seguire le teorie e i principi dell’alimentazione corretta. Per esempio nella dieta a zona bisogna mangiare una percentuale fissa di carboidrati, grassi e proteine ad ogni pasto.

 

Dieta del supermetabolismo

Il principio della dieta del super metabolismo
Molte persone seguono diete ipocaloriche che rallentano il metabolismo, costringono a fare molti sacrifici e non riducono il peso.
Questa nuova dieta può risolvere questi problemi.
In tutte le fasi si evitano gli alimenti che causano irritazione o infiammazione del tratto digerente, possono rallentare l’intestino e provocano l’insulino-resistenza.
Secondo questo programma a 3 fasi bisogna completare tutte e tre le fasi, ogni settimana per 4 settimane.
Ogni giorno bisogna fare tre pasti e due spuntini.
Quando si pensa che il proprio metabolismo abbia bisogno di una “spinta”, è possibile ripetere l’intera dieta di 28 giorni o anche solo una o due settimane.

  • Fase 1 (giorni 1 e 2) – Si mangiano cibi ad alto indice glicemico, con un contenuto moderato di proteine e basso di grassi.
    Grassi e proteine sono più difficili da digerire rispetto ai carboidrati come cereali e frutta quindi bisogna mantenere questi ad un livello più basso.
    Mangiare frutta e verdura in particolare ananas e mango. Si devono mangiare molte verdure contenenti cellulosa (stimola il metabolismo):

    • Cetrioli
    • Ravanelli
    • Rape
    • Sedano.
  • Fase 2 (giorni 3 e 4) – cibi ad alta percentuale proteica, molta verdura, pochi carboidrati complessi o grassi. Consente di utilizzare i grassi come combustibile e di rinforzare i muscoli.
    Insaporire i cibi con spezie ed erbe. Usare le spezie per condire insalate, pesce e carne. Il pepe di cayenna e il limone stimolano il pancreas e rendono le pietanze più appetitose.
  • Fase 3 (giorni 5, 6 e 7) cibi ad alto contenuto di grassi sani, pochi carboidrati e proteine, poca frutta e con basso indice glicemico.
    Evitare di mangiare carboidrati e grassi dopo cena. Non si ottengono buoni risultati quando si mangia male a cena. Si dovrebbero mangiare verdure e grassi “buoni” (come gli omega tre presenti nel pesce, noci e olio d’oliva).

Evitare assolutamente il frumento, mais, latte e latticini, soia, zucchero, caffeina, alcool, frutta disidratata o succhi di frutta, dolcificanti artificiali, alimenti “dietetici” senza grassi.
Il principio è confondere il corpo, per questo la dieta prevede un cambiamento importante delle percentuali di grassi, carboidrati e proteine ogni pochi giorni.

Bisogna effettuare attività fisica (sport come il pilates, la palestra o la corsa) 3 volte a settimana.
Per perdere più peso bisogna mangiare delle porzioni più grandi.
In generale le opinioni delle persone che seguono questa dieta sono buone, ma è difficile da seguire perché bisogna eliminare caffè, alcolici, pizza, pane e i prodotti con la soia e il mais.

Quando si perde peso velocemente (come succede a molte persone nella prima fase) il tessuto adiposo rilascia un numero enorme di tossine solubili. In questa fase bisogna mangiare tante verdure.

Esempio di menù settimanale giorno per giorno per il metabolismo lento

Il primo passo per riavviare il metabolismo è dargli ciò di cui ha bisogno per uscire dalla modalità di emergenza: cereali integrali e zucchero naturale sotto forma di frutta. I frutti dolci e i carboidrati sani nella fase 1 stimolano le endorfine del cervello e danno al corpo sostanze nutritive facilmente digeribili.
Si possono mangiare con moderazione anche un po’ di proteine magre.
La prima fase aiuta il corpo a non essere più in una situazione di emergenza, incoraggia a digerire il cibo che si sta mangiando e a usare le sostanze nutritive per produrre energia piuttosto che immagazzinarle come grasso.

