Dieta crudista

La dieta crudista è composta solo da cibi che non sono cotti oltre i 48/50°.

Questo tipo di alimentazione consiste principalmente in frutta, verdura, noci, semi, germogli, succhi di frutta freschi senza zucchero.

Le persone che seguono questo tipo di dieta sostengono che i cibi cotti oltre questa temperatura perdono gli enzimi necessari per la digestione e anche importanti vitamine e minerali.

La cottura ad alte temperature aumenta l’acidità degli alimenti che è una delle principali cause di malattie.

Dieta crudista
Dieta crudista

Alcuni crudisti ritengono che la cottura trasforma il cibo in sostanze tossiche, mentre l’alimentazione con cibi crudi è ricca di antiossidanti e povera di grassi saturi e trans.
Essi sostengono che la dieta crudista serve per guarire dal mal di testa, l’allergia, l’acne, l’artrite, il reflusso gastroesofageo, il diabete e tante altre malattie di stomaco, intestino, occhi, polmoni, ecc..
La dieta crudista è disintossicante perché non comprende cibi fritti e trasformati, inoltre rafforza il sistema immunitario e migliora la memoria.
Dato che la dieta crudista è alcalina e non tossica, ha delle proprietà anticancro (cioè previene e combatte la formazione di tumori), infatti è consigliata da molti oncologi (medici che si occupano di tumore e cancro).

I sostenitori della dieta crudista hanno osservato che nessun animale cuoce il cibo, inoltre gli animali con il DNA più simile al nostro (il gorilla) sono quasi completamente erbivori, infatti si nutrono principalmente di alimenti vegetali (frutta, verdura e semi) e in minima parte di insetti.
Dato che siamo molto simili a questo animale, l’alimentazione più adatta per noi sarebbe quella crudista.

Tra le varianti di questo tipo di alimentazione ci sono:

  1. La dieta fruttariana in cui si può mangiare solo frutta fresca o secca,
  2. L’alimentazione igienista (o senza muco) che sostiene la dieta vegana e crudista con centrifugati e senza integratori alimentari. Questa dieta prevede anche il digiuno di alcuni giorni in certi casi per disintossicarsi.

 

Effetti della cottura

La cottura degli alimenti ad alte temperature (soprattutto la carne) produce acrilamide e altre sostanze chimiche che contribuiscono all’infiammazione e cancro come afferma la FDA (food and drug administration) negli USA.
Questa sostanza si forma soprattutto se il cibo è fritto, arrosto o al forno.
L’acrilammide causa il cancro negli animali, negli studi dove gli animali sono stati esposti all’acrilammide a dosi molto elevate. Nel 2010, il comune cibo e agricolturaorganizzazione/mondo salute organizzazione comitato di esperti sugli additivialimentari (JECFA) ha concluso che l’acrilammide è una preoccupazione di saluteumana e suggeriti ulteriori studi a lungo termine.

 

La dieta crudista funziona?

Seguendo questa dieta è molto probabile perdere peso perché molti alimenti crudi sono a basso contenuto di calorie, grassi e sodio e ad alto contenuto di fibre. Uno studio ha mostrato che una dieta a base di cibi crudi è adatta per perdere peso.
Si possono anche ottenere dei vantaggi nutrizionali. La maggior parte di ciò che si mangia è ad alto contenuto di vitamine, minerali, fibre e sostanze fitochimiche. È vero che la cottura elimina le vitamine B e C. Mangiare molta frutta e verdura fa bene.
I risultati sono abbastanza rapidi, nei primi giorni si può assistere ad un miglioramento della digestione e al dimagrimento.

 

Dieta crudista personalizzata

Il miglior programma alimentare è un programma di dieta personalizzata.
Se una persona soffre di diabete, cancro o candida non dovrebbe mangiare molti frutti ricchi di zuccheri o amidi ed è meglio evitare i grassi animali.
Bisogna controllare che i livelli di proteine, ferro, calcio e altre vitamine e minerali come la B12 nella dieta giornaliera siano sufficienti.
Dato che la maggior parte delle persone che mangiano i cibi crudi eliminano i prodotti di origine animale dalla loro dieta, potrebbe essere necessario prendere degli integratori vitaminici per compensare eventuali mancanze.

 

Pro e contro della dieta crudista

Alimentazione equilibrata e bilanciata
La dieta crudista comprende molta frutta e verdura, le proteine necessarie si trovano nelle noci e nei semi.
Le verdure a foglia verde sono ricche di ferro e calcio, mentre diversi alimenti sono ricchi di vitamine e minerali nonché di carboidrati.
Prodotti come l’avocado, gli oli, la frutta secca e i semi danno i grassi necessari.
Gli sportivi che praticano bodybuilding sono spesso preoccupati perché pensano di mangiare poche proteine per costruire un corpo muscoloso, in realtà con la dieta crudista possono aumentare la massa muscolare magra e ridurre il grasso in eccesso.

 

La dieta crudista è dimagrante?

Tra i benefici, la perdita di peso è quasi certa con questa dieta.
Il cibo crudo è ricco d’acqua, fibre e nutrimento, in questo modo non si sente la fame rapidamente. In realtà, è difficile non perdere peso.
Inoltre, seguendo una dieta crudista si mangiano più alimenti alcalini che sono utili per dimagrire.
La dieta a zona favorisce il dimagrimento, ma prevede che il 30% del pasto sia composto da proteine.
Una persona che segue una dieta crudista non può arrivare a questa percentuale di proteine, quindi la dieta a zona non è compatibile.

Dieta vegana
Questo tipo di alimentazione è una variante della dieta vegetariana in cui non si mangiano le proteine animali, quindi niente latte, latticini e uova.
Anche se una persona è vegana, non si deve preoccupare delle proteine perché le verdure, le noci e i semi ne hanno in abbondanza.

 

La dieta crudista fa male? Controindicazioni ed effetti collaterali

Secondo alcuni nutrizionisti, una dieta di cibi crudi è meglio di una dieta sana ed equilibrata che comprende cibi cotti.
Molti dei presunti benefici non sono sostenuti dalla ricerca.
I crudisti sostengono che la cottura dei cibi distrugge gli enzimi vitali dei vegetali che servono per le reazioni biochimiche del corpo.
Tuttavia, la digestione (masticazione, acidità di stomaco, ecc) degrada molti di questi enzimi indipendentemente dalla cottura.
Infatti, alcuni nutrienti (come il licopene nei pomodori e gli antiossidanti nei carotenoidi) contenuti nelle carote, spinaci, patate dolci e peperoni sono più utilizzabili quando il cibo è cotto.

Una dieta di cibi crudi può essere povera di nutrienti essenziali come calcio, ferro, vitamina B12, vitamina D e acidi grassi omega-3.
Alcuni crudisti hanno una massa ossea scarsa per la mancanza di calcio o vitamina D, che può causare l’osteoporosi e aumenta il rischio di fratture (anche se alcuni ricercatori sostengono che il problema reale è la magrezza).

La transizione (passaggio) dalla dieta onnivora a quella crudista può causare un ritardo delle mestruazioni, ma dopo 1-2 mesi il ciclo dovrebbe ritornare regolare.

In gravidanza è fondamentale la consulenza di un nutrizionista prima di iniziare la dieta crudista per evitare delle carenze di sostanze nutritive che possono danneggiare il bambino.

 

Nutrienti dei cibi crudi

Il crudista da dove riceve le proteine, i carboidrati e i grassi e quanto bisogna mangiarne?
Schema con gli alimenti crudi ricchi di queste importanti sostanze nutritive.

 

Carboidrati Le principali fonti di carboidrati sono la frutta, le carote (amido) e i cereali.
Proteine La frutta secca (le mandorle sono le migliori), i semi, i cereali e gli ortaggi a foglia verde sono gli alimenti più ricchi di proteine. Si consigliano anche i semi di canapa come ottima fonte di proteine. Aspettare per far germogliare i semi e le noci, altrimenti è improbabile assorbire le proteine di questi cibi.
Come si fa a far germogliare i semi e la frutta secca? Appena prima di andare a letto, mettere i semi o la frutta secca in una tazza e aggiungere dell’acqua purificata. La mattina dopo sono pronti da mangiare. (I semi di canapa sono i soli semi che non devono germogliare).
Grassi Le principali fonti di grassi sono ancora le noci e i semi, oltre al burro di avocado.
Latticini: Qualsiasi latticino pastorizzato ha effetti dannosi a lungo termine per la salute e per il sistema digestivo.
Se i latticini sono presenti nella dieta, dovrebbero essere crudi. I bambini che semplicemente si rifiutano di mangiare delle sane porzioni di verdura a foglia verde, possono mangiare latticini crudi ricchi di calcio.
Il latte di soia è un’ottima alternativa al latte scaldato. Ha un alto contenuto di grassi e può essere aggiunto anche al té o al caffè.