Menù del primo o secondo giorno
– Colazione: 170g di yogurt greco senza grassi, 1 tazza di mirtilli, 1 tazza di fragole a pezzi, 2 cucchiai di semi di lino (300 calorie)
– Pranzo: un panino stile-deli con insalata di tonno, 16 carote (350 calorie)
– Spuntino: 28g di pistacchi (160 calorie)
– Cena: 56g circa di pasta integrale, 85g di piselli, 1 tazza di broccoli, 1 cucchiaio di olio di oliva, 1 cucchiaio di zenzero grattugiato, un cucchiaio di semi di sesamo (500 calorie)
– Dessert: 1/2 tazza di gelato alla vaniglia senza latte (200 calorie)

Panino stile-Deli con insalata di tonno
Tempo di preparazione: 15 minuti
Per 2 porzioni:
1/2 cucchiaino di pepe appena macinato
1/2 cipolla rossa piccola tritata finemente
1 gambo di sedano tritato finemente
un pizzico di aneto
2 cucchiai di prezzemolo fresco tritato
una busta di 170g di tonno leggero a pezzi
2 fette di pane integrale
Unire tutti gli ingredienti tra le due fette di pane
Per porzione: calorie 310; grassi 7.2g ; Grassi saturi 0,8 g; Colesterolo 49mg; Sodio 375mg; Carboidrati 36g; Fibre dietetiche 6.2 g; proteine 28g.

Menù del quarto e quinto giorno
– Colazione: Frullato energizzante di agrumi e zenzero (300 calorie)
– Pranzo: Pollo e verdure miste (peperone rosso, funghi, carote) saltati in padella (1-1/2 tazze) con 1 tazza di riso integrale, con contorno di insalata condita con 1 cucchiaio di vinaigrette (500 calorie)
– Spuntino: un arancia, 28g di cioccolato fondente (180 calorie)
– Cena: Tacos con filetto di manzo e Guacamole (620 calorie)

Menù del quinto, sesto o settimo giorno
– Colazione: 2 uova strapazzate rinforzate con omega-3, 2 fette di pane integrale, 30 grammi di semi di sesamo (500 calorie).
– Pranzo: Insalata messicana vegetariana fatta con 2 tazze di ortaggi a foglia verde, ½ tazza di pomodoro a fette, ½ tazza di fagioli neri, 28g di formaggio parzialmente scremato, 28g di avocado, ½ tazza di riso integrale, 1 cucchiaio di olio di oliva (470 calorie)
– Spuntino: 2 cracker grandi con 1 cucchiaio di burro di arachidi (250 calorie)
– Cena: 110g circa di salmone grigliato con pepe di cayenna, patate dolci di piccole dimensioni al forno, 12 asparagi alla griglia (300 calorie)
– Dessert: 1 tazza di pistacchi (100 calorie)

Zenzero,metabolismo,dieta,proprietà
Zenzero

Ricetta del frullato energizzante di agrumi e zenzero
Tempo di preparazione: 5 minuti
Per 5 porzioni:
1-1/2 tazze di yogurt greco magro
2 cm di zenzero fresco pelato
1/2 tazza di pezzi di arancia fresca
1/2 tazza di pezzi di ananas fresco
1/2 tazza di succo d’arancia
1/2 tazza di ghiaccio
1. mettere gli ingredienti nel frullatore e frullare fino ad ottenere un composto liscio.
Per porzione: calorie 300; Grassi 5g; Grassi saturi 3g; Colesterolo 10mg; Sodio 70mg; Carboidrati 45g; Fibra dietetica 4g; Proteine 20g per circa 400g di frullato.

Ricetta di Tacos con controfiletto e guacamole
Tempo di preparazione: 20 minuti
Tempo di cottura: 15 minuti
Porzioni: 5
1/4 tazza di succo di lime fresco (circa 2 lime)
2 cucchiai di olio d’oliva
1/2 cucchiaio di peperoncino in polvere
1/2 cucchiaio di pepe nero
450g circa di bistecca di manzo magra
10 tortillas integrali
1-1/2 avocado maturi
1/2 cipolla rossa piccola tagliata a dadini
1/4 di tazza di pomodori tagliati a dadini
1/2 tazza di peperone verde o rosso tagliati a dadini
1/4 di tazza di coriandolo fresco tritato
1 cucchiaio succo di lime fresco

1. Unire ½ tazza di succo di lime, l’olio di oliva, il peperoncino in polvere e il pepe nero in una ciotola. Bagnare il controfiletto con questo composto e metterlo in padella.
2. Cuocere il controfiletto a fiamma alta per circa 5 minuti su ogni lato. Tagliarlo a fette di circa 2,5 cm.
3. Unire in una ciotola l’avocado e tutti gli altri ingredienti per fare la salsa guacamole. Schiacciare con una forchetta finché non sono ben combinati.
4. Grigliare le tortillas per circa 30 secondi su ogni lato.
5. Distribuire uniformemente il controfiletto e la salsa guacamole tra le tortillas.

Per porzione (2 tortilla): 620 calorie; Grassi 25g; Grassi saturi 4g; Colesterolo 81mg; Sodio 400mg; Carboidrati 60g; Fibra dietetica 13g; Proteine 39g.