 

Che cosa si può e cosa non si può mangiare

Bisogna pensare a tutti gli alimenti crudi, non trasformati e per lo più organici.
Gli alimenti di base: frutta cruda, verdure, noci, semi e cereali germogliati.
Alcuni crudisti mangiano anche latticini non pastorizzati, uova crude, carne e pesce.
Il cibo può essere freddo o tiepido.
Per preparare gli alimenti è possibile utilizzare dei frullatori, tritatutto ed essicatori.

La dieta crudista si può adattare per le persone che soffrono di celiachia?
La maggior parte dei cibi crudi, tra cui frutta, verdura, noci e semi, sono naturalmente privi di glutine.

 

Dieta crudistaCosa mangiare? Esempio di dieta crudista

Menù settimanale di una dieta crudista per la primavera e l’estate

Giorno 1:
Lunedì mattina: 1,4 kg di anguria.
Pomeriggio: 2 manghi. 1 avocado. 3 gambi di sedano.
Spuntino: 2 manghi.
Sera: Un cespo grande di lattuga, cetriolo, pomodoro e insalata di cipolla verde con una manciata di semi di girasole crudi, due avocado e succo di limone.

Giorno 2:
Martedì mattina: un melone grande. Il latte di 2 noci di cocco.
Pomeriggio: 4 arance. Una piccola insalata di verdure a foglia verde (con almeno 3 gambi di sedano) con 10-20 noci e limone spremuto fresco.
Spuntino: 2 arance.
Sera: un’insalata grande con 80% di verdure a foglia verde, 2 avocado e il succo di un’arancia spremuta come condimento. 1 litro di brodo di verdure appena fatto con almeno il 60% di ortaggi verdi, 40% di altre verdure o frutta (come mela, cetriolo, patata dolce, ecc.).

Giorno 3:
Mercoledì mattina: 2-3 mele. 10-20 noci con la lattuga.
Pomeriggio: Insalata mista di cetriolo, pomodoro e zucchine. Usare il succo di un’arancia spremuta come condimento.
Spuntino: 2 mele. Verdure assortite (cavolo verde, lattuga, indivia).
Sera: un’insalata grande con 80% di verdure a foglia verde tra cui il cavolo o gli spinaci insieme a 20-30 noci di macadamia e il succo di un’arancia spremuta come condimento.

Giorno 4:
Giovedì mattina: 1/2 litro di succo di pompelmo appena fatto.
Pomeriggio: 2 ciotole di frutti di bosco (fragole, mirtilli, ecc.). Una picclao insalata di lattuga con un cetriolo, 1 avocado.
Spuntino: 2 manghi.
Sera: un’insalata grande con 80% di verdure a foglia verde, 20-30 mandorle e il succo di un’arancia spremuta come condimento. Aggiungere diverse porzioni di alghe dulse crude all’insalata.

Giorno 5:
Venerdì mattina: 3-4 arance (mangiare anche la parte bianca!). 10-20 noci macadamia con lattuga.
Pomeriggio: Insalata mista di cetriolo, pomodoro, gombo e zucchine. Aggiungere olio extra vergine d’oliva di alta qualità come condimento.
Spuntino: 2 arance. Verdure varie (spinaci, cavolo cinese, indivia).
Sera: Insalata grande con 80% di verdure a foglia verde, 2 avocado e il succo di un’arancia spremuta come condimento. 1 litro di brodo vegetale appena fatto con almeno il 60% di ortaggi verdi, 40% di altre verdure o frutti (pera, zucchine, asparagi, ecc.).

Giorno 6:
Sabato mattina: 30-40 frutti di bosco (fragola, mirtillo, ecc.) con della lattuga o con 1 avocado.
Pomeriggio: 1 melone di cantalupo. 1 litro di brodo di verdura appena fatto con almeno il 50% di ortaggi verdi, 50% di mele o pere.
Spuntino: 1 manciata di semi di girasole.
Sera: un’insalata grande con l’80% di verdure a foglia verde tra cui 3 gambi di sedano, 2 avocado e olio extra vergine di alta qualità spremuto a freddo come condimento. Aggiungere all’insalata diverse porzioni di alghe dulse crude e aglio crudo grattugiato.

Giorno 7:
Domenica mattina: niente colazione.
Pomeriggio: latte di 2 noci di cocco. 1 litro di brodo vegetale appena fatto con almeno il 60% di ortaggi verdi, 40% di altre verdure o frutta (come pera asiatica, broccolo, cavolfiore, ecc.).
Spuntino: 2 mele. 2 gambi di sedano.
Sera: un’insalata grande con l’80% di ortaggi a foglia verde, 1 avocado, alghe dulse e un arancio; il tutto mescolato con tahini crudo come condimento.

 

Menù settimanale di una dieta crudista per l’autunno e l’inverno

Giorno 1:
Lunedì mattina: 2 noci di cocco fresche, con polpa di cocco e latte mescolati insieme a formare una crema. Se non è possibile trovare delle noci fresche, unire 2 avocado con latte di un cocco maturo.
Pomeriggio: 5 arance, 2 avocado e foglie di spinaci.
Spuntino: 3 arance.
Sera: Una grande insalata di spinaci con cetriolo, pomodoro e insalata di cipolla verde con 1 avocado e succo di limone appena spremuto.

Giorno 2:
Martedì mattina: una papaia grande, mangiata da sola o mescolata al succo di un’arancia o limone.
Pomeriggio: 4 arance. Una piccola insalata di ortaggi a foglia verde (con cavolo o spinaci) con 10-20 mandorle e succo di limone appena spremuto.
Spuntino: 2 arance.
Sera: un’insalata grande con 80% di verdure a foglia verde 80%, 2 avocado, pepe di cayenna e il succo di un’arancia spremuta come condimento. 1 litro di brodo di verdure appena fatto con almeno il 60% di ortaggi verdi, 40% di altre verdure o frutta (come zucca, peperoni, gombo, ecc.).

Giorno 3:
Mercoledì mattina: 1 litro di succo d’arancia fresco appena fatto unito a 1/2 avocado o 3 cucchiaini di olio di semi di lino.
Pomeriggio: Cetriolo, insalata mista di lattuga. Usare il succo di un’arancia spremuta come condimento.
Spuntino: 2 cachi. Vari ortaggi a foglia verde (lattuga, spinaci, indivia).
Sera: un’insalata grande con 80% di verdure a foglia verde con 1-2 tazze di noci crude e il succo di un’arancia spremuta come condimento. Aggiungere diverse porzioni di alghe dulse crude all’insalata. Aggiungere 30-40 olive maturate al sole (se disponibili).

Uva,frutta,dieta vegana,crudistaGiorno 4:
Giovedì mattina: 2 melograni grandi e 3 arance tagliate e spremute con uno spremiagrumi. Mescolare con 0,015 litri di olio di semi di lino.
Pomeriggio: 8 prugne secche. Insalata di verdure
Spuntino: 2 pere asiatiche. Vari ortaggi verdi (cavolo, spinaci, cavolo cinese).
Sera: Riso, avocado, cetriolo.

Giorno 5:
Venerdì mattina: 8 mandarini, 1 avocado.
Pomeriggio: insalata mista con cetriolo, gombo, zucchine, cipolla. Aggiungere olio extravergine d’oliva di alta qualità spremuto a freddo come condimento
Spuntino: 2 mandarini. 1 pompelmo.
Sera: Un’insalata grande con l’80% di verdure a foglia verde, 2 avocado e il succo di un’arancia spremuta come condimento. 1 litro di brodo di verdure con almeno il 60% di ortaggi verdi (tra cui 3 gambi di sedano), 40% di altre verdure o frutta (asparagi, mela, cetriolo, ecc.).

Giorno 6:
Sabato mattina: 1 papaya mescolata con la lattuga o con 1 avocado.
Pomeriggio: 1 tazza (0,25 litri) di succo di erba di grano mescolato o spremuto con 3-4 mele o 1 litro di brodo di verdure appena preparato con almeno il 50% di sedano e il 50% mele o pere.
Spuntino: 2 mele. 10 mandorle.
Sera: un’insalata grande con 80% di verdure a foglia verde (tra cui il cavolo o gli spinaci), 2 avocado e olio extravergine d’oliva di alta qualità spremuto a freddo come condimento. Aggiungere 8 olive snocciolate all’insalata per dare gusto.

Giorno 7:
Domenica mattina: niente colazione.
Pomeriggio: 1 litro di brodo vegetale appena fatto con almeno il 60% di ortaggi verdi (tra cui 3 gambi di sedano), 40% di altre verdure o frutta (come patata messicana, zucca, ecc.).
Spuntino: 2 pere, 1 zucchina.
Sera: un’insalata grande con 80% di verdure a foglia verde, 3 avocado e il succo di un limone spremuto come condimento.